CARLO DOSSI


NOTE AZZURRE


Dietroscena dei miei libri




Parte prima


Selva - di pensieri miei

e d'altrui

In seme

- in fiore

- in frutto

Lazzaretto dove il D. tiene in quarantena i propri e i pensieri altrui

Cervello di carta, aperto in sussidio

Dell'altro già zeppo

Granai di riserva per le probabili carestie



1. Vi ha risposte che sono insieme una domanda - ottime a protrarre un discorso. E io invece, nelle mie risposte, pongo sempre punti; mai virgole né punti e virgola -.


3. strigosus (Gellius) = magro, il nostro milanese «striaa» da strix, strige (strega) vampiro succhiasangue.


5. Per la Satira a Roma. V. Gellio - notti attiche (L. IV cap. V.) - (Lib. XV.IV).


6. Antichi dii Romani - v. Gellio (C. v. - C. XII).


7. Aurum in Gallia effutisti (Svetonio) - scialaquasti, il nostro mil. te mandaa a fass fôtt. - 8. stroppus - (in Gellio) benda del sacerdote - il milanese stroppai.


9. In Gellio si trova degnissimo di memoria - nel Libro II il cap. XXIX - nel IV il cap. XVIII - nel V il c. X - nel X i capit. I. VI. - nel XII. il c. VI.- nel XIII, il c. IV. V. - nel XV, il XIX, nel XVI il c. XI - nel XVIII, il c.IV - nel XVII, il c. XII.


12. affatim nel senso antiquato è il nostro affatto.


14. Degno di nota come la più parte dei filosofi, essendo in fondo del medesimo parere sul bene e sul male, non s'accordassero mai per l'incertezza del significato delle parole da essi usato.


16. E' un lavoro che dimostra molta memoria - si può dire di lavoro ch'è rifrittura di altri.


17. O gente che scrivete per non esser capita, non sarebbe assai meglio taceste!


18. Vive moribus praeteritis: loquere verbis praesentibus - Questa è per me.


19. blaterare (lat.) - vedi id. in it. - Erchomai = kommen. - Theios = zio - Pinna = Zinne, pinacolo.


21. Se oggidì si scrivesse secondo la stretta etimologia oppure si leggesse, nessuno capirebbe più nulla; tanto le parole si dipartirono dal loro primo razionale significato.


22. solarium = solajo, la parte più alta della casa, perchè anticamente - in cima alla casa, si costruivano terrazze per i bagni di sole.


24. Utilissime nelle lingue sono le parole che esprimono idee generali; che non sviano quindi nelle descrizioni la fantasia del lettore - com'è p. es. di obices, cose che si oppongono.


27. I cavalieri del Casino dei nobili di Milano invitavano una volta all'anno ad una festa da ballo i loro agenti, ingegneri ecc. colle relative donne - ma si guardavano bene dal ballar loro insieme. - Le loro dame poi (le quali venivano a sedersi tutt'intorno adocchiando coll'occhialetto i ballerini) dicevano «di andare a veder ballare gli òmini».


29. to usher = introdurre, annunciare - uscio, usciere - to tack = attaccare, taccaa.


30. A Pavia manca il brougham N. 13 - negli stabilimenti idroterapici e alcuna volta negli alberghi manca la stanza n. 13 - Come se togliendo il ricordo di lei, si togliesse la morte!


32. inonesta moneta = carta moneta - E noi la pretendiamo a civiltà col corso forzoso!


34. Se l'acqua si vendesse a bottiglie come parrebbe buona! (Gorini).


36. La iniquità di imporre il nome di «Zanata, Colombo, Esposito» ai trovatelli.


37. mischmasch - mizmaze (ingl.) - mis masc, milanese.


38. chaplet (ingl.) = guirlande - sul sacro fonte - del mio battesmo piglierò il cappello (Dante) - laurea poetica.


39. stang (ingl.) = pertica - stang = debole, stanco.


40. Dei plagi innocenti. Si dimanda, se dato uno stesso soggetto da trattare a due uomini di pari ingegno - lo debbano, per trattarlo superlativamente, trattare nella stessa maniera.


41. Una corte alta e stretta. In un abbaino abita un affamato - a terreno, una trattoria. Tutto il giorno c'è il piccolo che grida: Tagliarini al burro, bove alla Fiorentina, stufato alla Russa, ecc.


42. Ho letto, non so dove, che per comprendere bene Vico italiano bisogna leggerlo nel francese di Michelet.


44. La compagnia dramatica a Merate. Poveri diavoli! hanno i piedi fuori delle scarpe, e le budella che latrano; eppure recitano sempre comedie in cui si parla di milioni di scudi, di castelli, di latifondi, di banchetti, di gemme... d'indigestioni!


45. ...fight for a plot - Whereon is no tomb enough and continent - to hide the slain (Shakespeare, Hamlet, 1028) - Si contendean la povertà di un poggio - Non bastevole pure a seppellirli (Aleardi, un'ora della mia giovinezza).


46. Di tempo in tempo si parla di chi ha rimesso filosofia sulle vere sue basi, liberandola dal gergo scolastico ecc.


47. Cani e gatti ecc. Il cane del S.r Brambilla dato in impresto a un cattivo cacciatore. Questi fallisce un tiro. Il cane gli volta la coda e se ne torna a casa - Il Kin, pincino di Zelbi, che guardava il quadrante dell'orologio circa l'ora in cui Perelli, amico di Zelbi - usava venire. - Dei cani morti di crepacuore per le carezze fatte dal padrone ad altro cane, o a bimbi - A una gatta erano stati gettati nel cesso i micini: le si pose sotto un cagnolo cui era morta la madre, ed essa lo allattò. - Il cane del ricco e il cane del povero, questi (un barbone) con una sportola in bocca, dimanda timidamente la carità; quello (un levriere) fiero, colla testa alta, e la coperta blasonata - Ira dei cani dei ricchi contro la gente malvestita - Il gatto di nonno Quinterio, che, dalla finestra, stava guardando in istrada se il padrone veniva. Il nonno usava comperargli tutti i giorni un biscottino. Un dì il povero gatto cadde dal tetto; lo si bendò e lo si pose nella sua cuccia che stava in solajo. Ed egli dopo qualch'ora scese tutto bendato e andò a leccare la mano al padrone in segno di riconoscenza. - Come non sia vero che il gatto ami la sola casa. Certo che il carattere del gatto è più indipendente, è più nobile di quello del cane: egli ama rimanere in un luogo, perchè vi ha già fatto le sue relazioni coi gatti circonvicini ecc. - Del topo che mangiava la penna d'oca di Gorini, mentre questi, studente a Pavia, scriveva nel silenzio della sua cameruccia. - Gorini scrisse un opuscolo ancora inedito (1875) sui cani, gatti, passeri ecc.


48. Il conte Carena avea usato di alcuni preparati di Mercurio. A un tratto s'imaginò di essersene immagazinato nel corpo una gran quantità. Tripilla sempre. Cerca ogni modo per farsi estrarre il mercurio ch'egli crede di contenere - vuol bagni di elettricità - piglia joduro. E da dodici anni è perseguitato da una simile imaginazione.


49. (dupl.) Molte parole a forza di non esprimere nulla - come ineffabile, indicibile ecc. - finirono a voler dire qualche cosa. Viceversa, altre, che significavano molto - per il troppo uso perdettero ogni valore. E così fu di molti vizi e di molte virtù.


55. Di due che combinavano fra loro i giochi di parole, poi andavano a produrli nei caffè ecc.


59. La servitù nasce e vive dalla comune viltà. Tutte le declamazioni contro gli abusi della tirannide sono meno efficaci che il dire ai servi: contatevi.


60. La più bell'opera dell'Arrighi fu il Dossi.


61. Tale applicò 4 usci alle quattro pareti dell'unica sua camera, perchè altri credesse ch'egli abitava un appartamento.


62. Il miglior incenso a Dio è il fumo delle officine.


63. La terra produce i suoi frutti a date epoche, e così l'animo.


64. Un principe Belgiojoso, cieco, non volea confessare questo suo difetto, anzi cercava d'illuder sè stesso di non averlo. E però aveva dato ordine a un suo servo, quando qualche signora gli veniva a far visita, di correrle incontro, e poi di correre tosto da lui a descrivergli l'abito, l'acconciatura ecc. di detta signora. Alla quale entrando, egli p. es. dicea ...Oh marchesa, che bella toilette... quel rosso vi stà a meraviglia ecc.


65. Montaigne fu il precursore di Voltaire.


66. Gérome riuscì a trattare «la crocefissione» tema stanchissimo, ancora originalmente, con una trovata artistica, cioè non trattandolo. E difatti delle croci non si vedono nel quadro suo che le tre ombre portate. Tuttavia colpisce. Ben si dice di quelli che per pretenderla a originalità nella musica tralasciano la cabaletta, «è sempre più facile a non farne che a farne» - Ma quì non mi pare il caso di ripetere questo giudizio - perchè se Gérome se la cavò non facendo, nondimeno giunge a suscitare negli spettatori la sensazione terribile del fatto meglio ancora che se lo avesse dipinto davvero, con un sublime sottinteso. Resta però sempre - a parte il valore della idea - un infelice quadro dal lato pittura.


67. «Dio! che levada de sol che sa de moccusc!» - si può dire di certe descrizioni dell'alba che sentono troppa la fatica, oppure di certe in cui il sole è descritto come se fosse una lampada.


68. Il pensiero è fisico - e però è migliorabile colla selezione. Il bimbo dell'oggi si può dire che nasce con idee già meditate dai padri suoi. Il bimbo ha già la vita di tutti i passati. Per vivere molto, bisogna vivere la vita altrui.


69. I soldati dell'oggi saranno gl'impiccati di domani. - CF. pensiero consimile nell'Utopia di Moro.


71. Il prurito dei vecchi = il chiacchierare.


75. Un povero mi chiedeva la carità - «T'hoo già daa jer» - diss'io - Ed egli:ma mi gh'hoo de mangià anca incoeu - rispose.


76. Dei militari dati in imprestito per fare da comparse nei carnevali, nei Teatri ecc. Tale, arrolatosi volontario per imminente guerra coll'Austria - e mandato al deposito, dovette accontentarsi di intervenire all'assalto di Sebastopoli - in una azione mimico-ippica del Ciniselli cavalarizzo.


80. vestes - si modo, vestes vocandae sint in quibus nihil est quo defendi corpus, aut ecc. (Seneca 7. de Benef.). E le donne dicono vado a vestirmi pel teatro, appunto quando vanno a spogliarsi.


82. Riceveste uno schiaffo? - dicono i preti - bene - offritelo al Signore.


84. Come l'accensione di una candela dà a questa in una il principio di vita e di morte - così la nascita all'uomo.


85. Gli studenti milanesi che da Pavia volevano tornare a casa e non avevano quattrini neppure per il barchetto, facevan la strada a piedi giocando alle boccie.


87. bliteus (Plauto), da niente - blitter (mil.).


89. L'adorazione in molte famiglie per Napoleone I. - Mia nonna diceva che la piazza del Duomo era stata ideata da Lui - Per dimostrare poi la sua onnivegenza, dicea che essendo egli intervenuto ad una festa da ballo ed avendo vista una signora vestita come era la sera prima ad altra festa da ballo, le disse: ma lei signora mia è instancabile!


90. I cavioni francesi.


91. Nel prologo dell'Endicott di Longfellow - si dà, con una imagine, ragione del perchè certi fatti, storicamente l'uno dall'altro lontani, devono essere messi filosoficamente vicini. Questo, può servire di scusa al Giulio Cesare di Rovani.


93. Regola di onestà - essere buoni tanto da non imbrogliare alcuno, non però tanto buoni da essere da alcuno imbrogliato - Non imbrogliare alcuno né essere imbrogliato.


94. I tormenti della bontà che non può sfogarsi, sono forse peggiori di quelli della malvagità sfogata.


95. «Voi in quella patria, specchio d'Italia e splendor del mondo, in Vinegia, come la fate?» (Doni, I marmi. Vol. I pag. 88 ed. Barbera) - CF. What do you do?


97. Quando l'interesse del principe non s'accorda a quello del popolo, il principe è di danno, e quando s'accorda, il principe è inutile.


100. Testes, testicoli, perchè testimoniano la virilità. Priapo, dio degli orti, perchè stava testimonio dei furti - ofen, ted., forno - offella, offa.


101. Il dire felicità a chi starnuta uso antichissimo. Vedi Petronio pag. 65. - CF. Sen.


103. Dovrebbe, per legge, esser vietato di erigere statue, a qualunque che non sia morto da oltre 100 anni. Si eviterebbe così la confusione d'idee che nasce al vedere tanti somarelli decorati di monumenti - come ne sono un tristissimo esempio i portici di Brera.


105. Si sotteravano i morti sul campo, la notte della battaglia. Gridavano alcuni feriti ai becchini... Per carità... no non siamo che feriti - E i seppellitori ghignando - a darvi ascolto, nessuno di voi sarebbe morto - e giù nella fossa.


106. Appresso vedi il lume di quel cero (Dante, Par. X 115. parlando di illuminato scrittore) e Porta: torcion de vott stoppin...


107. Era donna che facilmente veniva all'ultima confidenza.


108. (tripl.) L'età dell'oro - (in cui l'oro non c'era) così detta pel frumento.


109. La Tea che abbaja alla minestra che scotta. - Il cane affamato colla muserola che vorrebbe mangiare un osso - Et cum deserti baubantur in aedibus ecc.


110. Il prof. Bedorci, di latino, cominciava sempre le sue lezioni dicendo: riepiloghiamo, signori.


115. L'ostinata voglia di servire nei popoli. - E v'hanno uccelli che messi in gabbia, si rompono la testa contro le sbarre.


116. àrta krìthina = pani d'orzo, grissini (pare) - tapeinòs, tapino - uperétes, ministro, servo, prete - kraipàle, ingordigia, crapula.


117. La plebe antica, come i nostri birichini, si affollava dietro ai soldati che menavano prigione taluno, gridando aire autóv (ciappel - mollel -) - (Pràxeis ton Ap.).


120. V. Descrizione del foro ai tempi di Domiziano, Stati Silvarum I. 22. e seg. -


122. Dei professori di latino e greco, gongolanti alle classiche lascivie.


123. La convenienza in Arte è una delle principali condizioni perchè un lavoro abbia probabilità di lunga vita. Di quì, non solo l'inutilità ma il danno di usare frasi già usate egregiamente da altri. Per quanto smussate, piallate, accomodate dal nuovo artefice, sentiranno sempre il raffazzonamento, e il lavoro non sarà più di getto ma di mosaico. Vedete un po' nella vita! - L'«io sono una orfanella» detto da una giovanissima fanciulla vi riempirà di pietà e di amore - mentre la stessa frase, udita da una vecchia, vi farà lagrimar...dalle risa.


124. I tapageurs - i fracassosi (p. es. Perelli).


126. Quanto piccolo l'uomo dinanzi l'universo - quanto grande lui che l'universo comprende!


127. Pàppas, pappa - voce famigliare del figlio verso il padre.


128. Sotto il nome di tibicinae si comprendeva, una volta, quanto oggi si comprende sotto quello di cucitrici.


131. ladrone - anticamente laterones, guardia nobile che stava a lato del principe.


139. Gonna, gown - abbigliamento da donna - forse da gyné. - E difatti l'abbigliamento è la donna.


144. dàmar, moglie, dama - càminos, fornace, camino - barýs, faticoso, pesante - bara (milanese).


146. hesternum diem, gestern, yesterday.


147. Via dei Matriggiani a Roma - Matriggian a Milano significa, uomo inutilmente grande e grosso - Via degli Andegari a Milano - Andeghee in Milanese uomo in arretrato per idee e costumi dalla giornata.


153. La cattedra ci apprende a disputare, non a vivere.


161. nyn, ora, adesso, nun - maraino, corrompere, to mar - chàsma, abisso, chasm - tychein, ottenere, toccare - fyteo, piantare, fottere (per translato filosofico) - caleo, chiamo, to call - to rethén, il dire, reden - esaurion, domani, morgen - Veh! lat. - weh, woe! ovej! (mil.) - malum, mela / malus, male - rammenta la disobedienza del nostro primo parente.


162. Il «poiéso ymàs alieis anthròpon» di Cristo a Pietro e Paolo, è una miserabile similitudine - Poveri uomini! trattati come pesci.


164. Borrare, tremare pel freddo da borràs vento di tramontana - excreare, cracher, sputare.


165. Dicono: «disprezzate le ricchezze che dovrete abbandonare - seguite la gloria». Ecchè! ci segue forse la gloria?


166. Set on, ingl., mett su (mil.) - der Greis, er griscio (rom.) il vecchio - grimm, corruccio, vecchia grima (rom.) - zotig, osceno, zotico - Strapatz, strapaz (mil.) - plappern, blatterà (mil.) - to scour, sgurà (mil.), nettare sciaquando - Schrank, canterano.


168 b). stipes, tronco, per translato, sciocco; stupid (mil.). - pistrinus, pristinensibus (Svetonio), prestinee (mil.) 169. Frasi stereotipate, tempo edace - humida nox - fulva harena -


170. Per l'origine della claque Vedi Svet. Nero, 237.


173. L'alliterazione cioè la ripetizione artificiosa di sillabe (generalmente triplice) era usitatissima negli antichi poeti sassoni e goti - come si trova usata di frequente nei nostri antichi italiani. Ad es. Dante Con me medesmo meco mi vergogno - Credetti ch'ei credeva ch'io credessi ecc.


175. His saint was kept in mew (Warner's Curan and Argentile) - CF. il dentro della muda di Dante.


176. enantìu, avanti - résso, rompere, gerrissen - poterìon, vaso, bicchiere, pot, poterie.


177. In uno dei Vangeli è detto opu eàn eisélthete eis oikìan, ekeì menete eòs an exélthete ekeìthen.( ! )


178. èn dè e idéa autù os astrapè kaì to ènduma autù leukòn oseì chiòn. - (Vangelo) - CF. Manzoni «era folgore l'aspetto - era neve il vestimento» -


182. baila sciutta - rimproveratami dal Sig. Ba... critico della Perseveranza - corrisponde alla dry nurse degli inglesi, e all'assa nutrix dei latini - e significa colei che custodisce i bimbi latterini senza dar loro latte.


183. Tali leggendo solo credono di studiare. Senza meditazione, la lettura non è che un perditempo.-


193. Si rassomigliano molto fra loro il finale del carme di Aleardi per D.na Bianca Regizzo e il finale delle Lettere consolatorie di Seneca a Marcia.


197. Ai tempi di Seneca, pare che durasse ancor l'uso di sbarazzarsi dei figli deformi, liberos quoque si debiles monstrosique editi sunt, mergimus.


202. Il cerimoniale dei diplomatici e dei professori di una volta - il diritto di precedenza - l'anzianità - Le processioni. -


203. Le mamme brontolone per abitudine coi loro bimbi - I bimbi sempre colle lagrime agli occhi e col singhiozzo. - Donde i figli giustamente ingrati - Vedi il sonetto di Belli sulle creanze a tavola - Dopo una gran ra[ma]nzina, il bimbo, cui serve ancora l'appetito, fa per mangiare la sua minestra: e la mamma: vedete eh! quando si tratta di mangiare!


204. Tanta è la confusione e la simultaneità delle idee che hanno travagliato il mondo che io mi maraviglio come abbiano potuto ridursi allo stato tranquillo dell'oggi per poco tranquillo ch'ei sia.


209. C'era tale aristocratico cui rincresceva d'aver il sedere a due pezzi perchè così l'avevano i fornai.


210. Baretti (Vol. 5° - 1044) dice falsa l'opinione di riputare la lingua italiana prima fra tutte per la ricchezza ecc. poichè se la Crusca comprende 44.000 vocaboli, 4000 quindi più dei dizionari francesi ed inglesi - questi ultimi (dice) si adoperano da cima a fondo (il che io C. D. nego) mentre la Crusca - no. Inoltre la Crusca registra i superlativi, i diminutivi ecc.


212. Those critics who attack with the hope of being answered and of being thereby brought into notion (Moore) CF. Giusti - la smania inutile di una risposta - e CF. Rovani art. [lacuna].


220. Per la lussuria Romana V. Lucano (pag.140 v. 160 e seg.)


221. Caritas vuol dire anche carestia - ogni cosa rara ha prezzo, è cara.


223. Thou art the cap of all the fools (Shakespeare), cappa di loeucc, ecc. mil.


225. ...To ruffle in the common wealth of Rome (Sh. in T. Andronico) ...arruffa popoli - fior. - Pelf, denaro - pelter (mil.).


231. Gli scrittori latini parlano sempre dei - Tergaque Parthorum Romanaque pectora (dicam) (Ov.). I Parti, l'eterno grattacapo di Roma - i perpetuamente fuggenti, non mai vinti.


234. La magnifica descrizione dei paggi addormentati nell'anticamera del duca di Firenze, quale si trova nel Lamberto Malatesta di Rovani, può essere stata inspirata dalle poche parole di Schiller (D. Carlos 3° atto) Im Hintergrund des Zimmers einige Pagen auf den Knieen eingeschlafen -


238. Due buoni soggetti da quadri da riscontro sarebbero, il primo - La scena dei paggetti che vegliano nell'anticamera del duca di Firenze, come si trova nel Lamberto di Rovani. Tappezzeria verdone cupo - paggi giovinetti in raso bianco - l'altro, le Aretine -cioè le sei bellissime fanciulle che si teneva nella sua casa di Venezia l'Aretino - Sala veneta, zeppa dei magnifici doni che piovevano da ogni parte al poeta - quale si trova nella descrizione dello Chasles - e nelle lettere dello stesso Aretino - Le fanciulle in gruppo, chi sedute, chi in piedi, chi suonando alla ghitarra, chi cantando - chi intrecciando corone di fiori.


241. Il miglior sistema filosofico di tutti, è quello di Gesù, il sistema della benevolenza.


244. Dicono che Lei è uno studiosissimo giovine - mi diceva la Sig.ra T. - Bene m'indovini questa sciarada.


247. Notabile l'Epistola XII di Seneca. - Mirabile il principio. Seneca va in villa. Trova la casa cadente. S'adira. Il villico dice: che vuoi? la casa è vecchia. E allora Seneca si rammenta che chi ha fabricata quella casa fu lui, ed esclama: haec villa inter manus meas crevit; quid mihi futurum est, si jam putria sunt aetatis meae saxa? - CF. colle parole di Manzoni a Perelli. - Manzoni sedeva a Brusuglio sotto certe piantone. «Che belle piante!» fece Perelli - Rispose Manzoni «I hoo piantà mi; e seguiten a vegnì bei intant che mi vegni brutt».


251. Si vis amari, ama (Ovidio?) - CF. Dante amor che a nullo amato amar perdona.


254. summa ergo summarum - insomma delle somme.


256. Si può scrivere usufruendo dell'ingegno altrui, non si può dell'altrui cuore.


261. pan - tutto - il pane è appunto tutto - edoné, gioia, felicità, ecc. - CF. dono - traghémata, dolci, treggea - Nilo (nihil) il nostro filo - nulla. - panatuneìa, festa solenne in onor di Minerva. Vi si sarà mangiato qualche torta. Vedi panettone.


262. Una vendemmia di bastonate - vinus cibarius, de tajà col cortel - cupas vinarias sipare noli, cioè non impagliare (Lib. Priap. per l'uso dei fiaschi impagliati).


267. L'infibulazione del membro virile riproposta da quell'esageratore di Malthus, economista americano di cui non ricordo più il nome - venne spesso usata nell'antichità - CF. il Neve imponite fibulam Priapo (liber Priap.).


268. nunc sumus in rutuba, si va a rotoli (Varro) - ac populum asymbolon dimitterent cubitum, mandaven a dormì.


271. Le idee sono di tutti. Il grado della loro coordinazione determina il massimo, il medio o il minimo artista.


272. thaumàzo, mi maraviglio, to amaze, meravigliare - sòma, il corpo, soma (peso) - chithàra, ghitarra - òlos, tutto, all (ingl. pronuncia oll), all (ted.) - esthlòs, edel - esthìo, essen - kaléo, to call -


273. kahl, cal-vo - roh, ro-zzo - toll, c-oll-erico - satt, sta-is, sat (mil.) - rund, ro-to-ndo, ronde (franc.) - fahl, fallo -


274. Oi apò skenés, modo di dire simile al milanese, quii del teater, quel della birra, quii del fer rott ecc.


275. Cerberus, forensis erat causidicus (Petronio). Importante è Petronio per la storia dell'Umorismo - Così pure Seneca, nel Ludus de morte Claudi, e Ovidio nei Fasti.


276. Vitrea fracta, sententiolae declamatoriae - non valet lotium suum, non val quel che piscia - aquam liberam gustare - udi tamquam mures - te natum non puto - multis pedibus sto - nummos modio metitur - clavo tabulari fixum est - ingeniosus est et bono filo - licet barbam auream habes - (Tutte frasi di Petronio).


277. pernae missionem dedimus, ghem daa licenza al porscell (mil.), l'abbiamo mangiato - Alcuni brani di Petronio si potrebbero tradurre facilissimamente colle identiche loro frasi in lingua milanese.


278. L'uso di sincopar le parole sì in latino che in italiano - matus, per madefactus (CF. matella, orinale) - compro, per comprato etc. - Il Portogh. è spagnolo sincopato.


283. haematites, pietra di color sanguigno, donde la nostra matita (lapis, pietra) - Così rubrica dicevasi antic. l'indice, perchè scritto in rosso - Monile, braccialetto, da monere, rammentare - l'odierno souvenir. - camella, gamella (scodella, voce mil.) - carpere somnum, carpià (milanese) - dicta facit, detto fatto -


284. Traccie d'umorismo in Ovidio e in Orazio - Vedi per es. Ovidio sp. i Fasti - l'Ars amandi, e il remedium Amoris.


285. La nostra terzina si può ravvisare in embrione nei fasti di Ovidio.


286. Notabile in Ovidio (per l'umorismo) la preghiera del mercante a Mercurio (Fasti 120) e la supplica alla Dea Rubigo (id. 105).


287. Per l'origine dei barconi nelle mascherate V. Ovidio Fasti 153 - Vedi id. 117 per pronostici ortolani.


290. Quod mihi das uni, coelum partire duobus - Dimidium toto munere majus erit (id.) Pensiero ripetutissimo fra i poeti antichi e moderni, nostri e forastieri.


292. Minerva, dea delle smacchiatrici (Ov. Fasti 77).


293. V. per la descrizione di un pic nic romano (romanata) Ovidi Fastorum pag. 67 ed. minor Lipsia.


298. copia ipsa nocet (id.) CF. dal troppo impoverito.


301. Vedi Catullo XXIX In Caesarem per la Satira a Roma.


303. L'uso di mangiar noci nelle nozze - Vedi Catullo LXI.


304. cur non exsilium malasque in oras - itis? (Cat.)... andar in malora.


305. ...nam Cytorio in jugo - loquente saepe (Cat.) - E per combinazione, il Parlamento italiano è a monte Citorio


306. L'ode di Catullo che comincia «Multas per gentes... ecc.» - ricorda il sonetto di Foscolo, «un dì s'io non andrò sempre fuggendo...» - Foscolo del resto come Carducci, è tutto un mosaico di frasi rubacchiate, o a meglio dire confiscate, conquistate ai classici greci e latini.


307. Il caso d'amore è più spesso patologico che non fisiologico - almeno in noi uomini artificiali.


308. Sallustio usa la parola «argentum» nel senso francese di denaro.


310. Il carme latino di Prati ricorda l'Epitalamio di Catullo.


311. Nella campagna di Roma, a un'osteria, leggevo a forte alcuni versi latini, presente il mio bottaio (ossia vetturino). E il vetturino sorrideva soddisfatto. «Capisco, sapete» mi disse. - Non capiva altro, s'intende, se non che io leggevo in latino, ma s'illudeva come Romano - di capire anche il senso del suono. -


312 a). cuculo in Plauto anche adultero - forse da cucullus, cappuccio col quale l'adultero si copriva il capo per recarsi dalla moglie infedele - Cuculo si dice ora al marito.


312 b). V. per l'Umorismo il discorso del servo Ludus sui tempi vecchi e moderni - nella Bacchides di Plauto Atto 3° Sc. 2a. - Posto dei Comici e spec. di Plauto nell'Um.


318 a). Corbetta, si distingue per valore a Custoza; Leopoldo Pullé, si distingue colle sue commedie sui teatri, Raimondo Boucheron è autore di una insigne opera sulla Armonia, e tutti e tre sono fatti cavalieri della Corona d'Italia, i due primi per aver appartenuto un anno al Comitato del Carnevalone, l'ultimo per esser socio di una certa academia: il che vuol dire che in Italia quando si vuole dar premi a chi ne merita, si cerca almeno di non premiarne il merito. Ricorda pur Verdi fatto senatore del Regno pel titolo di pagare 3000 lire d'imposte!!!


318 b). Il Diavolo ha resi tali servigi alla Chiesa, che io mi meraviglio com'esso non sia ancor stato canonizzato per santo...


320. Simul (Caesar) a tribunis militum centurionibusque mutuas pecunias sumpsit: has exercitui tribuit; quo facto duas res consecutus est; quod pignore animos centurionum devinxit et largitione militum voluntates redemit (Caesar). Origine del Debito e della Rendita pubblica.


334. Il terribile umorismo di Macchiavelli.


337. Nel «De tranquillitate animi» Seneca dopo aver insegnato bellissime cose per mantenerla, conchiude con un elogio alla felicità che si trova nel vino.


339. Dice S. Agostino, il gran freddurista, di credere l'impossibile, appunto perchè impossibile.


341. Una lettera della Ballerina Carmine a Rovani finiva «e se non mi comprendi, indovinami!»


342. Studiano gli scienziati il modo di immagazinare il Sole. Io dico loro: guardate i quadri di T. Cremona.


343. Le donne sono tante serrature in cerca di chiave.


346. si tràvia, el se trà-via (mil.) - aluta, scarpa antica, da lutum, fango e a privativa.


352. V. per la descrizione di Napoli e suoi contorni Silio Italico XII. 110 e seg. - V. per la descrizione delle città di Sicilia p. 297. L. XIV. v. 192 e seg. - Vedi pei popoli nei dintorni di Roma, L. VIII. v. 358 e seg.


356. Preterea, ventus cum per loca subcava terrae... ecc. (Lucr.) - Opinione sull'origine dei terremoti frequente nell'antica fisica, e ora esperimentata per vera da Paolo Gorini.


357. Morente la mamma di Elvira (Maggio 1871 giovedì 25) per vajuolo alla Rotonda di Milano - diceva in delirio: oh come sono ricca! che bell'ospedale pei poveri... letti soffici, ad elastico... poltrone di velluto... ciascuno la sua stanza... - E la Rotonda era il più orribile degli ospedali! Vicino al letto di lei giaceva, pur di vajolo, un uxoricida, il quale guarì.


367. Spirito dell'Umorismo è di provar spesso sensualmente l'opposto di quanto il comun senso sostiene.


368. A Merate c'era un notajo, insigne bevitore - che nel discorso faceva sempre la rima a quant'altri gli diceva. Lettore assiduo di romanzi tali quali «il sorbetto della regina» e simili - stava intanto scrivendo la storia di Russia...


369. Ogni dovere e diritto nasce e procede dall'istinto della propria conservazione.


370. Il campo della giustizia si va sempre più estendendo. Prima esisteva nel solo uomo (simbolica guerra tra Abele e Caino) - poi si allargò nella famiglia (guerre famigliari - poi nelle città (guerre civili) - finalmente nelle nazioni (guerre nazionali)...


371. Haud Ligurum extremus (Virgilio). Non l'ultimo tra i Genovesi - Notisi che i Genovesi ebbero sempre fama d'ingannatori, conseguenza del loro carattere di mercanti. V. Sonetto d'Alfieri.


372. ...aut mixta rubent ubi lilia multa - alba rosa (Virgilio) CF. òpos prépei leukà - ròdois krìna plakénta (Anacreonte).


373. Fontana a T. Cremona: incoeu te set pussee stupid del solit - T. Cremona. L'è per podè famm capì de tì.


374. arte colla fede di miserabilità... - lavoro denso di bellezze - bellezza a perdita d'occhio.


375. Giulio Uberti, poeta. - Dà lezioni di mimica e di declamazione ai coristi - e perciò tiene sempre in tasca i 40 segni che esprimono tutte quante le gradazioni degli affetti. - E' sucidissimo. La sua faccia, dice lo scultore Grandi, sembra di pietra di Viggiù cui non furono tolti ancora i punti. Non si lava che quando è sorpreso dalla pioggia... Gli amici si augurano allora ch'egli si trovi fuori dalle porte, e lontano da ogni gronda. Uberti crede di far toilette quando si cambia il solo colletto della camicia (la quale non c'è) mentre invece questo non fa che rilevare il sudiciume del resto. Imaginate la puzza - Dicono però i maliziosi ch'egli se la conservi con ogni cura per non farsi perder di pista dal fedele barbino... Tiene poi sempre ingambati - anche a letto - un paio di stivali alla Souvaroff.


376. Tale entra in una chiesa, dove si stava preparando lo scurolo per il venerdì santo, e soprapensieri chiede: che c'è? - L'è mort noster Signor - risponde una vecchietta. -Mort? - fa egli - comè? se saveva nanca ch'el fuss ammalaa.


377. Il prof. di litografia, credo, Tanola, diceva non bastare tutta la vita di uomo per imparare a far bene la punta ad una matita.


378. Una spropositona diceva sempre, collier d'emmorroid per dire d'émeraudes, color muffa per mauve - armoire, per moire...


379. Allo stile di Rovani tutte le arti e le scienze pagarono il loro tributo.


387. Camerini non riuscì mai a fare un libro, ma sempre prefazioni. Gli stessi suoi cosidetti libri non sono che prefazioni... Così è di Beethoven, che metteva tutta la sua musicale stoffa nelle sinfonie, tanto da non restargli più nulla per l'opera.


388. Nella Storia dell'Umorismo - si accenni al non-umorismo del Malmantile, del Boccaccio, del Ricciardetto ecc. Nè si dimentichi Franco Sacchetti.


389. Il Vescovo di Lodi, gran cacciatore da brescianella e roccolo, intervenuto agli esami in un collegio di fanciulle, diede loro per tema «del modo de ciappà i osei» -domandando poi, in particolare, a una che «gli parlasse dei verbi che esprimono il venire» - Nello stesso collegio il maestro di musica avea composto per le educande una cantata dal titolo «la passarina».


391. Un giovine si moriva d'amore. Per salvarlo un suo amico, lo fa giacere con una meretrice, facendogli credere ch'ella sia l'amata - Giaciuto, il giovine disama tosto - e guarisce.


392. Una certa contessa (Arese) interrogata di chi fosse il figlio di cui trovavasi incinta rispose: credo che sia dello stato maggiore del reggimento tale dei tali.


400. Chi comandava veramente al popolo Romano? Gli storni e le quaglie - dice Verri - (ma questo è uno storico farfallone) - Comandavano gli uomini di genio, ma le loro sagge risposte perchè fossero accolte le mettevano in bocca alla bestialità.


404. Oh quanto comode e di poca spesa le parole simpatia, spiriti animali, Dio, antipatia, destino, natura ecc.!


428. foemella (Catullus) femelle (franc.).


429. balteo, budriere da spalla - basterna, lettiga a muli - bulla, testa di chiodo ricca di ornati - cesarie, capigliatura abbondante - o barba maestosa - acetabolo - ambivio, ogni via che mena attorno a un posto - atriense, maître d'hôtel che avea cura dell'atrio - agitator equorum, cocchiere - aequipondio, il romano della stadera


430. L'idea del moderno cappello a cilindro può essere stata tolta dal modius (moggio) che tiene in capo Giove Serapide.


431. bajulus, facchino che porta pesi - CF. baule, cassa contenente roba.


432. brabeum, premio che si dava ai vincitori nei giochi publici. CF. il nostro grido di bravo! ai vincitori, attori ecc.


434. Le inutili occupazioni di molti derise da Rabelais (Vol. 2° Cap. XXII) descrivendo gente affacendata a lavar i coppi per far lor perdere il colore - a tirar l'aqua dalle pomici - a tonder gli asini per far della buona lana - a tagliare il fumo col coltello - a cavare l'aqua con una rete - a imbianchire gli etiopi ecc. CF. a un passo consimile nel Gulliver di Swift.


438. spirito che alloggia alla prima osteria - osterie dei cani, le pozze d'aqua - selle da naso, gli occhiali.


440. Le alberelle, specie di salici, non da albero, ma da albus, bianco. Latinamente, si dicevano albae... quos pumiliones dicimus graece nànous appellant (Gellio).


451. Il delitto d'adulterio nasce da un principio fondatore della società, mentre tutti gli altri ne sono distruttori - (Beccaria). Si potrebbe opporre a Beccaria che anche questo delitto distrugge qualche cosa... la famiglia.


456. Tale studente di legge, copiando il lavoro d'esame di un suo compagno, per non farsi scorgere cambiò tutte le affermative in negative e viceversa - e così cambiò contratto unilaterale in bilaterale etc.


457. Minghetti ex-ministro venne, credo nel '73, assalito e derubato in una via di Roma. Colti i suoi assalitori, furono condannati ai lavori forzati a vita. Dimando io, dove la gradazione delle pene, che può prevenire i delitti?... A Firenze, altri che uccise l'assalito venne condannato a simile pena. D'ora innanzi gli assalitori uccideranno sempre.


458. Carlo Righetti (a sua moglie): Com'hin piscinitt sti boton che te m'ee portaa a cà - S.ra Righetti: cos'hoo de fagh mì se mi han daa apenna nassuu! -


460. Il prof. Nova si unge il corpo di olio di merluzzo, e favorisce quelli de' suoi discepoli che ne fanno la cura.


464. A. Io rispetto le donne. B. Eh caro mio, le donne meno si rispettano e più si credono rispettate.


465. Le viragi spartane. - Gorgone, moglie di Leonida e per Damatria ucciditrice dei figli. V. Plutarco, dove si parla anche di quella che vedendo i figliuoli fuggire dalla pugna, si pose a gridare: ove fuggite figli?... forse per rientrare donde usciste?... e si alzò i panni mostrando loro la fica. La virtù delle Spartane fa orrore. - CF. colle odierne «petroline».


471. «Il principe Amedeo promette di diventare un buon ammiraglio» dicono i giornali ufficiali!


473. Una ragazza portando al giovine amante di una amica i saluti di costei che se ne partiva, dice al giovine disperato «ella mi lasciò sulle labbra un bacio per voi» - E se lo fanno - e s'innamorano.


474. Con l'amor non si scherza. Molti che cominciano fingendo amore, ci restano poi colti davvero.


475. Dante (Paradiso C. VI) fa la Stella Mercurio, pianeta degli Attivi - Di uno che non sta mai fermo si dice «ha l'argento vivo addosso».


476. - Basta minga una candela per vedegh no? - si può dire parlando di più lumi che bruciano in una sala dove uno dorma.


477. Quod si tam Graecis novitas invisa fuisset - quam nobis, quid nunc esset vetus? (Horatius) - E pensare che Orazio il flagello dei pedanti antichi, diventò il dio dei pedanti moderni.


485. A S. Giuseppe, i nostri vecchi - qualunque tempo facesse - riponevano i bracieri - appendevano i tabarri e si mettevano in calzoni bianchi e scarpini. - A S. Caterina poi (25 nov.) - tornavano in inverno.


486. Cesare Cantù è un letterario ciabattino. Forbice e colla, ecco il suo stile.


487. Altro è scienza, altro è erudizione. Senza meditazione nessuno sarà mai scienziato. Con un dizionario storico ecc. un dotto è bell'e fatto. Basta saper nominare tanti autori e tanti cartoni di libri.


488. Ci sono prefazioni dell'editore, scritte dall'autore, in cui si loda il libro - in cui si parla degli amici che l'hanno obbligato a stampare - etc. Ci sono altre in cui l'autore chiede un benigno compatimento che non accetterà mai.


492. Chi vuol riposare, lavori.


494. Come il bollo di garanzia ai metalli preziosi legalizzi la truffa. Gli orefici portano a bollare centinaja di oggetti di differente titolo e quindi di differente bollo e valore: poi a casa mettono per es. l'anello di una catena bollata a bollo spada (che indica il maggiore titolo) al resto di catena che lo dovrebbe avere col bollo di nave - e così via. E del resto sfido io quando l'orefice ti dice: guardi c'è il bollo spada - a vederlo. Intanto la maggior parte delle spadine, comperate dalle villane ai mercanti girovaghi - vale poco più dello stagno - mentre le povere diavole credono di aversi in testa un capitale.


495. La ragione del consenso universale è stolidissima. Le più alte assurdità furono da tutti credute, per es. l'immortalità dell'anima (s'intende l'anima individuale) .


496. Un certo pittore faceva il ritratto a una gran dama - gli cade il pennello - si sbassa a riprenderlo - ma nella fretta e nello sforzo gli sfugge un peto. E resta colla testa abbassata, e non l'ha ancor da levare.


497. Tale milanese, parlando dei francesi, diceva «i scarp hi cìamen bott (bottes) - i bott hi ciamen coo (coups) - i coo hi ciamen tett (têtes) - e i tett, tetton (tétons) - oh che parlà de cojon!» 498. Dice T. Cremona che pitturando paesaggi gli vien voglia di pisciare.


499. Il cavaliere Pica già direttore della Zecca di Milano era una fra le bestie governative le più orecchiute. Ogni giorno dopo aver fatte le sue 3 o 4 firme a quanto i suoi subalterni avevano scritto si alzava dallo scrittojo dicendo: ecco servita S. M. - Avendo sentito che altri ancor più bestia di lui era stato fatto ufficiale dei SS. Maurizio e compagno, dimandò ed ottenne di esser nominato commendatore - Egli avea ordinato al suo ramiere un mobile che gli dovesse servire, di inverno da scaldaletto, e in estate da casserola. - E' ancor oggi meravigliato del come in Milano non passi notte senza luna, la quale batte precisamente sull'orologio di Piazza Mercanti - E non s'è ancora accorto che la luna viene da un apparato elettrico congegnato di faccia al quadrante di detto orologio.


500. L'Apocalisse è la più alta ciarlatanata fatta per imbrogliare la gente minchiona. E' l'impotenza che assume il far misterioso per farsi creder potenza. La Nuova Gerusalemme, ivi descritta, è il vero paradiso degli ignoranti, anzi dei birbi. Vi si fa gran scialaquo di pietre preziose. Vi si parla di porte margheritine, dicendo che di giorno non saranno mai serrate colla bella osservazione che «núx ouk èstai ekeì». A che dunque serviranno? - ecc. ecc. Unico pregio dell'Apocalisse è qualche passo (a parte la giunteria) efficace - per es. Apò prosòpu éfughen e gé, kaì uranòs, kaì tòpos ouk euréthe autoìs. - kaì èdoken e thàlassa tous en auté nekrùs - kaì eìdon ena ànghelon estòta en tò elìo; kaì ékraze foné megàle, légon pàsi tois ornéois tois petoménois en mesuranémati, Deute kaì sunàghesthe eis to deìpnon tu megàlu Theù, ìna fàghete sàrkas basiléon kai sàrkas chiliàrchon; kaì sàrkas ischuròn kaì sàrkas ìppon kaì ton kathemenon ep'autòn... - e uaì e mìa apélthen; idù èrchontai eti duo uaì metà tauta. -


501. Vi ha gente che è sempre del parere dell'ultimo libro che legge.


502. Le sgridate e le battiture non riconducono l'ordine nelle idee dei fanciulli; ma non fanno che aumentarne la confusione.


507. Tutti gli uomini per i diversi lor posti - titoli - successioni ecc. si riguardano con l'occhio nemico di vicendevoli eredi, e si coltivano a questo solo scopo. Scorre tra gli uomini un general desiderio dell'altrui morte.


508. Dice Plinio che il vino bevuto in una coppa d'ametista non ubbriaca. Ciò è vero, perchè la coppa non potrà essere se non ben piccola.


509. I copisti non riescono che nelle opere di erudizione e di spirito - non in quelle scritte per umore - dal cuore.


511. I commercianti si regolano più colle consuetudini che non col codice di commercio. Minime le cause comm. a rispetto le civili; e sì che in commercio si fanno 1000 atti per uno che avvenga nella vita civile. Tutti i giorni poi introducendosi nuove forme di contratto comm. - il codice avrebbe bel tenere lor dietro, massime che il codice nostro è ancora quello del 1808.


512. In una sala del cappellano imperiale della corte austriaca a Milano si raccoglievano ogni sera dieci o 12 amantissimi della musica classica - e lì sonavano le più serene melodie della Germania e dell'Italia. Tra gli altri, sonava egregiamente il violino un consigliere di Stato - il quale, deposto l'archetto, pigliava la penna a firmare, colla più grande fermezza - le sentenze di morte dei facinorosi italiani. - E poi si dice: music, the food of love.


513. I segnati dalla scrofola al collo - si chiamano in milanese «pescaa». La similitudine non potrebbe essere più bella.


514. Che buon tempo! Star lì a fare la fatica di far versi quando ce ne sono tanti già belli e fatti.


515. Creder d'ingegno chi sa molto a memoria - gli è come riputare sapiente chi tiene in casa una grande biblioteca. Molti, anzi, a forza di studio, diventano ignorantissimi.


516. L'arte - e le astuzie dell'arte.


520. L'uomo che sa leggere parla cogli assenti, e si mantiene in vita gli estinti. Egli è in comunicazione con l'universo - non conosce la noja - viaggia - s'illude. Ma chi legge e non sa scrivere è un muto.


521. A molti non mancano che i denari per essere onesti.


522. Quanto indirizza le umane azioni non è nè l'attrazione al piacere nè la repulsione dal dolore, nè alcuna altra ragione sognata dai filosofi - ma è il non poter far diverso, per una folla di perchè, fisici e morali.


531. numquam enim quamvis obscura virtus latet, sed mittit sui signa (Seneca). Questo sed corrisponde al but avversativo degli inglesi, che non - Totum interim vitium, tout vice.


532. Danda est animis remissio. (Sen.) - Quindi il fanullone, per riposare, dovrebbe lavorare.


535. T. Cremona doveva sloggiare e tra i coinquilini correva la voce ch'egli avrebbe fatto ciò in punta di piedi, per non pagare il fitto. - Quella voce venne all'orecchio di Tranquillo. - Che fa? - comincia a pagare le poche lire di fitto - poi accorda una gran bara a due cavalli, e entra nel cortile fracassosamente. Si noti che nello studio di lui non restava più che qualche cavalletto e qualche sedia rotta. E lì, comincia a gettar tutto dalla finestra - Gridava: piano quello specchio e giù un'assa - Prudenza con quel pianoforte, e giù una sedia - E intanto il Ranzoni, altro pittore, sonava un tamborone. Poi Tranquillo, una sua amante modella, e vari amici - si posero a far tutto il giro della corte e della contrada vestiti da turchi e cantando la Marcia Reale. Così Cremona rispose al sospetto ch'egli intendesse di fare il S. Michele in punta di piedi.


536. La poca scienza economica faceva dire a Parini parlando del bisogno: o male, o persuasore - orribile di mali.


537. Mi diceva uno storpio: gh'hoo avuu la fortuna de vegh ona gamba e on brasc stort, e per quest hoo poduu fà carriera. Me diseva semper la bonanima de me mader: Va là, ch'el Signor el t'ha provveduu. Te ghe el pan in di man. - I tò fradei deven invece lavorà - e intant che a mi la m'insegnava a cercà la caritaa - ai alter la ghe insegnava a robà - I me pover fradei hin finii sulla forca - mi a stora me troeuvi tant in del pajon de podè, se voriss, parì on scior.


538. A che servono i così detti cani di lusso?... C'era una famiglia composta di una madre, una zia, ed un figlio - sempre in lite tra loro. Capitato in quella casa un cagnolino - su lui si concentrarono le tre affezioni - ed ei ne divenne il trait-d'union - Ora non litigano più.


540. Un dott. Sella di Valle d'Andorno lasciò un patrimonio di circa 900.000 lire al suo paese, perchè se ne impiegassero i frutti nella compera e nella distribuzione a gratis dei medicinali. Dal dì che il lascito fu publicato, tutti sono ammalati, e tutti chiedono medicine. - Ci sono anzi ammalati che ne fanno traffico agli altri paesi - ai caffè dei dintorni si beve del gran tamarindo; si è giunti perfino a unger le ruote dei carri coll'olio di ricino...


541. Sulla buca delle lettere a Piedicavallo (Valle d'Andorno) un ragno ha tessuta pacificamente la sua ragnaja.


542. gente che ha da mantenersi in buona colla questura... Improvvisa con facilità i versi altrui.


543. Ci sono generi nelle donne, ma non caratteri.


545. Tutti parlano di Dante e pochi l'hanno letto da cima a fondo. Di Dante non si citano che quei 10 o 12 brani triti e ritriti nelle scuole: il resto lo si reputa seccaggine.


549. L'amor patrio in Italia (1872). C'è un ministero birbone che rovina il paese. I deputati se ne sono avveduti, ma hanno rendita dello stato e tacciono... Chi combatte il Ministero vuol dire che non ha publica rendita. Intanto molti uomini che nelle scienze e nella politica avrebbero fatto onore a sè e al paese, per la gola dei subiti arricchimenti si danno agli affari - e diventano banchieri - (per es. Allievi e Brioschi)... Parlate loro oggi di Omero e di Dante, vi risponderanno soprapensieri: a quanto per cento?


550. I contadini, quali al presente, sono il più terribile flagello dell'umanità. E c'è chi propugna il suffragio universale!... Mandateli prima a scuola - Vi sia di esempio la Francia.


551. Fa il tuo vero interesse e farai l'interesse di tutti.


563. Naseweis, saputello. CF. Dante (Parad.), nasetto, nello stesso senso.


566. Due e due quattro, ecco i nostri matrimoni - Rispetto ai figli si potrebbe anche dire: uno e uno, tre.


567. home, heim, casa - heimlich = segreto - pokal, pecchero, boccale.


569. Buone finanze, buona politica. Volete conoscere lo stato di un paese? guardate le sue finanze. Le sole condizioni finanziarie fanno le rivoluzioni. Oggidì (1870) in Italia non si vogliono economie, e si crede di cancellare il deficit imponendo nuove tasse - rubando il pane del povero col tassare le lire 600 di reddito, mentre si lasciano le spese di rappresentanza ai prefetti per far ballare gli aristocratici che possono ballare benissimo a casa loro. Ma il signor Sella pensa di riempire i vuoti crescendo le tasse, senza riflettere che la forza di un paese dà fino a un certo segno, come, nell'agricoltura, la fruttibilità di un terreno: e, in conclusione, facendo come chi chiudesse una fossa colla terra tolta da un'altra.


570. Apolloni è professore di latinucci nella III ginnasio del Parini - e venne creato di fresco cavaliere. Questo Apolloni, per punire talvolta i suoi scolaretti, fa loro scrivere sui loro fascicoli: io non studio niente - ho avuto 0 in latino - 0 in italiano - 0 in geografia - e prenderò altrettanti 0 agli esami - oppure, per dieci volte di fila: La mia scioperataggine mi condurrà all'asinità ed alla perdizione - od anche, per cento «io sono un grand'asino» - poi vuole che i ragazzi gli riportino il giorno dopo il dettato firmato dai loro signori parenti!


571. Correnti - dice la Perseveranza - rifiutò jeri di far parte della commissione tale, appartenendo già a 22 altre. (!) Questo tratto di delicatezza ecc.... Domando io se non sono da impiccare e Correnti e l'autore dell'articolo laudativo.


572. Emilio Visconti Venosta, il ministro dalla facile politica del lasciar fare - sta un pajo d'ore ogni mattina allo specchio, per farsi la scriminatura, impomatarsi ecc. - nè manca a nessun teatro, a nessuna soirée. Abita al primo piano del palazzo della Consulta avendo messi gli uffici del suo ministero a terreno e negli ammezzati. Un po' di corte alle donne, e qualche poesietta sulle strenne di Natale - ecco la sua letteraria e politica gioventù. Si ajuta parlando a mezze frasi... dando a tutti ragione - facendo il servo dilettante, prima alla Francia, poi alla Prussia. - Che non ti svegli, o Cavour!


573. Il professore *, noto matematico - pregò un giorno L. Perelli di far stampare un suo articolo nella Gazzetta di Milano contro il prof. di aritmetica del ginnasio credo Parini, per un errore in quesito di esami, che era tutto fattura di quell'altra celebrità del Commendatore Brioschi, sozio allora di lui. - Il detto * faceva servire poi le sale della Direzione dell'Istituto Tecnico Superiore di Milano pe' suoi convegni, amorosi - Ebbe la decorazione lucrosa del merito civile di Savoja per intercessione di Cesare Cantù.


574. Raramente s'è dato un ciarlatano più spudorato del professore * dell'Università di ** - in cui la impudenza tenea luogo di scienza - Fu lui che riuscì a fare 16 lezioni sull'elettricità, quando l'elettricità come scienza era ancora bambina - con brillantissimi discorsi che nulla dicevano - fu lui, che s'incaricò di mostrare il gabinetto di anatomia all'imperatore Ferdinando, dicendo imperturbabilmente i più madornali spropositi, mentre l'egregio Panizza diventava di tutti i colori - fu lui che si mangiava annualmente la dote del gabinetto di fisica... in conseguenza di che, scopertasi la cosa, dovette per evitar la prigione, uccidersi. - *, qualunque cosa gli si fosse dimandata, rispondeva - e non all'ingrosso - ma nel più minuto dei modi.


575. Base del commercio, l'inganno.


576. Inutile anzi dannoso è il programma a sorteggio negli esami. Il programma rende l'esame un caso. Conosco studenti scampagnoni, che preparatisi per la mancanza di voglia e di tempo a una sola scheda fra cento, la sortirono, e passarono con tutti gli onori: conosco diligentissimi, i quali, per una fra cento che non sapevano - dovettero rifare gli esami. -


577. Il ministro di Grazia e Giustizia (credo, Vacca) nella relazione sul cod. civile, a giustificare la differenza di trattamento tra il marito e la moglie nella questione dell'adulterio, osservò che «se l'adulterio del marito autorizasse la moglie a chiedere la separazione, sparirebbe ad un tratto l'indissolubilità del matrimonio». Oh che vacca di un ministro! (V. n. 681 a).


578. G. Rossi si nomina Presidente di una società di economia politica che non esisteva e manda brevetti a tutti gli uomini insigni dell'Italia e dell'Estero. Qualcuno (fra gli altri Napoleone III) cade nella pania e gli risponde accettando. R. diventa ad un tratto uomo di importanza ed è fatto commendatore.


579. Le donne hanno il buonsenso dove gli uomini tengono il coglionesimo.


589. L'enfant terrible - potrebbe essere il titolo di un giornale di pettegolezzo.


590. Il S. Michele e la Quaresima (in cui i preti vanno a benedire le case) danno a molti curiosi il modo di aquetare il loro prurito.


591. La prigione pei debitori è una pura e stolta vendetta. I creditori devono loro passare una lira al giorno, e i debitori bevono intanto alla salute dei creditori. D'altra parte si noti che la mancanza di libertà, mette il debitore nell'impossibilità di procurarsi i mezzi di soddisfare al suo debito.


592. Il prof. di diritto penale Antonio Buccellati s'è fabricato il suo sistemetto dell'ordine giuridico, che secondo lui, spiega tutto - serve a tutto, per discorrere, per camminare, per fare il risotto ecc.


593. Tale diceva fortezza irreperibile o impregnabile, per dire imprendibile.


594. Sciupio di denaro in Italia. Una Società inglese per la coniazione delle monete avea convenuto di pagare al nostro Governo la penale di 300 lire al giorno, se dopo un dato tempo non consegnava i tondini coniati. Passa più di un mese - la multa è già ascesa a un centinajo di mille lire. «Oh non fa niente!» dice il nostro ministro ad uno della Società, come se si trattasse del suo. - E si trattava difatti perchè s'ebbe l'offa di 12.000 lire. - Così, la stessa società piantò nella nostra zecca 24 presse, fruste e rifruste - mettendo nel contratto che a coniazione finita lo Stato dovea rilevarle pel primitivo lor costo - 6000, mentre non ne valevano più che 2000. Poi il direttore della zecca, tanto per gettar denaro, propose al ministro di cambiare la disposizione della sala di coniazione - da - a | sul che si spesero 900.000 lire, delle quali un terzo fu naturalmente rubato. - Infine si noti che 18 uffici della zecca sotto gli Austriaci consumavano in carta di amministrazione dalle 600 alle 700 lire annue... Riuniti oggi in un ufficio solo ne richiedono 2000 - che sono sempre insufficienti.


595. L'affamato pittore Lazzari va sempre a trovare gli amici sulla fine del pranzo, e pulisce la tavola dalla mollica di pane, vuota se può il mastelletto della senape e l'ampollino ecc. Lodiamo la sua delicatezza di non andarci in principio.


596. I figli naturali, già sì maltrattati dai loro genitori, lo sono poi anche in ogni maniera dalla nostra società, che dovrebbe invece avere per loro una speciale pietà - Domandate, per es. come sono accolte le loro domande dalle Cause cosidette Pie.


597. La signora T. detta la Venere Cilappa, è una donna già sull'infrollire, e col viso tutto camolato (tanto che mio fratello le suggerisce di tenersi in tasca dei mozziconi di zigaro) - ma che ancora si crede sul candelliere, e fa mille attucci e mille complimenti - e dice, con una bocca che non è più bella, migliaja di trullerie. Per es. a mia madre, che era venuta da lei per vedere le maschere... Che la guarda - dice - che son minga mi che l'ha invidata... nl'è so fioeu... mi no gh'entri - e poi, I alter ann derviva per i mascher tutt l'appartament... ma stann essend mort el me pover papà... una finestra sola, e ghe foo nanca tirà via i contraveder - In seguito porgendo a mia madre un bicchiere di vermut: che la beva pur adasi, gh'è minga premura... La voeur aqua calda...? la voeur inversass la pelizza...? Per mi, sura Pisani, l'adori come el fumo negli occhi (Voleva dire, il lume degli occhi) ecc. ecc.


599. Poca es la lujuria de una ramera - quien siempre beve, jamas tiene sed - Ma mettel dent - diceva una puttana al suo fottitore. - «Ma se l'è dent» - rispondeva questi. Ah sì? - faceva la puttana sorpresa, e riprendendosi - Allora... oh che gust!


600. Più che comedia divina l'opera di Dante si potrebbe chiamare la Satira divina - Nella storia dell'umorismo si possono citare i 4 sonetti satirici di Petrarca. «Fiamma dal ciel...» - «L'avara Babilonia...» - «Dell'empia Babilonia...» - «Fontana di dolore...» -


605. Tal ride in vista, che s'asconde in core - Pianto infinito e spesso invidia s'have - Di tal ch'è dentro di miseria pieno (Alemanni)... Mì sunt come el capnegher - Forsi el piang: el par allegher (Ventura) - Pars major lacrymis ridet et intus habet (Martialis).


613. Il sermone I° di Zanoja al lettore si può CF. colla introduzione alla satira Ia di Persio. - Maraviglioso è il Sermone 2° Sulle Pie disposiz. testamentarie.


629. La storia dei letterati è piena di contradizioni fra lo scrittore e l'uomo. - Rousseau, che invocava l'educazione domestica pei figli, mandò i propri (naturali) a un ospedale di trovatelli - Bernardino S. Pierre, il tenero scrittore del Paolo e Virginia, fu un cattivo soggetto - Sallustio e Seneca, che alzarono nelle loro opere altari alla povertà - si dimostrarono nella vita avidi dei più infami lucri. - Molti scrissero cose oscene, e si mantennero castissimi - Pagina lubrica est, vita proba - altri, al contrario. Crede mihi, distant mores a carmine nostro. Vita verecunda est, Musa jocosa mea (Ovidio).


630. L'ammiraglio Colognò usava di tenere in bocca uno stuzzicadenti - Morto e imbalsamato, fu esposto collo stuzzicadenti in bocca nella camera ardente.


631. Disraeli dice che i Romani bruciavano i libri Giudei, dei Cristiani e dei filosofi - i Giudei quelli dei Cristiani e dei Pagani - i Cristiani quelli dei Pagani e dei Giudei.


632. Gregorio il Grande bruciò la biblioteca Palatina e bruciò Varrone per salvare S. Agostino dalla taccia di plagiario - Leone Aretino tradusse Procopio, della guerra dei Goti, e lo publicò per suo, credendo che non ne esistesse altro manoscritto.


633. Il De-officiis, si trovò in pescaria: parte della seconda decade di T. Livio in una sacchetta.


634. Quando il carnefice, mostrando la testa tagliata di Maria Stuarda, gridò: dio salvi la regina! - la testa gli sfuggì dalla mano. Maria era grigia - e coperta di treccie finte.


635. La duchessa d'Orléans durante la sua vedovanza portava sotto i ginocchi lagrime e pensieri di perle - Naturalmente per mostrare i segni del suo dolore, dovea mostrare le gambe.


636. Cicerone e Horace Walpole pensavano e correggevano i loro epistolari. - Così Plinio il giov.


637. Molti uomini d'ingegno non possono prodursi bene che per bocca d'altri. Corneille, corto per conto suo - diventava sommo sulle labbra de' suoi personaggi.


638. A Roma si usò spesso, per economia, quando il Senato per es. ordinava che in ogni municipio si erigesse una statua al tale o tal altro - di adoperarne una già scolpita, cambiandovi il nome sul plinto - oppure la testa sulle spalle. - Si usarono pure per le statue delle imperatrici coquettes pettinature mobili di marmo, affine di tenerle sempre pettinate all'ultima moda.


640. La ingegnosa oscurità - chiarezza non plebea (si parla di stile).


655. Alvigine (Aretino, Cortigiana Att. IV S. VIII) dando un appuntamento a Togna, intercala le sue parole coll'Ave Maria e col Pater, affinché il marito non le rilevi - CF. il miserere di Carlo Porta.


657. S'impara spesso dai ricchi a fare il pitocco.


658. con mas tachas y alifafes - que el caballo de Gonela (Moratin) CF. frase simile in lingua milanese.


660. desmayar, svenire, l'antico it. dismagare - jayan, grosso uomo e robusto, giavan (milan.).


661. Passi umoristici nel don Quixote. Vol. I° p. 1, 4, 23, 24, 68.


662. Bizzarie. Un piccione si posa sulla calva testa di un dottore della Chiesa scolpita in sasso in un finestrone del Duomo, poi vola via. Il dottore della chiesa alza la mano e si gratta la testa. -


663. Alle volte, coi libri di teologia e di filosofia, si fa una strenua fatica per capire che quanto si arriva a capire non valeva la pena di esser capito.


665a). Sont a ses atmosfer - diceva un macchinista per dire di esser alticcio - se desbuscionava el temporal (al primo colpo di tuono) -


665 b). Date agli altri molta libertà, se volete averne.


666. Nelle sue lettere Metastasio parla sempre «degli acidi de' fiati e degli stiramenti di nervi che soffre il povero autore etc.» - oppure dice «Sfido tutti ora che ho l'approvazione dell'illustre personaggio tal dei tali...» - e fa pompa della più schifosa modestia, e beato di respirare in una atmosfera [parola indecifr.] di corte, non s'accorge delle nuove idee preparatrici di nuovi tempi che si allargano viepiù pei paesi, se non per deriderle... Ciò in generale. In particolare però non si potrebbe negare che talune delle sue lettere sono veramente belle, e utili alla scienza della letteratura, e tali altre racchiudono pregevoli passi. - Bella è per es. la lettera CXI all'Algarotti (Ediz. di Mantova del Pazzoni 1819 Vol. 17 a pag. 255) dove parla del far versi all'improvviso... «quell'inutile e meraviglioso mestiere» «il poeta che elegge il soggetto ecc. cerca la veste per l'uomo - l'improvvisatore l'uomo per la veste». Altra buona lettera è la CXXXI (stessa edizione) al conte Bathiany sul metodo d'insegnare la lingua italiana all'arciduca Giuseppe - Altra lettera importante per la storia della musica, la quale musica già tentava ai tempi di Metastasio di assoggettarsi la gemella poesia, è la CCXXXXVI (vol. 18 stessa ed.) - Altra lettera sulla Musica antica e moderna - è la CCLXXXXIX -


667. Metastasio adula nelle sue lettere ai più vili poetici aborti.


675. Come Metastasio sentiva l'addensarsi del turbine politico che poi scoppiò nella grande rivoluzione francese, vedilo p. es. nella lettera 279 (ediz. come sopra) al principe Chigi.


679. poneròs, malvagio - povero (milanese pover) misero qual filosofico rapporto!


680. Erodoto disse che quando la donna si spoglia della camicia si spoglia della vergogna - Presa l'Olanda - facilmente vassi - alla conquista dei paesi bassi -


681 a). «Se un uomo... commette fallo con meretrice, non se ne sdegni la moglie nè si conturbi, pensando che per ragione e reverenza non vuol far seco comune l'ebbrezza» (Plutarco vol. I 398). Scusa molto comoda per i signori uomini! (V. 577)


685. Ci sono scrittori che sono magazzini, cave di pensieri, come per es. Plutarco - Montaigne - Richter.


687. etaìron, compagno, quasi éteron, altro. - lubrica testa (Ovidio) = slitta.


688. Gli artisti sono i mediatori tra la Scienza e l'ignoranza. Nur das Morgenthor des Schönen - drangst da in der Erkenntniss Land.


689. Caetera fortunae, non mea turba fuit (Ovidio) - CF. Dante, Amico mio e non della fortuna.


690. Sed audaces cogimus esse metu (id) - CF. Dossi - temerari per la paura, nell'Alb. Pisani - Dat vires nimius terror (Statius) - Animam laqueo claudent, mortisque timorem morte fugant (Ovidio).


691 b). Il falso amico è come l'ombra che ci segue finchè dura il sole.


693. Pangere osculum - fa di basitt s'ciasser (mil.) 694. ...non vitae gaudia quaero - nec fas; sed nato Manis perferre sub imos. (?) - Questo sed corrisponde al but avversativo degli inglesi - e al ma (domà mil.) dantesco.


696. Ogni scrittore ha certe sue frasi, o parole cui ritorna sovente - e alle volte più spesso che non dovrebbe - p. es. in Virgilio il litus è sempre accompagnato dal curvum, il nox dall'humida, la lux dall'alma ecc. Vedi per gli altri scrittori qua e là in queste note sotto il tit. Ritornelli di frasi.


698. schoìnos, giunco - scoin (milanese) scopino - kóre, fanciulla, e pupilla dell'occhio, niña (spagn.) id.


702. Il «tutta la notte per gli alloggiamenti - dei mal sicuri Saracini oppressi» ecc. epis. di Medoro di Ariosto è tolto di peso da Stazio Theb. C. X.


707. Esempi dell'esagerazione di pensiero e di frasi che permeava nella letteratura latina ai tempi di Stazio - (come nell'Italiana ai tempi Frugoniani ecc. - e nella francese ai tempi di Hugo) si possono trovare in moltissimi punti della Tebaide - V. p. es. libro X V. 658 - libro XI V. 55 ecc. (descendit ab aere vulnus - ...fugit in vacuas jam spiritus auras - jam gelida ora tacent, carmen tuba sola peregit.) -


710. Sulla fama che tardi segue i migliori (Seneca V. III. Lib. XI ep. Iª. Hodierno die non tantum ecc.).


714. Tale pescava. Pigliò un pesce persico. Lo diede al barcajolo, dicendo di gettarlo insieme agli altri - ma altri non avea pigliati - e però il barcajolo lo gettò nel lago insieme agli altri.


715. querer (spagn.) amare, l'antico ital. cherere. - quaerere, cercare.


716. In mezzo a tanti belatori di rime amorose, e piangitori di puttanelle morte di sifilide, fa gioja trovare un Celio Magno, veneto, che non arrossa di piangere in versi la morte di suo padre.


721. I secentisti fecero un gran bene alla italiana letteratura che minacciava di sfasciarsi per iterazione e convenzionalismo.


722. Del cav. Marini è buono il sonetto che incomincia «Apre l'uomo infelice ecc.» specialmente nelle due prime quartine. - Vincer non potea Roma altro che Roma (id.).


723. Fulvio Testi avea tanto ingegno da poter farsi uno stile a sè: seguì invece il comodo vezzo di rubacchiarlo ad altrui «sotto pretesto della imitazione» (come dice S. Rosa) quasi che si potesse lodare o biasimare cosa presente con frase antica. Donde le mille improprietà di frase, e le mille sciocchezze di pensiero, sparse a piene mani nelle sue poesie. - Bel complimento per es. ch'egli fa al duca Alfonso, dicendogli ch'egli solo Amor non muove! - Ma è bella la sua canzone che incomincia «poco spazio di terra ecc.», bella l'altra del «ruscelletto orgoglioso ecc.» benché troppo ripetuta la metafora che la comincia. - Bellissima la «non si veloce su le lubrich'onde ...» etc.


732. Nelle canzoni di Fulvio Testi mi par buono e imitabile il metro di strofa che risulta come segue:


1° endecasillabo che rima col 6° verso.


2° settenario che rima col 5° verso.


3° endecasillabo che rima col 4° verso.


4° endecasillabo che rima col 3° verso.


5° settenario che rima col 2° verso.


6° endecasillabo che rima col 1° verso.


7° endecasillabo che rima col 8° verso.


8° settenario che rima col 7° verso.


9° endecasillabo che rima col 10° verso.


10° endecasillabo che rima col 9° verso.


733. Di Redi letterato, oltre il celebre Bacco in Toscana, sono pregevoli i sonetti, massime il «donne gentili, devote d'amore» - «...santi costumi e per virtù baldanza - baldanza umile».


734. Delle poesie italiane di Carlo Maria Maggi (l'alto poeta milanese) i pensieri sono assai buoni, ma la forma fiacchissima. Anche Carlo Porta, che sta nella letteratura milanese a Maggi, come nella Musica Rossini sta a Mozart - quando si volse dalla musa nostrana alla fina - perdette le ali.


735. Buono il sonetto di Lemene (il noto autore della «Sposa francesca» in lingua lodigiana) - che comincia «Stravaganza di un sogno! ...»


736. E' davvero stupendo il sonetto (d'altra parte già celebre) di Filicaja all'Italia - «deh fossi tu men bella o almen più forte...» «del non tuo ferro cinta» -


737. asciutta neve, cipria (Magalotti). Magalotti, come Galileo, Redi, Marchetti, Mascheroni, Cocchi ed altri - fu eccellente fisico e nel tempo stesso eccellente poeta.


738. Il carniere (Jagdtasche) in spagnolo si dice el morral - mentre in Lomellina si dice la moràl alla borsa per la pescagione. - Nota la filosofia della parola lomellinese morale, adoperata in questo senso, quasi per fine dell'apologo che avrebbe per titolo «esca ingannatrice» in cui i pesci fanno la parte dell'ingannato.


739. laudemium, da laudare che nel vecchio lat. significa permettere, accordare, collaudare - erlauben (ted.). L'olio in spagn. si dice aceite, CF. il nostro aceto, vinagro. - kalt in tedesco vuol dire freddo, e in milanese al caldo si dice appunto cald. Il freddo lombardo è il caldo tedesco.


740. Regola di vita - dimenticare il passato, non pensare al futuro, godere il presente.


741. L'architettura si può chiamare una musica muta o pietrificata.


745. La tradizione di Adamo e Eva trovasi tanto nel Veda che nella Bibbia colla differenza che nella Bibbia Adamo pecca per Eva, e nel Veda Eva pecca per Adamo. Nel Veda c'è anche un Visnù che redime gli uomini, molto somigliante al Gesù nostro.


749. aliis servis miser atque - duceris ut nervis alienis mobile lignum (Horatius). Il mobile lignum indica la marionetta - la imaguncula, magatell (mil.).


750. Gelida cum perluor aqua per medium frigus (Horatius). Anche Antonio Musa medico di Augusto era fautore dell'idropatia - e così un altro antico medico di Marsiglia, di nome, credo, Carino.


758. core (ingl.), gheriglio, quasi cuore, interiore - mil. cucurucu.


759. Sulle rose vedi passim i poeti greci. In part. Moore V. 2° (ediz. Tauchnitz) nota.


760. Il gran Milton è da leggersi la domenica, tra il profumo degli incensi, e le armonie dell'organo.


761. lucida Phocei - canities - Fecunda virorum paupertas - egestas ingeniosa - CF. la bolletta la guzza el talent, di Grossi - Silva minax (dell'istrice) - la magnete che si ciba di ferro - i templi vestiti di vittoria - l'amo vestito di cibo - mens ignara nocendi (Claudiano).


762. Tra le imprecazioni genovesi, si trova «che tu possa inghiottire un paraqua chiuso e cacarlo aperto - Che il mare gonfi tanto da cacciare i pesci nel culo del padre eterno - Che possano cader dal cielo in una botte tutti i santi con Gesù Cristo per tappo».


765. La Fescennina I di Claudiano negli sponsali di Maria e Onorio contiene passi che assomigliano assai a passi del coro di Manzoni intorno alla morente Edmengarda. - Molto bello, il carme dello stesso Claudiano a F. Mallio Teodoro Cons. - Buonissimi i consigli ad Onorio nel de V consulatu. - Birbantissimi peraltro i versi contro Eutropio, dove mercè il poeta - chi fa la peggior figura sono infine Onorio ed Arcadio, che aveano potuto sopportare, anzi onorare per tanto tempo, l'ora caduto in disgrazia Eutropio.


772. Claudiano, deridendo il caduto Eutropio parla delle sue tineae - (tegna? mil.).


793. Di Franck medico, che impiegò tutti i suoi guadagnati averi per erigersi un monumento funebre colossale (sul lago di Como), può dirsi che «restituì al cimitero quanto il cimitero gli diede». -


802. She wept and kist her children twain - Said «bairns, we been but dead!» (Antica poesia inglese) - Ecco il sublime!


807. mercante nel guadagnare, re nello spendere (Aretino) - si può dire del Duca di Galliera e del Pr. Torlonia.


813. Goldoni fece una commediola per le marionette - Ercole fra i pigmei, i quali fuggivano a uno starnuto di Ercole -


815. I cicisbei delle nostre ave, erano tre - quello d'onore - quello dei guanti e ventaglio - e il cicisbeo sostanziale. - Il cicisbeo quando la dama andava in chiesa, sollevava la tenda, bagnava il dito nella pila dell'acqua santa, e la dama si segnava e lo ringraziava con una piccola riverenza.


816. Perchè oggidì le declamazioni contro la tirannia, mosaici di frasi classiche, non fanno più nè caldo nè freddo? Perchè la tirannia non c'è più.


818. La «Sofonisba» del Trissino pare scritta, non da un poeta, ma da un estensore di atti notarili.


822. La coscienza e la parola - fanno l'uomo re della terra.


823. charà, allegrezza, cara (milanese) nell'escl. oh cara! (oh gioja!) - dokeì moi, daucht mir, mi sembra - flegma, infiammazione, (in it. flemma, l'opposto) - babàlion, cana Balia -.


824. kòrion, busecca - era un piatto assai gradito ai Greci fatto con le interiora e condito di latte e miele.


825. fìltra = amores - chi dice dunque filtri amatori, dice amori amatori.


828. CF. nuovo e uovo. - bàba, grido del bimbo, babbo - kòros, fanciullo, e fastidio.


842. Quarta quoque his igitur quaedam natura necesse est - Attribuatur (ea est omni nomine expers)... CF. Gorini - dove parla del fluido histico.


843. Gorini dice che per conservare un cadavere, bisogna ucciderlo completamente. CF. Lucrezio. L. III, v. 715 e seg.


844. Democriti quod sancta viri sententia ponit - (id.) CF. Dante: Democrito che il mondo a caso pone.


849. Vedi mirabile descrizione della Venere fisica in Lucrezio Libro IV dal verso 1024 al 1281.


862. E' buono l'epitalamio di Claudiano per Palladio e Celerina - Buona è anche l'introduzione del de raptu Proserpinae. Annojano però le solite stereotipate descrizioni di ricami, in cui si trovano dipinti coll'ago, il solito caos ecc. ecc.


864. Il prof. Nespoli di 5ª ginnasio, dicea agli scolari ch'egli non voleva dar loro soltanto istruzione ma anche educazione, e intanto si puliva il naso con un fazzolettone a colori, tutto tabaccoso, e vi guardava con attenzione il moccio, e lo seguitava a piegare e spiegare sul tavolo della cattedra per tutta la lezione. - Il prof. Sacchi di matematica (al liceo) sempre in ritardo di un buon quarto d'ora impiegava due altri quarti della sua ora a fare i preparativi per la lezione, nettando la lavagna, aprendo i suoi scartafacci, temperando matite, tagliandosi le unghie ecc. ecc. cosichè non gli restava perchè facesse il suo dovere che l'ultimo scarso quarto dell'ora. - Il Reale prof. dell'Università di Pavia, salito in cattedra per supplire al Cantoni di fisica, in una lezione sul moto - s'impaperò talmente che dovette restare di botto, esclamando: insomma, o signori, si persuadano che tutto è moto! - e siccome gli studenti si diedero a fischiare, aggiunse: «scuseranno la mia limitata capacità, perchè sono padre di numerosa famiglia».


868. Stazio e Dante offrono alcuni punti di contatto. Che Dante amasse Stazio, ne è prova lo averlo fatto comparire nel Purgatorio. P. es. «Orribili favelle - Parole di dolore, accenti d'ira etc.» (Dante) CF. Stazio Thebaida C. II. v. 50. - Il conte Ugolino che mangia il capo dell'arc. Ruggiero trova riscontro in Tideo che fa lo stesso con quello di Menalippo (Theb. C. VIII in fine) - Il Capaneo poi della Tebaide può aver suggerito il Rodomonte all'Ariosto.


869. Sive laborantes concepto flamine terrae - Ventorum rabiem et clausum eiecere furorem (Stazio VII, parlando dei terremoti). - La quale opinione era accreditatissima nell'antichità e fu riprodotta da Dante - caduta poi in disuso, venne ora rimessa alla luce da Paolo Gorini.


871. Notabile in Stazio Theb. VIII dal verso 303 in av. l'inno alla Terra. CF. con Dossi, in Colonia felice. - Così nelle «Silvae», la descrizione del Sonno, mitissimo fra gli Dei.


878. Stazio, come ogni altro autore di una letteratura che giunta all'estrema maturanza sta per marcire - abbonda di esagerazioni nell'espressione, p. es. Th., X. v. 145 - Tiene anche qualche frase che apparterebbe all'umorismo p. es. L. V verso 430 Thebaid. - «et paulum respirat coelifer Atlas».


883. pieno di mostri il cazzo.


886. latrans stomachus = inanis - vinum mutatum, che l'ha voltaa casacca (mil.) - beco, gallinacei rostrum, becco.


896. sis per si vis, o sultis per si vultis, forma imperativa familiarissima a Plauto, che corrisponderebbe al modo poli dei Francesi, s'il vous plait - Citus mutus (Plauto) - taci subito. CF. frase milanese.


903. Citare nella S. Um. i giochi di parole di Plauto - di Marziale etc. - di Eschilo, sul nome di Elena e di Sofocle, su quello di Ajace, di Shakespeare etc.


904. Num deerit, Priamum qui defleat, Hectora narret; - Ludere, Musa, juvat: Musa severa, vale (Anth. lat.) Traccie di umorismo nell'antichità si ravvisano specialmente in quelle scritture, che dicevano di non voler più cantare primordia mundi - pugnas Panthasileae etc.


910. Giova dividere un libro a capitoli, perchè «intervalla viae fessis praestare videtur - qui notat inscriptus milia crebra lapis» (Rutilius Namatianus).


917. Dei figli dei grandi uomini, V. Hist. Augusta in vita Severi V. I°, pag. 140 (Teubner).


921. skòmma - poene dixerim morsum figuratum, scocch (milanese) V. Macrobio L. VII. III dove parla anche delle loidorìa, quibus nec vocabula Latina repperio etc. - Sunt alia scommata minus aspera quasi edentatae beluae morsus.


923. uri Gallica vox et qua feri boves significantur. CF. il cantone d'Uri, svizzero, che porta per arme la testa di un bue selvatico (id.).


924. Tale, uscendo dal Teatro della Scala dove era stato fischiato la prima volta il Lohengrin di Wagner, disse che la miglior aria che avea sentito quella sera, era quella della strada.


927. baiòs, piccolo, basso - bajo (spagnolo).


930. Sit tibi terra levis mollique tegaris harena - ne tua non possint eruere ossa canes (Mart.) - Questa forma di componimento la prima parte del quale prepara il lettore a credere una cosa, e la seconda gliene dice una affatto opposta trova molti riscontri, anche nelle letterature odierne. CF. p. es. De profundis à l'usage de deux ou trois maris di Béranger, e an elegy on the glory of her sex Mrs Mary Blaize di Goldsmith - pag. 224 ed. Tauchnitz.


931. Semper pauper eris, si pauper es, Aemiliane: - Dantur opes nulli nisi divitibus (Martialis) CF. Richter «Lettera a Vogel» 1782: man muss nicht arm sein, wenn man reich werden will. Marziale è un trattato di scienza umana. -


932. Lethum, mors apò tes léthes, hoc est ab oblivione dictum. Alii per antiphrasim dictum putant ab adiectivo laetus, quod minime sit laetum, sed omnium rerum tristissimum. (!!) - (La stessa ragione per cui alcuni dottissimi etimologisti fanno derivare lucus, bosco sacro, da lux,-cis - appunto per non potervi penetrare la luce!).


934. L'umorista è l'avvocato delle cosidette cause perse, che egli riesce ancora, taluna volta, a salvare. L'umorista, in ogni fatto, cerca e trova il lato non conosciuto.


936. Deprendi veto te, Lesbia, non festui (Martialis) - E' il si non castum, saltem cautum dei preti.


938. Il sonetto di Porta, che inaugura le sue poesie oscene «preet, tosann, vicc, bagaj, sant de mestee ecc.» par tolto dagli epigrammi LXVIII e LXXXVI del libro III di Marziale.


946. Hostem cum fugerit, se Fannius ipse peremit - hic, rogo, non furor est ne moriare, mori? (id. L. II) - CF. Dossi, A. Pisani «e per paura di morte morì» -.


952. Sexstiliane bibis quantum subsellia quinque - solus (id.). CF. il mil. ciôcch come la giustizia.


954. Sulla fama che tarda segue i migliori. Vedi Mart. (L. V. Ep. 10).


957. Victurus Genium debet habere liber (id.) - est sub alapa (Petronio), el va anmò alla scoeula del cardeghin del boeucc (mil.).


958. Comune a tutti gli umoristi è l'odio contro i falsi dotti (V. pref. di Didimo Chierico al Viaggio Sentimentale dello Sterne) e contro i camminatori per le vie trite. Marziale che ha la sua buona parte di umore - dà a vedere quest'odio in parecchi de' suoi epigrammi - per es. nel 49 del libro IV «nescit crede mihi, quod sint epigrammata, Flacce ecc.». Da citarsi nella Stor. dell'Umorismo l'epig. 25 del libro VII di Marziale, «dulcia cum tantum ecc.» V. 969.


959. Non est paupertas, Nestor, habere nihil (Martialis). CF. Cardano: Et desii pauper esse dum mihi nihil relictum est. 961. Tam mihi nigrescunt tonsa sudaria barba - et queritur labris puncta puella meis - (id.) - Cecilio, Atreo delle cucurbite - O tunicata quies - inutilis uva Lyaeo, uva duracina (biciollana) pizzutella.


974. Clausa mihi texto cum prandia vimine mittis... (porta vivande in vimini) - torta meta, forma torta pei pasticci (donde, torta?).


975. Di Marziale sono notevoli gli epigrammi - 14 e 55 del L. X - 14, 18, 19, 34, 35, 40, 93, 102 del L. XI. (Si noti che il L. XI di Marziale è il più sconcio, ma è anche il migliore) - e gli epig. 12, 17, 39 del L. XII.


977. morosi amantes - fantastici amanti (Cicerone) - i nostri moros. - domum, home - Intyba, indivia - cichoreum.


978. Scelus est pietas in conjuge Tereo (Ovidio). CF. Dante «quì vive la pietà quando è ben morta» - Faedaque fit volucris venturi nuntia luctus. CF. Dante, con tristo annunzio di futuro danno - Si gratia, dixit, ulla mea est ecc. CF.Dante ...ho io grazia appo di te ecc. - Satis ad fata vel unum - vulnus erat.CF. Dante sol uno - Deme meis annos et demptos adde parenti (Ovidio) - pensiero ripetutissimo tra gli scrittori antichi e moderni. CF. p. es. Lamb ne' suoi Sketches. - Non sum qui fueram. CF. Foscolo sonetto, «non son chi fui, perì di noi gran parte» - Sonetto, che come le altre cose di Ugo è tutto un mosaico di frasi tolte dagli antichi.


979. Et satis a media sit tibi plebe legi (Ov.) - il mezzo ceto, la borghesia.- cappa del camino, da kapnòs fumo? - patres et medium vulgus (L. VII. v. 432).


981. Ovidio è uno dei soliti pozzi a cui molti autori sono andati a cavare il loro ingegno, e la loro fama. Ariosto ad es. tolse da lui la descrizione della tempesta e della casa del sonno (L. XI v. 592 e seg. Metam.) - Dante quella della foresta, che sanguina e parla ecc.


982. La lingua latina era poco pieghevole all'umorismo. Poichè anticamente mancava la borghesia, che oggidì è tutto, e di cui l'umorismo è la letteratura. Ovidio sfiora qua e là i nuovi tempi, ma la maestà romana gli è sempre d'impedimento. Il paludamento Romano gli va sempre tra i piedi. Era esso un vestito che non faceva bella figura se non negli affari di Stato e di alta Poesia - Gittato via, si rimaneva alla plebea tunica - Plauto è meno umoristico che comico - e il comico è plebe. - Fra i passi di Ovidio (Metamorfosi) citabili per ironia umoristica sono p. es. i seguenti: L. II v. 235... 254... 366... 544... - L. III 587... - L. IV... 187 - L. IX 692 - L.XIV 679. - L. XV. 139, 760. - In Ovidio si trovano maravigliosi brani, che hanno aperto la via al romanzo, e ne sono già sommi esempi per la condotta degli affetti e del dialogo. V. p. es. le storie di Bibli e Cauno (L. IX) e di Mirra e Cinira. - La chiave delle Metamorfosi si trova nel L. XV - nella parlata di Pitagora - Altri esempi poi di finissima ironia e di umorismo li danno l'Ars amandi, e il remedium amoris. - Nella descrizione della peste (Metamorfosi) si ravvisano molti punti di contatto fra quella di Ovidio e quella di Lucrezio - che stanno tra loro appressapoco come quelli del Ripamonti - Fiamma e del Manzoni. Nojose peraltro le solite prolisse descrizioni delle Pugne tra i centauri e Teseo (Metam. L. XII).


986. Ars adeo latet arte sua (Ov.) - L'arte che tutto fa, nulla si scopre (Dante).


987. nec conjugis usquam - busta meae videam, nec sim tumulatus ab illa (Ov.) - CF. Pozzone, parlando a sua madre «O un dì medesmo una medesma squilla - passati insiem ci pianga».


992. Utque ego majores sic me coluere minores (Ov.). CF. qui coluere, coluntur (id.). La coscienza del proprio merito è comune ai grandi scrittori, e anche a quelli che meglio sapevano velar di modestia il proprio orgoglio come Manzoni.Dante è pieno di sè - Ovidio termina le sue metamorfosi, dicendo «quaque patet domitis Romana potentia terris - ore legar populi, perque omnia saecula fama, - si quid habent veri vatum praesagia, vivam» - Così Camoens (benchè poeta di 2° ordine) - ecc. ecc. così lo stesso Manzoni «e sciolgo all'urne un cantico - che forse non morrà».


1005. Quod tu cum olfacies, deos rogabit - totum ut te faciant, Fabulle, nasum - CF. Porta «Che per usmaj se vorev vess tutt nas (nel miracol)».



Parte seconda


1007. Ut flos in septis secretus nascitur hortis ecc. Catullo L. II Carmen nuptiale. CF. Ariosto «La giovinetta è simile alla rosa ecc.» - Jacques de Gohorry dans le livre d'amour - Ovidio Metam. L. III ecc. ecc.


1008. ebriosa acina (Cat.) - hesternus dies, yesterday - cerasus, scires (mil.) - mea Pila est (Plauto), ho la palla in mano.


1009. Vive diu mihi, dulcis anus, proprios ego tecum - sit modo fas, annos contribuisse velim (Tib.) - CF. Lamb (Sketches), che voleva unire gli anni ancora a lui destinati con quelli di Bridget per ripartirseli tra loro egualmente.


1018. victricesque moras Fabii (Propertius) - hic nulla puella, il n'y a plus d'enfant - pallium tuum, paltò


1028. Multas per gentes et multa per aequora vectus ecc. (Cat. Inferiae ad fratris tumulum) CF. Foscolo, sonetto in morte del fratello «un dì s'io non andrò sempre fuggendo» ecc.


1029. fu buono senza bontà, coraggioso senza coraggio.


1037. ferroque faces inspicat acuto - frase di Virgilio - potrebbe esprimere solennemente il modestissimo lavoro di chi aguzza i legnetti pei zolfanelli.


1039. Potniades, cavalli di Potnia, poney? - mo, per ora dal latino modo.


1040. tibi ducitur uxor - sparge, marite, nuces (Virg.?) - CF. nuces e nozze - pan e nos mangià de spos (mil.) - La noce emblema, dicono, della copula stendendo il guscio il velo sull'interno mistero. Io troverei invece questo emblema nella necessità di rompere il guscio per arrivare al dolce frutto.


1041. nec nautica pinus - mutabit merces; omnis feret omnia tellus (Virg.) - Bell'età davvero! e si osa sperarla!


1043. Moltissimi versi di Virgilio hanno la capacità di essere applicabili alle più disparate materie. Qui legitis flores et humi nascentia fraga - frigidus, o pueri, fugite hinc, latet anguis in herba, potrebbe servire di motto a qualche libro, dove con tutte le lusinghe dell'Arte, si trattano argomenti insidiosi alla castità ecc.; l'Ite domum pasti, si quis pudor, ite juvenci - sarebbe ben detto da un re che sciogliesse una camera di deputati vendicoscienza - per es. la nostra.


1044. Pallentes violas et summa papavera carpens - (id.) CF. Manzoni, il pallor della viola. - Ducere in longum, tirà in longh.


1045. malo me Galathea petit - C'è chi traduce «mi tirò un pomo per farmi accorgere di lei». Una simile frase in Teocrito e Aristofane vuol dire eccitare all'amore - Ne sarebbe anche un esempio la leggenda biblica del pomo di Eva?


1056. descendunt statuae restemque sequuntur; - ipsas deinde rotas bigarum inpacta securis - caedit, et immeritis franguntur crura caballis: - jam strident ignes, jam follibus atque caminis - ardet adoratum populo caput, et crepat ingens - Sejanus; deinde ex facie toto orbe secunda - fiunt urceoli, pelves, sartago, matellae - (Giovenale). Il sudate o fuochi a preparar metalli fu ispirato all'Achillini da una scorretta edizione di Giovenale.


1066 b). gaudent... garruli secura narrare pericula nautae (id.) e per converso - Dante, «non vi ha maggior dolore, che ricordarsi del tempo felice - nella miseria» Il rovesciare l'idea altrui è già plagio.


1068. Si ravvisano molti punti di contatto fra Giovenale e Zanoja -


1069. ubicumque sanguis est, ibi est anima et operatur - Questa opinione è antichissima - ed ha un gran lato di verità. Si possono istituire paragoni tra il sangue animale, vegetale e minerale (Vedi fisiologia plutonica di P.Gorini, Origine dei Vulcani).


1071. A proposito dei pedanti che trovarono da dire su Manzoni che aveva usato nei suoi «Promessi» lo per ciò - V. Dante Purg. XI v. 141... Faranno sì che tu potrai chiosarlo cioè chiosare ciò. - La pedanteria è figlia dell'ignoranza.


1073. Il canto VII Purg. di Dante - si potrebbe chiamare il canto dei nasi - Al v. 103 dice: «e quel nasetto che stretto a consiglio» - al v. 113 «cantando con colui dal maschio naso» - e al v. 124 «anco al nasuto vanno mie parole» ecc. - E' uno dei pochi punti della divina satira dove si trovino traccie di umorismo comico - chè di umorismo tragico, essa abbonda. V. anche 1086.


1074. Padre e suocero son del mal di Francia ecc. (Dante Purg. C. VII v. 109).- Se per mal di Francia si allude anche alla lue venerea - questo sarebbe allora anche secondo Dante anteriore alla discesa in Italia di Carlo VIII - quì parlando il poeta di Filippo il Bello. -


1077. Quinci comprender puoi ch'esser conviene - Amor sementa in voi d'ogni virtute - e d'ogni operazion che merta pene. (D. Purg. XVII v. 103 e seg.) E' un giuoco di parole che par fatto apposta. - Amore - acceso di virtù sempr'altri accese - purché la fiamma sua paresse fuore - (id.)


1078. Dante come ogni altro grande poeta ha certe sue peculiari e strane espressioni - p. es. perch'io te sopra te corono e mitrio (Purg.) - Ora era onde il salir non volea storpio - trassi dall'aqua non sazia la spugna (cioè non mi cavai del tutto la voglia di richiedere) - Così Dante, quando gli si presenta al balzo un gioco di parole, lo piglia come fa anche lo Shakespeare, per es. perchè fur negletti li nostri voti e vòti in alcun canto (Paradiso C.III v. 57) - V. per l'Alliterazione, l'indice.


1079. Così parlommi, e poi cominciò «Ave-Maria» cantando, e cantando vanio - come per aqua cupa cosa grave. - (Dante Paradiso) - Sparve - come per l'aqua il pesce andando al fondo - Me ricevette com'aqua riceve - raggio di luce. - Per me reputo il Paradiso, la parte più bella del divino poeta. Leggendolo, par di essere trasportato in una strana vita spiritica, tutta illuminelli di specchi e riflessi di aqua ecc. Per citarne i migliori passi, bisognerebbe trascriverlo tutto.


1081 b). (V. 1071) Ai pedanti che non vogliono moderno ma odierno, si possono citare i due versi di Dante, che è la nostra prima autorità in fatto (i pedanti direbbero in atto) di lingua. «Per modo tutto fuor del moderno uso» (Purg. C. XVI, v. 42)... «Che quanto durerà l'uso moderno» (Purg. XXVI, v. 113) - cunta (Dante) per indugio, da cunctari - cuntee (milanese) - coto, pensiero. CF. con coito e trova i rapporti tra la generazione degli uomini e delle idee.


1084. Vedi pei giorni della Merla, Dante (Purg. C. XIII, v. 121 e seg.). Dante è prezioso non solo per la poesia, la storia e la filologia - ma anche per la piccola archeologia di molti usi e costumi regionali d'Italia.


1085. Dante, come ogni altro grand'uomo, era pieno di sè - chè senza intima fiducia a nulla di sommo si arriva - e non solo tradisce questo in molte frasi della sua Divina Comedia, ma lo confessa francamente nel C. XIII del Purgatorio (dal v. 133 al 138) dove dice che non ha tanto paura di passare un po' di tempo nel luogo degli invidiosi, quanto in quello de' superbi.


1089. Aristofane, ha un Posto importante nella Storia dell'Umorismo. Comune agli umoristi è l'inventare le parole e Aristofane ne ha trovate alcune che valgono, per idea, pagine. Le conosciutissime Nefélai hanno punti magnifici di umorismo - per es. il racconto di Strepsiade al figlio del suo matrimonio - il dialogo col discepolo di Socrate (la pulce e la zanzara). - St. Atàr tì pot'es ten ghen blépusin utoì? - Mathetés? Zetùsin ùtoi tà katà ghés. St. bolbùs ara - zetùsi ecc. (pag. 190-191 editio minor Teubner)... Math. (mostrandogli una carta geografica) opàs? - aìde men Athenaì. - St. tì sy légheis? ou peìthomai, - epeì dikastàs ouch orò katheménous -. poi il frizzo sull'Eubea - indi... St.all'e Lakeidaìmon pu 'st?Math. opou 'stin? Auteì. - St. os engýs emòn. tùto méga frontìzete - taùten af'emòn apagagheìn pòrro pàny e così via (pag. 192) - Notabile il passo dove Socrate racconta che cosa fanno le nubi. Sok. : u gàr ma Di' ecc. V. pag. 200 - notabile il dialogo fra Strepsiade e Socrate...Sok.: - allà brachéa su pythesthai bùlomai, - ei mnemonikòs ei. St. Dýo tròpo, né ton Dìa - en men g'ofeìletai ti moi, mnémon pany - eàn d'ofeilo, schetlios, epilésmon pany... Sok. Fer'ìdo, tì dràs, en tis se týpte? St. týptomai...Magnifico è l'altro dialogo fra Socrate e Strepsiade dopo l'intermezzo del coro, per la vivezza, la soja ecc.


1091. Nelle Nefélai (Vedi 1089-90) è pure notabile la disputa tra il Giusto e l'Ingiusto dove il Giusto soccombe - squarcio di satira umoristica in cui Aristofane mette in berlina l'Atene de' giorni suoi - dalle parole d'oro e dal cuore di fango.


1092. Tra i giochi di parole di Aristofane si nota il tì dèta lereìs, òsper ap'ònu katapesòn? (Nefélai v. 1275) - o apò nù - cioè cader dall'asino - e cader di cervello (impazzire) - Tra gli equivoci di Plauto si nota il Maris causa hercle istoc ego oculo utor minus: - nam si abstinuissem a mare, tamquam hoc uterer (Miles Gloriosus IV. 7) a mare o amare. - Altro gioco di parole aristofanesco nei Cavalieri: chésaito gar, ei machésaito se la farà sotto se combatterà.


1095. Anche Aristofane (V. 1070 ecc. coscienza del merito proprio) teneva coscienza del proprio merito - Vedi p. es. - Nubi - I° intermezzo, versi del coro 560-62. - òstis un tùtoisi ghelà, (alle comedie cioè de' suoi rivali) tois emoìs me chairéto. - en emoì kai toìsin emoìs eugraìnesth'eurémasin, - es tas òras tas etéras eu groneìn dokésete.


1097. o pambasìlei' Apaiòle - aithéra... biothrémmona pànton - CF. Dossi, il creatore soffio di Dio - thýraze - heraus - sý, Kpovìon òzon, che sai di Saturno, cioè set un andeghee (mil.) - paìs énorchos - puer testiculatus, ben coglionato - tòlmema néon, ardimento nuovo - nefélas, reti finissime -


1098. Nei Cavalieri altra bellissima comedia satirica di Aristofane - dove si dà la soja al popolo badaud e agli adulatori del popolo - un venditor di salsiccie che aspira alla Politica, chiede parere a un domestico... eip'emoì kaì pòs egò, - allantopòles on, anér genésomai? - Oiketés A: di'autò gar toi tùto kaì gìgnei mégas. Otiè poneròs, kax agoràs ei, kaì thrasýs - etc. V.IPPES dal v. 180 in avanti - Dice il venditor di salsiccie «tuttavia non mi credo nato al governo» - Al che il domestico: non sei nato?... bah! non hai a far altro che ciò che fai - mescola, imbroglia, lusinga il popolaccio addolcendotelo con parole cucinesche (con carezze da cucina) (ton démon aeì prospoiù, - ypoglykaìnon rematìois magheirikoìs). In complesso, hai qualità eccellenti pel popolo - voce forte - cattiva nascita - ciarlataneria - Tu tieni tutto quanto è necessario a governare. Inoltre concorrono a sollevarti gli oracoli. Coronati dunque e liba alla Stultizia - poi va e combatti l'uomo (che è Cleone) - Il venditor di salsiccie vuole che il Démos, personaggio simbolico pel popolo - giudichi la causa fra lui e Cleone non al Pvýx ma a casa sua, ma come Démos nega, egli esclama: oìmoi kakodaìmon, os apòlol'. O gar géron - oìkoi men andròn esti dexiòtatos - òtan d'epì tautesì kathétai tes pétras - kéchenen e non sa dire più nulla. - Buona è la scena tra il Salsicciaro e Cleone, che fanno a chi adula più vigliaccamente il popolo, e a gara gli offrono i più schifosi servizi.


1099. Kechenaìon pòlis la città di coloro che stanno a bocca aperta a quanto succede: magnifica trovata per indicare il carattere degli Ateniesi. CF. con Parigi, la ville des badauds


1100. Negli Uccelli di Aristofane, nota il carattere del dio Triballo, dio barbaro, che viene con Ercole e Nettuno in ambascieria agli uccelli - e cui, per il suo nulla capire, gli fanno dire gli altri due quanto mai vogliono - p.es. Poseidòn: kaì ton Triballòn výn erù - Eraklés: o Triballòs oimòzein dokeì soi? (cioè, appressapoco, vuoi andar sulla forca?) Triballòs: (che non capisce nulla) saunàka - baktarikrùsa. Er. Fesìn eu léghein pàny - Questa scena venne più volte imitata. CF. p. es. comedie in dialetto milanese di Maggi, o in veneto di Goldoni - Buona la scena con gli ambasciatori, dove Peisthétairos insinua sagacemente nel suo discorso alcune frasi che dicono di cucina, tanto che Ercole e Nettuno che hanno appetito, scendono a patti. - Così, quando Peisth. chiede loro Sovranità in matrimonio, e Nettuno risponde u diallagòn eràs - Peisth. Olìgon moi mélei - màgheire, to katàkysma kré poeìn glyký - e allora Ercole: o daimòni' anthròpon, Pòseidon, poi férei? - emeìs perì gynaikòs miàs polemésomen? (Ornithes v. 1635 ecc.) V. 1103-04-05.


1101. Le Ekklesiàzusai - è una fra le parodie più saporite di Aristofane - Magnifica, argutissima è la prima scena della prova dell'assemblea femminile.- Assai bello anche il Plùtos in quella parte almeno che formerebbe i primi tre atti - dopo, val nulla. - Vedi Plùtos pag. 231 per un notabile carattere di vecchia innamorata di un giovinetto cui dà regali ecc.


1103. - Euelpìdes. u deinòn un dét'estìn, emàs deoménus - es kòrakas eltheìn, kaì pareskeuasménus - épeita mè xeureìn dýnasthai ten odòn? (non è egli strano abbisognar della forca, esserci apparecchiatissimi, e non trovarne la strada?) 1105. Umoristica assai la scena negli «Uccelli» dell'Indovino che interviene alla fondazione della nuova città Nefelokokkygìa. L'indovino legge un oracolo sulla nuova città, che termina: de k'emòn epéon élthe pròtista profétes, - to dòmen imàtion katharòn kaì kainà pédila... - Peisth. ènesti kaì ta pédila?Chresmològos. làbe to biblìon. - kaì fiàlen dùnai, kaì splanchnon keìr'epiplésai... Peisth. kaì splànchna didònai 'nesti? Chres. labè to biblìon... e così via, finchè Peisthetaìros gli dice: ma io tengo un altro oracolo di Apollo, che non s'accorda col tuo, che è «quando venga tale non invitato a turbare i sagrifici e a domandare l'arrosto delle are, picchiatelo ben bene». E allora il Cresmologo: oudèn léghein oìmai se. Peisth. labè to biblìon - e così via, parodiando le risposte dell'indovino (Ornithes).


1107. V. p. un es. di equivoco osceno, Lysistràte v. 21. - Lalonìke. tì d'estìn, o fìle Lysistràte, - ef'o ti poth'emàs tas ghynaìkas synkaleìs? - ti to pràgma? pelìkon ti? (che affare l'è? come l'è gross?) Lys. Méga. Kal. Mon kaì pachý? - Lys. kaì ne Dìa pachý. Kal. kàta pos uch ékomen? - Lys. u ùtos o tròpos (l'equivoco tra affare (cosa a trattarsi) e cazzo - è riproducibile in milanese).


1109. Bellissima nella Lisistrata la scena fra Lisistrata e le donne Beote, Corinzie e Lacedemoni ov'essa le vuole persuadere, per obbligare i mariti a far la pace, a negar loro la fica (da pag. 196 in avanti) o pankatàpygon theméteron àpan ghénos... udèn gar esmen plen Poseidòn kaì skàfe (cioè non siamo buone che a una cosa sola).


1110. Notevole nei Bàtrakoi la scena comica dove si pesano i versi di Eschilo e Euripide pag. 85-87.


1111. A proposito di Alcibiade, dice Bacco in una comedia di Aristofane che Atene lo brama, lo odia, non ne può far senza - potheì men, echthaìrei de, bùletai d'échein.


1112. CF. il «how do you do?» corrispondente all'antico francese «comme la faites vous?» e all'Italiano (in Doni, Marmi) «Come la fate voi?» - al passo negli Uccelli di Aristofane, dove l'Epops chiede: pos d'yghìeian dòsus'autoìs, ùsan parà toìsi theoìsin? - Peisthetaìros: en ey pràttos', ouch yghìeia megàle tùt'estì? - os ànthropos ghe kakòs pràtton atechnòs udeìs ygiaìnei.


1116. Le comedie di Aristofane ci pajono monche per la mancanza di tutto l'apparato scenico e specialmente della musica. Molta parte di esse era espressa dalle vesti, dalla mimica ecc. Chi del resto pigliasse in mano il semplice copione di un vaudeville del dì d'oggi - che avesse anche fatto il più gran furore del giorno, lo troverebbe la più insipida e sconclusionata delle cose. - I vaudevilles d'Aristofane hanno un valore più archeologico e politico che non artistico -


1117. Gli Ateniesi condannavano Diagora, Socrate e Alcibiade come empi, e poi ridevano alla empietà scenica di Aristofane. Gli Ateniesi erano scettici, possedevano tutti i vizi e tutte le virtù - e però dovevano amare la comedia umoristica di Aristofane.


1118. Le comedie di Aristofane si potrebbero chiamare vaudevilles politici.Aristofane è patrioticissimo - nobilissimo nella «Pace». Quanto alle sue frasi lorde, (e qui si potrebbe fare l'osservazione come una tale lordura sia comune alla massima parte degli umoristi) vanno messe - sul conto degli spettatori e non dell'autore.


1119. La parodia non può avere per oggetto se non le cose migliori. Essa è lode, è apologia, perchè, esagerando le critiche, combatte queste e distrugge - Il comico risulta meno d'un esempio a seguire che non di uno a fuggire.Donde il poco successo di tante istruzioni puramente morali che alcuni si avvisano di sceneggiare, invece di darle divise a capitoli, in opere di tutt'altro genere.


1121. Non è più possibile un Omero, perchè non sono più possibili gli uomini per cui Omero scriveva.


1123. Ieroklés (nella «Pace» di Aristofane) o méleoi thnetoì kaì népioi... - Trygaìos... es kafalén soi... questo ritorcere le maledizioni su chi le proferisce trova un riscontro nel King Richard III di Shakespeare, dove re Riccardo ritorna sul capo della regina Margherita le sue imprecazioni.


1126. La parola capriole (capriola) fu inventata da Mad.lle le Fevre, valorosa grecista, nel tradurre Aristofane (V. 1339) - La parola ferrovia venne trovata dal Prof.re Luigi Sailer (almeno a quanto mi fu assicurato).


1127. A Napoli, si trovano ancora persone che osano dirvi: Eccellenza, comandate un abatino? comandate un canonico?... Cavaliere, volete un testimonio falso? (1870).


1128. Lo stesso freddo procura alla terra la veste per ripararsene - la neve.


1129. Se tanti sono gli ingrati, come dicono i misantropi, altrettanti, per conseguenza, devono essere i benefattori. Così rado si trova chi dovendo ad altri non abbia credito con qualcheduno; così rado un offensore che non sia mai stato offeso.


1130. Al matrimoniale diritto bisognerebbe conservare sempre el fogn dell'amor. Io per es. non dormirei abitualmente con mia moglie. Il primo peto basta a ingiallire e sfiorire la rosa della poesia - e senza poesia l'amore finisce presto (1870) - Falso 1879).


1132. Manzoni corrisponderebbe a Mozart - Rossini a Rovani - Verdi a Dossi.


1134. La satira nei tempi di oppressione diventa più fina che in quelli di libertà. V. la satira di Orazio - mentre la satira odierna di Carducci è la controprova di sè stessa, mostra cioè che non c'è tirannia.


1135. Dice Plutarco che Aristofane scrisse meno per le persone sensate quanto per degli uomini corrotti, pieni d'invidia, di birberia e di libidine... Le sue parodie dovevano immancabilmente riuscire presso un popolo che voleva ridere di quelle cose stesse che gli avevano poco prima strappate le lagrime... Menandro cambiò il gusto comico, e fu applaudito dagli Ateniesi ma in un'Atene cangiata. V. per Aristofane, Th. des grecs par le P. Brumoy, tome X, pag. 264.


1136. L'antica comedia greca faceva ciò che fa in parte l'umorismo - Si burlava di tutto - trovava il lato ridicolo di tutto -


1139. Il Bello può distinguersi in assoluto, immutabile a tutti i tempi - e relativo che va col gusto del secolo e cangia col cangiar della moda. E' rado che queste due sorta di bello non si mescolino nelle opere d'arte, il relativo dà la subita nomea, l'assoluto la fama ventura... Guai a quelle opere, belle di solo bello relativo!


1140. Gli autori comici devono invecchiare come le mode.


1141. Aristofane riesce di difficile intelligenza per i molti tratti di spirito di cui è sparso, e che sono oggidì, in barba ai commentari, incomprensibili la più parte... Dans toutes les langues la dernière chose qu'on apprend est l'esprit: or cet esprit n'est jamais si saillant que dans la plaisanterie. Je n'ai commencé à rire à la lecture de Térence, de Plaute et de Martial qu'à l'age de trente ans (Memoires de Casanova) - Ce qu'on appelle plaisant et comique n'est qu'un tour, un rien qui veut être senti dans son point précis. Pour peu qu'on s'éloigne de ce point, la plaisanterie disparaît et ne laisse en sa place que la fadeur. Tel bon mot, qui aura réjoui une compagnie, ne vaudra rien du tout étant exposé au public, parcequ'il est isolé et separé des circonstances qui le rendaient piquant. Il en est à peu près de même de plusieurs railleries anciennes; leur sel le plus subtil s'évapore à la longue: et ce qu'il en reste s'affadit à notre égard. Il n'y a que le plus mordant dont la pointe ne s'ém[o]usse jamais. (Discours sur la comédie grecque, par le P. Brumoy).


1145. Nei dì saturnali era lecito allo schiavo di dire al padrone ciò che voleva. Si ristabiliva tra gli uomini una specie di fratellanza. V. Kronosòlon di Luciano. Vol. 4 editio minor Teubneriana, pag. 193 - e Tà pròs Kpónon Luc.V. 4. id. id. pag. 187. Luciano va citato fra i precursori dell'odierno umorismo. Nella prima lettera saturnale, pag. 198 stesso volume, ricca di celia - sono i poveri che fanno auguri ai ricchi - Chiedono loro di dividere seco le ricchezze, se no, augurano che le lepri con gli spiedi in corpo, i cervi ecc. fuggano dai loro piatti e corrano ad essi; che delle formicone abbiano a portar via i loro grani d'oro ecc. - La seconda delle lettere, che è la risposta di Saturno, è ancora migliore. Cerca d'aquietare i poveri mostrando loro la povertà dei ricchi. E tìna an autòn (ricchi) radìos deìxai dýnaio, me pàntos ochròn ònta, polý to nekròdes emfaìnonta? tìna de es ghèras afikòmenon tois autù posìn, allà me foràden epì tettàron ochùmenon ecc. V.pag. 204 e seg. v. 4 - udèn òfelos, ei amàrtyros e ktésis eie... Eidòs oti met'olìgon àpantas deései apiénai ek tù bìù, kakeìnus ton plùton kaì ymàs ten penìan aféntas.


1150. Assai umoristica la favola milesiaca del Lucio asino - attribuita a Luciano - spec. nell'ultima parte dove una donna s'innamora di Lucio ancor asino, poi non ne vuol più sapere quando Lucio le appare in forma di uomo.


1159. L'origine degli obelischi potrebbe vedersi nei due phalli, che si usavano porre alle porte di alcuni tempi - teste Luciano, de Syria Dea kaì falloì de estàsi en toìsi propylaìoisi dyo kàrta megàloi: epì ton epìgramma toiònde epighégraptai: tùsde fallùs Diònysis Ere metryié anétheka. Bella consacrazione! Ma forse Bacco voleva con ciò monumentalmente dire che della avversa matrigna non gliene importava un cazzo.


1160. Nell'Adònidos òrghia la Grecia piangeva ogni anno la morte di Adone e poi ne festeggiava la risurrezione - Anche i misteri di Mitra e di Api velavano lo stesso avvenimento, e così il mistero di Cristo. - Per Adone ecc.chi intende il Sole, che par vada morendo e poi rinasce (Natale) - chi intende il membro virile nei suoi deliqui e nelle sue erezioni.


1161. Nella letteratura antica o si rideva tutto o si piangeva tutto - e se talvolta il riso e il pianto convenivano nello stesso libro, ciò succedeva alternativamente. Nell'odierna invece Eraclito e Democrito sono venuti ad abitare la stessa casa - si ride e si piange, piove e fa sole nel medesimo istante. Ed ecco la letteratura umoristica - che è il giusto temperamento fra la passione e la ragione.


1163. Diceva un ubbriacone: ho paura di essere stato morsicato da un cane - Perchè? gli si chiese - Perchè non posso veder l'aqua - rispose.


1165. Sulla fine dell'ONEIROS E ALEKTRYON di Luciano, si trova il motivo del Diavolo zoppo di Lesage - il quale può del resto essere anche stato ispirato dall'altro dialogo lucianesco l'Icaromenippo (spurio).


1166. Apoblépsas de dé kaì es ten Pelopònneson, eìta ten Kynosurìan ghén idòn, anemnésthen, perì òsu chorìu, kat'udèn fakù Aigyptìu platytéru, tosùtoi èpeson Argheìon kaì Lakedaimonìon miàs eméras (Icaromenippo, Luciano) CF. i già citati passi di Shakspeare e di Aleardi.


1167. Nell'Icaromenippo (pag. 200 vol. III), Menippo scrive a Giove, il quale (dice Menippo) metaxý te proiòn anékrine me perì ton en te ghé pragmàton, tà pròta men ekeìna, pòsu nun o puròs estin ònios epì tes Ellàdos: kaì ei sfòdra emòn o pérysi cheimòn kathìketo; kaì ei tà làchana deìtai pleìonos epombrìas... Si noti come in generale gli scrittori umoristici - siano sparsi di empietà.


1171. V. 1389) Da citarsi nella Storia dell'Umorismo gl'Inferorum, Deorum, e Meretrici, dialoghi di Luciano come pure il Lucius Asinus, e la Vera historia, sp. nella Prefazione. V. 2° p. 135-137. Ed. minor Teubner.


1173. Dice la Rettorica, lagnandosi di Luciano che l'ha abbandonata pel Dialogo: eppure io mi tengo a lui fedele... e a tanti amanti miei non apro la porta, benchè picchino, gridando il mio nome, orò gar autùs udèn pléon the boés komìzontas.


1176. speranza - sogno di chi veglia.


1177. amico - anima che abita in due corpi.


1178. Le tre bellezze - delle forme, dell'ingegno, e del cuore - mostrare in un romanzo, in cui tale è in cerca di moglie, come l'ultima di queste bellezze sia la più desiderevole.


1179. Troppo facilmente si dà del birbante, a cui la sorte è contraria, come del galantuomo a cui la sorte sorrise. -


1180. AMORE. AFFEZIONE AMICIZIA DEVOZIONE Nell'affezione, ci riteniamo superiori all'oggetto amato - come nei rapporti di benefattore e beneficato - genitore e generato ecc.nella devozione, ci riteniamo inferiori, come nei rapporti di servo a padrone, di scolaro a maestro ecc.nell'amicizia ci riteniamo eguali all'oggetto amato. - Nella genealogia d'amore non rimane posto alla connessione fisica - tra maschio e femmina -


1181. Fu colto da tanta paura che non potè neanche fuggire. Marcarini il cui solo coraggio fu di fuggire...


1182. I leoncini di terraglia bianca, delle vecchie osterie, nella cui groppa s'infilano gli stuzzicadenti.


1183. I tiranni di sè stessi - Gl'indecisi, i dubbi. (nei Tiepidi).


1184. Quand'io, sventuratamente, ho lite con qualche amico, mi affretto a rappacificarmi con lui, io pel primo - temendo ch'egli non mi divanzi nel soavissimo atto.


1185. Eh? i collegiali, come male vestiti?... epperchè? perchè le loro giubbe, le loro brache, le loro scarpe si fabricano a centinaja - Così dei loro intelletti - ... Vero è che qualcuno riesce passabilmente... Ciò vuol dire soltanto che il vestito gli è, per caso, andato bene.


1186. Riconoscere i propri torti e domandarne altrui scusa non è già un avvilirsi, ma è anzi un rialzarsi nella stima degli altri e di noi. La verità è una sola - e chi l'offende offende sè stesso, perchè la verità è il massimo comune Tesoro a tutti gli umani. Quindi ne viene che una concessione fatta agli altri in omaggio a lei è pur fatta a noi. Chi conosciuto nell'intimo suo di aver torto - segue ad averne per non volere dar voce al proprio sentimento - è reo di tradimento verso di sè - : è un vile.


1187. Spesso l'uomo afferma cose che internamente nega, per sentirsi dalla negazione altrui riaffermata la propria interna.


1188. La luna, appena nata, sembrava una cimatura d'unghia...


1189. Un tratto di spirito a tempo cangiò spesso una tragedia in una comedia.


1190. Una gran parte dei letterati di seconda mano ha le gambe sbilenche, es.il Giussani, il Gargiolli, il Maineri ecc. ecc.


1191. Il genio della scienza distrugge il genio dell'arte - si dice. Non credo: chè ai loro tempi Omero e Dante erano non solo grandi artisti ma grandi scienziati. E che dire di Galileo e di Gorini ecc.?


1194. Dicono che la filosofia è la medicina dell'anima. Ammettiamolo. - Ma insieme, ammettendone anche le sue conseguenze, diremo che la filosofia come la medicina è pei malati e non per i sani. Come la medicina poi è un veleno - e ogni veleno, se in breve quantità, giova, in grande uccide.


1195. Erano le risposte della Pizia tali che per comprenderle ci voleva un'altra Pizia.


1196. i sonatori di organetto si possono definire «un accattonaggio con accompagnamento di musica».


1197. Molto umorismo nel navigium seu vota di Luciano. Vi si trova spiccatissimo il vero carattere degli Ateniesi - la soja - il prendersi in giro a vicenda - (da pag. 93 in av. specialmente).


1198. L'umorismo è la letteratura dello scetticismo. Democrito e Epiruro sarebbero i suoi fondatori. - Momo era il fou di Giove. - Nella S. Um. accenna ai giullari pei quali non si ruppe la trad. umorist. - accenna al Pasquino e Marforio di Roma e all'uomo di Pietra di Milano - accenna, in spec. modo, all'umorismo della lingua e della letteratura milanese. - L'umorismo è la continua accusa alle istituzioni umane - Nota che lo scetticismo, fonte sua, si manifesta sempre nell'ultimo periodo della vita di un pensiero (ossia di una società) e tale è lo stato presente di mezzo il mondo.


1199. Il trovare traccie di umorismo nelle antiche letterature non vuol già dire che ci fosse una letteratura umoristica. Anche i principi cristiani c'erano prima di Cristo, ma solo dopo di lui si riunirono a sistema - formarono una religione.


1201. La pazzia è un sonno morale nel quale gli oggetti e gli avvenimenti quotidiani appajono come sogni.


1203. I sognatori (R.U.). Uno è affondato in sogni di ricchezza. Viene il suo bimbo a dimandargli i denari pel pane. Egli arrabbia, batte quasi il bambino.- Altri incolpa la sorte perchè non può innalzarsi fino al cielo etc. etc.


1204. Nelle varie strade per giungere al vero, alcuni dei filosofi cercatori mojono colle loro speranze, innanzi di capire che furono ingannati; altri, come si accorgono ingannati sono già vecchi, e però, vergognando di ritornare sui loro passi, per non mostrarsi disingannati continuano nell'inganno a danno loro e a danno degli altri - Trovato un uomo che ci abbia a mostrare la retta via nella filosofia, non si potrebbe credere a lui, se non trovatone prima un altro il quale ci provi che questo tale diceva il vero, ma anche qui resta incerto se il testimonio sia veritiero - quindi ci è d'uopo trovare anche un testimonio del testimonio, e così via.


1205. Fu un giovine smaniosissimo di studio: non requiava dì e notte: dicea:oh, alla tale età saprò tanto e poi tanto... Ma un giorno incontra uno scienziato vecchissimo. Il giovane lo guarda con venerazione e meraviglia, e gli domanda come sappia tanto... Risponde il vecchio lamentandosi di non saper nulla. Il giovane impallidisce - va a casa e butta tutti i libri sul fuoco...


1206. C'era un marito che amava sua moglie, o almeno credeva di amarla. Questa moglie si ammala pericolosamente. Il marito è disperato - ma per farsi coraggio - si dipinge colla imaginazione che vita farebbe, morta la moglie, e vede che ne farebbe una bellissima. In quella il dottore gli annuncia che la moglie guarisce. Il marito non è quasi contento.


1207. Nelle mie ore di malinconia - di sera - passeggio solo per le vie affollate. E penso con invidia alle molte coppie che incontro, fors'anche esse infelici, ma almeno infelici in compagnia, chè la infelicità sopportata con una amata persona diventa felicità.-


1208. I maggiori rancori si serbano per quelle offese delle quali non ce la possiamo apertamente pigliare.


1211. La signora L. viveva presso una famiglia composta di un padre briccone e di una madre pazza, i quali avevano un amore di una bambina. Impietosita la signora L. nel vedere la bimba crescere in una simile pessima scuola, se la tolse con sè, cangiò casa, e le diede una eccellente educazione. Ora il padre briccone minaccia la L. di ritoglierle la bimba, quando avrà tocco i quattordici anni - poichè egli, in miseria, vede già nella bella ragazza una fonte di turpissimo lucro. E la legge presterà il suo braccio al padre - e noi conteremo una infelice di più.


1212. Cicerone è uno tra i pochi che abbia saputo in latino sorridere. Ma Cicerone, borghese, voleva passare per patrizio e spesso cangiava il sorriso in sogghigno.


1213. L'umorismo di Orazio - la sua grand'anima disgustata.


1214. Il morìas enkòmion di Erasmo ha un posto importantissimo nella S.dell'Umorismo. Nel libro di Erasmo si sentono latenti i principi della Riforma - e il suo commentatore ha un bel cercare di salvarlo dalla taccia di incredulità. L'unico torto del grande satirico fu di avere vestito il nuovo pensiero della sua satira con una veste antica. Non gli mancò per diventare massimo autore che il coraggio di scrivere in volgare. - Si potrebbero fare raffronti fra la Stultitiae laus e L'Asino cillenico di Giordano Bruno:nell'uno e nell'altro si tratta della felicità degli stolti colla differenza che Erasmo forse l'approva, mentre Giordano, pur nel lodarla, la stigmatizza.


1215. En to froneìn gar medén, édistos bìos (Sofocle) CF. Negri «la severa e malinconica ragione».


1217. et ridenda magis quam foeda recensere studuimus (Erasmo) - La letteratura va sino alle porte del Tribunale; finisce dove comincia il codice.


1220. Nella Stultitiae laus bello il passo dove gli Dei guardano cosa fanno gli uomini... Hic deperit mulierculam et quo minus adamatur, hoc amat impotentius. Ille dotem ducit, non uxorem. Ille sponsam suam prostituit...Sunt qui alienis obeundis negotiis sedulo tumultuantur, sua negligunt. Est qui versuris atque aere alieno divitem se esse putat, mox decocturus. Alius nihil arbitratur felicius, quam si ipse pauper haeredem locupletet... Nonnulli foris divites haberi gaudent, domi graviter esuriunt. Hic festinat quidquid habet profundere; ille per fas nefasque congerit... Nell'universale libello Erasmiano si trovano i germi di tutte le satire umane che vennero scritte di poi. E tuttavia dice più Erasmo nelle sue poche pagine, che non Balzac (p.es.) nella sua biblioteca di scene della Commedia Umana.


1222. Perinde quasi res sit bello quoque vindicanda, si quis conjunctionem facit dictionem ad adverbiorum jus pertinentem. Et hac gratia, cum totidem sint gramaticae quot gramatici, immo plures... (id.) - Si può osservare, che una volta nella critica letteraria troppo si guardava alle parole, rispetto al pensiero, e oggi, troppo poco.


1229. Umoristicissima nella Stultitiae laus è la descrizione delle pitture appese ex voto ai simulacri dei Santi... alius e praelio, pugnantibus coeteris, non minus feliciter quam fortiter aufugit - Alius in crucem subactus, favore Dei cujuspiam furibus amici, decidit ut nonnullos etiam male divitiis onustos pergeret exonerare. Alius perfracto carcere fugit. Alius irato medico, a febre revaluit. Alii potum venenum, alvo soluta, remedio non exitio fuit, idque non admodum laeta uxore quae operam et impensam luserit; alius, everso plaustro, equos incolumos domum abegit. Alius oppressus ruina vixit. Alius a marito deprehensus elusit. Nullus pro depulsa stultitia gratias agit. (id.) Erasmo, protestante di fatto se non di nome - Ed è strano, come nuovo e fino di pensiero com'era, non osasse di scrivere nella lingua paesana, divorziandosi, almeno nella sua modernissima Lode della Stoltezza, dal latino.


1231. Pochi furono i sapienti. La Grecia in tanti secoli non ne conta che 7...quos rnehercle (dice Erasmo per bocca della predicatrice Stultitia) si quis accuratius excutiat, disperam si vel semisapientem imo si vel trientem viri sapientis (id.).


1242. pupum - puerum, popô (mil.) - to ènteron, le interiora, venter - psolùs mentula carentes, s'cioli - Stultissima sunt haec et ad quae ridenda, non unus sufficit Democritus (Erasmo) - paidopoieìn coitare, fa i piscinitt (mil.) - l'ineffabile, l'incomprensibile (Dio) - Afflavit Deus et dissipati sunt (iscriz. della medaglia coniata in Ingh. in occasione della perdita della Grande Armada di Filippo di Spagna).


1245. quasi vero non istud ipsum sit perire, aliud fieri (id.) - CF. Dossi - Coloni - che vale nulla parte perita se il tutto non è più quello?...


1246. fu erudito, e quanto è più, nascose la erudizione.


1248. All'«elogio della Stoltizia» nuoce talvolta la pompa di erudizione.


1249. Nota per la St. dell'Um. (nella parte comicità) la satira oraziana «Olim truncus eram ficulnus, inutile lignum...», dove Priapo «qui spectaret Canidiae et Saganae (?) magica Sacra, prae timore magnum crepitum ventris emisit, quo amiculae territae, relictis dentibus et caliendro e vestigio aufugerant».


1250. CF. il ve latino, malauguroso, col ve-r- germanico, di un simile valore.


1251. Nei Ritratti Umani poni un capitolo dal titolo «Arti e mestieri» dove tratterai dei mestee liger (mil) cioè dei mestieri di poco sudore, come quello del ruffiano del ricco etc. Non dimenticare chi fa il mestiere del repubblicano - chi fa il mestiere dell'emigrato etc.


1252. La forza che molti vantano della poesia di Carducci, è di quella «imparata a memoria». Carducci è più gramatico che poeta.


1253. uomini che serbavano sulle guancie le cinquedita - In su la stecca longa a lagrimà (di un'oca allo spiedo).


1254. Per i proverbi che si dicono a tavola all'apparire del tale o tal piatto, uso comunissimo nel milanese, puoi CF. Ateneo Deipnosofista. vol. I.pag. 6 (ed. di Lipsia Teubneriana).


1255. Ogni giorno la Scienza strappa qualche penna all'entusiasmo. E' necessaria quindi una nuova letteratura, che possa vivere senza questo entusiasmo, poichè l'antica fondava tutta su di esso. La nuova letteratura non può che essere la umoristica. - La scienza dubita, e così l'umorismo -


1256. Ateneo parla del cuoco di Nicomede che volendo soddisfare al capriccio del suo signore di mangiare delle afýai nel mezzo del verno - gli fece mangiare altrettante rape - senza che il padrone se ne accorgesse. Tuttavia, si potrebbe osservare che i migliori inganni dei cuochi e d'ogni altro genere di persona, sono quelli che non si contano, ossia che furono così bene eseguiti da rimanere ignoti per sempre -.


1257. A Sparta si usava (secondo Ateneo Cap. XIII) d'incatenacciare, in luogo all'oscuro, le vergini e i giovani celibi, perchè vi si pigliassero - dovendosi poi ciascuno accontentare di quanto la sorte gli avea dato in mano... Nè i nostri matrimoni si fanno diversamente.


1258. Vetusti scrittori (sempre in Ateneo) narrano che Socrate avesse due mogli - Santippe e Mirto. Ma vi par cosa da saggio?


1261. Chi primo introdusse gli ubbriachi sulle scene fu Eschilo nei Kabìrois, notando ch'egli stesso scriveva ubbriaco le sue tragedie... a d'autòs o tragodopoiòs epoìei, taùta tois érosi periétheke - E però Sofocle, biasimando Eschilo dicevagli: tu Eschilo fai ciò che devi, e non sai ciò che fai - (Chamailéon in Ateneo) - Alceo e Aristofane scrissero i loro poemi, ubbriachi.Anacreonte invece, scrisse sobrio di ubbriachezza.


1268. Fra le dotte burle, si può citare la storia della salamandra fossile trovata nelle cave di Oeningen, la quale, sulla fede di Scheuchzer, fu nel 1726 battezzata per homo diluvi testes - riconosciuta poi nel 1787 da Camper per un rettile.


1269. Hogarth e Callot nella St. dell'Umorismo. - Hogarth appartiene più alla letteratura che non alla pittura. Come pittore, il suo colorito è duro e pesante. I suoi quadri o scene di quadri sono altrettanti romanzi. - Sol quando interpretava il pensiero altrui faceva male (come nelle illustrazioni di Shakespeare, del D. Quixote ecc.) - Tra le sue composizioni celebri sono The Rake's progress (8 capitoli) - The Harlot's progress (6 capitoli) - The sleeping congregation - The laughing audience - The fair of SouthWerk - The Stage coach - A midnight modern conversation - The enraged musician (il quale assorda solo in vederlo) - The strolling actresses dressing in a barn (ecc.Vedi n. in seguito 1271.) - Mariage à la mode (6 tavole).


1270. Ben Johnson dans sa comédie Every man out of his humour donne une explication phisique de l'humour. Un auteur allemand anonyme en produit une autre: l'humour est une sorte d'impulsion de l'âme vers un objet particulier que l'homme juge très important, quoique il ne le soit pas, et par lequel, en s'occupant sans cesse avec une attention et un sérieux outrés, il se distingue des autres d'une manière ridicule. Les anglais prétendent et Congrève a cherché à prouver que les mots humour et humorist sont originairement anglais; cependant ils n'ont été qu'adoptés par les Anglais et viennent de l'Italien.On trouve le mot umoristi dans les comédies de Buonarroti: c'est à dire au commencement du XVI siècle. Suivant le dictionnaire de la Crusca ce mot signifie quelqu'un «che ha umore, persona fantastica ed incostante». Au XVII siècle il y avait à Rome une société ou académie appelée Società degli Umoristi - In francese non c'è nome che vi corrisponda salvo forse la facétiosité. I tedeschi hanno Laune, gli Olandesi Laim. - Congrève diede dell'humour questa definizione: «l'humour tiene le sue sorgenti nella diversità delle qualità dell'animo, del corpo e delle inclinazioni degli uomini. Secondo me, l'humour è una maniera particolare d'agire o di parlare, la quale fra tutti gli uomini non appartiene che ad uno solo, e che distingue essenzialmente le sue azioni e i suoi discorsi dalle azioni e dai discorsi degli altri. Il rapporto del nostro Umore con noi stessi s'assomiglia a quello tra l'accidente e la sostanza. Questo umore è un colore, un gusto che permea nel tutto insieme: qualunque si sia la diversità tra le nostre azioni nei loro oggetti e nelle lor forme, elle sono, per così dire, scheggie di un medesimo legno.» - Home (Elements of Criticism, t. I pag. 369) combatte la spiegazione di Congrève - Per noi l'Umorismo in Lett. corrisponde al Carattere nell'Uomo.- Tanti sono gli autori umoristici, tante devono essere le gradazioni dell'Umorismo. CF. lo studio del signor Ovidi sull'Originalità - publicato nel Politecnico, rivista milanese.


1271. (V. 1269) Hogarth descrive John Bull, e dietro a lui tutto il mondo. Il se pourra qu'un temps vienne où les altérations qu'éprouvera la langue anglaise rendront le style de John Andrews et de Tom Jones inintelligible, où les caractères de ces romans ne pourront plus être saisis; où la gaité enfin qui y règne perdra en partie de son mérite. Mais les personnages qu' Hogarth, ce grand peintre des moeurs, a représentés d'une manière si admirable ne disparaîtront jamais de la toile - Che Hogarth appartenga alla Letteratura ne è prova anche il suo trattatello Analysis of Beauty, dove l'apparente stramberia copre idee profondamente vere, - come quella della linea serpentina, (V. 1272) ne è prova anche il suo aiutarsi ad esprimersi con iscrizioni... Tra le composizioni di Hogarth, nota anche: Beer sheet - dove tutti bevono e sembrano felici, tranne un povero pittore occupato a dipingere su una insegna una bottiglia - Gin Lane - The four stages of Cruelty (1 tavola) con scritto sotto a tema the poorest beetle that we tread upon - in corporal suffrance feels a pang at heart - as when a giant dies (Hogarth ben meritò della umanità) - Four prints of an Election - The Cock pit - Piquet or Virtue in danger (quadro) - Credulity, Superstition and Fanatism, a medley - The five orders of Perivvigs as they were worn at the late coronation, measured architectonically - Buone le composizioni di Hogarth che erano, in certo qual modo, critica in azione, p. es. False perspective exemplified - S.Paul before Felix, designed and scratched in the true dutch taste by... - Moses brought to Pharaon's daughter, dove il bimbo Mosè somiglia maravigliosamente alla principessa - Il nostro Conconi ha lo spirito di Hogarth e avrebbe, a suo vantaggio, un miglior colore.


1272. «Dépouillez la meilleure statue antique de toutes les lignes serpentines et vous ferez de ce chef d'oeuvre de l'art une figure si commune, si mauvaise qu'un miserable tailleur de pierre parviendra à l'imiter». - (Hogarth, Anal.of B. Trad.) - Grandi, scultore, usa della linea serpentina, anzi ne abusa, a differenza degli altri scultori, che abusano nel suo non uso.


1273. Sarah Malcolm appiccata il 7 marzo 1732 per assassinio, in età di 25 anni, si mise del rossetto sulle guancie per farsi ritrattare da Hogarth, due giorni prima dell'esecuzione.


1279. Nell'Analisi della Bellezza, Hogarth scrive, parlando dello stile gotico - «sarebbe una improprietà, anzi una specie di profanazione il fabbricare in questo stile edifici destinati a publiche feste». - In proposito si potrebbe osservare che oggidì una chiesa sarebbe invece da costruirsi nello stesso gusto con cui si costruisce un teatro, non essendoci oggi più fede - ed essendo l'architettura filosofica appunto deputata a notare in marmo il pensiero del tempo.


1288. In arte, sono quei mille poco di più che fanno il tutto. In Arte è poi questione di vista. Chi più vede, più sa. Inutili quindi i precetti a chi interpreta il vero.


1289. Qual differenza fra le animate macchine che suscita la Natura e i miserabili congegni che escono dalle mani dell'uomo! Gli uomini inventano macchine ingegnosissime e utilissime, ma disgraziate di forma. La Natura, pur creandole utili, le crea anche belle.


1291. Nel Rake's progress (composiz. di Hogarth) - c'è una bussola di chiesa sulla quale un ragno ha tessuta la sua tela - c'è nella Fleet (prigione dei debitori) un manoscritto con su «Being a new scheme for paying the debts of the nation, by T. L. now a prisoner in the Fleet»... - Si noti come Hogarth sapeva legare il scenario delle sue filosofiche composizioni all'animo degli attori. Il mobile vi completava l'uomo. - Lo specchio nell'ultima scena del Matrimonio alla Moda, dinanzi al quale muore lo sposo tradito ecc.


1292. Remembrancer (ingl.) p. schiaffo - tegnament (mil.).


1293. Il sermone di Torti in morte della moglie. La morte di Torti fu, si può dire, una vera fortuna per la letteratura d'Italia. Leopoldo Marenco vi attinse il suo stile - Pochi poemi sono riboccanti di affetti com'esso.


1297. Gli amici, scherzando chiamavano Tomaso Grossi, Tonaso Grosso.


1300. Health five fathom deep (Shakespeare parlando di brindisi) - mine eyes smell onions - Shakespeare come Dante è sparso di stranissime frasi, ma che pure, a suo luogo, fanno il più artistico irresistibile effetto -


1301. Shakespeare è ordinariamente sublime. - Lady Macbeth che ha ucciso il sonno ecc. Vedi p. es. i seguenti passi. Sorw. Ah couldst thou fly! - War.Why, then, I would not fly. - Ric. Why, uncle, thou hast many years to live...Gaunt. But not a minute, king, that thou canst give. - Gl. But shall I live to hope? - An. All men, I hope, live so ecc.


1312. We (donne) should be woo'd and were not made to woo (id.) - And I will kill thee - and love thee after (id.) - I would my father looked but with my eyes - o hell! To choose love by another eye! (id.). Nella Midsummer night, nota filosofica di far Titania innamorare di Bottom, quando la testa di costui diventa asinina.


1313. Shakspeare è un poeta senza fine - In lui si trovano infinite ispirazioni, immensurabili magazzini di materia rude. Nessuno seppe meglio amare e odiare di lui. E' uno specchio dove il mondo si riflette ingigantito.Le sue tragedie, simboliche - nessun corritoio - nessuna inutilità. Non c'è Re, non c'è plebeo che abbia meglio parlato di Shakspeare. Egli diede la parola ad affetti che prima di lui parevano inesprimibili. I suoi pensieri non si sentono solo - ma si vedono sempre. - Citarne esempi, è come dire citarlo tutto. Ogni pensiero in Sh. è completo.


1314. marsh, marais - marsc (milanese) putrido - CF. l'an latino all'an inglese. - Worm in Shaksp. per serpente. CF. Dante, il gran vermo.


1315. Dicesi età dell'oro quella in cui oro non c'era.


1317. Si potrebbe fare un libro dal tema «i grandi sconosciuti», dove si rivendicherebbero alla luce i nomi di Cardano, Rovani e di cento altri e si tratterebbe nel tempo stesso delle fame usurpate, delle colpevoli dimenticanze, della doppia canaglia, la dotta e l'indotta, che adora gli idoli che trova senza domandare le prove della lor deità ecc. ecc. Per la Gloria informi Leopardi.


1324. stubble, stoppia - tatter, guenille CF. tatter (milan.) - postern, potèrne, postierla (pusterla, mil.), postes (lat., porta esterna) - ramp (ingl.) ragazza vagabonda CF. Veneto Carampana, vecchia puttana - bark, scorza, barca, piccola nave, dall'essere le prime navi fatte di scorza d'albero - Prester John (Sh.), Pretejanni (Dante), Preterkan. -


1325. a good nose is required also, to smell out work for the other sense (Shakespear). V. 1304. CF. il naso latino nel senso di gusto artistico.


1334. We made the night light with drinking (id.) - CF. frase milanese pizzà o smorzà di lampeditt a l'ostaria.


1339. Trojan in gergo inglese significa ladro. Sarebbe forse un lontano eco della venuta di Enea in Italia? - settimana, sette mattine, semaine, in ingl.sennight, sette notti - rut a caper, trinciar una capriola - si trova in Shakespear; quindi M.lle Le Febre ha poco merito nell'invenzione della parola capriole (V. 1126).


1340. The prisoners in the time of Shakspear (dice una nota al sommo poeta) begged of passengers for the Lord's sake - CF. prigioni milanesi descritte da Carlo Maria Maggi nel «falso filosofo», comedia milanese.


1341. Origine delle chiappe (mezzi uovi) che si mangiano a Pasqua. Cristo fugge dal sepolcro. I giudei si mettono a gridare: ciappa ciappa (in mil.) - In ingl. chap, significa fessura, fesse (francese) - ciapp (milanese).


1342. The antick, delle antiche farse inglesi, corrispondeva al nostro Arlecchino «blacked face and a patch-work habit».


1345. A Lugano chi cavava i denti era il boja.


1346. Pochi sono i maestri che nei loro discorsi, anche fuori di scuola, non usino ripetere due o tre volte le stesse idee con diverse parole.


1347. Muore una bella ragazza. Il suo desolatissimo amante pensa di innalzarle un monumentino sul quale posi un cestello di marmo ch'egli riempirà ogni giorno di nuovi fiori. Il tempo passa, e il giovine imagina di sostituire al cestello un vaso con fiori interrati - Il tempo passa - ed egli fa scolpire il vaso coi fiori... di marmo. -


1348. Tale vanissimo letterato, passeggiando per la città, si vede adosso gli occhi di tutti, e lusingato, già gusta il reddito della celebrità. Ma, a casa tornato, e volto un ammiratore sguardo allo specchio, si accorge che lo guardavano tutti... per la sbottonata brachetta.


1349. C'è gente che ragiona così: per levarsi presto, bisogna levarsi di buon'ora - L'oppio fa dormire perchè ha in sè una virtù dormitiva ecc. ecc.


1350. Una bella ragazza deve lasciare copie di sè.


1351. Buona mano - si dice quella stretta di mano in cui c'è dentro denaro. La mano della pura amicizia sarà la cattiva. - mancia, cià-la-man (Qua la mano).


1354. Klopstock nel Messia attinse dalla poesia degli Evangeli - di cui alle volte è semplice traduttore. - Pare più grande di quanto sia infatti. Ha poca varietà - e però finisce coll'annojare. - V. 1356.


1356. (V. 1354) Il Messia è la seconda parte del poema di Milton, che Milton si contentò di abbozzare. Potrebbe chiamarsi il paradiso riaquistato. - Il poema inglese è peraltro a cento doppi migliore. - Le faccie degli angeli di Klopstock sono bellissime, ma troppo eguali una all'altra. La continua indecisione, vaporosità di contorni, se giova a volte - confonde per tutto un poema - e stanca. Ma forse è la mia anima di italiano che, plastica, non giunge a comprendere la troppa idealità della poesia tedesca. - L'effetto generale del poema di Klopstock ricorda quello del Paradiso di Dante: una illuminazione a traverso la nebbia. - Ma Dante ha saputo scolpire anche il carnale inferno - donde Michelangelo trasse il suo genio.


1357. nächtliche Tiefe des todten Meers (Klops.) - Himmel und Erde, so dauchte es ihm, wollten - fliegen, hinsinken, vergessen. CF. frasi consimili nell'Apocalissi. - Die Seelen schauerten Wonne - (Klopstock).


1360. Aber Satan, der seitwärts in einer verborgenen Höhle - alles was die Engel von ihren Jüngern erzählten - hatte gehört... (Klopstock, Messia) - Questa - in arte - è una puerilità.


1361. Giulio Carcano, è di quelli infelici scrittori che sopravissero alle loro opere.


1362. Una volta un letterato scriveva quanto il cuore gli suggeriva con le parole che la materna lingua gli dava: oggidì si combinano i pensieri e le parole - oggidì si cerca un colore sulla tavolozza del tale, un segno dallo scalpello del talaltro, e si fa messe e fascio d'ogni altra letteratura, nuova od antica, e si innesta allegramente a dispetto della stagione e del clima - e si tirano su fiori forzati di serra - ecc. ecc. Donde l'indefinibile malcontento in chi legge i libri del giorno.


1370. E' comune a molti popoli l'idea della vecchiaia della Luna. Gli Arcadi erano detti Proseleni - In Mil. c'è la frase vecc come la luna ecc.


1374. Importantissimo è il Fielding - nella Storia dell'Umorismo. Egli visse dal 1707-54, contemporaneo all'altro umorista Hogarth - da cui tolse qualche tipo, come dice egli stesso nel Tom Jones. Fielding è molto scrittore e poco pittore, come Hogarth è più che pittore, letterato. - Swift tratta l'umanità come tanta canaglia - Sterne fa il tenero, ma è un falso tenerume - Fielding e Smollett ammettono qualche buon carattere, ma in generale vedono nero (V. 1375) - Il Tom Jones è una delle più fine analisi del cuore umano ch'io mi conosca - questo però solamente pei primi 8 libri - dopo la penna di Fielding par stanca di segnare le minime spinte delle azioni dei suoi personaggi, si fa affrettata, scrive grosso - e il magnifico studio psicologico si risolve in una scipitissima favola. - Il Tom Jones ha punti di contatto col Don Quixote, spec. allorquando compare in scena il Barbiere Pastridge, che in certo modo pei suoi rapporti con Tom e le sue risposte, diventa un nuovo Sancho Panza. - Il Barbiere che parla latino s'assomiglia ad un altro barbiere che figura, credo, nel Tristram Shandy di Sterne - La storia intercalata del Man of the Hill, miserissima, dovrebbe esser tolta dal magnifico Tom Jones. - Così, stuona assai col carattere generoso di Tom, il suo pagare coi servizi notturni il pane ch'egli riceve da Lady Belliston.


1375. Nota nel Tom Jones di Fielding la sconfortante opinione di non ammettere un cambiamento di carattere in bene (Libro VIII, Cap. I) - Nota pure, quanto Fielding dice dei critici (L. V, pag. 170 - L. X, C[ap.] I - L. XI, C[ap.] I) - e sulla coltura degli scrittori (L. XIV, Cap. I).


1377. Nella St. dell'Um. CF. l'Umorismo carnale di Cervantes con l'ideale del Richter - notando che in Inghilterra l'umorismo è meno grafico che in Italia, ma più che in Germania. Informarsi dell'umorismo olandese - il quale, benchè germanico, dovrebbe per la positività della commerciale nazione, essere tutt'altro che ideale, come ne sono indizio le tele carnali di Rubens, e le casalinghe pitture della Scuola Olandese.


1379. Why, she doth not complain of anything - cries Western - and she hath had the small pox (Fielding's T. Jones. L. VI, cap. II, pag. 230) CF. col... i varoeul i eva faa (di Porta, Marchionn - 1ª parte) - an eating fever, fever mangina. -


1380. La natura ci dà la capacità ossia gli istrumenti: la scienza c'insegna la manualità ossia il modo di servircene.


1381. I difetti in Dante, in Manzoni e altrettali, sono le macchie del Sole. A volerle studiare ci si perde la vista. Uno studio curioso potrebbe essere quello - Le meraviglie nei difetti de' Sommi.


1382. Per capire che alcuni libri sono cattivi, si richiede un po' di fatica:codesto libro, se non altro, ce la sparmia, presentandosi tosto per quello che è... - Da Prometeo che ebbe primo l'audacia di avere dell'ingegno... -


1384. fey, fi - myelòs, moelle, mollo - d'oún, dunque - buthòs, profondità, bus (milanese) - gnàthos, gola, ganascie - aiboì, oibò - non, nòi, noi due - stéllo, stellen - platýs, liscio, piatt (mil.) - démo, fabbrico, domus - tétta, voce fanc. per babbo, tata (in Romanesco), tetta, mammella e latte (in milanese) - paréchein ten psych'agoghìan, fa goghetta (nella frase fà goghetta all'ostaria, milanese) - eufemìa, per silenzio, nota filosofia della pittorica parola.


1386. Dio non si può chiamare che l'Incomprensibile. Se fosse comprensibile non sarebbe più Dio, cioè il creatore, ma una creazione nostra.


1393. Nel bozzetto sui dotti, poni colui che nel suo studio legge «spumante labello» le classiche oscenità.


1394. Fino ai dì nostri la filosofia tendeva a suddividersi in tanti sistemi, incarnando le cose spirituali. La Greca ha difatto personificato i suoi Dei, le sue virtù, i suoi vizi. - Oggi invece il mondo filosofico tende a spiritualizzare tutto e a unificarsi.


1395. Due pescatori pigliarono un giorno un grossissimo pesce, tanto grosso, che spaventati lo ricacciarono colla rete nell'aqua, tenendovelo finchè ci affogasse -


1401. In un epitafio per un fanciullo si potrebbe dire «bottone tolto alla terra per fiorire in cielo» -


1403. la difesa era troppo buona per la causa. - a quel libro non mancava che il metro per essere un poema lirico -


1406. Wisdom comes with lack of food (Coleridge) - CF. La bolletta la guzza el talent, di T. Grossi.


1407. La foltezza delle idee è spesso impedimento al discorso - ...viso ottenebrato dalla folla dei pensieri...


1408. Dicono delitto uccidere un uomo e non dicono uccidere una formica.Eppure l'anima è una - Inalzatevi, guardate l'uomo dall'alto, e vi parrà una formica. Che è dunque l'ucciderlo?


1412. Il cane è la bestia, che io, dopo la donna, preferisco.


1427. Il chiaro-di-luna della malinconia feconda i pensieri.


1428. Un pensiero non basta trovarlo bisogna meditarlo - (pensarlo cioè pesarlo).


1429. Scopo della satira sono i difetti e non i delitti, ai quali provvede il codice.


1430. Della poesia di Carducci, tutta frasoni, può dirsi scarpa grande a piè piccolo.


1431. Povero popolo di formiche affaccendato intorno a una cariosa ceppaja!Forse quell'uomo che spunta su quel sentiero, tiene ne' suoi calzoni il vostro diluvio universale!


1437. Com'è delle forme di governo che tutte si valgono, e purchè bene amministrate tutte son buone, così dei sistemi di morale, derivino questi dall'utilità o dalla giustizia assoluta. Basta che il loro effetto sia il bene, e la causa ne va, non solo perdonata, ma lodata. Tanto la scuola utilitaria che quella della giustizia è piena di anime nobilissime.


1438. Chi racconta un'altrui nobile azione, gode delle lodi ad essa attribuite, come se fossero sue.


1447. Può essere soggetto letterario un carattere fisico che non lo sia per la Plastica. La Musica appaga il cervello per le orecchie, la Plastica per li occhi, la Letteratura per lo stesso cervello.


1449. L'estetica non va di pari passo colla morale. In arte è più estetico un assassino di un ladro perchè la forza o l'apparenza della forza (che noi diciamo virtù) ci aggredisce più che non la viltà. Poi noi pensiamo meno al fatto che alle sue orrende conseguenze: l'assassinato ci si presenta alla vista: sentiamo che se la proprietà delle cose è impugnabile, quella della vita, non è... In una parola l'Orrore toglie la Viltà.


1452. carceri di studio (scuole) - libero come il firmamento - nebelgebirge


1470. I grandi ingegni hanno tutti un fondo scettico, ma per arte o sapienza fanno e scrivono il bene -: il che vale assai più di chi lo faccia inscientemente per pura inerzia di Natura.


1471. Giunio Bazzoni, d'ingegno fortissimo, non ebbe tempo di manifestarsi. - Raccolse alcune delle sue poesie in un opuscoletto (che si trova alla Bibl. di Brera) stampato sotto il titolo «Nelle fauste e salutate nozze del benemerito cittadino - medico - Giovanni Polli - con Rosa Bazzoni - l'autore agli sposi d. d.» (Tip. Molina) - Altri suoi versi stanno in una prefazione alla Biblioteca di Apollodoro (Raccolte degli storici greci tradotti) - altra [poesia] (alla sua cavalla) si trova in una collezione, senza nome né data, di poesie di patrio argomento. -


1473. Altri passi notabili in Giunio Bazzoni - Riego ei pur, l'amor d'Iberia; - il diletto dalle genti - sulla forca alto lo appesero - come ladro, ai quattro venti - Torreggiò per tanta vittima - l'apparato del Terror - ...Del mar sonoro, come la spuma - come di cigno candida piuma - ecco veloce, bianco, leggero - torna il cavallo col cavaliero (Bazzoni). Ricorda i famosi versi del cavallo d'Omero - in riva al lido. Assai bella l'ode intitolata Sant'Elena dello stesso.


1474. De Amicis, Verga, Bersezio, Farina e simili non sono autori (cioè, nulla aggiungono al patrimonio letterario del nostro paese) ma semplici scrittori.


1477. In ogni cosa, a me fu sempre più facile l'astenermi che il moderarmi.


1478. Del monumento di Grandi al deputato Billia, si disse che la più bella azione di Billia fu il monumento di Grandi.


1492. Maggi, poeta milanese, può aver tolto da Bernardino Giambullari quel suo intermezzo di Baltramina sulla moda.


1495. Per quanto cattiva la satira dell'Aretino è a mio parere molto migliore di quella del Berni. -


1497. Aretino, inviando al duca di Mantova la sua «Puttana errante» gli scriveva: «non aspettate veder la lindezza - dell'andar petrarchevole a sollazzo - ch'a ricamar fiori e viole è avvezza: - Io dico pane al pane e cazzo al cazzo - Ed abbi chi l'ha a schifo pazienza; - che Dio non pone legge a un cervel pazzo» (Aretino).


1503. Buona la satira di Pietro Nelli sanese. - Tiene a volte la forza di quelle di Salvator Rosa.


1505. Ma il vedevi or ch'esser dovea all'y - ancora all'a (Nelli) - il padron grande (id., parlando di Dio) - vecchia grinzosa - vuoi non vuoi - il fuoco penace - luteranarsi - calda del suo marito - impanzanare - brodo di vitriolo (Nelli - p. d[ire] inchiostro).


1515. Il Don Quixote è un libro ridondante di vero umorismo. Si vede già lo scrittore umorista dai titoli dei capitoli. V. per passi umorist. spec. Parte 2ª, Cap. 32 (pag. 109-115 mia edizione) - P. 2ª C. 33 (pag. 135) - P. 2ª C. 34 (p. 145) - Bellissimo il finale del Cap. 41 P. 2ª - Um. P. 2ª cap. 43, dopo letto il 42, nei consigli di D. Chisciotte - Um. P. 2ª Cap. 74 (a pag. 296).E' a notarsi come in tutto il libro si vede il bavaglio posto dalla tirannia regia e sacerdotale spagnola all'autore: l'umorismo non potea che celatamente prosperare in Ispagna. - Trovo poi molti punti di contatto fra il D.Chisciotte e altri celebri romanzi posteriori. P. es. Manzoni può aver tolto da lui la malizia di porre in bocca ad altro autore ciò ch'egli vorrebbe e non osa dire. L'anonimo del manoscritto rifatto dal nostro Alessandro, è il Cid Hamete Benengeli di Cervantes... Così il discorso di D. Chisciotte sul caso di offesa di un particolare ad una comunità ricorda i propositi tenuti alla tavola di D. Rodrigo in Manzoni - Parimenti la maniera di dialogare fra lo Zio Tobia e Trim nel Tristram Shandy di Sterne fu tolta di peso da quella fra D.Chisciotte e Sancio - Si può dire anzi che il carattere di Trim è stereotipato dal carattere di Sancho. V. spec. Parte II cap. VII del D. Quixote, Dialogo fra D. Chisciotte e Sancio. Conf. anche (Tom Jones di Fielding) il caratt. di Partridge con quello di Sancho. - Notabile il passo (P. I, Cap. XXIX) dove Sancho fa i suoi conti sul regno di Micomicon. Umoristicissimo il cominciamento del Cap. 27 parte II, dove Cid Hamete dice juro como catholico cristiano ecc. - Magnifico è il cap. 26 p. 2ª che comincia «Callaron todos Tirios y Troyanos... quiero decir pendientes» ecc. nel quale D. Chisciotte manda all'aria il teatrino delle marionette - poi si stimano i re rovinati da D. Chisciotte ecc. - Per citazioni di bei pensieri e frasi vedi qui sotto.


1525. Cercar Maria per Ravenna. V. frase spagnola - buscar a Marica por Ravena. cercare il mare a Ravenna - hado (spag.) destino. CF. voc. greco per indicare gli inferi - mapalia (spag. e lat.) - tapaboca, colpo sulla bocca per costringere al silenzio.


1526. Mio zio, vedendo sulla carrozza di un famigerato mercante di schiavi, che fatta fortuna in Egitto, era venuto a rovinarsi a Milano - un piccolo servo moro, disse «l'è on fond de negozi» -


1527. La S.ra Tallachini, grassona, va ad una festa con 6 fanciulle. Escono dalla carrozza. Gavazzi alla portiera le conta dicendo - una, due, tre, quattro, cinque, sei... (quì appare per ultima la Tallachini) e sei, dodici.


1532. L'Aretino, il prototipo dei giornalisti. Egli nel secolo XVI rappresentava la Stampa, di quì la sua potenza. - Nella casa dell'Aretino, pochissimi i libri: ei si burlava dei libri, dei pedanti e delle scienze. - Chi aprì la via all'Aretino fu la sua impudenza - Beffardo sfrenato e cinico formidabile, Aretino scriveva i ragionamenti osceni e poi traduceva salmi penitenziali - Aretino, mendicante in grande - All'Aretino nulla importava della gloria postuma; voleva la contemporanea, e la ottenne. Ma che è mai la gloria contemporanea? mille voci che si innalzano da una Babele confusa - calunnia, maldicenza, scandalo, invidia, mormorii: dopo la morte svanisce, e non lascia al par delle fiaccole che si spengono, se non un ingrato ed acre leppo - L'Aretino è il buontempone per eccellenza: non è malvagio, ma si fa tale, per viver meglio. - Appartiene all'Umorismo anche per la sua profonda conoscenza dell'anima umana che mostrò più nella vita che negli scritti - (in parte dallo Chasles vita dell'Aretino).


1557. L'Aretino è sparso di barocchismi - p. es. egli che non si saria fidato della fidatissima fidanza della Fede - voi, ricchezza della generosità, generosità della ricchezza - isplendore della splendida splendidezza - voi dite il vero della Verità e la verità del vero - Che miscuglio di mescolanza!- Uno da Cortona che in su il liuto cantava con sì dotta natura, che ne stupiva talmente l'Arte che gli correva dietro a orecchie spalancate.


1570. Es. di umorismo ne trovi nello Spaccio della bestia trionfante di Giordano Bruno, quando Mercurio conta a Sofia (?) tutte le incombenze che Giove gli ha dato. «A Licurgo quando si pettina caschino 17 capelli - 13 se li rompano e di que' 13 rinaschino in spazio di 3 giorni e li 17 non rivengano più» ecc. ecc. - E' però imitazione dal «Bis accusatus» di Luciano.


1587. Chi molto dice - pensa poco.


1588. A me piaciono i libri gravidi di pensieri, perchè dal leggerli passo insensibilmente a pensare per conto mio. Li paragonerei ai succialatte che avviano i capezzoli restii.


1589. il meditare da solo è onanismo - il pensare con altri (conversare) è coito.


1590. A costituire l'umorismo che è a un tempo satira e insegnamento, l'apparente giulleria deve basare su un fondo della più incrollabile e severa verità. - Il poeta umorista è ai popoli, ciò che i fous erano una volta ai re - il dicitore della verità. - Piglia la veste di pazzo per poter dire cose saggie. V. per la St. Um. Orazio, spec. nella descriz. del suo viaggio.


1591. La rima a Giusti era suggeritrice d'idee.


1595. In un paese libero dove l'esercito è creato per la difesa del territorio, non per l'oppressione del popolo, l'armata è una vera scuola di educazione nazionale. Il vero ministro dell'Istruzione Publica è il Ministro della Guerra. - Così dice Boccardo, e questo cerca di provare dramaticamente il De Amicis. - Ma la realtà è pur troppo diversa. Il soldato che torna al villaggio natio, vi porta l'ozio e il resto dei vizi della città, senza le virtù.


1604. Tutti gli uomini sono corruttibili: è questione di somme.


1605. Opinione di Pisanelli contro l'Adozione. - E' un avanzo di barbarie - Meno immorale che con noi, era col codice austriaco quando si potevano adottar bambini e però amarli come figli veri (poichè la voce del sangue è falsa: non c'è che amore di uso e di simpatia) ma anche lì l'adozione faceva talvolta che l'adottato giunto all'età maggiore si sentisse offeso nella propria dignità vedendo il padre vero, povero, villano ecc. mentr'egli era ricco e signore.Col codice italiano poi è immoralissima, poichè la legge non permettendola che su giovani di 18 anni (affinchè possano dare un avveduto consenso) espone questi al brutto bivio tra le ricchezze da una parte, e dall'altra la vera famiglia che spesso li amò riamata. La legge non deve mai invitare al peccato.


1609. l'estetico latrocinio di Napoleone - Apollo di Delfo sobillato da Apollo Romano - Diluviano gli epigrammi e le lodi che dei Romani hanno scritto i Romani - (Negri). V. in seguito per Negri. Parlando di Negri e di Rovani, si potrebbero fra loro paragonare. -


1610. Due sono le grandi gioie nella vita d'amore di un uomo: la prima, quando per la prima volta può dire «amo» - l'altra ancora più grande, quando può dire «sono amato».


1611. I precetti dell'arte sono più negativi che positivi, potendosi accostare meglio le vie per cui l'arte fallisce la meta, che non quelle innumerevoli per cui la si può giungere (Sailer). Giusta mi pare l'idea di Sailer (Saggio di un trattatello scolastico intorno all'arte del dire) che ogni arte si compone I° di poesia (l'imagine del bello) - 2° di tec-energia (esecuzione) - Erra però l'autore nel distinguere le arti in belle e in utili, quasichè le belle non fossero utili - e questo lo comprende anche l'Autore, e, benchè a mezza bocca, cerca di correggersi nel § 5.


1612. l'istoria è filosofia per esempi (Tucidide) - Dice Tucidide della sua storia, che è un monumento perpetuo piuttosto che un momentaneo solleticamento di orecchie. - Ma quanto è sciocco quel perpetuo! a chi studia geologia.


1616. Pochi sanno leggere bene dentro di loro, pochissimi a voce alta. Per quanti accenti metti sulle parole tue - c'è un accento che vale più di tutti e non si può segnare, l'accento dell'affetto.


1617. Vi ha chi scrive di bello stile, in istile pessimo - Vi ha chi insegna di bello stile - cosa che imparare non si può, ma solo indovinare.


1621. L'arte è l'unione della parte teorica con la pratica - L'arte dello scrittore è ponere totum; del critico, considerare l'assieme (Dionigi). Nel particolare si deve far sempre sentire l'universale. - Manzoni è sommo in quest'arte. - Molti sciocchi credono che basti a formare un bravo scrittore, il saper scrivere «li uomini», «gastigare» ecc.


1622. La semplicità stessa rado è che non sia artificiosa. Talvolta è il sommo dell'arte (Dionigi). - Colla scienza si arriva alla primitiva semplicità - La difficile facilità di Manzoni e Rovani - Si ha da persuadere più con la scelta che non con la copia (Tommaseo).


1623. Nel giudicare un autore bisogna aver sempre riguardo al mezzo in cui visse - età, condizione, patria.


1625. Date in mano ad uomo che non ha stile il più bel soggetto del mondo: non ne farà nulla (id.?) - L'ordine naturale dei vocaboli è determinato dall'importanza delle idee.


1629. Panizzi parlando di Berni dice: l'aria di innocenza e d'ingenuità con che fa osservazioni piene di accorgimento e di conoscenza del mondo: la peculiare bonarietà con che sembra risguardare con indulgenza e allo stesso tempo con istomaco gli errori e le malvagità umane; la sottile ironia ch'egli adopera con tanta apparenza di semplicità e d'avversione all'acerbezza... - Se Panizzi parlasse di Manzoni e non di Berni, direbbe giusto. Berni, a chi ben guarda, non ha nulla di quanto il Panizzi con la sua critica artificiale crede trovare.


1640. frivol dans le fond et gigantesque dans le style (Montesquieu) - è per me, S. Agostino; e qualche volta Carducci.


1646. L'imitazione non può mai essere l'elemento del sublime, mancando all'imitazione il carattere essenziale del sublime, la novità. Si può, è vero, da una espressione d'altrui, trarre ad altro proposito una espressione propria sublime, ma questa, ognun vede, non è imitazione - Frase sublime è frase assiomatica: è prova in sè - Deve fare un'impressione totale, intera, indivisa - L'autore con essa trova all'idea quel punto centrico in cui si raccolgono le impressioni sul nostro intelletto. (Tommaseo) V. 1648 - Può esser sublime non solo il dire, ma il non dire.


1647. Que de choses paraîtraient incontestables en théorie, si le génie n'avait su démontrer le contraire par des faits! - Nascono continuamente i fatti a confusione delle teorie.


1648. Vedi 1646. Fonte del sublime il sentimento, che trasvolando una lunghissima catena di raziocini senza toccarla, li scerne come in un lampo rattissimo di rivelazioni: li crea, a così dire, per sé medesimo; e passa. Il sentimento, in questo senso, è il profeta della Scienza: la compendia, la unifica, la anima. La coltura accresce, è vero, il numero delle idee, ma le sparte in categorie, le distacca, le tronca... ecc. (Tommaseo) - Le sublime peint la verité toute entière dans sa cause et dans son effet (Jancourt) - Le sublime est l'expression ou l'image la plus digne de la verité (La Bruyère) - Lo stile è sublime quando l'idea principale sia tale che domini tutte le altre vicine, e che, non le necessarie facciano spiccare la principale e la seguano, la rischiarino, la rinforzino nella mente, ma essa invece suggerisca le accessorie, anzi piuttosto le involva nel suo proprio concetto (Beccaria) - Se tutte le idee che si racchiudono nella sublimità del concetto, si volessero esprimere dallo scrittore, la sublimità sarebbe perduta perchè là molteplicità delle parole prolunga il tempo dell'espressione ed una impressione prolungata è una impressione necessariamente divisa in molte impressioni; non è dunque più un'impressione grandissima e subitanea, non è un colpo di luce che balena ecc. (Tommaseo?) - Col sublime ci troviamo di volo trasportati in un mondo a noi superiore. - Il poeta non è tanto sublime per quello che mostra, quanto per quello che non potrebbe mostrare, ma che dee far sentire - Es. di sublime Seneca, dove Medea dice: quid superest? Medea superest.


1654. Nelle cose confuse l'ingegno si desta a nuove invenzioni (Vinci). Dal sogno dell'alchimia naque la realtà della chimica.


1658. Dispareri tra la critica degli artisti e dei letterati. Sono p. es.statue che al dire dei puri critici d'arte sono sublimi, come il Laocoonte e l'Apollo di Belvedere - mentre, secondo gli artisti pratici, non possono chiamarsi che cose imperfette. - Winkelmann voleva contorni maschi e decisi, perfino un po' duri!


1659. L'entusiasmo artistico è un razionale delirio.


1660. loco (spag.), pazzo = lôcch, mil. intontito - no me riña Usted mas (spag.) -règnela minga, mil. - querer, spag. amare e volere (ant. ital.cherere) - rociada, sp. = rosciada (pioggia grande) - bottega da apothéka - engatar, sp. = ingattià (attraper) - azienda, it. da hacienda, sp. facenda - kyne (nome del cane di Tobia) chino spag., chien, kynòs - despierto, sp.(svegliato) aspèrt, mil. - badea, sp. melone d'aqua insipida = badee, mil.stolto - chenada, sp. = cinada (sciocchezza) - catabul, sp. scuderia = catabuj, mil. rumore - cholla, sp. sommità della testa, giudizio, spirito = ciolla, mil. in (set ona gran), il contrario.


1668. le donne nè adorarle nè oltraggiarle - stimarle.


1671. Manzoni, libro universale: tutti vi possono imparare, dalla portinaia all'astronomo. Io lessi Manzoni tre volte - mi diceva tale - a diversissime epoche e sempre ne fui ammirato poichè da fanciullo ci scorsi il sorgere e il tramontare del sole, la tempesta e il sereno - il racconto - da giovane, l'amore, la smania per le riforme, la rivoluzione - da vecchio infine, la pace della famiglia, la rassegnazione - la vanità del tutto. - Eppoi c'è gente che osa scrivere che Manzoni non presenta grandi caratteri. Non ne presenta? e Federico Borromeo, e fra Cristoforo, e i personaggi delle sue tragedie - e Napoleone - cosa sono?... e il popolo che è il più gran carattere di tutti? Ma pure, dimentichiamoli. Manzoni, ne' suoi libri, presenta lui stesso. Sfido voi a trovarmi un più grande carattere! -


1672. Chi vanta scioccamente Guerrazzi su Rovani e Manzoni, insiste sulli scopi politici del Livornese. Anche le gazzette hanno scopi politici. Ma questi scopi non sono che transitori, mentre non sussistono che gli umanitari, e Manzoni ha appunto tali ultimi scopi, che sono in fin dei conti l'amore e il perdono. E del resto ci vuol un bel fegato a negare lo scopo anche nazionale di Manzoni. Che è la storia dell'oppressione spagnuola che tu leggi ne' Promessi Sposi se non la viva pittura dell'austriaca? Nè Manzoni è, come altri dice - un quietista. Basta leggere i cori. Manzoni predica anche lui, ciascuno a casa propria, ma predica insieme l'universale fraternità. Lo muove meno l'odio per gli stranieri, quanto l'amore per gli uomini. Per quanto italiano egli non può dimenticare che sotto l'assisa dell'oppressore batte un cuore di altro uomo. - Sì, Guerrazzi giovò - ma come giovano gli articoli delle gazzette: Manzoni invece come i libri di Storia. - Non parliamo poi dello stile. Che mi diventa lo sproloquio guerrazziano a fronte la manzoniana sobrietà?... Guerrazzi scrisse libri (e troppi), Manzoni li meditò. - Guerrazzi, come Verdi, non seppe mai ridere! Manzoni, come Rossini e Shakspeare, rise e pianse in modo insuperabile.


1673. Dell'umorismo nella scienza - specialmente nei medici - dei quali molti furono scrittori letterari, e taluni egregi scrittori, quali il Redi, il Garth, il Raiberti, il Bellini, il Mantegazza, ecc.


1674. Pare che la lue venerea sia stata importata a Roma dalla Siria da Lucio Vero fratello di M. Aurelio Antonino. - Dall'oriente il Sole e la Peste.


1675. Qual'è la miglior lingua? - Leggo Shakspeare, e dico, è l'inglese - leggo Virgilio e dico «è il latino» - leggo Dante e dico è l'Italiano - leggo Richter, e dico, è il tedesco - leggo Porta, e dico è il milanese.


1676. Carducci ha ne' suoi versi molte tirate, a uso latino, contro i tiranni - Sono pensate, son scritte egregiamente, eppure non fanno nè caldo nè freddo.Perchè? perchè di tiranni - almeno in Italia, non ce ne son più. - (Ma, scusate, erravo. C'è, è vero, un nuovo tiranno - il popolo - senonchè a questo l'amico Carducci adula).


1677. L'amore per le domestiche glorie, che oggi si combatte col dire che ogni uomo deve esser famiglia a sè stesso, dovrebbe invece eccitarsi in ogni maniera, come l'eccitarono i nostri vecchi con stemmi, titoli od altri innocenti privilegi, perchè può essere sprone a nuove glorie - gli è come l'amore alla vecchia ditta nei mercanti, che li impuntiglia a mantenersi onesti.


1678. Se un orologio solo va perfettamente e tutti gli altri vanno sbagliati, il padrone di quell'orologio, perchè se ne possa servire dovrà metterlo tosto sull'ora sbagliata degli altri. E così è della intellettuale opinione.Quell'uno che pensa giusto in mezzo a un popolo che pensa errato - gli è come se pensasse molto peggio di loro. La verità è essenzialmente relativa. - Where ignorance is bliss, 't is folly to be wise -


1679. Dei ritorni letterari agli stili antichissimi nelle epoche di decadenza, in cui gli autori non creano più ma combinano i libri. - Oggidì (1870-1875 ecc.) siamo noi neolatini in uno di questi periodi - Così al tempo di Adriano (Ab U.C. x) era nata, iniziata dallo stesso principe, una smania d'imitazione degli antichissimi scrittori Romani, per opera di Anniano Falisco, Apulejo, Giulio Paolo ecc., unde nonnulli (dice il Müller) Plauti Terentique senarios jambicos et trochaicos septenarios propriis carminibus restauravere. Sed plures multo Laevi Varronisque et aequalium ecc., ecc.


1680. I bibliofili possessori di biblioteche di cui non volgono una pagina, si possono paragonare agli «eunuchi in un harem».


1681. Quando stavo per nascere, trovai due mucchietti, uno di bellezza intellettuale e l'altro di bellezza corporale. E Giunone Lucina mi disse «scegli». Scelsi il primo quindi, toccò tutto il secondo a mio fratello minore, Guido.


1682. L'uomo veramente retto è colui che non inganna nessuno e non si lascia da alcuno ingannare.


1683. Nella «Sposa Francesca» del Lemene (contemporaneo al nostro Maggi) scritta mezza in italiano e mezza in lodigiano si trovano molti bei punti per descrizioni - e osservazioni. - Per es. le scene X, XI, e XII dell'atto 2° dove Cecco si marita per una polenta - dopo di essersi voluto appiccare - «se ne m'impicchi, ho da morì - donca m'impicarò». - Per es. Signor Giulio: ciò non voglio - già in pegno è l'onor mio. - Sposa Francesca. L'attend promesse na l'è pu all'usanza: - e po na l'è Bassan gran cavalier - che na se pusse mudass de parer - (quando conta le sue abilità) Ma tutt el me desgust - L'è quand ho da fa cunt con dané intregh[i] - nè cognossi sesen, se ben ne i freghi - Se trattarà de perle e de diamant[i] - come se i fussen siseri e fasuj. - E ghe'n vorrà ben tanti - che i saraven assè - de fà na gran menestra de bragò - anca col pugnatton dei presonè. - Tutti i disegni a me van in polta - e tutt a on tratt me van i gnocch in fondo - (parlando di donna povera che si vuol dare in moglie) Che la te serva, con sto svari - che la te servirà senza salari - Bûgna pur comenzà chi vuol fenì.


1684. E a malastant a l'ha quattat el cûl (Lemene) CF. Porta, in La Messa Noeuva... el sedes di tosann Ch'el porten a bottega - Quattaa giò ammalastant con la camisa.


1686. Importanza di W. Hogarth (n. 1698) nella St. del1'Umorismo (V. 1269 e seg.). I suoi quadri hanno un maggior valore nella letteratura che non nella pittura. Essi sono altrettanti romanzetti - e romanzetti domestici, tant'è vero, che quando tenta il così detto gran soggetto, lo storico, come colla Piscina probatica e il buon Samaritano, il comico ci salta sempre in mezzo.


1687. Alberto Durer disegnava tutto matematicamente: il suo pennello era infitto a un compasso. - La manière fanfaronne de Rubens.


1688. Hogarth vuol provare nella sua «Analysis» che la linea serpentina è la vera linea della bellezza, e che le forme ondeggianti sono quelle che più piacciono all'occhio.


1689. Il non-dir-tutto, come le vesti alle persone, mantiene nelle opere d'arte la curiosità - da cui il piacere. Le visage (segue Hogarth, Analysis, nella traduz. francese) à la verité, est toujours découvert: cependant il n'en donne pas même constamment l'éveil à notre curiosité, sans qu'on ait besoin pour cela de voile ni de masque: ce qu'il faut attribuer à la mobilité de ses traits et à la variété de ses expressions. Le plus beau visage qui n'exprime rien ne tarde à nous paraître insipide. Le reste du corps, qui n'a pas cet avantage, nous rendrait bientôt indifférent, même à ses beautés, si nous l'avions sans cesse sur nos sens qu'une statue. Mais lorsque le tout est couvert et orné avec art, l'oeil cherche avidemment à satisfaire sa curiosité, en tâchant de découvrir les beautés cachées.


1691. l'art de bien composer est celui de varier avec gout (id. - l'uno nel vario, di Dionigi Alic. e di Tommaseo). Le necessarie pause nei lavori d'arte - poichè anche in pittura e scultura si possono fare lavori senza nè punti nè virgole.


1692. La sicurezza di stile, è la piena espressione del concetto. - Non ondeggiamenti, non passi inutili per afferrare l'idea. - Lo scrittore mette sicuro sulla carta il pensiero già meditato, non lo cerca scrivendo. -


1693. Il mio «Altrieri» è il romanzo del bimbo - l'«Alberto Pisani» il romanzo dell'adolescente - I «Ritratti umani» - quello del giovane. Manca ancor l'uomo ed il vecchio.


1694. Ecco l'origine dell'uso di esporre le scarpe sulle finestre, la sera dell'Epifania, uso tradizionale nei bimbi. E' certo che i signori Re magi, per venire da noi, hanno fatto un lunghissimo viaggio - e i viaggi sciupano le scarpe - quindi, è pur certo, che la migliore offerta che noi possiamo far loro, allorchè passano da casa nostra, sia quella,... delle scarpe. Essi poi gentilmente contracambiano l'offerta con qualche loro mercanzietta, dolci, giochi ecc.... e di ciò i bimbi li ringraziano cordialmente.


1695. Italia 1874. - Le leggi, anche le meno ingiuste, sono sempre per sè stesse gravi - Ora, il regolamento in Italia le rende ancora più gravi. Così le tasse, anche le più scusabili, sono per sè stesse invise. Ora l'esazione le rende invise ancor più. - Che dire poi degli arbitri di polizia, provocati e salvati dal cosidetto potere discrezionale? Vedi le faccie, di chi è posto a tutela del publico ordine? La mano ci si porta spontaneamente ad assicurarci se ancor possediamo il borsello. - Ma se dai ladri e dagli assassini ci possiamo difendere, chi mai ne salva, da questi - ladri pure e assassini - con privilegio governativo e licenza dell'autorità?


1696. Una volta si favorivano i letterati e non gli studi - oggi gli studi e non i letterati. Era assai meglio il sistema antico. Per lui la lusinga del premio - pel nostro, la sola della fatica. Tempo fa il genio sconosciuto, nella soffitta gelata, dimenticava la sua miseria nella fata morgana della ricchezza avvenire, e mangiava scienza, unghie e gloria ventura: oggidì al di là della presente fatica, non vede che sprezzo, fame e un letto all'ospedale.- Fortuna che il vero genio adempie al suo ufficio, nè pei premi dell'oggi nè per quei del domani, ma per una psicologica necessità. -


1697. Tempi in cui non si sa più dove batta un cuore gentile! in cui dubiti di chi ti sta al braccio. O solitudine delle campagne come ti bramo! - oh libri... amatissimi libri! dimentico le birberie del mondo reale nell'oceano della loro artistica onestà.


1698. Alla bassa. Alla una il suono della barloca (specie di tamburo) desta i famej (famigli, fàmuli) che mungono il latte - Alle due, si levano i bolch (bubulci) che cambiano il letto alle bestie munte - poi tanto i famigli, che i bifolchi tornano a dormire. - Alle 3 infine, i cavallanti, che nettano i cavalli. - Il pilaroeu (pilatore) non esce dalla pila che alle 12 di notte.


1699. Motti brighelleschi di Atanasio Zannoni. - 1) No so come magnar. Me farò cavar i denti per far dei dadi da zogar all'oca per i ragazzi. - 2) Ah signor!ghe domando pardon: ecco che me prostro a suoi quattro piedi. - 3) Nessuno vuol comprar i libri ch'el compone, perchè ghè pena la galera, comprar roba robada. - 4) I osti va a casa del Diavolo, no per terra, ma per aqua. - 5) Siora la se guarda dei cani perchè i è soliti a rosegar i ossi. - 6) Te amazzarò, si te gavessi più vite de quelle de Plutarco. - 7) Le belle azioni son come le vivande. Anche le meggio, no le val niente se le sa de fumo. - 8) Ai povaretti che domanda la limosina, tutti i ghe voltan le spalle. La miseria è stada la inventrice della piroletta. - 9) Te buttarò tant'alto che ti gavarà più paura della fame che della cascada. - 10) adesso, così armado me son guardà nello specchio e fazzo paura a mì stesso. - 11) la gha i occhi senza resoluzion, no se sa dove i se incamina. - 12) La xe tanto avara che per risparmiar la candela, la notte la vol che porta el gato in brazzo perchè i occhi serva de lanterna. - 13) Alle donne se ghe pol creder, quando le han partorido che le sian stade gravide, e quando le son morte che le sian stade amalade - e sepolte che le sian, che no le tornan più a casa. - 14) (di un musico) l'è on zecchin che cala dò grani. - 15) (di chi fa pegni) la roba de quel sior sa far mejo la strada del monte che quella della pianura. - 16) (a chi diceva, mi fu dato un pugno nell'occhio) quello l'è el so logo e po' se sa che in tutte le cose l'occhio vuol la soa parte. -


1700. Il Cermenate falegname e il Cermenatino falegnamino: il primo sul banco con un capo della sega, l'altro a piedi del banco con l'altro capo. E segano.Si assomigliano come due ovi - salvochè il secondo è rapporto al primo, nella scala di cinque a uno. - Stesso profilo, stesso berretto a visiera, stessi occhiali verdi pel mal d'occhi, stesso gilet a quadretti bianchi e celesti, maniche entrambi rimboccate ecc. E di qui a 15 anni al posto del Cermenate sarà il Cermenatino, e al posto di questi un altro Cermenatinino. E così fino alla fine dei secoli.


1701. La smania della persecuzione. La persecuzione amorosa di certi ministra-rimedi, che uccidono colle loro premure. «Oggi hai la lingua sporca, piglia la magnesia» - «Troppo accesi quegli occhi: ti metterò 12 sanguette». - «Sei un po' raffreddato, mi pare: stasera ti preparo un profumo» ecc. ecc.


1702. Il conte Pompeo Litta, dilettante pittore, che fa, come dice la S.ra Confalonieri, delle magnifiche cornici a' suoi quadri, invita un giorno a pranzo Cesare Confalonieri - per dargli pane raffermo, cacio avanzato nelle trappole, manzo buono a far scarpe - vino senz'uva, e quattro zaccherelle (mandorle spaccherelle) e 6 noci. Sulla porta intanto della sala da pranzo leggevasi scritto a grandi caratteri. «E se talor la vita parti amara - Pensa a Bokara» (dove il Litta col Meazza e il Gavazzi rimase un anno prigioniero del kan, molto kan) - E Confalonieri battendo sulla spalla del conte Pompeo...Dovresti cambiar, sai, l'iscrizione - e metterci: e se amara talor parti la vita - Pensa al pranzo del Litta. -


1714. Platone, il filosofo-poeta - Platone, l'ultimo artista della filosofia:Aristotile, il primo scienziato.


1718. L'uomo d'ingegno riesce colla meditazione a quelle conclusioni cui altri talvolta arrivano colla conversazione - cioè riesce all'unire le varie idee in una sola. A ciò gli altri hanno d'uopo di altri. Egli invece fa conversazione colla sua testa, trova nella sua unità, le varietà. Gli altri traggono la unità dalle varietà. -


1719. Dossi, quando scrive, fa salti mortali sullo stesso posto.


1725. I Greci riponevano la grazia nell'ultima semplicità del concetto e dell'espressione (Tommaseo) - Gli scrittori attici detti sicci da Cicerone, quasi ad esprimerne la sanità dello stile.


1726 a). stile floscio, aquoso - stile podagroso, gottoso - stile stracco - stile olioso - stile diluito - stile obeso - tritume di stile. -


1728. Per conoscere l'indole di un popolo val più la lettura del dizionario della sua lingua, che non tutte le storie. Per me, in generale preferisco la lettura di un vocabolario, a quella di un romanzo.


1729. E' meglio, scrivendo un libro, usare del noi che dell'io, per la ragione che si dicono più cose degli altri che nostre. L'osservazione è, credo, di Pascal.


1730. Tutti fuggono, perfino gli amici, da chi è colpito da una malattia contagiosa. Va dunque posta, fra le contagiose, anche la bolletta.


1731. Alcune idee sincopate in aggettivi, si potrebbero rinnovare, riscomponendole in frasi. Per es. cieca rabbia non fa più effetto perchè abusata. Dite rabbia senz'occhi - e rinfrescherete l'effetto.


1732. Pina Righetti fanciulla ignorantissima scriveva a suo marito Cletto Arrighi - [cose] nella loro semplicità quasi sublimi per es. questa: «Mio Carlo» «Tua Pina».


1733. Della gente che non sa perdere il tempo da sola... del danno che fanno gli oziosi a chi lavora ...


1735. Tale ad una festa da ballo, non poteva avvicinarsi mai alla credenza, per trovarsi sempre dinanzi un quidam che non ristava dal mangiarsi paste, sorbetti ecc... finchè, stanco, lo tira per la veste chiedendo «Di grazia l'è invidaa lu?» (è invitato lei?) - Perchè? chiede questi volgendosi - «Che'l scusa» - riprende l'altro - «credeva ch'el fuss inciodaa» (inchiodato).


1736. Arlecchino diceva allo spaccalegna: «senti, facciamo metà fatica per uno - tu segherai ed io ad ogni colpo farò l'«aah!».


1737. Contradizioni di carattere. Barbey uomo furiosissimo che strabuzza gli occhi al minimo accenno di opposizione - è capace di stratagliare per i suoi bambini dalla carta i più minuti bastimenti, case, piante ecc.


1743. Una buona proposta sarebbe, secondo me, di vendere 3/4 d'ogni pinacoteca agli stolti stranieri, e poi col ricavo commettere nuove opere agli artisti paesani.


1745. Tra le definizioni dell'indefinibile arte - si contano: Platone, uno splendore - Aristotile, ordine di verità e di grandezza - Pitagora, unità ridotta a varietà - Dante, armonia - Hegel, manifestazione sensibile dell'idea - Hugo, l'elemento - Taine, astrazione figurata - S. Agostino, ordine divino naturato. - (in Guerzoni, Prolusione al C. Lett. It. Padova).


1746. vispo come un cavallo che abbia mangiato biada.


1747. Nello scrivere l'ultima linea di ogni mio lavoro sento sempre un brivido di gioja. Mi pare di riaquistare la libertà.


1748. disertore può chiamarsi il suicida.


1749. Dei generi dell'Umorismo, nell'inglese domina la vena sentimentale (Sterne) - nel francese, la scettica (Rabelais) - nel tedesco, la vena della bizzaria (Richter) - mentre l'italiano conserva finora in tutto sobrietà - forse perchè inceppato dalla tradizione classica.


1750. CF. la scena del Cap. Kempthorn nel Milord di Boston (Endicott, di Longfellow Act IV. S. I.) che parla ai passanti - colla scena di Meneghino (nel falso filosofo di Maggi) che arringa pure i passeggieri dalla prigione pei debitori in Via Borsinari a Milano.


1751. Sull'unire filosoficamente fatti storici avvenuti ad epoche fra loro distanti - Vedi Prologo dell'Endicott di Longfellow - che può servire di scusa anche ai razionali anacronismi di Rovani nel Giulio Cesare.


1752. Le classiche frigidità di Sanazzaro e d'altri scrittori italiani in lingua latina o greca. Dice per es. Sanazzaro nell'epigramma contro Picente medico, che annusava la seggetta «quod noctu latras, quod sellas olfacis unus - da veniam, Picens, hoc canis est vitium - Sed quia tu Cynicus vis dici et Clinicus idem - esse idem poteris - Merdicus et medicus» - Bello spirito!


1753. Dello stesso Sanazzaro vi ha il seguente epigramma, ch'è uno dei meno cattivi. Atramentum scriptorium. - Ferrum putre situ spumanti fervet aceto, - mandet ut aeternis scripta voluminibus - Scilicet hoc illud, vatum volitare per ora; - hoc est Pyramidas vincere, Nile, tuas - Infelix fatum; sanies rubiginis ergo - eripit inviso nomina nostra rogo? -


1754. R., col quale la moglie si lagnava che non le voleva più bene - dicevale: Su, fammi le corna; fuggi con qualcheduno, chè forse ti correrò dietro - ucciderò il mio rivale - e ti amerò ancora. - E questa moglie diceva poi a me: mi cunt quell'omm son stada mai sola - semper tre o quatter moros...Lu el me rivava a ca la matina ai quatter, tutta sang la camisa, coi sciscioni per el corp... Che je faga pur... s'el po minga fan de men per scriv i só romanz, ma ch'el faga che mì i sappia no. Ringrazi però Dio che ghe voeui anmò ben.


1755. E' l'ora dell'accensione del cosidetto rattin in Galleria nuova, che gira intorno alla cupola accen[den]done la carozza dalle cento fanciulle... I forastieri seduti fuori del caffè Biffi nell'ottagono, alzano il capo maravigliati ed attenti. I birichini intanto bevono i loro bicchieretti, o sottraggono loro pel manico le cotolette ecc. Sorpresa dei forastieri nell'abbassare la testa.


1756. Il monumento al Vinci eretto in piazza della Scala dal Magni è infelicissima cosa - Le quattro figure degli allievi pajono quattro marionette. Stanno lì, con le mani pendenti - come mani di piombo. - Rovani definì il monumento «un litter in quatter».


1757. L'avv. e il lettore Traversi, due sagome, voglion andare al veglione in domino. La Bianca Bignami attacca loro dietro le spalle due cartellini: uno dice «il lettore Traversi» - l'altro «l'avvocato Traversi» - I due poveri diavoli, conosciuti da tutti - tornano a casa confusi.


1758. I progressi della scienza si devono allo scetticismo. La scienza dell'oggidì basa tutta su lui - e però, anche la letteratura per essere contemporanea deve corrispondere alla scienza e quindi essere scettica, che è quanto dire umorista.


1759. Umorista, secondo i vocabolari, significa persona incostante e fantastica - Il terribile umorismo di Macchiavelli nel Principe e di Holbein nella Danza dei morti. - Traccie di umorismo in Plauto e Menandro.


1760. Oh quante volte l'allegorica benda tornerebbe assai meglio ad Amore attraverso la bocca... se a ciò non provvedessero i baci!...


1761. Fra gli aggettivi che sono metafore, ma che pel troppo uso hanno perduto il filo, citare lo «svignarsela» - il «ringalluzire» ecc. Le parole, al filologo, sono quasi tutte metafore - Col tempo divengono spesso metafore di metafore, e però talvolta tornano semplici; per raddoppiar la metafora la perdono. - Guai se si leggesse etimologicamente un libro del giorno! non si capirebbe più nulla.


1762. bibliopola - cani pulciosi - patina di antichità - pelime (sudicio sulle mobiglie di legno non pulite) - paraffo, tabellionato - par che cammini su otto molle - in tuono in cui la curiosità perdevasi nell'interesse - Maria copiava dalla imaginazione - impalpabil ciarlio, nodi gramaticali che non legano nulla - affamato di baci - placar le fanciulle col canto - sana e buona -


1763. Il fidente abbandono delle caste fanciulle.


1764. E la fanciulla non guardò più tanto alle nubi o nel fuoco, quanto nello specchio e in istrada - Sei mesi dopo Maria, bella e giojosa, diceva ed udiva il più bramato dei sì. (muta che riaquistò, per amore, la favella)


1765. Dà molto a sperare quello scrittore cui si può più torre che non aggiungere. - ninnoli, minuzieria, minutaglia, miscea letteraria - i riboboli -


1766. La vera letteratura dell'ultimo popolo è quella dei muri. - Le taverne a Pompei, i cessi da noi ce ne offrono pagine eloquentissime. Resta ancora a scriversi un libro intitolato «Storia della letteratura sui muri» - Il muro è la publicità che si sottrasse sempre alla censura - è là dove fu consegnata la pura opinione popolare ecc.


1767. In compagnie dove si scocca una folla di motti arguti, si può dire «par de vess in d'on vespee».


1768. C. amava riamato una bellissima ed intellettuale fanciulla, troppo intellettuale per potere campare. Il padre di lei contrastava fieramente al loro amore. Ella morì. Quando venne portata al Camposanto (un camposanto di campagna) pioveva a dirotto. Due sole persone seguivano la virginea bara - il padre - e l'amante, braccio a braccio, sotto il medesimo ombrello e con lo stesso dolore. Ma la vicinanza dei corpi riavvicinò i loro animi - e con la povera... seppellirono tacitamente ogni odio. - (Funera conciliant miseros...).


1769. Dal Bardo di Gray, Heine può aver tolto l'idea de' suoi Tessitori - dove dice Weave the warp ecc.


1774. La carità è l'unico dovere che non ci può essere grave.


1775. cocker, ingl., dorloter, cocorina, cocorà (parole usate tra noi bimbi e la mamma nostra nella medesima idea).


1776. Una volta la similitudine era tolta in generale da oggetti rispettivamente all'uomo grandi. Si voleva descrivere un animo adirato? Lo si paragonava al mare in tempesta - si volevano rappresentare cavalli o bighe erompenti dalle carceri? Un torrente correva tosto alla penna. - Così la voce, era tuono; folgore lo sguardo ecc. ecc. Oggidì succede tutto al contrario. Il microscopio fa dimenticare il telescopio. Le similitudini, son tratte, la più parte da cose in riguardo all'uomo, piccole. Le pulci, le padelle, i fili di refe, ecc. ecc. hanno pigliato nelle metafore i posti dei leoni, dei mari, degli arcobaleni ecc. ecc.


1777. Due artisti dinanzi all'Apollo di Belvedere - di cui criticano la gamba ecc. sproloquiando di estetica. Ma l'uno è nano, l'altro gobbo - caso non infrequente negli odierni ministri della bellezza visibile.


1778. Uno studente del Politecnico di Milano si dicervellava sulla prima tesi di una materia nuova inutilmente. Va allora dal professore e lo prega di ripetergli alla buona la lezione, confessandogli di non aver nulla capito.Cosa pretende di capire Lei? - gli dice il professore - se io, io stesso che ho scoperta questa nuova materia, e ci studio sopra da anni, non l'ho ancora capita?


1779. Pensare col cuore e scrivere colla testa.


1780. Inventare parole nuove è lecito a tutti - per la ragione che è lecito (e in ciò nessuno è contrario) l'inventare nuovi pensieri. Difatti, a chi ben guarda, le parole non sono che altrettanti pensieri - come i periodi, come i capitoli, come i libri... Eppoi? perchè accordare questa prerogativa al becero fiorentino e negarla al gentiluomo lombardo? Chi ha messo le parole nei vocabolari? un decreto forse del Padre Eterno?... no, gli uomini. - Ed io, non sono anche io - un uomo? - Si noti che neologisti furono tutti i più grandi scrittori - Dante, Richter ecc., Eschilo - ecc.


1781. Nell'antica comedia (la greca) non c'era per così dire divisione tra il palco e la platea. Essa trattava gli affari del giorno - gli attori portavano spesso la maschera dei personaggi publici - e indirizzavano la parola agli spettatori. Ma a poco a poco avvenne il distacco. Oggidì è scomparso anche il brillante che ammiccava al publico: oggidì si va a teatro a veder cose che non ci riguardano e spesso non c'interessano. Gli attori volgono molte volte le spalle al publico ecc.


1782. Il carattere di Alcibiade era di non averne.


1783. La gazzetta o libro quotidiano recò danno al libro perpetuo, come ne avea già arrecato il libro annuale ossia l'almanacco - abituando gli scrittori allo scrivere affrettato quindi scorretto, e i lettori alla troppa facilità, che rado va unita alla profondità o acutezza di pensiero. Al giornale si deve la perdita dell'originalità nello stile; e la moderna incolorità della lingua.


1784. Imitate gli antichi sommi - mi dicono. «Li imito bene» - rispondo. La virtù principale in que' sommi è la originalità: è l'avere trovate nella letteratura e nella filosofia cose non viste dai loro antecessori. Ed io cerco di fare come essi. Li imito davvero, non imitandoli.


1785. Fa senso il vedere come la più parte delle opere che ebbero una importanza massima nella storia del pensiero, e nei destini dell'umanità, siano nate e cresciute nell'ombra - come fu del Cristianesimo - di Vico - di Bastiat, per non parlare del Milton ecc. - Furono opere che s'introdussero nel campo nemico, non per assalto, ma per sorpresa.


1786. Qualcuno si lamenta che molti artistici geni non abbian potuto studiare.Fu 'na fortuna. Guai se di tempo in tempo non sorgesse qualche artista come lo Shakespear, dall'anima affatto fresca - affatto libera dagli impedimenti della scuola. Il progresso camminerebbe assai più lentamente -


1787. Il progresso esige la continua ricerca del nuovo - esige che neppur l'Arte - nata perfetta - si addormenti sui propri allori. L'Arte ha il dovere di far Storia. In verità, spiccano più gli errori del nuovo che non del vecchio - ma ciò è secondo natura - al vecchio errore l'uomo ha già fatto l'orecchio.


1788. L'est è a dritta, insegnava a' miei tempi il S.r maestro - e il ragazzo si volgeva come il maestro, poi si tornava a volgere secondo lui, e cambiata la destra, ripeteva ancora «l'est è a dritta». - Così, dell'effetto, incomprensibile ai maestri, delle carte geografiche appese nelle teste degli scolaretti. Diceva il Maestro - questo è l'istmo di Panama, che si vuol tagliare. - E allora io pensavo: or come farà l'America del Sud a star su?


1789. E' un indizio che la gente è malvagia, il sorriso che ci nasce spontaneamente alla vista di una altrui reale caduta ecc. e le risa che noi facciamo ad una caduta reale in teatro - ragione per cui piaciono sempre le comedie che presentano come in berlina qualche personaggio, come el Pedrin nel Nodar e Perruchee, el Milanes in mar ecc.


1790. Riguardo alla unità della lingua, io mi dico fautore del sistema di unificazione politico dei romani che non distruggeva gli Iddii delle altre nazioni, sostituendovi a forza i propri, ma aggiungeva i propri agli altrui - tutti accogliendo in un unico tempio (Panteon).


1791. Giorni di festa. La Ceriola, la candelora - S. Biagio, quando si mangia il panettone serbato fin dal Natale - una usanza di cui alcuni vecchi milanesi sono gelosissimi, per es. il consigliere Bicchierai.


1792. Una gran parte degli uomini, due o tre anni prima di morire, è colpita dall'estromania terribile malattia priapica - e ciò spec. in quell'epoca della vita che è detta «l'estate di S. Martino». Altra malattia, indizio di una prossima fine e che si manifesta nell'ultima parte della vecchiaja è la copromania, ossia smania cacatoria.


1793. In una canzone per una cantante, si trova la seguente strofa: «quando non c'è la luna - splendono nel firmamento - Le stelle a mille e cento - e dieci e cinque e una» -


1794. «Qual masso che dal vertice» ecc. (Manzoni. Natale) CF. con Virg. Aen.B. XII l. 684. Ac veluti montis saxum de vertice praeceps - cum ruit... ecc.


1795. but how did he steal? (furto letterario) no otherwise than like those that steal beggar's children only to clothe them the better (Garth).


1806. Il «Dispensary» del dr. Garth è la parodia di un poema classico. E' tutto dottori e speziali - con battaglie fra loro ecc. ecc. E' poema ricco di ingegnosi pensieri. Garth è medico artista, come lo è il nostro Redi, Raiberti ecc. - Nel Dispensario, notabile il carattere di uno scienziato che accoglie nel suo studio tutto il rifiuto della letteratura e della Scienza. Da lui gli abbandonati autori trovano rifugio, quì «retrieved from cooks and grocers», vengono le complete opere o meglio i completi spropositi... noi diremmo... di Cantù e le rime senza fine di ecc. Rallegratevi, scribaccini. You will find some Ceras still to read you over.


1807. L'uomo teme gli Iddii, ch'egli stesso creò.


1808. la morte nascosta in una pillola - ...


1809. La Gloria - (nelle bizzarie sulla) dire degli avanzi mummificati dei Memnonidi e dei Sesostridi, macinati a Düsseldorf, e adoperati dal povero pittore per velatura nelle ombre -


1810. La satira ai costumi e la satira all'uomo, questa eterna, l'altra temporanea - la satira privata e la publica. - Importanza di Angioli D'Elci nella Satira - D'Elci precursore di Giusti - D'Elci, originale suo malgrado. - Come a D'Elci fosse d'impedimento la troppa dottrina classica. - I suoi lavori sono mosaici di pietruzze greche o latine: benchè spesso il disegno sia moderno. Elci non si può citare che trascrivendolo tutto.


1816. Non par vero che D'Elci, il quale, benchè dottissimo, preferiva la scienza alla dottrina, e benchè nobilissimo innalzava la gentilezza del cuore sopra quella del sangue - si sia lasciato andare a ripetere quelle trite contumelie contro gli Ebrei, inventate da Cristiani doppiamente bricconi. - Di alcuni altri epigrammi suoi, si può dire che sono pure traduzioni dal latino (spec. da Marziale) come l'epig. che termina «ancor Teresa puzza di Teresa» - e l'altro che incomincia «Mi basta un corpo sano» - e gli altri due ancora «Brami, o Francesco - il pesce serbar fresco» ecc. - e «Son miei, dottor cotale - quei versi che dir vuoi - Ma se li dici male - cominciano a esser tuoi». -


1818. Nell'occasione che il Serbelloni si divise da sua moglie, la Ottoboni, Parini scrisse i seguenti versi - Cari figli non piangete - che se nati ancor non siete - non potendo vostro padre - vostra madre vi farà. - Invitato Parini a tessere l'elogio della Imp. Maria Teresa, rispose «Che non sapeva come principiare, giacchè l'unica sua qualità era quella di esser generosa - Ma donare l'altrui, non è una virtù».


1819. Nell'educazione dei nostri vecchi c'era il bel uso di chiudere per qualche ora i figli disobedienti nel cesso, che allora non era all'inglese, e neanche alla mezza inglese. Questi poveri bimbi si tiravano poi fuori quasi asfissiati, e i parenti, perdonando loro, li riamettevano in sala e al loro bacio, puzzolentissimi.


1820. Ritratti di Famiglia. Sul soffitto della Sala, una miniatura rappresentante Venere e Vulcano - sui parafuochi - Amore che commercia di cuori - e vende la simpatia in bottiglie - La pendola rappresentava Minerva in piedi, armata, portando nello scudo il quadrante dell'orologio.


1821. Assassinio del Prina, 20 aprile 1814 - Strana coincidenza; il Prina fu laureato a Pavia il 20 aprile 1787 - fu eletto ministro da Bonaparte il 20 apr. 1802 - fu massacrato il 20 aprile 1814 - mentre un vaticinio dell'almanacco Il rustico indovino colla data del 20 aprile diceva «chi si arrichisce sulle altrui rovine - non dà lieto principio a triste fine» -


1822. «Io sono così persuaso della necessità della rima per rendere più fisicamente allettatrice la nostra poesia che non credo praticabile il verso sciolto, se non che in qualche lettera famigliare o nei componimenti didascalici» (Metastasio lettere). Inutile mostrare come abbia veduto corto - E più corto ancora ha veduto sul giornale dell'Ing. Arch. di Milano [lacuna] autore del [lacuna] il quale parlando della prima locomotiva, posta - a suoi dì - sulle rotaje inglesi - pronosticava che l'invenzione non avrebbe attecchito mai in Italia, per la nostra mancanza di carbone fossile. - Di simili bevute ne va piena la storia.


1823. Gli alti intelletti sono di difficile sonno. - Quante volte una notte insonne diè il germe di idee che affidate ai secoli produssero future immense rivoluzioni.


1826. Un libro progressivo di scienza cancella l'antecessore - un libro d'arte lascia stare gli altri.


1827. Cric in milanese vale «silenzio», «basta» e simili, e trova un riscontro nel grido d'arme dei Molac di Brettagna «Gric à Molac!» (silenzio a Molac) salvo che Gric voglia dire come Krieg, guerra.


1828. Lodar Rovani è un appendere corone d'alloro ad una pianta d'alloro.


1830. Le due vie che segue il Dossi - una rappresentata dai Ritratti Umani che narra il mondo com'è - l'altra dal Regno dei Cieli, e suoi figli (Colonia Felice ecc.) che narra il mondo come dovrebbe essere. I primi appartengono alla storia, gli altri alla filosofia. Nella prima c'è il Dossi cattivo, nell'altra il buono - Queste due vie dovrebbero poi riunirsi nel Premio dell'Onestà, in cui il mondo quale dovrebbe essere si troverà a contatto del mondo reale.


1832. Somma importanza di Richter nella St. dell'Umorismo - di questo Richter che oggi solo si comincia a conoscere in Europa - ingegno, secondo me, superiore a tutto quanto produsse l'età moderna, compreso Shakespeare. I suoi libri sono il frutto di mille vecchie biblioteche, e saranno la causa di altre mille nuove. - Voi, giovani scrittori, che cercate affannosi e non trovate nuovi orizzonti alle letterature dei vostri paesi, correte correte alle cave inesauribili di Gian Paolo - scavate - togliete da quei terreni dove giaciono i germi di miliardi di pensieri, di milioni di libri, di migliaja di celebrità.


1833. La gioventù di Gian Paolo fu imbevuta da studi teologici e filosofici e linguistici. Raramente una stilla di humour cadde nella sua prima letteraria educazione. - Ed anche lui a 18 anni (1781) fece il suo romanzetto sul gusto del Werner und Lotte, del Siegwart e Marianna e simili, intitolato Abelardo e Eloisa - di cui dice: «ich würde mehr bemerkt haben, wenn ich hätte weniger empfindeln wollen».


1858. Non si trova scrittore, che meglio di Gian Paolo abbia saputo imprigionare in periodi quelli già-inesprimibili sentimenti che si affollano in una giovane anima, colma di amore e di malinconia nell'ora del crepuscolo.- Leggo Dante, leggo Manzoni ecc. e parmi sentire la genealogia dei loro pensieri, e ricordo Roma e la Grecia. - Leggo Shakespeare e Jean Paul e mi trovo nel nuovissimo vero. - Tutte le migliori qualità di un umorista si compenetrano in Richter: egli è più acuto motteggiatore di Voltaire, è più sentimentale di Sterne e di Rousseau - è più erudito di Erasmo - è più profondo dello stesso Shakespeare. - Fra cinquant'anni non ci sarà gloria che vinca la sua. - Una buona traduzione di Richter, influirebbe in bene sulle lettere nostre, più di qualunque altra opera originale. - Colle opere di Richter, nessuno può più lamentarsi che a questo mondo gli manchi l'amore. Chi non ha un amico, chi non ha un amante, legga Gian Paolo, e troverà quanto cerca! - Non c'è libro che possa più influire di questo sulla umana bontà.Basterebbe alla educazione di un bimbo. - I miei figli non leggeranno altro libro.


1859. Den Zeichnern, die in künftigen Jahrhunderten so aus mir schöpfen wollen wie bisher aus dem Homer, geb' ich folgende Gruppe des Doktors, als einen Schatz. (Richter, Titan, 8 Jobelperiode, 42 Zykel.) - E la profezia di Richter avverrà! e non pei soli disegnatori.


1862. Richter trovò nuove vedute in ogni parte dell'umano scibile - E' una fitta tale di pensieri da perderci la testa - Richter seppe trovare il pensiero del pensiero. -


1864. Le strane espressioni - benchè piene di filosofia - di Richter - strane almeno per ora in cui non ci abbiamo ancor fatto l'orecchio - per es.: Und setze seinen heissen (Mund) auf ihren, wie eine halbe Stange Siegellack auf die andere halbe. - Dinten fisch = scrittore - l'estate del focolare = l'inverno, ecc.


1865. troppo altero egli era - per dire una bugia fosse pure con una bestia - Chè avendo saputo allettare a sè delle colombe selvatiche colla lusinga del cibo - mai non volle pigliarle per non tradire la loro confidenza.


1866. quand'io leggo la lode di un gran cuore o di una gran mente, palpito di gioja superba, come foss'io il lodato.


1867. la mitologia è una filosofia a simboli, a pitture.


1868. Nelle nostre epoche le apparenti diversità di pensiero ecc. ricordano un'orchestra di sonatori che stia provando gli istrumenti e gli accordi per la sonata dell'avvenire - Queste sparse idee, interrotte, apparentemente sconcluse - sono le prime goccie dell'imminente pioggia (l'umanitarismo).


1869. Salomone chiese a Dio la sapienza - e Dio, fìlosoficamente, gli diede l'oro -


1870. I Censori romani erano deputati a mantenere la povertà nelle vesti e nei costumi; i moderni (critici) a mantenere quella della intelligenza. - I molti critici danno indizio di una fiorente letteratura - come i molti topi lo danno del molto raccolto. - Certi scrittori fanno voto di povertà (d'intelligenza) come i frati -


1871. Il ricco si duole dell'inverno non freddo, che gli torrà di patinare.


1872. Perchè una lucerna faccia buon lume, il suo lucignolo non va nè troppo nè troppo poco smoccolato. Paragona la smoccolatura alle istituzioni che invecchiano in una nazione - e usa della medesima regola.


1873. Un libro indegno di essere letto una seconda volta è indegno pure di essere letto una prima.


1876. Il cielo da lungi sembra azzurro - da presso è aria incolora. Così è di molti dei nostri desideri (Richter) - L'umanità è dannata a sospirare eternamente un cielo che mai non raggiunge.


1877. E' questione intralciata se la Musica senza parole possa essere immorale. Richter dice: die Musik hat etwas Heiliges; sie kann nichts als das Gute malen, verschieden von andern Künsten. - Io invece sono di contrario parere - L'onesto della musica è il bello. Una musica brutta è quindi necessariamente immorale.


1880 a). Früh lieben, spät heirathen heisst oft; am Morgen eine singende Lerche im Himmel hören, und Abends eine gebratete verspeisen (id.) - Distrutta la Bastiglia si usarono anelli con incastonati pezzetti di essa. Potrebbe dunque dirsi di chi porta l'anello nuziale: tiene il suo pezzetto di Bastiglia al dito anulare (per dire, è maritato).


1881 a). La teologia fece spesso gli atei, e gli eretici.


1882 a). I libri di morale insegnano a fare quello che si è sempre fatto, senz'essi.


1884 a). L'Arte rinfresca, eterna le voluttà e gli entusiasmi. - La letteratura dev'essere insieme musica e pittura. (ma sopratutto letteratura 1883)


1885 a). I temi di composizione che si usano dare nelle scuole non debbono essere nè troppo vaghi, come sarebbe «la lode della diligenza», «l'importanza della gioventù» e simili, nè troppo gravi come «il confronto tra Cesare e Napoleone» ecc. - benchè, dice Richter, insigne pedagogo, «noch besser als alle Aufgaben sind vielleicht gar keine». - Meglio è che il giovinotto si metta dinanzi un puro foglio di carta, senza tema di sorta, e sopra ci sprema quanto gli viene, quanto la sua originalità suggerisce.


1886 a). La letteratura Umoristica non dà fuori, che in quelle epoche nelle quali tutte le regole della vita antecedente sembrano andare a fascio. Nota l'U[morismo] all'epoca della Riforma - della Rivoluzione francese - della Riv.Umana. 1881 b). Nella lirica la tiepida analisi deve lasciare il posto all'impeto del sentimento, il quale dal canto suo, dee per pittoriche frasi a quella conclusione arrivare, anzi saltare, cui la minuta osservazione sarebbe lentamente giunta. -


1886 b). (ad uomo d'ingegno che vada a coricarsi, si può augurare:) Gute Nacht: wachen Sie wohl. - (Richter) - bewaffnet vom innern Gott (Richter), CF.Dante coscienza m'assecura - la buona compagnia che l'uom francheggia - sotto l'usbergo del sentirsi pura -


1890. Oh quanti infelici staccaronsi da questa vita senza conoscere l'affetto dei genitori, l'amicizia degli amici, l'amore della donna... inutilmente desiosi! oh quanti felici morirono invece, senza sentirne la mancanza!


1891. Tutte le idee sono già nel cervello, come tutte le statue nel marmo. La ragione non fa che scoprirle.


1892. L'Inferno dei Cattolici, non essendo costituito se non dal solo dolore - deve lasciare i pazienti indifferenti.


1893 . Magnifico è il discorso di Adamo ad Eva - nel Siebenkäs di Richter.Vol.II, pag. 115.


1895. Utile lavoro letterario, sarebbe un Prontuario completo per le date nelle opere d'Arte - e i nomi degli autori - fatto per es. Così. MANZONI.Cinque Maggio, ode, Milano 1821 - ecc. ecc. e quì il resto delle sue opere - poi Cinque Maggio. MANZONI, ode, Milano 1821 ecc. Poichè accade spesso di sapere i nomi degli autori e di non conoscerne le opere, o viceversa avendone letto qualcuna di non rammentarsi più il nome dello scrittore - L'indicazione poi accuratissima delle date, toglierebbe o fonderebbe le accuse o le difese di plagio, di cui ora i critici si valgono troppo leggermente.


1896. La scienza è una positiva ignoranza.


1897. Nonno Carlo, fuoruscito pei moti del 21, provvedeva i poveri suoi coemigrati di scarpe - come Arconati li provvedeva di giubbe - altri di calzoni ecc.


1898. Manzoni nella nuova letteratura italiana rappresenta la primavera, e Rovani l'estate. Rappresenterà Dossi l'autunno?


1899. le pitture bizantine, tutte uguali, come le tegole.


1900. Nei libri di note tenuti per tutta una vita da qualche nostro vecchio - sono curiose certe osservazioni sulla stagione, che, secondo chi le faceva, pareva sempre peggiore delle antecedenti. Si trova per es. colla data del 33 «a memoria di uomini non si ebbe mai un mese di ottobre più fatale di questo» (o più freddo o più caldo ecc.) e poi alla data del 34 - «Nessuno si ricorda un autunno più scellerato del presente ecc.» e così vievia - Se chi notava simili osservazioni diceva il vero a quest'ora il mondo sarebbe il più infame paese dell'universo. Il che non pare.


1901. I libri di alta educazione dei nostri papagrandi, allora piccoli, e delle nostre nonnine, erano per lo più il Metastasio, il Bondi, il Vittorelli.- Si sentivano i bimbi e le bimbe incipriate recitare sentimentalmente o tragicamente, ora il «Limpido ruscelletto - se mai t'incontri in lei - dille che pianto sei - ma non le dir qual ciglio - crescer ti fe' così» - «Placido zeffiretto - se trovi il caro oggetto - dille che sei sospiro - ma non le dir di chi» - ora il «Chi tradisce un traditore - non punisce i falli sui - ma giustifica l'altrui - con la propria infedeltà» - oppure «Va tra le selve ircane - barbaro genitore - Fiera di te peggiore - Mostro peggior non v'è - Quanto di reo produce - L'Africa al sol vicina - L'inospita marina - Tutto si aduna in te». - Questa, la grande educazione; la piccola, consisteva nel far ripetere ai bimbi per loro snodare la lingua: «sul castell Baradell ghè ona calcatrappola con cent mila calcatrappolitt... var pussee la calcatrappola che no i cent mila calcatrapolitt» - oppure nel contare loro gli esempi di Timininfus e Timinfusinna - o dicendo «Gh'è on gatt su on tecc - ch'el dis ch'el ga frecc - ch'el mugna, ch'el mugna, ch'el mugna» (e qui si scoccavano le labbra).


1902. Nelle prigioni - (dal racconto di D. Casimiro prete Sghedoni). Regina Stella era una bellissima giovane, condannata alla carcere, perchè manutengola dell'amante ladro. Un giorno succede nelle prigioni un tumulto di donne (stavo per dire ammutinamento, ma ciò è impossibile). Il direttore temporale pensa al castigo; però s'intende con D. Casimiro, che è il direttore spirituale, per diminuirlo: e gli dice «io entrerò coi secondini; farò un breve giudizio: e le condannerò. I° ad essere incatenate - 2° ad essere flagellate - 3° ad aver tagliati i capelli. Lei entri a tempo, interceda, e otterrà la grazia».Difatti si fa così. Le donne soffrono in torvo silenzio le catene e le battiture, ma al comparire delle forbici, grida disperate. Entra il sacerdote.Le donne gli corrono incontro, lo circondano, gli domandano la grazia. Ed egli la ottiene, dopo apparenti rifiuti, dal direttore. - Poi passa nel secondo camerone. Ecco che gli viene innanzi la Regina Stella, tutta in lagrime, singhiozzando: «ah perchè non è venuta prima!» e gli mostra i suoi capelli tagliati, dicendo: quando ho sentito che me li volevano tagliare, me li ho fatti tagliare da un'amica per non lasciarmi mettere le mani addosso dai luridi secondini - e quì in uno scoppio di pianto. L'unica che avrebbe meritata la grazia, avea patita la pena. - (Notiamo che la Stella avea posto la sua figliola in una pensione e la faceva educare benissimo).


1903. Se la letteratura debba arrestarsi alle soglie del codice - e se il suo scopo debbe essere la correzione degli umani difetti e non dei delitti - questione -.


1904. Una sala di biblioteca, fredda - con topi che cricchiano e vecchi che studiano sudici libroni ancora più vecchi. Entrano tre o quattro ragazze freschissime, forastiere che vengono a visitare le biblioteche. E' come se entrasse un raggio di sole. - Le sbirciate dei vecchi - il tacito confronto tra la scienza nuova e la antica - il rammarico del tempo perduto ecc.


1905. Il subito imperversare di una virilità - che avea sempre taciuto - è la nascosta causa della ruina di molti nelle sostanze, nella salute, nel genio.


1909. E nemmeno manifesta la storia che un genio perfezioni sè stesso, perchè è della natura del genio l'essere nel primo istante completo.


1910. getta i tuoi libri agli emendaturi fuochi.


1911. Di Parny mi piacciono le elegie, perchè scritte col cuore, benchè povere di pensiero - «La guerre des Dieux», molto migliore, per quanto se ne scandalizzi il Saint Beuve, tra i critici, asinissimo. Peraltro, se la guerra degli Iddii è una eccellente trovata, presenta fiacchezza ed incuria d'esecuzione. - Il nostro Porta lesse certamente il Parny prima di scrivere il suo miracol (CF. descrizione del Paradiso C. II in Parny) - La debolezza generale che si manifesta in Parny è forse dovuta alla povertà di vocabolario, messa alla moda dall'incolore Boileau. - Un bellissimo poemetto sono anche «Les galanteries de la Bible». Noto la somiglianza tra l'episodio di Ada e Sela, con Thamar che insegna a Sela quanto debb'egli fare con Ada per ispegnere il proprio amore - e la storia di Dafni e Cloe (con Lucaina (?) che corrisponde a Thamar), di Longo Sofista. - E nemmeno spregevole è la Parodia in 4 c. al Paradiso perduto di Milton - spec. per la conclusione di Adamo, che cacciato dal Paradiso, stringe fra le sue braccia Eva, sclamando «perdre ainsi, c'est gagner» -


1912. La guerra degli Dei di Parny - se non per la lingua, per le idee, appartiene alla St. dell'Umorismo - p. e. La garde fuit; à l'autel on fait brêche - et l'on arrive à ces esprits divins - qui jour et nuit brulent sur leur bobêche: - Dessus l'on souffle; adieu les Seraphins! - Les dieux bourgeois du christianisme - il troppo accessibile Olimpo - David bien et dûment préché - par un docteur plein de sagesse - pleura quelque temps son peché - mais garda toujours sa maitresse - (le saint pigeon) obscurément il prédit le passé -... le pays des amours, - pays des fous, envié par les sages -


1913. Oggidì, per maladizione della Scienza, gli artisti non possono più fare come il Deus li inspira, ma fanno come la critica vuole - atteggiano cioè i loro studi a quell'indirizzo che s'hanno dato ad intendere per l'indirizzo dei tempi. In altre parole, sanno troppo la gramatica per poter scrivere bene. -


1914. Bucellati nel suo sproloquio su Manzoni gira intorno all'idea senza coglierla; Rovani la attraversa, se l'assogetta. -


1915. Le teorie goriniane hanno molti punti di somiglianza colle pitagoriche.


1918. Plinio è un magazzino di bugie. Per es., dopo di aver cominciato splendidamente il suo VI libro colla descrizione dell'infermità dell'uomo, dà il fuoco a tutta una batteria di balle... così grosse, che si rimane indecisi se sia maggiore la sua impudenza o la sua ignoranza. Curioso poi il notare, come Plinio dopo di avere spacciato le più solenni menzogne, faccia però, in omaggio alla verità, alcune riserve. Accorda per es. l'esistenza delle sfingi, dei cavalli pegasei, ma nega quella dei lupi mannari, dicendo «mirum est quo procedat Graeca credulitas!» Credo, che noi dobbiamo alla lettura di Plinio, la frase milanese delle balle romane, per dire bugie grosse. Tra le mille, valgono le seguenti: ex feminis mutari in mares non est fabulosum (VII-4).L'ibis il precursore dei dentisti che col becco pulisce i denti e fa il pizzicorino al cocodrillo - il serpente che fu espugnato da Regolo come una fortezza - il lupo cervaro che, guardato da qualcuno, mentre sta mangiando, perde, povero diavolo! l'appetito - i tre taciti consensi (patti sociali) fra la gente, cioè: I° di usare tutti delle lettere jonie, 2° di farsi la barba e di tagliarsi i capelli - 3° di contare in egual modo le ore - ecc. Eppure Plinio ha magnifiche pagine per verità e magnanimità di pensiero.


1919. Dice Plinio, che fino alla prima guerra punica, chi faceva da orologio in Roma era il console, il quale annunziava il mezzodì «a Curia inter rostra et Graecostasin» - Il primo orologio solare venne trasportato dalla Sicilia, e piantato nel foro, ma, naturalmente, non andava troppo bene.


1924. Antichissima la credenza che la vista del lupo tolga a chi lo vede la voce (sfido io! la paura). Dice Plinio: in Italia quoque creditur luporum visus esse noxius, vocemque homini quem priores contemplantur adhimere ad praesens ecc. CF. lupi Moerim videre priores, di Virgilio - e l'artic. Luff nel dizionario mil.-ital. di Cherubini.


1926. CF. il passo di Plinio, dove si parla della Terra (Nat.Hist. L. II. 63.ediz. Teubner vol. I) coll'Inno alla Terra di Dossi nella «Colonia Felice» - E' una rassomiglianza involontaria. Il Dossi della Colonia Felice non avea letto ancor Plinio.


1929. il corpo = la vagina dell'anima.


1931. I Commageni (Eufrate) chiamavano il fango maltha, Ved. la malta dei milanesi.


1932. Rovani, nel suo Giulio Cesare, usò molto di Plinio - ed è con Plinio che si potrebbero correggere molti suoi sbagli di penna. Per es. la dedica di Pompeo a Giove, si trova tutta nel naturalista Romano libro VII. 26 - In Plinio si parla della Galeria Copiola Emboliaria (VII, 49) di Iaja, non Laja, pittrice ecc.


1933 a). La Terenzia di Cicerone visse, secondo Plinio, 103 anni. O Cicerone ringrazia il pugnale di Cesare!


1934. Anche la Malvagità ha i suoi scrittori classici. Macchiavelli ne è uno.- I Gesuiti eressero la umana perfidia al grado di scienza. - Un libretto, in proposito, è il Breviarium + politicorum + secundum rubricas Mazarinicas + + Coloniae Agrippinae + Typis + Joannis Selliba + superiorum permissu + 1684 - di pag. numerate 110, più due dell'indice.


1956. Nell'Arte antica prevaleva la Natura, nella odierna la coltura. Oggetto dell'antica il raggiungimento della natura, la quale è finita - oggetto dell'odierna il raggiungimento dell'Ideale, il quale è infinito. E però nell'arte antica il ramo della Plastica era superiore al corrispondente dell'odierna. Ein Werk für das Auge findet nur in der Begrenzung seine Vollkommenheit: ein Werk für die Einbildungskraft kann sie auch durch das Unbegrenzte erreichen. In plastichen Werken hilft daher dem Neuern seine Ueberlegenheit in Ideen wenig (Schiller - Vol. 4, pag. 673 - Passo confutabilissimo, colle pitture di Morelli, di Meissonier, di Cremona ecc.).


1960. Der Nutzen ist das grösste Idol der Zeit, dem alle Kräfte frohnen und alle Talente huldigen sollen. Auf dieser groben Wage hat das geistige Verdienst der Kunst kein Gewicht und, aller Aufmunterung beraubt, verschwindet sie von dem lärmenden Markt des Jahrhunderts... und die Grenzen der Kunst verengen sich, je mehr die Wissenschaft ihre Schranken erweitert (Schillers Kl. Schrif. - ueber die aestetische Erziehung - Vol. 4. pag. 560) - Altro passo da confutarsi - dimostrando l'utilità materiale dell'arte, e la sua odierna alleanza colla Scienza.


1968. Si amano le canzoni naïves per la ragione per cui si amano i bimbi - la naïveté, peraltro, non è più possibile nell'arte odierna, che è fatta di riflessione. L'apparente ingenuità di alcuni nostri celebri autori non è che doppia malizia.


1969. Nell'Antichità, sentimento e riflessione, erano una sol cosa - oggidì sono due, distinte e spesso contrarie.


1971. Il bimbo, che udendo dal padre di un uomo cui la miseria uccide, toglie al ricco padre il borsello e lo porta al povero uomo, o la madre, che per salvare il figlio vende il suo onore al giudice del figlio, fanno una buona od una cattiva azione? ecc.


1973. il merito e la fortuna rado s'incontrano in questo mondo.


1974. L'Arte è il rifugio della libertà cacciata dalla vita civile. E' l'altopiano sannitico, o di Castiglia, donde la libertà scende poi a combattere l'invasore.


1975. Io nei libri cerco sempre il loro autore. - Si osservi in un lavoro di Arte se l'anima del suo autore è completa. Può mancare l'ultima mano in un lavoro d'autore d'ingegno completo: mancherà sempre per quanto apparentemente finito, in autore d'ingegno incompleto. -


1976. L'Autore deve descrivere le passioni ma non essere appassionato. In Omero etc. primeggia la cosa che si racconta; negli autori moderni, lo scrittore tiene per sè il primo posto. Sotto l'influenza di questa o quella passione non si fanno in Arte cose perfette - La sola passione permessa, ad un autore, è l'entusiasmo nel suo lavoro - Das Idealschöne wird schlechterdings nur durch eine Freiheit des Geistes, durch eine Selbsttätigkeit möglich, welche die Uebermacht der Leidenschaft aufhebt - (Schiller).


1977. Perchè, o stolti, far birberie fuor delle leggi? c'è tanto posto di farne dentro!


1982. In letteratura si diede ai generi più disperati - si disse in una critica su Rovani - per un errore di stampa invece di disparati. E l'errore di stampa migliorò stavolta la frase del critico.


1983. Vidocq e Casanova - con le loro Memorie - costituiscono i due classici del delitto e della dissolutezza. - Eppure io non li direi libri immorali. - Sono due libri utilissimi al psicologo etc.


1985. La pena può essere fondata sull'emenda - sempre eccezionale, mentre la recidiva è la regola (Lombroso) - Gli antichi almeno erano logici nella loro ferocia - chè, non solo non ammettevano attenuanti al delitto, non solo non riguardavano a una probabilità di emenda pel reo, ma neppure nei figli del reo e ne' suoi discendenti. Di quì le distruzioni di famiglie intere, un sistema di garanzia, se non lodato, scusato oggidì dagli studi sull'ereditarismo.


1986. Le pene degli Antichi, crudelissime, non eccitavano che a più crudeli delitti. (Lombroso) - Non vale, a scusare la pena, la teoria dell'esempio: e difatti, che giustizia punire uno, non tanto per ciò che ha fatto, quanto per ciò che gli altri potrebbero fare? (Lombroso) - Un malvagio bisogna metterlo nella impossibilità di far altro male -: la società non ha altro diritto rispetto al reo di questo.


1994. (V. 1992). (l'ibridismo) E' il carattere del tempo. Oggi si vogliono imporre pedantescamente al Sud le leggi, la estetica, le virtù del Nord. - Oggi a Napoli sorge la casa olandese - in Baviera il tempio greco - in Inghilterra, la pagoda chinese.


1997. Mariolo deriva dal «Viva Maria» urlato dalle bande, a un tempo di pellegrini e di ladri, che si recavano a commetter delitti e insieme a farseli perdonare alla Diana di Efeso... mi sbaglio, volevo dire, alla Madonna di Loreto -.


1998. Gli zingari e i beduini sono razze di masnadieri associate. (Lombroso) - altra gran prova dell'ereditarismo nel delitto.


1999. A migliorare il prigioniero gioverebbe grandemente la molla della libertà che verrebbe incontro al prigioniero, com'egli desse ripetute prove di buona condotta.




Parte terza


2000. V. 1989. La istruzione ha nessuna influenza sulla moralità. Essa non serve che a rendere il delinquente accessibile alle nuove forze della civiltà.(Lombroso) - C'è però questo di buono - che il falsario sostituirà l'assassino. (D[ossi]). La civiltà ha la sua specifica criminalità (Messedaglia).


2001. Pei gerghi. Vedi Lombroso, Uomo delinquente pag. 101.


2002. Sono delitti che derivano spesso dalla carestia (furti) e delitti che derivano spesso dall'abbondanza (stupri) - In Lombroso si trova una tabella che mostra il rapporto del numero e della qualità dei delitti col prezzo del grano.


2004. Una capata può di un genio fare un cretino - può di un galantuomo fare un briccone - Una capata produsse forse il genio di Giusti. (Vedi, sua vita).


2005. La istituzione dei manicomi criminali è reclamata dall'odierna civiltà - In Inghilterra se ne trovano - Vi ha delinquenti che sono o furono sempre alienati, per cui la prigione è un'ingiustizia e la libertà un pericolo. - Nè la Natura fece distinzione fra delinquenti e pazzi.


2006. Chi governa davvero in un paese ignorante è la sola paura (Lombroso).Che è la religione se non la paura del diavolo? che è l'onestà se non la paura della prigione? ecc.


2009. A pag. 165 Lombroso uomo delinquente dove si parla degli eccentrici e a pag. 168, 5° capoverso - trovo descritto matematicamente lo stato dell'animo mio (1876). - altro indizio di paresi, m'è la ineguaglianza ché mi si accentua ogni dì più della pupilla -


2014. bavero - usato la prima volta da Botta Storia d'Italia Vol. 2. libro 9 pag. 82 ed. Parigi - Didot.


2017. Et. burlesche - Tale inventò un liquore: era costui un tedesco. - Chi lo gustava «was ist es?» - chiedeva. Ed egli: vermuthe (indovina). - Donde la parola di vermuth.


2023. La legge è uguale per tutti gli straccioni.


2025. Un povero che può dire «son stato ricco» si sente un po' sollevato... e già solleva, podend dì minga gh'hoo, gh'eva.


2036. Le carceri odierne ridanno ai detenuti l'aria, il sole, il pane fresco, la pulizia - togliendo loro la compagnia. Non giurerei che l'infelice ci guadagni nel cambio.


2041. Tale lascia una ricca eredità, accessibile ad un suo nipote nel solo caso che questi procrei un figlio. Il nipote ha moglie, ma, per quanto faccia, non giunge ad essere padre. Cerca allora di persuadere la moglie a scegliere un amante. La moglie si rifiuta. Scene.


2044. With curious art the brain too finely wrought - preys on herself and is destroyed by thought - Constant attention wears the active mind - Blots out the powers and leaves a blank behind - The greatest genius to this fate may bow (in Disraeli). - Tali sforzarono la loro mente sì orribilmente nella meditazione da non poter più leggere scritto, quanto essi medesimi avevano pensato. - Il cervello umano perchè possa produrre cose eccezionali, dev'essere costretto in una eccitazione morale (entusiasmo) che prolungandosi, si risolve in quella fisica malattia che è l'ipertrofia: precisamente come si fa col fegato delle oche perchè sia degno delle raffinatissime gole. - L'uomo di genio spesso lavora alla certa distruzione della sua fortuna materiale e intellettuale - e lavora in piena coscienza, irremovibilmente - Il martirologio dei letterati e degli artisti è senza fine - Ma «hopeless not heartless» è la divisa di un genio.


2045. Un genio ha d'uopo del piatto di quotidiano applauso. Ma rado, è che l'ottenga in vita, e se l'ottiene, ciò avviene soltanto ad una età in cui il suo intelletto è già refrattario alle eccitazioni.


2046. Why does an excellent work, by repetition, rise in interest? because in obtening this gradual intimacy with an author, we appear to recover half the genius, which we have lost on a first perusal (D'Israeli). Io non scrivo se non per chi legge almeno 3 volte i libri.


2049. Erasmo - il ridente saggio. Dicea di sè stesso «sum natura propensior ad jocos quam fortasse deceat» - Volle fare dell'humour nella lingua la più refrattaria di tutte all'umorismo - Colle sue opere offendette egualmente i vecchi cattolici e i nuovi riformati.


2054. Gli universalisti non sono in nessuna parte sommi - esempio Voltaire, e più che Voltaire, Azeglio.


2055. La Bruyère disse degli uomini di genio: costoro non hanno nè avi nè posterità. Essi compongono da soli la loro intera razza. (Disraeli) - (Falso) Rovani ad es. è figlio di Manzoni - ecc.


2057. Nell'Asta giudiziale delle idee invecchiate (Libro delle Bizzarie) citare - le monadi di Leibnitz - la teoria di quell'altra chiolla di Malebranche del veder tutto in Dio - la carta bianca di Locke (similitudine pel cervello senza idee innate nel quale si può scrivere tutto quanto si vuole) ecc.


2058. La mente costituita da tutti gli uomini cervelli che si susseguono in vita, è eterna e aumentabile -: l'altra, costituita dagli individui è caduca.- Quest'ultima fa groppo a dato momento e a data età.


2064. Alcuni imaginano letterariamente dialoghi di geni discutenti fra loro su differenti discipline, come se questi geni - dato un incontro tra essi - potessero vicendevolmente sopportarsi.


2067. CF. la teoria goriniana dei terremoti col passo in Shakspeare First part of K. Henry IV. Act III. Scene I. - Hotspur: ...oft the teeming earth - Is with a kind of colic pinch'd and vex'd - by the imprisoning of unruly wind - within her womb, which for enlargement striving, - Shakes the old beldame earth and topples down - steeples and moos-grown towers... -


2068. Nelle prime pagine di una storia dell'umorismo in Italia, ancora in mente Dei et Dossi - la materia potrebbe essere divisa come segue. - Libro I°.I°. Che cosa sia l'umorismo. Falsi giudizi. - 2°. Distinzione tra comicità e umorismo. - 3°. Traccie d'umorismo nell'antichità, perchè spec. nei comici - attico sale, urbanità, naso. Roma meno adatta della Grecia all'atteggiamento umoristico. 4°. Come e perchè nell'antichità non ci fosse letteratura umoristica nel vero senso della parola. 5°. Come la letteratura debba informarsi allo spirito dei tempi. 6°. Del nessun valore che hanno quelle opere letterarie inutili alla storia, essendo scopo eterno dell'umanità l'allungarsi la vita, mercè la memoria. - 7°. Non vivere se non quelli artisti che colle loro opere fanno storia. - Libro II°. 8°. Quale sia lo spirito dominante nel tempo presente. Scetticismo. Se lo scetticismo sia indizio di decadenza o no. Scett. odierno diverso dall'antico. - 9°. Come l'umorismo sia la sua unica manifestazione letteraria. - 10°. Degli addentellati fra tempo e tempo. - 11°. Influenza della Riforma religiosa sull'Umorismo. - 12°. Perchè del suo principale allargarsi in Germania e in Inghilterra, trionfante poi in Francia. - 13°. Tentativi repressi in Francia e in Ispagna, trionfanti poi in Francia - Libro III°. 14°. L'Umorismo in Italia. Perchè l'Italia appaja per l'ultima. In Italia, col papato la sede della immobilità, e delle tradiz.Romane. - 15°. Germi di umorismo negli antichi scrittori - soffocati dal rinascimento neogrecolatino. - 16°. L'umorismo latente nei poeti dialettali.


17°. Tarda appare l'Italia nel campo dell'umorismo, ma abbastanza a tempo per porsi innanzi a tutte le altre nazioni. E' il re che appare ultimo in scena.


18°. Manzoni il primo umorista completo d'Italia. - 19°. Rovani. - 20°. Dossi.- Conclusione.


2069. Il fare la storia di un sol cuore umano è pari impresa per utilità e nobiltà che 'l farla ad una intera nazione - anzi, la storia degli atomi varrebbe quella dei mondi - che dico! dell'universo -


2072. Nell'arte tener sempre il piede alla terra, volgendo gli occhi al cielo.


2073. «La storia antica restituita alla verità e raffrontata alla moderna» (Torino 1865), di Cristoforo Negri, è uno dei migliori libri che siano stati scritti in quest'ultimo mezzo secolo - Essa figlia dal sistema comparativo di Macchiavelli e di Vico ed ha l'onore di avere generato «La giovinezza di Giulio Cesare», di Rovani. Negri è tanto più scienziato di Mommsen quanto è meno erudito. Per lo scopo dell'opera V. a pag. 515. Ci ravvisiamo inoltre, quanto a stile, una brevità felice di espressione, che gareggia con quella dei classici, sebbene talvolta si volga, per troppo amore della frase, nel suo contrario (V. a n. 2145 saggio di frasi e parole tolte dal Negri ) cioè finisca in uno scialaquo di aggettivi che confondono invece di rischiarare. A Rovani la gloria di aver completato il suo maestro - Dalla storia di Negri noi non solo apprendiamo la storia passata, ma la futura. Essa è eterna come il cuore dell'uomo: è un romanzo intimo. - Negri mostra il mondo com'è, gli economisti come dovrebbe essere - E' un libro il suo pieno di patria carità e di politica scienza. - Magnifiche le osservazioni di Negri sulla costituzione Romana - Negri s'inspirò talvolta giustamente alle grandissime anime dei letterati di Roma, che presero colore e lo diedero al secolo loro - mentre la storia di Mommsen va soggetta a cambiamenti, ad ogni scoprirsi di nuove lapidi, che nella loro solitarietà e nelle loro sgrammaticature, non provano che il nessun valore. - Raff. poi Rovani con Negri, ci troviamo in questo semplici uditori dei fatti, in quello spettatori. Ma Rovani ognidove gareggia con Negri, sia nell'idea, sia nella frase, lo vince. Per es. il volente o non volente di Negri diventa in Rov. volente o nolente. CF. Negri sulli ergastoli romani pag. 264 e Rovani (G. Cesare) - id. sui salassatori sistematici pag. 276 e Rov. id. - Id Cap. III, parte III pag. 275 - e Rov. corrisp. - id. della patria potestà p. 230 e Rov. id. (vol. I°. C. XIII) - amore al vino in Catone - Negri pag. 321. CF. Rov. - Id. patriziato in Roma Parte II. Cap. I. pag. 181 - e Rov. corrisp. - id. Grandezza di Pompeo 315, nota, e Rov. id.


2074. Giusta l'osservazione di C. Negri (vedi sopra) che gli antichi conoscevano benissimo la scienza economica, se non in teoria, in pratica.Sante le sue parole sulle condizioni attuali di Italia p. 541 - sugli studi letterari e giuridici p. 540 - sui classici p. 532. - Notevoli le osservaz.sulla Chiesa pag. 493 - sui progetti di Cesare p. 331 - Bellissimo il paragone fra Cesare e Napoleone a pag. 335 - Negri accompagnò sempre le sue letture dalla meditazione - Deve in gran parte la sua politica sapienza anche allo studio della geografia. Troppo è il nesso fra il suolo e gli abitanti per poter dire di questi come se l'altro non fosse. Difatti lo stesso Negri dice che «voler contare la storia di un popolo facendo astrazione dei luoghi dove la storia si svolse, gli è come voler giocar agli scacchi, coi soli pezzi, senza scacchiere». E' uno il suo di quei pochi libri che a me piacciono, perchè fanno pensare.


2075. Non credo che possa giovare al nostro progresso, il dire continuamente alla gioventù che l'Italia è alla coda delle altre nazioni, come fa Negri a pag. 544 - anche se ciò fosse vero. Ma non è. Negri stesso - di cui non c'è il maggiore fra i contemporanei storici salvo Buckle - ne è massima controprova. E quanto alle lettere, abbiamo un Manzoni, e, se non basta Manzoni, un Rovani, dinanzi ai cui soli impallidiscono le povere stelle a gas delle altre letterature. - Nego anche che non ci sia corrispondenza fra i nuovi e gli antichi germani, come fra i nuovi e gli antichi galli (V. pag.


308.). Il suolo specifica gli abitanti - come fa della flora e della fauna. - Nè mi pare del tutto razionale in Negri il non ammettere che Antonio abbia perduta la testa per Cleopatra... (pag. 366). La ragione guida spesso le azioni umane, ma non sempre. Molte volte passioni fuori dalla politica hanno influito sulla politica. Dove il cazzo tira va spesso la mente. - Così il giudizio su Thiers a pag. 458 è forse un po' troppo lusinghiero.


2088. La storia letteraria deve essere meditata in colleganza colla politica ed in allora la adorna e rischiara, e rende ad un tempo sincere le ragioni di sue forme talvolta mentite con velame ed orpello: noi lo abbiamo, ci sembra, provato. (pag. 417. Negri. E così fece Negri studiando la politica in colleganza colla letteraria).


2103. Granier de Cassagnac nel suo Voyage aux Antilles difende la Schiavitù - E dice uno scrittore Americano, che il negro schiavo era un cane col padrone, il negro libero, un cane senza padrone!


2118. Leggendo l'Iliade siamo per Troja, leggendo l'Eneide siamo pei latini difensori del suolo (Negri). E così leggendo l'Araucana di Ercilla - il nostro cuore come quello del poeta pende più agli Indii che agli spagnoli.


2119. Tacito e Svetonio, sono tanto inverecondi nel descrivere le libidini dei Cesari, quanto questi lo furono in esse (id.) - ed è forse un indizio che avrebbero volentieri fatto quanto stigmatizzavano -


2133. ...stupefatti scorgiamo i monumenti di Tebe, ma dalle moli adorate dal volgo ritraendo lo sguardo, lo riposiamo appagato sui canali dei Faraoni e dei Tolomei; lodiamo il Partenone di Atene, ma più le triplici porte... (id.). Quì Negri ha corta la vista. L'influenza dell'arte sulla morale e quindi sulla politica di un popolo è più assai di quanto egli creda. Ma Negri non vede che il solo male nell'Arte. Per noi, fu invece un vantaggio all'umanità il sorgere di quella stolta mole dell'Escuriale, se per essa si consumarono i mezzi di riparare alla Grande Armada, - fu un vantaggio il sorgere del prodigioso Vaticano se impedì più larghi soccorsi alla lega cattolica contro i protestanti, fu un vantaggio Versailles, se per esso, la vittoria tradì le legioni francesi di Luigi XIV. - Dice Negri: «nè amiamo l'estetica se dà onore con danno: prima dee assicurare chi regge un popolo la politica vita che non illustrarla» - ma e quando, dico io, la può riputare sicura? Anche gli stati hanno i su e giù di salute che hanno gli uomini. - Fortuna che Negri, poi, a pag. 176 dove raccomanda «adornando le città di non dimenticare le campagne» contradice a tutto quanto ha già detto. - (V. Negri «Pericle e le meraviglie dell'Arte», che fa il cap. XI a pag. 164 della sua Storia - dove si tratta dei rapporti fra l'arte e la politica).


2134. (Gli uomini della civiltà) salgono a ritroso i fiumi con navi fumiganti di caligine ondante, volano sulla terra listata di ferro con anelito di carri fiammanti, e fanno per le elettriche fibre discorrere una voce, una vita che distrugge ogni longinquità dello spazio e per gli umani consorzi riduce ad un sol punto la terra (Negri - Il passo è bello, ma che scialaquo di aggettivi!quì si voleva la forbice dello scolaro Rovani). - Giustissima è poi l'osserv.di Negri - contro le traduzioni dai grandi stilisti, mentre sono neglette quelle degli scrittori c. d. utili come Plinio il Vecchio ecc. poichè il pregio principale di quelli che è la forma - è appunto l'intraducibile; viceversa che in questi.


2141. Negri (Cap. XI, pag. 164 Storia antica) ha torto di attribuire alle arti sole il politico decadimento. L'Arte non esprime che quanto sta già. Essa è deputata alla Storia, la quale si forma prima di lei, e difatti le arti cominciano appunto quando hanno materia di racconto e più la materia è splendente e più splendono. Giovano poi anche nella decadenza, riparando nel loro grembo i germi delle future civiltà. Le arti vincono e sopravivono a tutti i temporanei umani casi. Anche senza di esse Roma, quando matura, sarebbe istessamente caduta dall'albero delle nazioni, e col suo marcire avrebbe fecondato nuovissimi frutti - ma la sua fama, senza le Arti rammemoratrici, sarebbe insieme perita. -


2142. i nuovi brutti edifici che in Roma si erigono spesso sulle rovine dei bellissimi antichi - rappresentano la Barbarie incombente sulla civiltà.


2143. Nei parlamenti odierni si dovrebbe introdurre il sistema ateniese della clepsidra per misurare così la ciarla di ciascun oratore -.


2144. Quella di Negri è spesso lingua maestosa qual si addice al soggetto.Scarpa grande a piè grande, direbbe Montaigne. - Alcune volte però pecca nello scialaquo di aggettivi - sp. di agg. di atteggiamento latino: come pure pecca talvolta nel numero e nella economia dei periodi - Mancano anche per così dire di equilibrio molti de' suoi capitoli. Il secondo per es., d'altra parte bellissimo, rende idea di esser stato pensato a tratti e non di getto. Le oss.sul sistema pol. spartano avrebbero potuto figurare in una nota; come al contrario, molte note sparse nel libro, sarebbero state meglio nel testo. - Per la politica sapienza Negri è sommo. - E' al lume di lui che si dovrebbero leggere i classici latini e greci. - Fa meraviglia come Negri non sia mai stato assunto al governo di uno stato. E' un male? è un bene? Certo è, che i migliori teorici, non sono sempre i migliori pratici. -


2145. Negri era ricco di felicissime frasi - (Dal 2073 a quì - vedine molti esempi). Altri esempi - ...l'Italia, ridente soggiorno d'indolenza... - narcotica sequenza dei poemi didascalici - il nauseabondo melume dei Petrarchisti - saturnali di sangue - sfolgoran flotte - parlar raccolto che viene subito a mezza spada - sdegnoso del luogo secondo (tolto da Dante?) - stultizzare - non greca licenza, ma greca sapienza - l'estetico latrocinio di Napoleone - il terribile apostolato delle armi - la severa e malinconica ragione - delirio di fame - lingua scolpita - audaci baje ecc. ecc. - Tutti epiteti fecondi di idee.


2148. prevenire colle concessioni le domande, ecco l'arte d'impedire, se non le rivoluzioni, le rivolte.


2149. Allo scetticismo appartengono Lucrezio e Cicerone.


2150. I soldati d'oggi saranno gl'impiccati di domani. CF. Tom. Moro, Utopia.


2153. Negri (a pag. 221 St. Ant.) dice che Manzoni non raggiunse nel Carmagnola la verità storica. - Dice che in Grecia e non in Roma si erano stabilite feste in cui ritornava per qualche ora l'eguaglianza primitiva fra servi e padroni. Non giurerei, ma a me pare che Macrobio non la pensi così -


2155. Se la ricchezza rappresenta lavoro anteriore sarebbe equo ad ogni tanto di censo accordare un voto...


2156. - (pel Cristianesimo) quando la femmina divenne donna.


2157. (A pag. 546 della sua St.) dice Negri ...«pel compimento di quest'opera promettitrice lusinghiera, forse ingannatrice, d'onore». No, l'onore dovuto non può tardarti, benchè te lo si neghi finora - iniquissimamente.


2158. Nei libri non ultimo pregio è quello della nazionalità - che è il pregio dominante ad es. nell'Iliade.


2159. ad ottenere un vero progresso e non una passeggiera illusione di progresso, è necessario occuparsi non tanto del miglioramento dei governi quanto dei governati - la qual via fu quella seguita dall'umanitario Manzoni.


2160. Il Romanzo delle Nazioni - (tema da trattare nel mio L. delle bizzarie).


2161. il cozzo delle idee precede il cozzo dei corpi: quel dei libri è pure una battaglia. - E' un'altra prova che l'uomo non trionfa completamente se non quando spirito e corpo consentono in un oggetto.


2162. Ma e quando finirà la scandalosa contradizione fra la nazionale onestà e la individuale?... Chiamerà sempre la vita publica virtù, certi fatti che la vita privata chiama delitti? L'assassinio fra le nazioni sarà detto ancora valor militare ed il furto conquista?


2163. La forza fu sempre la massima delle ragioni. Favoleggiarono i Greci che era armata Minerva e che Ercole e Mercurio guidasser le cause.


2164. L'entusiasmo artistico degli autori, corrisponde alla gioja della concezione - la susseguente stanchezza, alla febbretta della gestazione - la fatica dell'esecuzione, al dolore del parto - E dopo tutto ciò, il parto è spesso infelice.


2165. Temete i solecismi?... ma e che sono tutte le eleganze, le capestrerie degli eccellenti scrittori se non altrettanti solecismi?


2166. Pei calembourgs, Vedi Quint[iliano], vol. 2° (editio Teubner) pag. 121 e pag. 128. - Vedi anche Macrobio.


2167. Entrò nei presenti animi (1865-1875) forse per uno scusabile disgusto della paradossale e frondosa odierna letteratura francese, il pregiudizio che semplicità negli scritti equivale a grandezza. E così tu ti senti lodare insipidissima roba, come i bozzetti del De Amicis, i romanzi del Farina o del Bersezio, il pedestre Nerone del Cossa, i cento sonetti dei Neri Tanfucio ecc., sì confondendo la veste del pensiero, sempre lodabile se semplice, con il pensiero, che vuol essere acuto o profondo - quindi complesso, quindi non semplice. O leggete un po' attentamente il così detto semplice Manzoni, e vedrete quali lunghe vedute, quali sottintesi profondi! Altro è semplicità, altro scipitezza.


2169. Il proprio compito della Letteratura è di correggere il costume.Comincia dove finisce o manca quello della Legge. Son gibier, direbbe Montaigne, sono piuttosto i difetti che non i vizi degli uomini.


2170. Alla Società Pedagogica, il preside Gioda propone di accrescere di due anni il servizio militare agli illetterati!


2171. In lett. e credo anche in musica - è tra i caratteri del genio, lo stile, a volte, minchionatorio. Chi sta sempre serio - e non sa ridere mai o ride male, è un genio incompleto, come Aleardi, come Foscolo, come Verdi. La vera sojatura l'hanno invece Dante, Manzoni, Rossini, Shakespeare, Richter ecc. -


2172. L'umorismo non poteva sorger completo che in un'epoca di scetticismo. - Nell'Um. la ingenuità infantile della frase colla senile profondità del pensiero.


2173. Le idee sottintese fanno sì che il lettore, tutto contento d'indovinarle, pigli interesse al libro e gli paja di averci messo mano egli stesso. Egli lo scrive, per così dire, leggendolo.


2174. Lo scrittore umorista deve mediocremente rendere interessante l'intreccio, affinchè per la smania di divorare il libro il lettore non sorvoli a tutte quelle minute e acute osservazioni che costituiscono appunto l'humour.


2177. A Milano chi non ha più camicia, si finge ammalato, va all'ospedale, infila un letto e l'annessa camicia, poi lascia il letto e l'ospedale - non la camicia.


2178. Le regole del giudizio vanno innanzi a quelle della gramatica.


2181. Sull'ammettere le Voci straniere V. Caro Apologia pag. 69 dell'Ediz.Barbera - Dante ha mietuto colla falce del giudizio in ogni dialetto d'Italia.- Nam et quae vetera nunc sunt, fuerunt olim nova - Dice Dante «Opera naturale è ch'uom favella - Ma così o così Natura lascia - Poi fare a voi secondo che v'abbella» - V. anche Montaigne, dove dice, e vadi il guascone, dove il francese non può andare.


2182. Si ama uno scrittore che parli ne' suoi libri di sè, quando egli si limita a studiare il suo interno, perchè allora studia insieme anche il nostro. Odioso invece è colui che non si occupa se non dell'esterno - il che non è noi. -


2183. Il Tommaseo della prima e della seconda maniera - Quanto diversi - Il Tommaseo giovane più pensieri che parole, dal periodare armonico, sciolto - il vecchio dallo stile ipocrita, gonfio e vacuo come il lattemiele, dai rimbombanti paroloni e dalla nullità dell'idea.


2184. A forza di copiar dalle copie delle copie, il modello si trasforma completamente. Chi direbbe che lo stilaccio del «Pasquino» o del «Fanfulla» è lume di lume di quello di Sterne? chi direbbe che il goffo genietto della morte, che stampano sott'ogni necrologia, deriva da una delle più belle statuette antiche del museo non so se di Vaticano o di Pitti?


2186. Scrivere oggi in istile di jeri, è una vergogna. Bella soddisfazione pingere un quadro che sembri antico!...


2187. La figlia di un oste lavava i piatti. Entro io. E il padre: lu el ven a disturbà i tosann che toejen lezion de cembol.


2188. Mio gusto è di aprire a sorte i libri che ho già letti e mi sono piaciuti, e di leggermi quel qualunque periodo che mi si presenta. Cogliendoli così alla sprovvista, io provo la tempra de' miei autori. E alcuni non han resistito alla prova, altri sì. - Fra questi Manzoni - e specialmente Rovani.


2189. Quando Eugenio di Beauharnais si maritò con una arciduchessa di Baviera, i Milanesi alla vista di tanto inutili luminarie (colle michette che intanto eran diventate più piccole dei botton de la Puff ) dicevano «quanta spesa, - per on mezz-sovran e ona bavaresa». -


2190. I fredduristi - Lo spirito a freddo è un'invenzione tutta moderna. - Non che i nostri vecchi non ne possedessero uno sui generis. La nostra parlata (milanese) n'è piena - S'intende che quì non si parla degli epigrammi ecc. che appartengono al solo genio. - Delle spiritosità tradizionali domestiche - alla ricorrenza di certe feste, a certi piatti ecc. A S. Carlo per es. diceva mia nonna «S. Carlo l'era un gran Sant ... e pur l'è andaa a l'inferno». - alla minestra, se era di fave, diceva «minestra de basgiann, minestra de tosann». - alle chiappe, si domandava con malizia se piacevano più le dure o le molli ecc. Chè molta parte, nel vecchio spirito, era fornita dal culo. Ora questo spirito è giù di moda. Non resta, che presso le monache e i preti, i quali stanno sempre qualche secolo indietro dell'epoca. - Oggidì chi regna è la freddura. Descrizione di un freddurista - par un gatto mantenuto a lucerte.Sempre attento per insinuare il suo calembourg preparato a casa. - Sminuzza ogni parola, quando ha vuotato il suo sacco in città, va in campagna a vender per nuove le vecchie - C'è un freddurista che conta su una disgrazia, pare commosso e commove; la conclusione, è una freddura. - Così per es. il barone Brentano, appena seppe morto il Bagatti-Valsecchi - girò per tutte le case di conoscenza dove si giocava a tarocco per poter dire «come faremo stasera, che non c'è più Bagatto?» - Il freddurista non ride mai. Altra volta chi diceva una buffoneria cominciava a godersela un po' lui, ridendo di gusto e in anticipazione: la spiritosità prima che sulle labbra, balenavagli in viso:oggi ha un viso d'agguato e di premeditazione - Sulle antiche freddure - i calembourgs di Plauto. - Petronio e Seneca (In ludo mortis Claudi) - il Vangelo col suo «tu es Petrus et super hanc petram aedificabo ecclesiam meam» - Dante col Papè Satan... col credetti ch'ei credesse ecc. - La caricatura - il poema eroicomico - La Fronda - lo spirito nel neo latino di Erasmo. - Differenza tra il frizzo (spirito a caldo, cioè senza premeditazione) e la freddura (spirito a freddo). Il primo è lo scoppiettio del fuoco, l'altra del ghiaccio - il primo allarga i polmoni, l'altra fa aggroppare il pranzo sullo stomaco, perchè quello riposa sul pensiero e questa sulla mera parola - dicendo giustamente il Vangelo tò gar gràmma apokteìnei, tò dè pneùma zoopoieì - E oggidì la più parte dei libri sono freddure. Lo stesso Victor Hugo pare che dica sublimità e non dice spesso se non calembourgs. - L'epigramma s'è rifugiato all'osteria.


2191. Le monache si pongono tra loro i seguenti indovinelli - D. Sciscia, mira, mèttel in del cuu e poeu tira. R. El fil de la guggia - D. Mi gh'hoo on tai - che no voeur ne pan ne formaj - ma solament on lavô dur - che va denter e de ciar e de scur. - R. l'oggioeu del botton. - D. Mi voo a Bellan - con el mè rob in man - Incontri la morosa - gh'el casci in la pelosa. R. el pettin. - D. Don don - giò per i garon - cont pu l'è gross - con pu el pias ai donn. - R. el fus. - D. Bus contra bus - Carna viva stoppa el bus. - R. la botteglia alla boca. - D. Oh che spass - se Lee me la dass - se mi la ciapass - e poeu la tirass - oh che spass! - R. la presa del tabacch. - D. Volle la bella un dì per suo diletto - far di sè copia a un giovane da bene - Entrarono ambedue nel gabinetto - per far quel non so che che già v'ho detto - Il volto, il sen le rimirò ben bene - Dicendo: adagiate un po' le rene - Chè darvi gusto or ora vi prometto - Quindi estrasse un cotal peloso abbasso - che in bianco, in rosso, in verde fe' trapasso. Finita l'opra, asciugato il cotale - Lei restò doppia e niun di lor fe' male - R. il ritratto - il pennello - i colori. - E simili indovinelli facevano parte della educazione dei nostri nonni!


2195. L'onestà dei vocaboli consiste o nel suono o nel loro significato, conciosiacchè alcuni nomi vengano a dire cose oneste e nondimeno si sente a risonare nella voce istessa alcuna disonestà, siccome in rinculare. V. frasi goffe francesi il a reculé les frontières de son état... Le flot qui l'apporta recule épouvanté...


2199. Autori da augere, accrescere, perchè aumentano il patrimonio intellettuale dell'umanità - lettera da litura, sgorbio, macchia - calamità da calamajo - Matrimonio e mariage, nel primo vocab. l'idea della madre, della procreazione - nell'altro, la semplice idea del marito, del fottere. Ecco Italia; ecco Francia.


2200. Gli antichi etimologisti. - Varrone, Aulo Gellio, Festo - Menagio, Mureto, Salmaso Budeo, Screvelio, Ottomanno - Ferrari, Scaligero, Ducange. - Le etimologie specialmente di quel bambinone in zimarra di un Menagio, come da Verna, vernula, vernulacus, vernulaca, vernulacajus, lacajus, laquais - oppure da Remo - remus, remi, remicus, remicatus, recatus, recata, frecata - fregata - numella, numellina... berlina - (V. Note al Morgante Maggiore, ed.Lemonnier).


2201. Tutti i termini esprimenti in antico soldato, come ribaldo, satellite, brigante, ladrone - divennero col tempo sinonimi di birbante - Ciò fa onore alla storia della soldateria - questa legale associazione di malfattori.


2205. Contradizioni fra la parola e la idea - p. es. le civette che si pavoneggiano - mostro, cosa degna di esser mostrata, usata a indicare cosa indegna ecc. - Parroco, somministratore di vettura, da parécho - e òkos, nolo.- Difatti somministra la vettura pel Paradiso.


2206. I dizionari vanno continuamente corretti come le carte geografiche.


2207. «Tra cane e lupo», frase che serve ad indicare quella mezza oscurità in cui non si distingue il pelame tra le due bestie. Il Dossi, nell'Altrieri, usò a indicare il crepuscolo «tra sale e pepe»


2209. Non excludo autem, id quod est notum, irritandae ad discendum infantiae gratia eburneas etiam litterarum formas in lusum offerre, vel si quid aliud, quo magis illa aetas gaudeat, inveniri potest, quod tractare, intueri, nominare jucundum sit (Quintiliano, Inst. Orat.). - E da quì il sistema, ora alla moda, di Froebel.


2210. ...licet omnia Italica pro Romanis habeam (id.). Così la pensava, in fatto di lingua Varrone (e così Dante). E Fanfani e simile frugaglia, che non è neppure romana, ma solo fiorentinuzza, vorrebbe ora imporre a tutta Italia il suo rachitico gergo? vorrebbe che tutta Italia toscasineggiasse?


2212. Molti fredduristi potrebbero ripetere (con Quintiliano) «potius amicum quam dictum perdidi». - Vedi, pei calembourgs Quintiliano (ediz. Teubner) Vol.I. pag. 271.


2216. Importa alla fama di uno scrittore scrivere bene e non molto. Chi non conosce il volume di Omero? chi conosce le quattro migliaja di Didimo?


2217. Delle insegne delle botteghe V. Quintiliano Vol. I. pag. 269, 38-39. - Della fisionomia delle parole V. id. Vol. I pag. 31.


2218. Assuescat (il bimbo) non reformidare homines neque solitaria et velut umbratica vita pallescere (Quintiliano)... Ma noi non ci educhiamo che da noi stessi, colla meditazione. Avere molti che insegnanci, non vuol già dire imparare. -


2219. deì, oportet, dee - il gegen e il willen, posti dopo l'oggetto, corrispondono al gratia latino - esse eum omnium horarum, CF. col mil. faccia de tutti i dì (cioè sempre nuova) - Sìtta, voce dei pastori quando vogliono allontanare una pecora da qualche luogo. CF. mil. ...che te sitta!


2220. l'urbanitas dei latini corrisponde in parte all'odierno umorismo.


2222. Per la parte che avea la musica nell'educazione degli antichi V.Quintiliano.


2223. l'erudizione spesso è una infelix supellex - ...la molestia degli elementi... - Dell'importanza nell'istruzione dei buoni costumi dei maestri. -


2225. Man möchte sagen (di Klopstock) er ziehe alles, was er behandelt dem Körper aus, um es zu Geist zu machen: so wie andere Dichter alles Geistige mit einem Körper bekleiden... (Schiller) - Nell'Arte antica, dominava il corpo, nell'odierna l'anima (ragione della superiorità della plastica antica). Ma è pur necessaria ad un'opera perfetta la prudente mescolanza dei due elementi, il divino e il terreno. - Scopo, del resto, dell'arte plastica e musicale è di giungere all'anima pel corpo - della letteraria di giungere al corpo per l'anima. -


2227. Voltaire kann uns als witziger Kopf belustigen, aber gewiss nicht als Dichter bewegen... Wir begegnen immer nur seinem Verstande, nicht seinem Gefühl. Es zeigt sich kein Ideal (id.) - Prova di scetticismo è la strana versatilità di Voltaire, nelle forme esteriori del suo intelletto. - Voltaire è più cangevole che ricco.


2230. Quale val meglio, una letteratura utile a questa vita, oppure una, che, trasportandoci fantasticamente in altra, ci faccia dimenticare questa?


2231. Somma è la gioja di uno stolto quando in altri s'avviene ancor più stolto di lui - e però gli vien dato di prendere usurariamente la rivincita sua.


2232. Il poeta oggidì non scrive più ciò che vede, ma ciò che veduto, ripensa.E il lettore non sente più ciò che legge, ma ciò che letto, riflette. Così, la natura non ci arriva se non di terza mano. - La nostra non è più una letteratura di sentimenti ma di idee -


2233. Il campo del verosimile è assai minore di quello del vero.


2234. Nella vita di una letteratura, la satira è sempre l'ultima a manifestarsi perchè il scetticismo è l'ultima forma della filosofia.


2235. Dei Gerghi. Ogni classe ha il suo. - Diff. tra stile e gergo: lo stile, individuale; il gergo comune e tradizionale a date comunità, come il dialetto alle provincie, e la lingua alle nazioni. - Il gergo tra i bimbi e la mamma (scisci, totô ecc. V. diz. di Cherubini). - Il gergo degli scolari, degli avvocati, dei militari, degli artisti, dei framassoni, dei ladri, il gergo schifafatica degli uffici - e più che altro, il gergo degli scienziati. L'avv.dirà infatti alla sua amorosa «i tuoi occhi sono rei di turbato possesso», «il mio cuore è tuo per usucapione»; parlerà del codice d'amore, farà l'inventario de' suoi sentimenti, proporrà transazioni, e se l'amorosa lo ributterà, minaccerà di andare in appello e in cassazione della sua crudele sentenza. - Così il cuoco parlerà del sapore dei nostri discorsi, il sarto del taglio dei nostri occhi: mentre il musicista darà quaranta battute d'aspetto al suo creditore, e lo scultore s'insospettirà se gli parliamo in bassorilievo - Ma il peggiore di tutti i gerghi è quello dei filosofi, che hanno la scienza nella sola memoria, che non fanno mai libri ma sempre commenti - Oh al diavolo tutti i vostri sistemi, tutte le vostre convenzionali parole, che vi conducono a spasso dove vogliono loro come fa il cagnolino colla sua stolta padrona. A che questo continuo stroppiare di fatti nel cancan delle vostre teorie? a che negare l'onnipotentissimo Dio?... Sospiro i tempi in cui la storia era un po' meno mestiere di scienza e un po' più inspirazione d'Arte..., quando c'erano ancora i Tucididi e non erano spuntati al tedio delle scuole, i vostri frigidi Mommsen - Nella storia a me piace di sentire un po' l'uomo, e non il corso dei cicli - La risposta di Fabrizio e la mano bruciata di Muzio, fossero anche fandonie, sono alimenti all'umana generosità ben più che i vostri isterismi dell'Oriente e Occidente, del Sud e del Nord, dei cicli e ricicli, periodicità ecc. ecc. Oh dimenticatevi, sciocchi, di essere stati a scuola! Ma tolto il gergo, che resta?


2236. Dante è sommo, è eterno - dove tutti lo comprendono e lo sentono. E' già morto e sotterrato dove la fa da teologo. Teologia è tutt'altro che poesia.


2237. Giuseppe Ferrari è un puro esageratore di Vico.


2238. Il mondo passa di gergo in gergo; scolastica ecc... La ciurmeria erudita.


2239. Ci fu data la lingua, sì, per parlare; ma anche i denti per tenerla assiepata.


2240. Il progetto del libro «Note umoristiche di Letteratura alta e bassa» - I° Antica e nuova filologia. Varrone, Aulo Gellio, Menagio ecc. - La filologia comperata. Es. di etim. Traduz. etimol. di un brano letterario. - 2° I Numeri e l'Alfabeto. Fisionomia delle lettere - Metodi d'insegnar l'alfabeto (Merlino Coccaj, mio padre, Capurro ecc.). I nomi proprii. - 3° Delle lingue d'Italia, dette i dialetti. Della Toscana - Della Milanese in ispecie. Neologismi.Autorità linguistiche. - 4° Dei gerghi V. 2235 e Lombroso, «Uomo delinquente», Biondelli, Cherubini in zergh ecc. Canz. pop. politiche - Letteratura dei cessi e delle muraglie. Letteratura sui muri (1766) - 5° Dell'epigramma, dei concetti ingegnosi, della celia (Vedi Quintiliano de risu Lib. VI. III), delle imagini, delle bestemmie. Le ipocrisie nel parlare e nello scrivere.Toscana gentilezza. Gentilezza Toscana: seder al cacatojo, per star a far nulla ecc. - 6° Della Calligrafia, rapp. tra il caratt. grafico e il morale.- Degli accenti. - 7° Prosa e verso - e Poesia. Numero, ritmo, rima. Danni e vantaggi della rima. Forma e sostanza. - 8° Degli scrittori e degli autori.Genio e apparenza di genio - Plagi innocenti e colpevoli; plagi fortunati.Conquistatori e ladri. - 9° Come van letti i libri, e i loro scrittori - come van criticati - Autori e lettori - Della critica odierna e antica fuori e in Italia - Riputazione e fama - Gloria - 10° Del giornalismo, spec. in Italia.Suo stile. Suoi danni e vantaggi. Chiusa. Avvenire della Lett. Mondiale - Europea e Italiana. L'umorismo (rimandare all'altro libro). - Appendice Ia.Mie impressioni dalle letture. App. II a. Della salute fis. e intell. negli uomini di lettere e di scienza. V. Tissot. V. Disraeli - Combattere il «genio e follia» di Lombroso.


2243. I tre termini posti da Manzoni al giudizio di un'opera sono «I° qual'era lo scopo dell'Autore - 2° se questo scopo fu raggiunto - 3° se lo scopo era ragionevole».


2248. Il modo di far gli svolazzi nei paneggiamenti dai pittori e scultori (dal 1830 al 1850) era questo. Mettevano della carta velina in un mastello d'aqua, poi con uno stecco le davano dei colpettini - e copiavano le casuali pieghette formatesi nella carta, ingrandendole in sesquipedali figure, prive di corpo. - Ben pochi angioli, nelle pitture, volano. Insinuateci sotto un pavimento e li vedrete immobili - radicati nel suolo. Per contro, le figure di Domenico Induno nel quadro la Mattina delle Nozze, - se ci togliete di sotto il pavimento - volano che è un piacere.


2249. A mostrare come s'intenda oggidì lo studio dal vero di alcuni artisti va ricordato il pittore Pagliano che a riprodurre in un suo quadro (il Maramaldo) uno stipite marmoreo sel fece fare di legno verniciato di marmo e poi si illuse di copiare dal vero.


2250. Il giurì pel premio Principe Umberto (di 4000 lire) al miglior quadro della esposizione, usa di accordare il premio non al più bello, ma al più ampio. Disse tale, di un pittore premiato che avea a questo scopo fatto il suo quadro inutilmente più grande che avea potuto «per no giuntagh el premi, el gh'ha giuntaa la tela» -


2254. Gli attici chiamano naso e urbanità la grazia e dolcezza nella comune favella. Lucilius qui primus condidit styli nasum (Plinio praef. ad Hist.).


2255. chàra, gaudio = o cara! (in mil.) escl. di gioia - postquam res latior evagata est CF. mil. svaccada - fashion, ingl. eleganza. CF. Mil. fescioni, fanulloni eleganti - daughter, ingl. figlia, quasi dote - sitim undis excutere (Seneca). CF. mil. scoeud la sed - el fio (ven.) CF. yiòs - Luder (ted.) carogna = luder (ven.) briccone - Schoss (ted.) grembo, CF. mil. scoss, id. - classis aerata, flotta corazzata? -


2256. La prima idea della Paradise Lost può essere stata suggerita a Milton dalla Gerusalemme del Tasso, tanto più che sappiamo come Milton fosse dotto nella lingua italiana. Anche nel Tasso cielo ed inferno combattono ma per mezzi umani: in Milton combattono senza procura. Nel Tasso poi troviamo certe imagini di angioli fiammeggianti, certi concili semipagani di Dii e di Diavoli, simili assai a quelli del poeta inglese - forse perchè dissetati ambedue dalla medesima fonte. Così, dell'invocaz. alla Vergine in barba alla Musa, così del viaggio dell'Arcangiolo S. Michele ecc. ecc.


2257. Tasso è tutto reminiscenze classiche e nelle descrizioni, e nelle osservazioni e nelle similitudini, e in certi particolari andamenti d'idea e di frasi - E' una rifrittura di Virgilio, Lucano, Ovidio, Silio ecc. cambiati i nomi soli. Difatti Armida è Medea, Clorinda è Camilla ecc. Le battaglie poi sono le solite dei classici latini, come lo sono anche quelle di Ariosto - fuse tutte in quella medesima forma. - Tasso io non l'amo e l'ammiro che nel canto VII spec. sulla fine - in tutto l'VIII - in tutto il XVI - e nella fine del XV.


2259. Il vezzo dei poeti è di starsi in arretrato un buon mezzo secolo dai loro tempi: parlo dei mediocri poeti come Aleardi e Leopardi. Quest'ultimo specialmente ha scritto una Palinodia - che è tutto uno sproposito. Leopardi vi deride ad es. le ferrovie; poi motteggia agli zigari e ai pasticcini (egli ghiottissimo dei gelati ecc.), come se ai beati tempi e di Roma e di Grecia il mondo fosse affatto innocente di simili peccatuzzi veniali, e dico veniali anche in rispetto di certi altri peccati, molto frequenti nell'aurea antichità. Nè ci si dica che Leopardi fece dell'Ironia. L'Ironia è il sommo dell'Arte - e Leopardi non era da tanto. Leopardi credette far dello spirito e ci riuscì svelto ed elegante come un elefante che balli.


2260. chap - ingl., fesso, apertura. CF. Mil. ciapp, natiche, fesses - menial, ingl. domestico, CF. mil. menant, id. - bully, ingl., bulo (ven.). - socket, ingl., anche buco delle corna, CF. mil. socchè in Porta, on Striozz, benchè ci voglia veramente dire non so che - to drop, ingl., cadere = dropè (Val d'Andorno) id. - desgavignè (piem.) CF. Dante col suo contrario, aggavignare - cranny, ingl., crènna mil., crepaccio (in lat. crena tacca della cocca, cruna dell'ago) - march, ingl., pane CF. mil. marzapan. - das Geld (ted.), i ghei (mil.) - 't is trash, ingl., di strasc - râteler, franc., ratelà (mil.) - to scrape, ingl., furare. CF. mil. grattà - garboils, ingl., great stir CF.garbouil, franc. - garbuj, mil. - lent, ingl. - quaresima. CF. lenti, lenticchie, piatto di magro che si mangia in quaresima - to fig ingl., dar higas, spag. - far le fiche - Thou whoreson zed, ingl. termini oltraggiosi.CF. mil. on bel zet - messanger, ingl. CF. messo, angelo - inviato - Stumm, muto. CF. stumia - Strass, street, ingl. CF. stretta, contrada - Taccuino da tag - Krepp, CF. crepp, mil. velo. - Ross, destriere. CF. rozz, mil., bidet - mascalzone, CF. mezz calzon, mil. - stoup is a flagon of wine. CF. mil. stopp, per ubbriacature.


2261. I puristi cercano le idee, e lo spirito nei dizionari. E ci trovano uno stile da galera, che va prezioso di simili piacevolezze «arruffar le matasse, per fare il ruffiano - mangiar spinaci per far la spia - andar a Carpi, per carpire - o in Picardia, per esser appiccato, mandar a Calcinaja per dar calci - andar a Lodi o dar l'allodola per lodare - andar a Volterra, per morire - a Piacenza per piacere - in levante per rubare - il perfido Bireno pei birri - il regno di Cornovaglia, per un marito tradito» ecc. ecc. Tra le gentilezze del parlar Toscano non va dimenticato il sedere a cacatojo corr. al desidere latino Altre gemme al loro stile sono poi gl'impacci del Rosso - il far il grasso legnajolo - l'avanzo del grosso Cattani, di Cibacca, del Cazzetta che bruciava il pan di Spagna per far cenere morbida, i cavalli del Ciolle ecc.ecc. tutte spiritosità di finissima Crusca.


2262. Quante ipocrisie, quante falsità nel parlare! Parlando de' piedi, si usa dire «con licenza» ma non delle mani. Eppure i piedi non furono mai rei delle impudicizie, degli orrori di cui furon le mani. - Così, diconsi «missioni delicate» quelle appunto che sono le indelicate - dicesi «fatto come Dio vuole» per dire di una cosa mal fatta - il non andar a letto si chiama perder la notte - uno che si tratti con semidisprezzo lo si appella «galantuomo» ecc.Così, «veder le stelle» indica forte dolore - il «vado a vestirmi» delle donne quando stanno per andare a ballo o a teatro, significa appunto uno svestirsi. Che dire poi delle falsità nello scrivere? Tutte le figure rettoriche non sono che ipocrisie, che menzogne... Uno scrive «non dico già» (e intanto lo dice), «chi può narrare» (e intanto lo narra) oltre i «per non dire», «passo sotto silenzio» ecc. ecc.


2263. I classici latini fanno uno strano abuso di aggettivi stereotipati al relativo nome - e diventativi, per così dire, sacri. Le loro scritture sono piene di nox humida - fulva arena - ad sidera tollens - di ante ora parentum, di scopuli multorumque ossibus albi - di litora curva ecc. e tenues auras, e dulcis natus ecc. Non parliamo poi delle descrizioni delle pugne, e degli inferi, tutte eguali fra loro negli Epici, come tegolo a tegolo.


2264. CF. il «be thou as lighting» ecc. di Shakespeare (King John Atto I. S. 1ª) col «di quel securo il fulmine» ecc. di Manzoni (5 maggio) o meglio colla frase corrispondente che si trova nella storia d'Italia del Botta, dove, parlando di Napoleone, lo storico dice, a pressapoco, che i suoi fulmini anticipavano il baleno.


2265. La luna è indegna della sua poetica rinomanza. O è un faccione colla flussione - o è una cimatura d'unghia.


2266. La favola del «Miles gloriosus» di Plauto si trova nelle Mille e una notte. Il Falstaff di Shakespeare co' suoi satelliti corrisponde al Pirgopolinice co' suoi latrones - il suo oste ad Artotrogo. - CF. la Gräfin Terzky del «Wallenstein» di Schiller con la Lady Macbeth di Shakespear.


2267. L'umorismo è la letteratura dello scetticismo. L'uomo andò sempre più allontanandosi dalla fede. Il bimbo, nato oggi, è incredulo. Lo scetticismo nell'antichità era una posa, una ingegnosità, una classe academica: oggi è un sentimento: è la sola spontaneità che ci sia rimasta. E Manzoni - come ogni grande umorista - è scettico. Non si guardi all'esterna figura dei Promessi, ma all'interna. In un libro d'umorismo il protagonista è sempre l'autore, non lo si può perdere mai di veduta, e ne fa il principale interesse. Di quì la nessuna importanza, anzi il nessun bisogno dell'intreccio o intrigo nel romanzo umoristico. L'intreccio sta nel cuore solo dell'autore, poco importa ch'ei parli in 1ª persona singolare o plurale od in terza. Si possono dare romanzi in cui personaggi appajano per scetticissimi, pur non appartenendo il romanzo alla scuola scettica come l'Ortis di Foscolo. Si ponno dare, per contro, di tutta fede, benchè appartenenti a tal scuola, perchè l'A. è scettico. Per noi l'insegna ce la dà sempre l'Autore.


2268. Traccie di umorismo, se ne trovano molte nella antichità (il che è prova della naturalezza di esso) ma altro è una goccia, altro è pioggia. Le note son vecchie, il motivo è nuovo - Difatti anche nei libri di umorismo si trovano traccie di antichi atteggiamenti senza che per questo debbano essi appartenere alla passata letteratura - o alle venture, di cui presentano certissimamente segni, benchè celati al nostro occhio. Ogni epoca si addentella colle altre.


2269. L'umorismo in Italia ebbe assai pena a manifestarsi. Le tradizioni gloriose di una famiglia traggono spesso la famiglia in rovina. L'Italia credette sempre e troppo in Grecia ed in Roma, e ne abbiamo le prove nelle opere fin dei più illustri esprimitori del proprio tempo e dei più propensi alla moderna letteratura, come nel «Giulio» di Giuseppe Rovani. - Per contro l'Umorismo, non inceppato da questa esagerata venerazione al passato procedette più svelto negli altri paesi e specialmente in quelli che stavano fuori dalle tradizioni del genio greco-latino. - Per le stesse ragioni, penò assai anche in Francia. Rabelais e Montaigne rimasero per lungo tempo senza figli. La notte di S. Bartolomeo e la revoca dell'Editto di Nantes, soffocando il libero esame ecc., stroppiarono in fascie l'humour, comprimendo l'inquietudine della ricerca. Fino a Voltaire non possiamo contare di lui che poche grida dì piazza (Fronda ecc.), fiocamente echeggiate nelle mute pareti della Academia francese, la gelosa guardiana del classicismo di seconda mano.


2270. Il «Giulio Cesare» di Rovani è un bel tramonto. Naque dagli scrupoli di coscienza del suo Autore di essersi lasciato trasportare dallo spirito dei nuovi tempi. Rovani tentò di correggere il Fato, di far retrocedere la storia - appunto come l'amato suo Foscolo. Ma contro il fiume dei tempi non c'è nuotatore che valga. I Borboni non risaliranno più il loro trono, se non a patto di rinunciare a esser Borboni. Inutili tentativi! Nel «Giulio Cesare» stesso l'anima contemporanea prorompe tra le premeditate combinazioni; e il Rovani dei Cento anni è ancora a suo marcio dispetto - originale. A nessuno è dato di sottrarsi impunemente al proprio genio.


2271. Il noi di Manzoni vale io e il lettore - il noi di Rovani vale io e ancor io - chè ei vale per due - l'io del Dossi vale per io sol'io. - In altre parole il primo s'industria a insinuare in altrui le proprie opinioni - il secondo le impone - il terzo le tiene per sè.


2272. L'arte spontanea e nata dall'entusiasmo, era per eccellenza l'antica - l'odierna non può più esser spontanea per il troppo sapere, e per il troppo sapere non può più essere entusiastica -. Chi molto sa, conosce quanto moltissimo ignora: quindi dai culmini dell'entusiasmo, scende nelle valli dell'umiltà. - L'entusiasmo è superbia.


2273. la naïveté, l'ingenuità della lett. antichissima c'inspira quella riverenza che c'inspirano i bimbi: la naïveté della nuova quel disprezzo che s'ha per un uomo che faccia bambinerie. - Per altro, Manzoni ritenne l'apparenza della ingenuità, mentre Rovani se ne spogliò. - Quindi, Manzoni riuscì un malizioso doppio, non volendo parerne uno semplice. -


2274. Rovani è il continuatore logico di Manzoni, com'è Dossi di Rovani.Rovani ha esagerato Manzoni; mentre gli altri lo impicciolirono. - Carcano per es., nella cortezza della sua vista, non comprese che la maggiore innovazione del Maestro, era lo stile nel suo midollo umoristico, e si limitò a copiarne la forma esteriore de' caratteri e dell'intreccio.


2275. Il carattere generale dell'antica letteratura era la naïveté (fede, spontaneità), della moderna è l'umorismo (scienza, riflessione).


2276. A parer mio, la dramatica teatrale non appartiene alla Letteratura pr.detta. - Dico della dramatica, che va udita, non letta. Difatti, suo principal scopo è la naturalezza; addio dunque forma, addio Arte! E neppure appartiene all'umorismo, non tenendoci l'autore (dopo l'abolizione del coro) nessuna parte a sè, ma dovendo sminuzzare la propria anima tra i differenti personaggi.


2277. Necessità nell' Arte del Vero Contemporaneo.


2278. Un autore umorista è spesso il nostro confessore: ci ajuta a conoscerci.Gli altri scrittori si possono ammirare: i soli umoristi amare. Per es. amar Dante è impossibile; si venera, si teme troppo.


2279. Il riso in Manzoni è d'ironia, in Rovani, di Sarcasmo. - Il manzoniano umorismo spira la pace; il rovaniano la battaglia.


2280. Gli antichi conoscevano piuttosto il comico che non l'umorismo - ed è certo che il comico è una provincia all'umorismo vicina, appunto come il tragico. - L'umorismo è il riso temperato col pianto - pioggia col sole - Eraclito fuso in Democrito.


2281. Manzoni non crede ma il suo scetticismo è vestito di fede: ed ei s'introduce sotto spoglie mentite nel campo avversario. - Rovani pure non crede ma ostenta la sua incredulità e piglia il vallo nemico d'assalto.


2282. him. ingl. CF. im, lat. (acc. di is) - linea, lat. CF. ligne (à pecher), franc. - fartus, lat. CF. franc. farçi - basella, lat. piccola base CF. mil.basell, gradino - coleus, lat. CF. coglione - callow, ingl. senza piume CF.calugine, prima lanugine - kuw, ingl. gonfiare CF. mil. vegnì a coo - quadrille, franc. CF. to drill, far-far gli esercizi militari - colaphus, lat.CF. schiaffo - alapa, lat. CF. mil. sleppa - faùlos CF. faul, ted. - strophus, lat. legame. CF. mil. stroppai - thýra CF. Thur - theàomai CF. sehen - ptochòs CF. mil. pitocch - seges, lat. CF. ingl. sedges, giunco puntuto - Erchomai CF.kommen - nìpto, lavare CF. nettare - stubble, ingl. CF. mil. stobbia - pù? CF.où? franc. - àrrostos, ammalato CF. rost mil. nella frase, sont on poer rost - kakós, cattivo CF. cacca o meglio mil. caca, cosa cattiva per eccellenza - good, ingl. buono CF. God, ingl. Dio, la cosa buona per eccellenza, le bon Dieu, dei francesi - lìmne, lago CF. Lemano, nome di lago - nepos, lat. (in Marziale) scialaquatore CF. filosof. con nipote - tempori, lat., di buon'ora CF. mil. temporii - dokeì moi CF. daucht mir - umquam vidi CF. unqua vidi - salve, lat. CF. saluo, veneto - Schatz, ted. tesoro CF. chasse, franc.reliquario - grobian, ted. villano CF. mil. grubbian, id. - neùra eùtona CF.mil. in ton - to balk, ingl. omettere, manquer CF. balcà, comasco, cessar di piovere o dalla minaccia di pioggia - àsty CF. Stadt - oi apò skenés, attori CF. colla forma di dire milanese, quii della birra, quii della carretta ecc. - màtaios, vano CF. matto - chòrtos, specie di corte CF. corte, orto - cur?interrogativo CF. il positivo gàr e il car franc. - naì, sì CF. nein, no


2283. And with desire languish without hope (Milton Paradise Lost) CF. Dante «senza speranza vivemo in desio» - ...Ermites and friars - White, black and grey (id.) - CF. Dante passo corrisp. nella dizione - Nam nunc omnes nihil faciunt quod licet nisi quod lubet (Plauto?) CF. Che licito fè libito in sua legge (Dante). In Milton, molti sono i versi semitradotti da Dante, per es.Thou art my father, thou my author; thou - my being gavest me. CF. Dante. Tu se' lo mio maestro, lo mio autore...


2284. Un erudito potrebbe trovare l'origine della scolaz. Venerea, nell'umor puzzolente che colava da Anchise «sovra candido bisso distillando» - cagionatogli da un fulmine di Giove per non aver egli saputo tacere i suoi Amori con Venere.


2285. L'ordinario destino delle metafore quando vengono comuni e famigliari è di perdere la qualità di metafora e di diventare propria espressione dell'oggetto che rappresentano (Beccaria, dello Stile a pag. 120 ediz.Classici ital. Milano) - E sia detto a quelli che si spaventano delle troppo ardite metafore: state queti; perderanno il filo - Chi oggi, ad es. udendo di un cavaliere «che divora la via» si sente accapponare la pelle da simile imagine di cui non saprei la più temeraria?


2289. u uk eimì ikanòs tà ypodémata bastàsai (N.° Testamento) CF. mil. sont minga degn de portagh i sciavatt - oìnos anthosmìas e CF. vino col bouquet, abboccato - sigma, lettera greca CF. col s, tedesco - delta con d - alfa coll'a ecc. - uaì, male CF. guaj! - pàsa pòlis CF. toute ville, franc. E e pàsa pòlis CF. toute la ville - parádeisos, parco CF. Paradiso (terrestre), e nota che nella parola greca c'è idea di legame - ei dè mè ghe CF. mil. se minga (lat. sin) - Beule, ted., CF. mil. bôll -.


2290. eìdo in greco vale per io vedo e io so - können in tedesco per potere e sapere. Nota filosofia delle parole! difatti, chi vede, sa, e chi sa può.


2291. Esempi di amfibologia. Ass As - in praesenti seldom makes a wise man in futuro (calembourg, parmi contro il Wiseman) - Gh'hoo sett - Gossett ãquattrin de spend- in la contrada de San Clement (insolenza milanese contro i gozzuti) - In gyrum imus nocte et consumimur igni (delle farfalle) si può leggere lettera per lettera anche al rovescio.


2292. Gli Aretini tengono una fila di vocaboli per esprimere l'addormentarsi, come appisolarsi, appalparsi, appalparellarsi, appattocchiarsi, appaligginare ecc. - e se li tengono è segno che li adoprano spesso.


2293. Ex abrupto CF. mil. assa brutta - Bacchanalia CF. baccan - laudare, lat.ant. nominare, chiamare un testimonio, nella frase laudo Jovem CF. tedesco laut! - Manducus (maschera da paura nel Teatro Osco) CF. il Mangia, il babau - Ciccum, granello di melagrano, filo, nilum CF. Chico spagn. piccolo, e cica mil., môcc, mozzicone di sigaro - Kommen pass. kam CF. cammino -Trifauce, tridente ecc. non vuol sempre dire di tre fauci, di tre denti ecc. ma piuttosto corrisponde al très dei francesi, che esprime il molto.


2294. Le sfacciate etimologie di Menagio e di Ferrari. - Per es. da Cyathus, sciatt - e da cyathus, ciata, ciana, ciaina, zaina! - Alphana vient d'Equus sans doute - mais il faut convenir aussi - qu'en venant de là jusqu'ici - il a bien changé sur la route (De Cailly).


2295. Tra i sist. filos. cita il sofisma di Giovanni Buridan (L'asino tra i due mucchi di fieno egualmente distinti e moventi) che imbarazzò per un secolo le scuole del libero arbitrio - la filosofia geografica di Cousin coi tre periodi, dell'infinito, del finito e della transazione tra il finito e l'infinito, e colla civiltà che va dall'Oriente all'Occidente come il Sole di una volta, ma che si arresta appunto in Francia, dove, secondo Cousin, stabilisce in perpetuo il suo domicilio


2298. Grida dei venditori ambulanti - A Firenze: piangete, bimbi, ci ho le ciliege! - A Milano (chi vende i ramolacci) Pavia! Pavia! - (chi vende le angurie) fuoco! fuoco! - (chi vende le ciliege) oh che bella carne ecc. C'è un'opera, mi pare - con disegni di Annibal Caracci intitolata «Cries of the streets of Rome».


2300. I puristi non ammettono se non le onomatopee già registrate nei loro ricettari detti dizionari. Sarà permesso di usare il cricch, perché lo usò il gabellato Dante - ma un altro suono che stia solo in natura, no. Di onomatopee, il dizionario milanese è ricchissimo. Citiamo - cri cri - chiocch chiocch - chiacch chiacc[h] - tricch tracch - tin tin - tic toc - tuffete - tràccheta - tacch tacch - tecch tecch - tocch tocch - tarlacch e tarlacheta - ciuff o ciuffeta - pataton - patatonfeta - tonfeta - paffeta - paff - sgigh sgiagh - slipp slapp - slinfeta - zonfeta - sparlàfeta ecc. ecc.


2301. La rima è talora suggeritrice d'idee. Data la rima, il pensiero aleggia intorno a tutte le idee che fanno del caso, e spesso non può fermarsi alla prima che trova. Dal passarne molte in rassegna è possibil una scelta - e lì spesso succede che il poeta, felice della trovata, benchè non s'accordi alla posta rima, cangi per non perder l'idea codesta rima, per cui s'era dato a cercare. Ora, la meditazione e le cancellature fanno i capolavori. - E di quì, la ragione per cui la massima parte delle prose è cattiva - che è la possibilità di scriverle celeremente - Serve poi anche la rima ad arricchire una lingua di parecchi vocaboli. Difatti il poeta, obbligato e dalla rima e dal verso, alcuna volta, un po' per pigrizia, un po' per amore delle linee già messe insieme - inventa nuove parole o modifica le già esistenti. E gli stessi puristi permettono loro ciò, sotto la scusa della licenza poetica.


2302. Scopo principale della umanità è di allungarsi la vita - al che ella giunge mercè la memoria. Chi più sa, più vive. La cassaforte della memoria è la Storia. Un'opera d'arte che non ci mette il suo obolo, è nulla - è un eco senza voce. - Nè vale che la Storia scritta contemporaneamente agli avvenimenti che narra; senonchè quel ramo di scienza che si usurpò il nome di storia non può mai scrivere contemporaneamente -. La vera storia è sol registrata nell'architettura, nelle leggi, nella lingua di una nazione. - Si trova in tutto fuorchè nella Storia.


2303. Il carattere generale dell'epoca - condizione essenziale alla durata di un'opera d'arte - è spesso nascosto ai contemporanei non solo, ma all'artista stesso che lo manifesta nell'opera sua - spinto a ciò, non già da ragione, ma da una artistica necessità.


2304. Nel Sec. XIX Giusti fu l'unico poeta italiano veramente moderno - e quindi il solo umorista - Rossini il musicista dell'humour


2305. Manzoni dice le cose sue, come il lettore vuole - Rovani, come il lettore non vuole - Dossi parla per suo conto - M. dissimula il non credere, R. simula il credere, D. credendo, non crede - M. cambia le carte in mano al lettore a sua insaputa, R. gliele strappa di mano, D. confonde il giuoco - M.vuole che il bene si faccia per paura di un male di là della vita, R. dice che si fa per necessità, D. dice, per utilità - M. par creda nell'altra vita. R.non crede nè in questa nè in quella, D. crede in questa (la quale credenza, se anche non vera, è quella che onora l'umanità più di tutte) - Satiricamente M.corr. ad Orazio, R. a Giovenale, D. ad Ovidio - Della nuova letteraria vendemmia fatta coll'uva d'Alfieri, Parini, Foscolo, ecc. Manzoni è il vino - R. è il torchiatico, D. la grappa - Del letterario inverno d'Alfieri, e compagni... M. è la primavera, R. l'estate, D. l'autunno. - M. R. D. non furono mai autori di moda, perchè non uscendi di moda.


2306. Manzoni naque rivoluzionario. Andò sempre all'opposto della corrente di moda (benchè seguente la corrente dei tempi). V. in proposito il magnifico studio su lui di Rovani - Manzoni mise al corrente la nostra letteratura colle straniere che l'aveano divanzata; anzi la fece loro antecedere


2307. Importanza di Dossi nella letteratura umoristica spec. italiana. Piantò nuovi fiori sul suolo d'Italia; colti nelle campagne straniere, e prudentemente innestati nel vecchio ceppo greco-latino. - D. è la vera insegna del tempo - tempo che trova ragione a tutte le passate credenze e scusa a tutte le venture: tempo, d'altra parte, ancora dubbioso di sè, che muta continuamente di lato come l'infermo - che si cerca, che si analizza e quindi si distrugge. - D. è l'ultima espressione dello scetticismo: tutto in lui è negazione, meno appunto l'affermazione del negare. Sistema filosof. del D. è di non averne. - Quanto al modo, D. tende continui calappi al suo lettore. Con lui il lettore procede su di un infido terreno. D. è come certe scale - meccaniche bizzarie - in cui par di scendere appunto quando si sale e viceversa. Il modo di D. è di presentare un fatto, cui il lettore non può non annuire: e allora, trac, gli sommette la logicissima conclusione, spesso l'opposta al pregiudizio del lettore, ma alla quale il lettore non può rifiutarsi, avendo già dato l'assenso al seco indivisibile fatto. - Comunque, D. è più curioso che grande.


2308. Rovani portò in vita la pena della sua troppa sincerità. - Manzoni invece, dando sempre ragione al lettore, finì a convincerlo del proprio torto.- E se Manzoni riuscì a farsi applaudire facendo diverso del comune perché parve di fare lo stesso; Dossi si fece odiare non rado perchè, facendo come la folla, parea fare diversamente.


2309. Göthe fu l'ultimo eco di una letteratura che ricadeva in silenzio:Richter il primo di una che cominciava a parlare.


2310. I libri di Dossi come quelli di Richter furono paragonati a specchi in cui ogni lettore si trova riflessa la propria fisionomia. Cangia la fisionomia del libro a seconda di chi ci guarda, cangia l'espressione a seconda del momento in cui ci si guarda.


2311. Foscolo e Leopardi non sono umoristi... Due creazioni incomplete perchè incapaci al riso. V. ad es. la Palinodia dell'uno - e le lettere giocose di Foscolo al Giovio, oltre alla sua pessima traduzione di Sterne.


2312. Iris croceis pennis (Virgilio) CF. Shakspeare, «with saphron wings» - Thy head is as full of quarrels as an egg is full of meat. CF. Mil. pien come on oeuf


2313. Et. burlesche - ostilità, derivato forse dagli ostiari, schiatta villana. - va a farti benedire per dire «va alla malora» dalla fama di jettatore dell'odierno papa Pio IX. - vess sagg (mil.) essere saggio e sazio - deriva da ciò che quando s'è pieni di cibo fino alla nausea, si fanno i più bei proponimenti del mondo di sobrietà ecc. - svojass (mil.) vuotarsi e svogliarsi, dall'atto di amore in cui col vuotarsi degli orcioli ci svogliamo dell'adorato oggetto - avegh i man sul consolaa (mil.) dalla carriera consolare che a molti pare grassa e beata - cerretano, dal vender cerrotti - ciarlatano dal ciarlare - valletto, dal dirgli il pederasta signore va-a-letto - ciambellano, per la stessa ragione, ci-ha-un bell'ano - bacchettone quasi va chetone (prop. dalla bacchetta, che tengono in mano i fratelli della dottrina nelle processioni) ecc. - vioeul soppinn da viole supine. - La famiglia milanese dei Binda, è una famiglia di legatori di libri. Deriva forse il suo nome dall'ingl. to bind? rilegare.


2314. Roma e toma (mil.) dal Roma et omnia nella frase prometter R. e t. - diede occasione a un bello spirito milanese cioè al mio amico Perelli, quando il vecchio Manzoni fece una caduta di cui s'inquietò tutta Italia, che avea appena gioito della presa di Roma (1870), di dire allo stesso Manzoni, che i due più grandi avvenimenti del giorno erano Roma e Toma. - Si noti che tòma in milanese vale, quanto il ptòma nel greco, caduta.


2315. I Brianzoli, per esprimere le 4 stagioni, dicono «frecc frecc - frecc e cold - cold cold - cold e frecc» - Si noti il cold, caldo che in ingl.significa - come anche il Kalt - freddo.


2316. Frasi nuove e felici se ne coniano a ogni istante nel popolo.Confalonieri ne è p. es. una zecca. Passando in carrozza presso di un carrettiere, esclamò: vè! tiret indree on gottin: magara on mezz litter - Così: «Dio che levada de sol che sa de moccusc!», diss'io leggendo la descrizione di un'alba, che sentiva la fatica del suo A. o come dicono i poeti «la troppa lucerna» - ecc. ecc.


2317. Questi publici-ladroni che doganieri si chiamano (Ariosto Satire). CF.Béranger dove parla dei contrabandieri dicendoli i soli ladri onesti.


2318. All'uomo di genio è dato lo stile: all'uomo comune il gergo. Il gergo si potrebbe definire - lo stile delle classi. Tanti i gerghi quante le classi. La dama che parla colle sue amiche o colla modista di cappellini e vestiti ha un gergo, come la meretrice sul lupanare, i ladri - i marinai, i framassoni ecc.... Volete sapere chi è uno? provocatene un complimento od un frizzo. Il gergo lo tradirà. - Tra i gerghi, citare anche quello dei servitori da caffè - e p. es. - negaa e ris, tremoll vecchione, levante in zima, con fondina che va via - che voleva dire (arrosto) annegato (con guarnizione di) riso, tre pani molli - un bicchiere di vino vecchio - caffè levante con fiammenghina da portarsi via dal caffè. - Nei caffè di Milano, per-mè significa mezza porzione, ecc. - Non dimenticare il gergo burocratico. V. 2360.


2319. Mia prima impressione di Roma. - 18 nov. 1871. Alba - La locomotiva fra le rovine. - Nelle campagne i buoi dalle lunghe corna, le mandre di cavalli e i cavallari dai lunghi mantelli neri e dalla pertichetta. - Gli omnibus alla stazione: uno ha il nome di Giove: l'altro di Venere - Il parrucch. Marcinelli (Marcius Aelius) - Il mio bottaro (vetturino) che mi parla di Augusto, di Bruto, di Cicerone... tutti suoi amiconi, e mi dice «quì stava di casa Lugrezia, là Muzio» ecc. - Il lustrascarpe dalla faccia di antico stampo romano. Mi par d'averlo veduto sull'iconografia di Ennio Quirino Visconti.Forse è il discendente di uno Scipione che lustra le scarpe al discendente di uno schiavo barbaro - S. Pietro; impressione sgradita S. Pietro chiesa senza fede. Magna pompa - nulla religio. - Le file dei seminaristi di tutti i colori - Tempio della Pace - Palazzo dei Cesari. L'occhio comincia ad abituarsi alla grandezza - Campidoglio. Marco Aurelio di bronzo a cavallo - che stende ancora la mano a protegger la sua Roma. Mie considerazioni vedendo salva dalla fonderia la imagine dell'unico imperatore che meritava di averla salva. - Ma Marco Aurelio tiene in mano una bandiera dai tre colori. Chissà quante volte l'ha già cambiata! - Il Quirinale; contrasto fra le eleganti linee della sua facciata, e la lunetta coi cannoni che ne francheggia la morte. Questi re hanno ben paura dell'amore dei loro popoli! Il Ghetto e i Monumenti - Fasto e Miseria - Consid. su Roma pagana - Roma cristiana - e Roma papale. In Roma si sente ancora dapertutto il papa. R. non potrà mai essere sinceramente costituzionale. Il dispotismo vi lasciò il suo nome su ogni pietra. Ora, da capitale del mondo, scende a diventare capitaluccia d'Italia.


2320. Conto, fra i nomi degli omnibus a Roma (1872), Giove, Mezzo milione, va e viene -chi va piano va sano - Marte - Il Vincitore - Vaporetto della Sibilla - Genio - La Lupa - La fuga - Il Volantino - Ninetto - Il Palombo - L'economia - La Giardiniera - L'omnibus tra Barlassina e Milano si chiamava la nojosa.


2321. Nomi delle vie di Roma (1871). Via di Tata Giovanni - Via di S. Stefano del Cacco - Via di S. Maria in Cacaribus - Via delle botteghe oscure - Vicolo anonimo - Via dietro la tribuna di Tor dei Specchi - Via Rua (rue, CF.Rugabella, di Milano, rue belle).


2322. A Roma, c'era, in una via, un monastero. Le mura del suo giardino non erano tropp'alte. Per non far la spesa di alzarle, il governo pontificio, imaginò di obbligare i vicini frontisti a tenere le finestre del secondo piano, verso il monastero, chiuse a vetri... di latta. - Abbattendosi lo stemma papale di gesso al Collegio Romano, le donnicciuole raccoglievano i pezzetti di calcinaccio caduto per serbarli come tante reliquie - I cuochi dei gran signori romani come il Torlonia ecc. hanno il permesso dai loro padroni di servire ai privati, mandando attorno pranzi, colazioni, cene - all'ora stessa in cui il proprio padrone mangia. Dio sa che rapine - Presso il Colosseo, udii due giovinetti romani dell'ultima plebe disputar con calore di Ettore e Achille. E ciascuno vantava la generosità del suo eroe, finchè vennero ai pugni.


2323. Scene della campagna Romana (di bocca della mia fante). Muore un cardinale, lasciando 200 scudi da dividersi in tante doti da 20 scudi l'una, distribuibili a sorte. Nanna presenta la sua instanza raccomandata. Viene il dì posto. Le ragazze si raccolgono in una chiesa. Gli ultimi venti nomi che sarebbero rimasti nell'urna dovevano essere quelli delle vincenti. Le ragazze cominciano a fare la comunione, e fanno preghiere per l'anima della defunta eminenza - presente un'altra eminenza, molti canonici e molti curati. - Poi si estraggono tutte le schede. Il nome di Nanna non è comparso. - E Nanna si alza gettandosi il suo scialle in traverso - va fiera e difilata in mezzo la chiesa in presenza del cardinale, - e si mette a ingiuriarlo con una fila de' più scelti improperi. «Tu, pezzo di merda... tu filjo de una mignotta... tu porco fottuto... perchè non me ci hai messa?» - Scandalo! tutti escono correndo dalla chiesa. Nanna non lascia il mazzo. Si volge al curato, pigliandolo per la veste e lo copre d'ingiurie. - Si verificano le schede. Difatti, il nome di Nanna mancava. Il curato va allora dall'Eminenza la quale gli dice «ebbene, contentate quella fritella con qualche cosa. Datele di che andare da un Giudeo a procurarse un abituccio de lana». - Ma Nanna, fissa, vuol sapere il perchè del non esser stata posta nell'urna. Le si risponde che fu una inavvertenza del servitore del cardinale, il quale, credendo l'istanza una di un solito povero l'aveva gettata sul fuoco. In conclusione Nanna è chiamata a palazzo dell'Eminenza. «Oh che fate?» le domanda il cardinale guardandola molto negli occhi, chè Nanna è belloccia. «Un po' di tutto, Eminenza» - risponde costei facendosi rossa - Bene, dice il cardinale, provvederò io a la dote - e le dà con una ganascina, la sua maliziosa benedizione.


2324. 17 marzo 1872 (domenica). Dimostrazione per la morte di Mazzini, a Roma.Simulacro de' suoi funerali: poca gente spettatrice: assai nel corteo. Molte bandiere di società operaje, alcune delle quali ravvolte intorno all'asta in modo che sventoli la sola lista del rosso -; ma i carabinieri obbligano chi le porta a svilupparle del tutto - Fischi - Il carro, tirato da quattro cavalli bianchi con su una brutta Italia di gesso velata di nero, che stende la mano su un busto di Mazzini. Molte bandiere abbrunate, alle finestre. Il corteo muove verso il Campidoglio. Tra le aste. che circondano il carro, portanti dei cartelletti col nome di qualche martire per l'Italia, noto quella col nome di Barsanti, il fucilato per rivolta - giovane infelice, che ha diritto alle lagrime ma non alla fama. - Al Campidoglio dicono parole, per fortuna poche, Avezzana e Cairoli.


2325. 27 nov. 71. 1ª apertura del Parlamento a Roma. - Alle 11 antim. appare in cielo una splendidissima stella. L'ho vista io - e l'hanno vista tutti i Romani - Il S.P.Q.R. è superstizioso come ai tempi latini. La stella ha giovato a mantenere favorevoli gli animi al grande avvenimento, più di quanto parrebbe. - Gran porte - gran luminaria. Non veggonsi che ufficiali tutti a nuovo e a decorazione. - Non un prete nè un frate per via. I palazzi dei principi Romani chiusi ermeticamente.


2326. La boria romana dei guardaportoni. Considerazioni archit. e filosofiche sulla porticina fiorentina e il portone romano. - La bellezza olimpica e sensuale delle romane. A Roma non si vedon ragazze. - La coquetterie nelle imagini sacre, sui canti delle vie.


2328. Agli esami, i professori cercano più di far sapere allo scolare che loro sanno, che non di conoscere se lo scolare sappia.


2329. Udii un Romano, maestosamente avvolto nel suo mantello - esclamare, con voce da basso profondo: Me basta l'anemo de non far niente! - Altro Romano, cacciando inanzi il suo asino, gli gridava: Aè! papa Grigorio - Un altro ancora, invitando a pranzo un amico, scrivevagli «venerdine ve invito a pranzo, e si venite, venite - ma si no venite... accidenti! sinone». - La parlata romana, usa sempre della lente che ingrossa, appunto all'opposto della fiorentina. I Romani hanno trovato i superlativi dei superlativi, come «Gran depositone» ecc., i Fiorentini il diminutivo dei diminutivi come in «piccinino» ecc. - Inoltre, la parlata Romana va ricca di bellissime frasi e parole, come argentina, per pesca minuta, spaccio di vino - Arte bianca, per vendita di farine ecc. - Minuzieria, fabbrica di piccoli oggetti di legno - i Vigili (pompieri) - galanteria (p. chincaglieria) - col cappello all'abbandona - volemo far tutta una tuttata (CF. Milan. su per su) ecc. ecc.


2330. Il Ministero degli Esteri, sotto Visconti Venosta, era diventato un semplice ufficio di trasmissione ed è ancora (1886). Vi si giocava da un capo all'altro dell'anno «al pizz tel doo, pizz tel mantegni» o «al Papagall colla coda d'argent», facendo passare ad altri uffici, copiate, le note che vi arrivavano. La gran politica consisteva nel non lasciarsi bruciare in mano il pezzetto di carta del «Pizz tel doo»: in altre parole di scaricare adosso agli altri ogni eventuale responsabilità. - Gli impiegati di detto M.° erano in generale di una inarrivabile ignoranza. Un giorno p. es. la legazione d'Austria inviò una quitanza di spedalità che doveva esser rimessa al M.° dell'Intemo. Il signor Barilis (che fu poi console al Giappone) deputato alla corispondenza d'Austria-Ungheria, benchè non conoscesse il tedesco, manda la quitanza agli Interni chiedendo loro il pagamento della spedalità già pagata.Ma il M.° degli Interni rimanda la quitanza, osservando che il Tale dei tali non si può trovare, per non esserci sufficientemente indicato il suo luogo di nascita. Nessuno capiva il tedesco: sbagliato un bottone, sbagliavansi tutti.- Un'altra volta si scambiarono note a proposito di un Cav. Pox - Indovinate chi era? era il vaccino, cow-pox, che per un errore di penna scritto cau-pox, diede origine a un cavaliere. - Confusissime erano poi nel Ministero degli Esteri le idee sulla proprietà. Sparivano giornali, libri, quinterni di carta, scatolette di penne, perfino i calamaj. Spesso un furto generava l'altro. A.toglieva la penna a B., B. toglievala a C. ecc. - Quanto alla celerità della macchina ministeriale, si pensi che le note urgentissime restavano settimane sui tavoli, e le urgenti mesi. Per una negligenza di un impiegato (S.r Barilis sudetto) un povero diavolo rimase due o tre mesi all'estero carcerato, aspettando la già decretata scarcerazione - Quanto ai sentimenti religiosi - una festa si lavorava al Ministero degli Esteri. Si era ancora a palazzo Valentini. Erano i tempi, in cui ai funerali del Magg. del Genio Charbonneau si videro i granatieri colle torcie in mano (10 feb. 72). Arrivò una staffetta dalla Consulta, coll'ordine del ministro di sospendere il lavoro...per non offendere il Vaticano! A Roma non era entrato con noi il nostro taccuino - Un'altra volta un prete entrò a benedire il Ministero. Inenarrabile la felicità del Ministro e del Dir. Gen. Ordinò di pagarlo in 15 lire in oro.- Quanto infine alla moralità - citerò un breve discorso. Chi discorre è il cavaliere Bazzoni col cav. Castelli (un gobbo)... Castelli - In generale ai Francesi piace la donna infrollita... passata come i selvatici. In Francia, la cortigiana è nel suo fiore dai 40 ai 50... Bazzoni. Hanno ragione... Ci si trova più carne da sprofondarsi. Poi le donne passate si adattano, più facilmente delle giovinette, a quanto a noi uomini dà più gusto ecc. ecc. su questo tono.


2331. No - non annientiamo le passioni, ma il comando sia a noi. Che direste mò di un cocchiere che si lasciasse guidar dai cavalli?


2332 a). Diceva Manzoni che «il governo italiano il quale offre conciliazione al Papa cui ha tolto lo Stato è come quel ladro, che, dopo di avermi rubato l'orologio, mi dicesse, senza più restituirmelo "su via, facciamo... come se nulla fosse avvenuto. Quà la mano da buoni amici..."» 2332 b). Certo Console, per non pagare scrivani, copiava lui stesso in bella i suoi dispacci (e fin quì nessun male) ma li copiava in carattere inglese con una penna d'acciajo, facendovi poi sotto il suo scarabocchio di nome con una penna d'oca doppiamente d'oca.


2333. 1870. Presa di Roma. Noi italiani, i vinti dei vinti dei vinti (perocchè vinti a Custoza dagli Austriaci, che erano stati battuti a Magenta dai Francesi, alla loro volta sconfitti a Worth ecc. dai Prussiani) siamo stati finalmente vincitori. E di chi? Dei soldati del Papa.


2334. Io non scrivo mai il mio nome sui libri che compro se non dopo di averli letti, perchè allora soltanto posso dirli miei.


2336. Una nobile famiglia di fanulloni, vedendosi crescer di giorno in giorno la spesa e diminuire l'entrata, pensò di fare economia. Ma in che? Già, di carrozza non possiamo far senza: c'è la nonna che è inferma... Impossibile restringere l'appartamento! dove mettere tanta bella mobiglia? e il decoro?...Non si parli neppure di licenziar qualche servo. Meno di quattro, come si fa?via via, pensa e ripensa cerca e ricerca - trovò di fare economia...indovinate in che cosa?... in di biscott d'anes.


2337. Dei dialetti. - Nè etimolog[icamen]te nè razional[ment]e differiscono dalle lingue. - Manzoni che sapeva quel che si faceva, in una sua lettera, parlando del milanese, dice lingua, non dialetto - Vi ha chi dice che «dialetto è la lingua senza letteratura». E allora perchè dite dialetti, il veneziano, il napoletano, il bolognese, il milanese ecc.? Pochi, starei per dire nessuno dei dialetti, manca di letteratura - Altri dice «dialetto è la lingua parlata dalle infime classi» - Nuovo errore. Il Senato di Venezia parlava veneto e l'alta società di Milano, parla Milanese - Altri ancora, «il dialetto è la lingua parlata dai pochi». Chi intendete per pochi e chi per molti? A rispetto di chi parla il francese in Europa, pochi parlerebbero in italiano; e però l'italiano dovrebbe, secondo voi, chiamarsi dialetto. - Importanza di mantenere i cosidetti dialetti: che sono uno strato mobile nella lingua di un paese, dove si generano e si educano le nuove parole, che poi adattandosi a poco a poco all'orecchio dei parlatori, cadono inavvertitamente dalla penna degli scrittori, finchè, acquistata autorità, vengono assunte all'onore dei dizionari. - Il dizionario sta alla lingua, come alla morale la legge. La lingua rappresenta la immutabilità; il dialetto il suo contrario - questo è il sentimento, l'altra la legge.


2338. I verseggiatori detti poeti dovrebbero sempre avvertire al tempo in cui scrivono. - «il sole che sorge o che scende, l'ultima Thule» ecc. dopo Copernico e Galileo, dopo i piroscafi e le ferrovie, sono frasi da mandare nei spazzacasa. Ciò si dice del «lontano Brasile» citato dall'idillista Marenco, l'eterno copiatore di sè stesso.


2339. agiòla! (veneto) CF. eja, age (lat.), orsù - biott (mil., nudo) CF.bios, vita e biotòs, che ha la sola vita - Fare per dire. Fanfani ne pose la ragione in ciò che il verbo fare può stare invece di ogni altro e ne cita esempi. Io, invece, mi permetterei di derivarlo in linea retta dal latino fari, favellare.


2340. Traccia dei Giorni di Festa volume nel quale vorrei racchiudere quanto possa trovare di curioso nella minuta archeologia Milanese - costumanze che van scomparendo, nomi antichi di contrade, botteghe di una volta, cibi vecchi, araldica borghese cioè insegne ecc. ecc. - Prefazione sulle feste in genere - le feste di una volta e le odierne - protesta degli scolaretti e degli impiegati contro il nuovo taccuino officiale. Come per un bimbo, ogni dì è festa - Poi seguono i capitoli, ciascuno col nome di una festa, in ordine di calendario - 1) Capo d'Anno e S. Silvestro - 2) Epifania Epifania - la befana - 3) Carnevale - 4) Le Ceneri - 5) Domenica delle Palme - 6) Settimana Santa - 7) Pasqua - 8) Corpus Domini - 9) Pentecoste - 10) 0gnissanti (Vedi poesia Bellati, Racc. Poeti Mil.) - 11) S. Ambrogio - 12) S. Carlo - 13) Santo Stefano (apertura della Scala) - 14) S. Croce (3 maggio) - 15) S. Michele - 16) S. Biagio, S. Rocco, S. Giuseppe (oh bei oh bei ecc.) - 17) Il compleanno e il giorno onomastico - 18) La Domenica, il Giovedì - e il giorno di scuola. -

19) Il giorno del Premio - 20) La prima cresima e la prima comunione - 21) Il carnevaletto dei morti (2 Novembre) - 22) Il Natale - 23) Le vacanze (la campagna di chi non ne ha ecc.) - 24) Feste ufficiali - Statuto - il dì del Re - commemorazioni patriotiche - 25) Ferragosto - 26) Feste dissuete. - Ciascuna dovrebbe formare un bozzetto, in cui domini l'humour - in cui sotto colore di descrizione di cose passate, si critichino ecc. le presenti. - (Per le cose da dirvi, V. sparsim, nelle note, o sotto il titolo Feste, o sotto il tit.particolare di ciascuna festa). (Notizie di arch. minuta se ne possono trarre dal Cherubini, dalla «Miscellanea della Rivoluzione» all'Ambrosiana, e dai cronisti milanesi). - Sulla soglia di ogni bozzetto si potrebbe porre il «menu» tradizionale di quella festa.


2341. Il Carnevaletto dei Morti - 2 novembre - Come si festeggi questo giorno a Milano - a Roma e a Napoli. - A Milano, i fopponatt che visitano i cimiteri poi vanno ad ubbriacarsi nelle vicine osterie e a mangiar ceci. - A Roma la festa dura 8 giorni. Visita ai cimiteri. Gli amanti donano alle amanti e viceversa un ossetto de morto, che è un dolce, incartato, e una fava. Si mangiano fave e tempia di majale - A S. Giovanni Laterano, Scala Santa, si vestono gli scheletri da monache e frati colle torcie in mano ecc.


2342. Pasqua (festa mobile). Et. Capretto, insalata e uova sode - La Comunione. Il vescovo battezza 3 bimbi - I «Pasqualitt», colombi di pasta dolce e cattiva, con un uovo sodo nel mezzo - uovo col guscio e muffito - Le Chiappe, originate dal grido dei Giudei, vedendo Gesù fuggir dal sepolcro «ciappel, ciappel!» - Gli auguri «buone chiappe» ecc. che i birichini milanesi dopo lo scandalo del Padre Cerera fanno, a Pasqua, ai preti che incontrano per le strade... Le grasse spiritosità in proposito. Diceva sempre mia nonna, sedendosi in questo giorno a tavola «incoeu se mangia tutt coi man men l'insalatta». «E perchè?» chiedevamo noi, benchè la nonna ce l'avesse già detto per una fila di Pasque (chè guai se non lo chiedevamo: nonna ne sarebbe rimasta mortificata e avrebbe fatto cattiva Pasqua). E lei rispondeva, con un sorrisetto di gusto - Perchè l'insalatta la se mangia coi ciapp. - «El beliett» cioè il polizzino della comunione, che i professori del ginnasio a' miei tempi esigevano dagli scolari. Esempi di alcuni biglietti. C'era chi si comunicava per tre o 4 di noi. - Frasi «vess content come ona Pasqua» «Fior de Pasqua» - Pasquiroeu; chi si comunica nella sola Pasqua - ecc. ecc. - Natale.Il dindo che passeggia tronfio e pettoruto per la casa... Becca il ritratto della Madonna... ecc.


2343. Capo d'anno. La Torta - La spiritosità tradiz. «chi rompe la torta?» Mio desiderio di possedere la carta della torta. Zio la bucava nel mezzo e mettevamela al collo. Parevo il mio trisavolo-bimbo. La dolce fiocca = il lattemiele. Il sentimento del nuovo; del cambiar vita. L'anno scorso par morto da lunghissimo tempo. La morte annuale che segna un abisso tra il rimasto e il partito ecc. - Uno tra i piccoli regali che io preferisco di fare agli amici è il taccuino di tasca; è un regalo che dura tutto l'anno: per esso io mi rammento ogni dì a loro. - S. Silvestro col rammarico e i rimorsi: Capo d'anno colle speranze, e i buoni proponimenti ecc. - Giovedì e Domenica. La tombola, descrizione di una tavolata di ragazzi e di giovanette. Mia passione per la tombola, che mi permetteva due volte alla settimana di trovarmi ginocchio a ginocchio con una bella giovine freschissima. Il mio segreto amore per lei. Mia gelosia. Ella non seppe mai nulla. L'ho rivista pochi dì fa, dopo di averla per lungo tempo dimenticata. Non s'è maritata: inzitellonisce - sua faccia patita. Non mi riconobbe. - Caratteri tra le mamme che giocavano alla tombola. Una insegnava all'altra il modo di fare il grasso ecc. e intanto scordava di notare i numeri. Spir. trad. ad ogni uscita di numero. - novanta, la pecora la canta - settantasette, le gambe delle donnette - le risa al numero 16 - l'hai tu il sedici?... io no... e tu?... ecc. - Alla domenica lo spettacolo della Messa (vedi Ms. il mio merlo) - Santo Stefano, apertura della Scala. Com'era una volta e com'è oggi. Mio zio veniva a pranzo da noi in abito nero e cravatta bianca. - I pronostici del parrucchiere - Il guardare frequente alla lancetta del pendolo. La signora che si allontana ogni istante di tavola: le scampanellate della modista ecc. Il parrucchiere aquista in questo giorno una grande importanza. Il libretto della nuova opera - Parte lo zio pel teatro. «El me magon». Mi si conduce a Gerolamo. - Santa Croce.L'invasione del frustagno nella città. L'odore in Duomo de «loff negaa in del fustagn». Le croci di gesso, che fanno i birichini milanesi sul dorso dei villani. I villani e le villanelle in Galleria Vecchia a guardarsi meravigliati nello specchio. Chi grida «vita, morte e miracoli del Santo Chiodo». La nuvola in Duomo ecc. - Sant'Antonio. Benedizione delle bestie. La piazza Castello. I buoi e le vacche colle rose e le camelie fra le corna...ecc. - Due Agosto. Descrizione di un lupanare in baldoria brindisi al Re ecc. - S. Biagio, benedizione della gola; il panettone stantio ecc. - Natalizio del Re. La gioia ufficiale. La guardia nazionale che sa di pepe e di canfora. Imbandieramento di tutte le case di tolleranza. Le autorità in abito nero e cravatta bianca, che vanno ad assistere al Te Deum. Imbarazzate in chiesa per non andarci mai tutto l'anno - Il re, obbligato tutto l'anno a sentir sempre la stessa fanfara stonata - La festa del villaggio. Sparo di mortaletti che fa tremar i vetri della chiesa. Il prete che sta avvicinandosi alle labbra il calice, sobbalza, e si morde la lingua. La carretta dei «diavolotti» e degli «zufoli rossi» - I natalizi domestici. Celebravamo due volte quello della nonna Luigia. - Al S. Luigi Re, e al S. Luigi Gonzaga - ed ella cadeva ogni anno sì volentieri in inganno! - Altri santi particolari. S.Cerino. Si faceva la festa a tutti i cerini di casa etc.


2345. A Lodi, presso il ponte dell'Adda, trovasi un angiporto, nel quale si tenne il generale Bonaparte durante la battaglia sul ponte, non arrischiandosi fuori se non a battaglia finita. E fin quì nessun male. Il male comincia in quegli adulatori di artisti che ci rappresentano l'eroe, colla spada nel pugno, in mezzo al ponte, e alle schiere nemiche. Questo si dica anche a proposito del passaggio del S. Bernardo che egli fece seduto su di un modesto asinello. Or chi non conosce il disegno di [David] nel quale Napoleone ci si mostra in mezzo alle rupi e alle nevi su di un cavallo bianco impennato? Altro che gli elefanti di Annibale sul Moncenisio, e le rupi spaccate a forza di aceto!


2346. Gli amici. - (pei R.U.) A. ha un palco. Gli amici la prima sera dello spettacolo vengono ad occuparne il parapetto ed egli non ha altro rifugio che il camerino. - A. tiene carrozza: gli amici gliela tengono a spasso da un capo all'altro del giorno. - A. tieni sigari: gli amici non gli lasciano che le paglie. - A. dà un pranzo: gli amici mangiano la polpa e a lui non restan che le ossa. E gli amici adoprano lo schioppo e le polveri di A. - gli domandano in prestito bottiglie piene e gliele restituiscono vuote, gli rompono i mobili, fanno mazzi co' suoi fiori ecc. ecc.


2347. Carnevale (pei G.F.). Et. Alcuni da «festa carnalia», altri da «c h a r i v a r i u m», gran rumore (charivarium da karebarìa, stordimento di testa) - «Rabadan», mil., punto massimo del carnevale. CF. Ramayana, festa turca.Anticamente il nostro carnevale comprendeva anche tutta la prima domenica di quaresima, e di tal uso vediamo reliquia nel corso di carrozze, sostituito alle maschere verso la fine del 1500. Nei primi anni di questo secolo, c'erano al veglione maschere che inventavano versi, li scrivevano, li componevano e li stampavano sul momento. - Il Domino e la Bautta veneta (mascher de disimpegn) corrispondono al mil. sossorì. - Maschere locali durate fino al 1810 sono «i facchin, i sceppin, el Baltramm e el Meneghin» - La Sceppinada era una mascherata di gente travestita da spaccalegna. Uomini, donne e fanciulli usavano l'abito dei montanari genovesi ringentilito con nastri a colori, pennacchi ecc. Percorse alcune vie, fermavasi a cerchio in alcune piazze a cuocervi una gran polenta di farina di grano turco. Cessò verso l'anno 1810 (v. Cherubini, vol. 2°. pag. 83). Tra le maschere antiche mil. si contano «l'amalaa, caciador, diavol, dottor, giardinee, Lapôff, Marinar, Maronee, matt, montagnee, paisan, peruccon, pescador, poporon, s'ciao, sossorì, spazzacamin, stria, strolegh, tavoletta, teston, torotella, vecc, Zingher, zeura». - V. Statut della gran Bedie antighe di fechin dol Lagh Mejô ecc. an present 1715 - Mascarade doi fechin del lac Mejô ascricc in lla magnifiche Bedie, facc in Milan ol dì 20 fevrecc 1764 - Poesie in lingua fachinesca. - La settimana grassa con la prima dominega de Quaresma. Almanacco per l'anno 1797 ecc. - (Vedi nella Nota, libri da vedersi).


2348. 1ª traccia dell'opera «I Ritratti Umani» in 13 volumi - cioè 12 libri e una appendice.Epigrafe - Pagina mea sapit hominem - (Martialis).Libro I - Campioni della merce - I lettori in Italia - I dilettanti - La gente che mangia quando vuole e la gente che mangia quando può - I seccatori - La calata dei matematici in Italia - 1) I fanulloni (32) - 2 I sojatori (48) - 3) Tiranni domestici (29) - 4) I fracassosi (74) - 5) Gli artisti (21).Libro II - Dal calamajo di un medico - già stampato. Agg. alcuni bozzetti.Libro III - La desinenza in A - quasi scritta (1877).Libro IV - Alla bassa - Il Processo Formaggia ossia la terribile notte di sangue alla cascina del Bosco - 6) I fittabili (49) - 7) I contadini (56).Libro V - Il bel mondo coll. Dossi e Fausto (?) - 8) I vani (27) - 9) I Miserabili (6) - 10) La gente fina - 11) Gli amici (13) - (Per la gente fina V. vecchia e nuova stampa (58), mezzi vizi e mezze virtù (39), i delicati (57)) - Le grandi colpe piccole.Libro VI - 12) 1 bimbi - soliloqui di un bimbo (Vecchi 51 - framassoni 16 etc.) - bimbi majuscoli e minuscoli - I giochi.Libro VII - Parte ufficiale coll.ne Dossi e Mayor - 13) Re e principi - 14) Parlamento e Senato (sulle elezioni ecc.) - 15) I soldati (20) - 16) I preti (66) - 17) I cavalieri di S. Bertoldo e Bertoldino (47) - 18) Gli impiegati (35) - 19) I giornalisti (44) - 20) I servi nelle piccole e grandi famiglie (75).Libro VIII - Le scuole - 21) Scolari e professori (28) - 22) Gli uomini grandi (ricetta di fabricarne; piccolezze degli uomini grandi ecc.).Libro IX - Il commercio - commento al codice di commercio, fatto da un commerciante ubbriaco - 23) I commercianti (50).Libro X - Cassa o Tara. coll. Dossi e Perelli - Nella Prefaz. Perelli dovrebbe fare il mio ritratto ed io quello di Perelli - 24) Martiri popolari (7) - 25) Fisionomia dei Teatri di Milano (63) - 26) Il tombone di S. Marco (62) - 27) I trovatori nostrani El Tirazza - El professor Mosca - i bosin - Regolamento municipale per gli organetti accordati (8) - 28) Arti e mestieri (73).Libro XI - [lacuna] - 29) Gergonai (45) - 30) Avvocati (53) - 31) Cacciatori (36) - 32) Fiaccherai (5) - 33) Portinaj (72) - 34) I Celibi (69).Libro XII - [lacuna] - 35) Contrattempisti (10) - 36) Allarmisti (63) - 37) Spostati (42) (malcontenti 3) - 38) Sofistici (71) - 39) Indifferenti (6(tm)2) - 40) Bigotti (32) (ipocriti 65) - 41) Rostoni (59) - 42) «Andeghee» (70) -

43) Leni pazzie (9) - 44) Sudicioni (40) - 45) Curiosi... ecc.Appendice ai R.U.: Le bestie - Cani e gatti - Buoi e vacche ecc.Detta distribuzione di materia è provvisoria, specialmente nei libri X. XI.XII. - e i titoli pure sono provvisori. Si noti, che il secondo numero fra ( ) si riferisce alle note vecchie, riportate in parte sui presenti fascicoli. - I bozzetti, quanto alla forma potranno alcuni presentare quella di dialogo (v.L. V. Il bel mondo, tra una dama del nuovo ed una dell'antico stampo; tipo id.I miserabili - dialogo di Diogene e tre o 4 signori) - di racconto (v. L. IV.Alla bassa; Martiri popolari ecc.) - di sogno (v. per es. Tombone di S. Marco) - di confessioni (nei Vani, L. V.) - di addio (L. VIII. Impiegati) - di soliloqui (L. VI. I bimbi) etc. - Quanto ai motivi, e ai principi - v.sparsim, in questi fascicoli, titolo R.U: in particolare - pei fanulloni (L.I. 1) «due sono le sorta di fanulloni: quelli che pajono e non sono (Rossini, Rovani, ecc.) e quelli che sono e non pajono (linguisti etc.)» - per gli Impiegati (L. VII. 18) «Non v'ha fatica più infame di quella di cavalcare un velocipede» diceva tale - E perchè allora lo monti? gli si chiedeva - Rispondeva «per provare il gusto dello scendere» - per le leni pazzie (L. XII. - 43) tutti hanno un ramicello di pazzia; anzi dice il filosofo che, «nullum ingenium sine mixtura dementiae» ecc. - pei sojatori (L. I. 2) O Rabelais, o Rossini, o ecc., principi della soja ecc. - pei giornalisti (L. VII. 19) la descrizione di un pranzo offerto dai giornalisti a un grand'uomo piccolo - nei portinaj (L. XI. 33) - farne l'elogio - osservando come molti atteggiano le loro azioni in vista di ciò che i portinaj ne potrebbero dire: Variaz. poi sul tema di Marziale «o janitores vilicique felices» - nei preti (L. VII. 16) - cominciato con la frase «la và de pret» mostrare, come tal frase esprime oggi il rovescio di ciò che esprimeva una volta. Oggi i canonici sono magri ecc.Descrivere la infelicissima vita di un prete al dì d'oggi. Suscitare insomma compassione per l'uomo prete, e odio insieme per la carriera sacerdotale - negli indifferenti (L. XII. 39) citare le parole di Cristo contro i tiepidi, la legge di Solone contro gli astensionisti nei partiti di una città - La scelta, prova di carattere - i versi di Dante - la ode di Parini sulla indifferenza, ecc. - nei fiaccheraj (L. XI. 32) non dimenticare gli altri mezzi di trasporto, gondole, palloni aerostatici ecc. I bottai di Roma. Rapporti di somiglianza tra il brumista e il suo cavallo, come tra il padrone e il proprio cane ecc. - nei contadini (L. IV. 7) oppugnare il suffragio universale. Confrontare il contadino dei romanzi, al contadino vero. Causa delle illusioni dei romanzieri - dal non posseder fondi che in Parnaso - nei trovatori nostrani (L. X. 27) citare il Tirazza, il professor Mosca (V.Miscellanea Rivoluzione), i bosin - i Savojardi colla tiorba - Gli organini.Elogio dell'organino intonato e della musica a buon prezzo e a gratis, - negli amici (L. V. 11) porre per epigrafe «dagli amici mi guardi Iddio, chè dai nemici mi guard'io» - negli avvocati (L. XI. 30) l'epigrafe «homo homini lupus» (Plauto). Descriz. del lupomanaro - concludendo ch'esso è l'avvocato - nei soldati (L. VII. 15) che dovrebbe riuscire una confutazione ai rosei bozzetti di De Amicis. «Una signora di mia conoscenza dicevami ch'ella amava 3 cose, il burro, il color verde, e la cipria - e tre cose ella odiava, le candele di sego, i fazzoletti di colore, e gli uomini, eccettuati i soldati.Ella diceva 6 bestialità, chi non vede?... poche del resto per una donna:tuttavia in mezzo all'errore sormontava una goccia di verità: la differenza ch'ella trovava tra l'uomo e il soldato. Difatti i soldati non sono uomini ecc.» - nei servi (L. VII. 70) - I servi delle piccole e grandi famiglie, i servi dilettanti - i padroni fieri di servire (ciambellani ecc.) - nei cacciatori (L. XI. 31) le tre caccie, al marito, alla dote, agli impieghi - nei fiaccheraj (L. XI. 32) ricordare la grande faccenda che era una volta il mandare a prendere il fiacre. Se ne parlava una settimana prima. Ci si andava fustibus et lanternis. Il fiaccherajo Foglia in S. Francesco. Le piazze dove stabulavano i fiàccheri, parevano stallazzi - tutta paglia e piscia. I fiàccheri a due cavalli stavano nella piazza del Filodramatico. Andavano lentamente, con molta precauzione. Dal loro nome, la fiacca - nei Vani (L. v. 8) contro la nobiltà ereditaria - Nell'Appendice, miei dubbii di porre fra i ritratti umani, i bestiali - Ragioni pel sì e pel no. Ragione capitale pel sì, l'averci già posto le donne. - (Vedi libro sulla Vita domestica delle bestie edito credo dal Treves).


2349. R.U. Soldati - Il dì della Leva. La visita militare. Gli ubriachi. I genitori alla porta attendendo con ansia - Gioje e dolori. E' il solo momento in cui un padre si felicita del figlio malsano. Tale è fatto buono - ha 27 anni, moglie e bimbi - L'amorosa che ode «scartato» l'amante pel gozzo - o l'orchite - La generazione presente, bacata - Il nobilino, che deve svestirsi in mezzo a tanta plebe. Contrasto tra le sue carni fine, pallide, malaticcie, e l'aitanza e il sangue degli altri - I carabinieri modello - Chi parte cantando, chi piangendo ecc. - Noi aboliamo le corporazioni religiose e lasciamo stare i soldati! Eppure costoro sono eguali ai frati - sono ex lege, sono un'offesa al principio dell'eguaglianza civile proclamato dallo statuto.Se il frate è soggetto alla regola dell'ordine, il soldato lo è alla legge militare. - I giudizi militari sono poi una lesione all'altro principio che «nessuno può esser distolto dai propri giudici naturali» - Il militarismo non è la difesa del paese ma il puntello del despota. Conquista è bella parola per dire furto - Finchè ci sarà il re, ci sarà il soldato e viceversa. - Altro è soldato - altro è milite - La Prussia colla landwehr (milites qui lantuveri dicuntur) ci mostra come a far il soldato, non occorra la vita marcita nelle caserme. Se lo straniero invaderà il territorio paesano, tutti diventeranno, in un momento soldati - chè anche le milizie tumultuarie diedero buona prova di sè, quando chi le comandava si chiamò «l'Amore di patria» (5 giornate) o Napoleone. Un buon generale vale un esercito. «I paroll d'on lenguagg, me sur Manell ecc.» (vedi Son. di Carlo Porta) - Fortunatamente il militarismo va ogni dì perdendo favore. S'è capito che in fondo abitua gli uomini al mestiere del far nulla, sottraendo il fiore delle braccia all'agricoltura (squalent abductis arva colonis, Verg.). L'Arma cedunt togae di Cicerone si avvera oggidì - Confutare De Amicis ne' suoi bozzetti militari, e confutare chi dice (parmi Boccardo) che il vero Ministro della Pubb. Istruzione in un paese come l'Italia, è il Ministro della guerra.


2350. R.U. I Contrattempisti - Non basta fare una cosa bene; bisogna farla a tempo: altrimenti è come offrire un bastoncino mentre piove a dirotto, invitare a pranzo chi ha appena pranzato ecc. ecc. Delle critiche a contratempo. Tale dipinge una bella faccia. Sopraviene Tizio e gli dice «Tò!somiglia al mio calzolajo». - Eppure c'è gente che sembra nata apposta a non far nulla a tempo, che ci fa correre quando si vorrebbe andar adagio - ecc.Esempi - Osservare come le donne siano massime contrattempiste, spec. nel parlare - come le ci facciano il muso, quando si vorrebbe star allegri - e viceversa, si mostrino di una strana allegria, inopportuna, offensiva, quando s'è tristi - Tra i contrattempi, citare quello di un miope che voleva far gli occhietti dolci a una sua vicina di faccia e non lo poteva se non adoperando il canocchiale e gli occhiali; come pure l'aneddoto di quella signora che innamoratasi di certo scrittore, gli diede per biglietto un appuntamento - Ma lo scrittore, sospettando un agguato perchè avea molti nemici, mandò all'appuntamento un pajo di carabinieri... assai disgustosa sorpresa per l'innamorata... E tu, massimo contrattempista, giovinetto X che quando passavi da quel poggiolo ecc. e quì si accenni a quella bella ragazza che stava sempre al balcone, cacciando cogli occhi ad un amoroso. Sotto di lei era un muricciuolo con su libri antichi - dinanzi al quale passava, ogni dì, un bellissimo giovane. Ma che! giunto al muricciuolo, il giovane bassava lo sguardo ai libri - ed ella guardavalo sola, tutto amore per lui, tutt'odio al muricciolo, ai libri, al rivenditore...


2351. Nello staterello di Modena, il duca pettegolo si occupava dello stato d'animo d'ogni singolo suo suddito - e similmente in Piemonte. - Oggidì poi, a Firenze i preti mandano nelle case tanti biglietti pasquali quante le persone componenti la famiglia - ritirandoli quindi a comunione fatta, e così trovandosi fatta la statistica di quanti si comunicarono parochia per parochia. - Colla confessione i preti hanno prostituita l'amicizia. - Vita dell'amicizia è la confidenza - la quale dev'esser mutua. Ora, chi non ha un amico va a confidarsi dal prete, il quale è poi il confidente di tutti: - precisamente come, chi non ha amante, batte alla porta della meretrice, che a tutti si apre.


2352. I matti fuori dell'ospedale. R.U. - Prof.r Rota. - si unge di sego.Tiene un abito adosso fin quando ce n'è un pezzo. I denari che guadagna (talora mille lire al mese) li tiene sparsi ne' suoi cassetti aperti. Discorre di tutto. E' una biblioteca di libri scompagnati. Ha molta scienza... nella memoria. Le sue lezioni le fa in piedi delle scranne e dei tavolini, col sigaro in mano, di cui scuote la cinigia ne' propri capelli. D'inverno tiene sempre aperte le finestre e se gli scolari si lamentano del freddo - chiude la porta. - Prof. Scarenzio. Entusiasta di Seneca - s'incapa di diventare l'uomo modello. Cerca diminuirsi i bisogni. Comincia dal limitare il suo cibo al latte, alle uova, alle castagne, al pane, e a poco a poco si riduce al solo pane. - Il principio fondamentale della sua filosofia è che l'anima deve comandare al corpo e però talvolta dice: andiamo a piedi a Milano - e obbliga il corpo a portarvi da Pavia la sua anima - Arrivato a Milano si sente stanco.Ma no! il corpo non deve vincere - esclama e ritorna a Pavia. - E a Pavia, mezzo morto, si obbliga ancora a far 1000 o 1500 giri del suo giardino, mettendoci in mezzo, se è notte, un lume. - Così, cerca di vestirsi meno che può - mai mutande, mai camicia. - E tiene scarpe larghissime, perchè, egli dice, l'uomo dev'essere libero. - A volte gira dalle 7 del mattino alle 4 della sera sotto i portici dell'università - Quando vede mancato un libro alla sua libreria, misura il posto vuoto. Se il posto è di dieci centimetri per 4 - va da un librajo, e gli chiede «avete un libro alto 10 centimetri, e largo 4?» «ho questo» gli risponde il librajo mostrandogliene uno - «Sì, è bello...» fa il professore sfogliandolo - «ma è alto solo 8, mentr'io l'ho bisogno da 10».- Prof. Porta - Si fa portare tutto il pranzo in una volta sola sul tavolino, e mangia un po' di un cibo un po' dell'altro, in piedi, or camminando, or zufolando. - Un ammalato gli mostra una mano. Porta dà una fischiata e dice «la mano è andata» - Una giovine tisica va a lui per farsi visitare. Egli si volge a' suoi scolari dicendo «prevedo un bel pezzo pel nostro museo» - Fa un'operazione a un prete, che ci soccombe a mezzo. Porta lo squadra con ira e dice «ha avuto la viltà di morir prima» - La sua smania per operar gozzi è passata in proverbio - Prof. Lombroso. - direttore del manicomio. Dice agli scolari, che la più parte dei matti, lo è diventata per ambizione. A prova ne fa comparire uno nell'aula. «Non vedi tu forse milioni?» gli chiede - No, sgnour - risponde il povero diavolo. E Lombroso adirato: E' un buffone - costui - E' un matto: che non gli credano! ecc. - Lombroso imagina che i pellagrosi abbiano gli arti più lunghi del normale: e fa portare una panca per misurarci sopra i suoi matti. «Ma misuriamo prima noi» propone il suo assistente. E si misurano infatti: si trovano di avere 4 centimetri oltre il comune. - Per mitigare poi la pazzia, Lombroso si pensa di convertirla in pellagra, e però dà ai matti ogni mattina un bicchiere di raccagna con un grano di melica - Tiene anche una capponaja di pollastri pellagrosi e impazziti a forza di maiz guasto. - E Rota, Scarenzio, Porta e Lombroso, son tutti e quattro professori nella R. Università di Pavia. - A Pavia ogni 1000 un pazzo.


2353. Due gazzettieri si svilaneggiano ortolanescamente nei loro fogli da tafanario - s'intromette un giurì d'onore; e questo sentenzia che la lite non deve aver seguito, dichiarando i litiganti due perfetti gentiluomini.


2354. Tutti che le hanno godute, dicono che le gioje di questo mondo sono ingannatrici. Ma almeno le hanno godute!


2356. I trattati politici restano inviolabili finchè una delle parti contraenti si trovi forza bastante da poterli violare impunemente... Del resto i trattati, che si concludono ancora oggidì, sono, non dico violabili, chè non si viola che il giusto diritto, ma annullabili, non avendo quasi mai il requisito dell'oggetto possibile. Sempre nazionalità calpestate! sempre monopoli, privilegi...! Volere o non volere, s'è ancora ai tempi di Brenno.Sulla bilancia, che pesa, è la spada.


2357. R.U. (pel L. VIII. Le scuole - professori, scienziati, sgobboni etc.) - Tale scienziato è orgogliosissimo per avere scoperto che Protasius e Gervasius si scrivevano coll'i; tal'altro, è un gentleman - that loves - to hear himself talk (Shakespeare) - Scopo della scienza, far parere difficile il facile.Sulla cattedra sta seduta l'impostura. Spiegata alla buona, in manica di camicia, la filosofia anche metafisica è la più piana cosa del mondo:gergoneggiata, sfido gli scolaretti... che dico?... sfido gli stessi filosofi a capirla. - Esempi di cose dette sulle proprie gambe e sui trampoli - Vi ha gente che studia tanto da non aver più tempo di pensare. Knowing, dice Locke, is seeing and if it be so, it is madness to persuade ourselves that we do so by another man's eye


2358. Vi ha certe osservazioni subabsurdae, che dette da uno sciocco sono sciocchezze, dette da un uomo d'ingegno, sono tratti di spirito. Per es. io domandava al mio servo s'egli sapesse quant'erano le opere della misericordia:rispose: «a Des hin sett; a Miran soo minga» - Altra volta il medesimo servo mi avea adoperato un foglio di carta scritta, per accendere la stufa. Imagina l'ira mia! Ma egli si scusò dicendo: l'era scritta!... E forse avea ragione:chè il più delle volte la carta scritta val meno della bianca, secondo ne dice lo stesso Giustiniano al capo della Specificazione.


2359. R.U. (I miserabili. L. v.) La signora * di Pavia, avarissima. Vendeva i pollastri d'appendice ai servitori delle case signorili della città, poi si recava dai padroni a farsi invitare a mangiare i propri polli. Si faceva portare in casa dai pollaroli le oche, le spennava mezzo, poi le restituiva loro dicendo che non le convenivano, e così faceva mucchio di penne che poi vendeva. Il suo denaro non lo prestava che a chi le promettesse il 20 per cento - ragione per cui perdeva e capitale e interessi.


2360. R.U. (Gli impiegati L. VII. 18) - In forma di «Addio» - Evviva! ho dato le dimissioni... Evviva! le hanno accettate. Mi pare di riappartenere alla specie umana. Quadro retrospettivo - Non c'è impiegato che possa vedere di buon occhio l'altro impiegato, salvochè questi gli sia di grado inferiore. Due impiegati si guardano tra loro con l'occhio di affettuoso odio dei coeredi parenti. - Facendo l'impiegato, come il soldato, si perde il primo carattere umano che è il raziocinio - Non s'è più uomini, s'è impiegati - Ogni impiegato è bifronte: una delle sue faccie la vedi volta umilmente sorridente al superiore: l'altra superbamente arcigna all'inferiore. - Cenni sulla lingua burocratica. Es. «Dopo di aver espletate tutte le ricerche...» «surnomato...» «Il morto sussiste ancora» per dire che la morte del tale è constatata - ecc.(Vedi Unità della lingua - giornale di Fanfani di [lacuna]) Gli impiegati in aspettativa di una gratificazione. - Fisionomia degli impiegati dei vari Ministeri.


2361. R.U. (Alla Bassa L. IV.) - L'abbondanza alla buona dei fittabili e la scarsità ambiziosa dei cittadini. - La famiglia Magnani: 80 brente di vino all'anno, quattro quintali di patate ecc. - L'allegria rumorosa e schietta dei fittabili a chi li va a trovare e l'accoglienza fredda e traditora dei cittadini - V. sparsim, per la vita fittavolesca, i famigli ecc. - Il fittabile di Cislago, col suo eterno mozzicone di zigaro non acceso in bocca:parla a sottintesi, e mezza voce, a occhiate, a smorfie. Bravo chi lo capisce!Ed egli dal canto suo, nulla capisce di quanto dicono gli altri. Chiede sempre: eh? - Altro fittabile - vestito in eleganza, cioè con calzoni color persichino, panciotto a righe nere e verdi con bottoni d'oro - cravatta rossa cappello bianco di feltro molle su un occhio col cordoncino celeste ed il fiocco - guanti rosso mattone - soprabito celestino. - (Dal racconto del Ragioniere Gola)...sedeva (il fittabile) per traverso, accigliato con un gran piatto da una parte, e diceva di tanto in tanto «on alter viagg, sur ragionatt» - Apparve un bacinone di minestra. Il fittabile vi cacciò dentro il forchettone e ne estrasse... un'anitra - Fu il pranzo, una minestra tutta verze - due anitre in istufato, due oche arroste - e un cappone allesso: poi il dolce, e finalmente l'insalata. Le donne del fittabile non erano a tavola col ragioniere e il resgiou, ma si tenevano umilmente pranzando in un canto del cucinone. - I mungitori delle vacche, nelle cascine della bassa con una terza gamba di legno su cui seggono, attaccata alle chiappe, e con un cappellone per difendere il capo dal ventre della giovenca - Descrizione della fabbricazione di una formaggia - I casee per superstizione ci sputano prima entro. - El fa la sort. - La volta della formaggia ecc.


2362. R.U. (L. XI. Il Commercio) - Descrivere, per bocca di un mercante ubbriaco, tutte le astuzie per le quali il codice di commercio è giornalmente violato - legalissimamente. - Della cambiale, che deve portare una data di luogo d'emissione diversa dalla data di luogo di pagamento: condizione ridicola e spesso derisa col falsificare la prima delle due date -... Del facile sottrarsi alla vigilanza governativa sulle società anonime, coll'accomandita per azioni -... Dell'inutilità dei libri di commercio. Chi fallisce dolosamente è colui che ha i libri più in ordine, tanto che esce dai processi candido come un cigno. Dice la legge «voglio che indichiate le spese di famiglia per vedere se il fallo è colposo o no». E il commerciante scrive allora quanto vuole in queste spese di famiglia, che tengon bordone alle sue ladrerie - Si noti che il nostro codice è ancora quello di Napoleone; pensando quanto le condizioni economiche siano d'allora a qui mutate. Fortuna che l'unica legge in commercio, è il bisogno di mantenere il credito morale. - L'uso fa tutto. I commercianti sono per necessità onesti. - Parlare della bancomania ecc.


2363. R.U. (Parte ufficiale L. VII. 17). I Cavalieri in Italia. In forma di lettera al M.° dell'Ist. Publica - lettera nella quale l'Autore rifiuta una decorazione accordatagli; ne adduce le ragioni - del troppo onore per lui - e del troppo poco - - Cav. Corniani - mercante di pepe, arricchitosi straordinariamente. Un signore va a casa sua, e domanda ai domestici con deferenza del cavaliere Corniani - Entra costui, pettoruto, col nastro all'occhiello dopo aver fatto aspettare assai tempo il visitatore. Il quale:E' Lei il Cavaliere Corniani? - Per servirla - Favorisca darmi un soldo di pepe. - Cav. Del Bò, si arricchì dando patrioticamente aqua per vino all'esercito italo-francese nel 1859, e in premio fu creato cavaliere. Allora trovò che il suo nome non respirava abbastanza nobiltà, e però si diede a firmare «Del Bue cavaliere Giovanni» - Cav. Civelli - decorato di molti ordini austriaci li cangiò, cacciati i tedeschi, con gli italiani - Cav. ora Comm.Rossi - detto il «professore di non si sa che cosa», fatto cav. per aver sposato una ricchissima vecchia - Cav. Massa, fatto id. per aver sciupato il patrimonio nei lupanari e le bische - Cav. *, id., per aver mangiato parte della sostanza di Litta suo amministrato - Un maggiore della G. Nazionale di Pavia, è fatto id.; ma si noti che a Pavia la G. N. non si raccolse pure una volta - D'Alliot, console d'Italia, nel ricevere la tanto bramata decorazione, è colto da paralisi e muore di gioja! Altri si occupano a gratis e male per tre o 4 anni in qualche publica amministrazione: danno poi le dimissioni e sono fatti cavalieri. - Altri ancora per essere giunti al tale al tal altro posto cui giunge chiunque abbia tanta pazienza da seguitare in certe stolte carriere - Altri infine per sbaglio. Per es. il Boucheron, che avrebbe meritato l'onore della crocetta pel suo Trattato sull'arte musicale, mentre invece lo ottenne per essere membro di una tal società... Lode a lui! stracciò in due il brevetto. - Dire in genere, sulle decorazioni, la loro utilità e il loro danno: utili perché varebbero a sostituire alla ingiusta ereditaria nobiltà, la personale -: dannose, perchè non si distribuiscono mai nè si potrebbero distribuire equamente. - Ridicoli poi i gradi del merito ecc. - Rovani non cavaliere - Carcano commendatore ecc.


2364. R.U. Appendice - Un accalappiacani (sotto la dominaz[io]ne austriaca) ne pigliò uno senza muserola di un ufficiale. L'ufficiale rivoleva prepotentemente il suo cane: l'altro, fedele ai regolamenti municipali glielo negava. Dopo molte parole ed ingiurie l'uff. colla spada alla mano, ordinò gli si restituisse - «Ebbene!» gridò il chiappacani «vadano allora tutti!» L'è andaa el can todesch; che vaghen tutti i can talian e aperto il carretto, li lasciò tutti fuggire. Grande sparpagliamento di cani per le gambe degli spaventati cittadini - abbajamento - grida. - Un povero barbino affamato, cercava di rosicchiare un osso, ma non poteva per la museruola. Vo a lui - gliela levo. Sua riconoscenza - Un altro barbino, pure affamato, trova il mio amico Perelli che entrava in un'osteria e gli fa mille moine. Perelli, adulato, lo chiama seco, e divide con lui il suo pranzo. Il barbino mangia ben bene: e poi, insalutato hospite - fugge via - Un altro ancora portava colla bocca una sporta di gamberi vivi. Si ferma per pisciare e depone la sporta. Un gambero esce. Il barbino ve lo rimette coi denti - ma intanto ne esce un altro - Il barbino fa come prima - Senonchè, ecco un terzo, ecco un quarto; la sporta perde l'equilibrio - eccoli tutti fuori - allora il barbino, zac, tac - li accoppa uno dopo dell'altro - li ricaccia nella sua sporta - si ripiglia la sporta - e continua il cammino - Questione, se gli animali coperti di pelo siano nudi o vestiti - Il Tell del signore Bosisio che piange sentendo suonar le campane; la nostra Tea che abbaja alla minestra che scotta ecc. ecc.


2365. (R.U. L. VI) Delle domande imbarazzanti dei bimbi. Lia di 5 anni alla mamma Maria: perchè il temporale fa bumbum? - Maria: perchè di sì - Lia: il temporale ha le gambe? - Maria: sciocchina! - Lia: perchè? (e dopo una pausa) e perchè piove? - Maria: perchè non fa bello - Lia: facendosi il segno di croce: nel nome del padre, del figliolo e dello spirito... Ma e lo spirito non è quello del caffè? - Maria: sciocchina! è la terza parte di Dio. - Lia:perchè?... e dove sta Dio? - Maria: in cielo. Lia: (guardando il soffitto) Lassù? ma come fa a starci attaccato? e come ci va? - Maria (con impazienza):Saprai, quando grande. Dormi ora, che è meglio. - Credo io - almeno per la mammina.


2366. Paragonerei me e Perelli, il primo al cosidetto fino, l'altro alla lega:per cui, mentr'io darei l'intimo valore alla nostra moneta, egli lo conserverebbe, rendendo più consistente l'impronta, più durevole nei giri del commercio il tondino. Divisi invece, io mi distruggerei presto, forse inutilmente: egli, durando molto, varrebbe poco. - Perelli è troppo eccellente conversazionista per diventare mai illustre scrittore - La prontezza delle sue risposte, de' suoi frizzi, non avviene che a spese della loro profondità. - Dei nostri progetti - di me e Perelli, alcuni dei quali eseguiti, come la Palestra Letteraria ecc. Altri progetti, erano il «Wermouth» opuscoletto che doveva uscire, verso l'ora del pranzo, e doveva consistere in frizzi, ritratti umani ecc. - ed un «Teatrino della Parodia» i cui attori dovevano essere marionette elegantissime. Vi si sarebbero date le caricature delle opere e dei balli dei principali Teatri (nelle parole e nella musica) contemporaneamente, e così della comedia nuova: parodie scritte però da gente d'ingegno - coi scenari ecc. dipinti da bravi artisti. Scopo del Teatrino, era la critica in azione agli autori ed agli attori, come pure ai scenografi, ai vestiaristi ecc. Il cartellone doveva pure portare lo stesso formato dell'originale... Era un'impresa che avrebbe forse potuto giovare all'arte - ma che, in ogni caso, avrebbe alla borsa. - Perelli colla Palestra Letteraria aveva messo su una specie di agenzia dove si collocavano gli uomini grandi, come la gente di servizio.


2367. E' uno stoltissimo pregiudizio, quello che i giovani non debbano stampare le loro idee, ma soltanto scriverle. - Perchè un giovane riesca poi un bravo scrittore che faccia onore al suo paese, è bene ch'egli si assuefi per tempo a tradurre in iscritto le sue idee. Fin quì nessuno si oppone. Chi può impedire ch'io pensi, e ch'io dia l'inchiostro ai miei pensieri?... Ora, una volta scritto, è anche bene che il giovine si consigli ai provetti. «Ciò è giusto» dicono pure gli avversari. Dunque, domando io, che differenza passa tra il fare leggere un manoscritto a 10 persone una dopo dell'altra e a 10 contemporaneamente? e che differenza tra il farlo leggere a mille piuttosto che a 10? Chè se male quì fosse, il male starebbe, non dico nemmeno nello scrivere, ma nel pensare. - Ancora. Non volete voi che uno scrittore stampi da giovane perchè non si sappia poi che grande fiamma sia venuta da piccola favilla?... Coteste sono ipocrisie vilissime. Anzi, il mostrare che dal pochissimo si può riescire al molto, incoraggia gli esordienti. Publicate dunque, miei cari, senza paura. Stampate, stampate: almeno in omaggio agli occhi dei lettori vostri.


2368. La debolezza fisica di Dossi, causa e mantenitrice della sua forza morale. - Come il carattere del Dossi appartiene meno alla fisiologia che alla patologia. - La vena della pazzia, che permea ne' suoi scritti e nelle sue azioni - in parte ereditaria - in parte aquisita dagli strani studi e dall'ingegno eccezionale (Nullum ingenium sine mixtura dementiae). Quanto all'ereditarismo, senza citare partitamente nonno Carlo (volubilità di carattere), zia Angioletta (scrupoli romantici e religiosi) - nonna Luigia con la sorella Mojon ecc. e il cugino Carlo (ora all'ospedale dei pazzi di Pavia) c'è la frase tradizionale in molte famiglie di Pavia «i Pisan j en pu matt che san» - Io però osservo che un ramicello di pazzia è sempre desiderabile, qual preservativo da una pazzia intera. Gli è come, direi, l'innesto del vajolo - Sulla mia debolezza, osservo che fui battezzato un mese dopo la nascita, che son settimino, e nato da una madre in fuga, senza levatrice, fra gli ultimi echi delle cannonate infauste della battaglia di Novara (1849). Anche Voltaire non ricevette il battesimo che parecchi mesi dopo la sua nascita. Eppure campò fino agli 85. - Come pure fino agli 85 visse Newton, di cui, bimbo, si dubitava potesse vivere. E Fontenelle e Walter Scott nascono pure debolissimi, e così J. J. Rousseau, che lasciò scritto: je vins au monde infirme et malade - Inoltre, io doveva nascere donna. La particula di divina aura che spirò nel grembo della mia mamma era bipartita. Ma il diavolo giocò a Dio o piuttosto a me un malignissimo tiro. Abbiamo da attaccarcelo? chiese a sè stesso. E me lo attaccò. Ed io non ho di maschio che quello. I miei sentimenti, i miei pensieri, i miei languori, i miei desideri, femmineggiano tutti.


2369. Nella mia vita veggo epoche in cui, stretto da una paura non di orso, ma di lepre - fuggiva la gente correndo alla melanconia ed alla solitudine. Erano epoche in cui mi dicevo: e perchè frequentare gli uomini? Non ho io forse in me stesso una popolazione di Ii, uno diverso dell'altro?: se vuoi vedere qualcuno, mettiti allo specchio; - erano epoche in cui invocavo la tristezza, mia perpetua fedelissima amante, e mi smidollavo dagli occhi con l'assiduo coito secolei. Allora tutti i dolori miei e d'altri, tutte le disgrazie passate e future mi si ricomponevano nella fantasia e rimpiangevo la morte della povera Elvira e insieme il disamorato mio stato - E piangendo, cercavo di mescolare le lagrime mie con quelle del giovinetto Allighieri e aprivo la «Vita nuova». Est quaedam flere voluptas! oh la tristezza è pur dolce. Ma leggendo quelle inclite pagine, a poco a poco dimenticavo Elvira, me stesso, dimenticavo la realtà della vita, rapito in una nube di arte e di genio. - Così, alle volte, leggendo entusiasmato i grandi scrittori, piangevo a calde lagrime, e sfiduciato di me, esclamavo «me lo portarono via tutto l'ingegno» - e imaginavo che il mio intellettuale limone avesse spremuto le sue ultime goccie, e riflettevo «molta parte dei giovani hanno in anticipazione tanto usata la loro facoltà generatrice del corpo, che giunto il tempo in cui dovrebbero generare figli trovansi impotenti. Del pari io, delle facoltà intellettuali». - Benedette, esclamavo - voi disillusioni, umiliazioni, sciagure, chè mi staccate sempre più dalla vita e mi fate desiderare quanto io prima temeva, la morte.


2370. A scrivere io soffro. Ogni linea è per me un dolore. A chi è condannato a molto pensare, Dio avrebbe dovuto concedere, per lo meno, un paio di cervelli indipendenti fra loro, come concesse un pajo di braccia, affinchè l'uno potesse lavorare durante il riposo dell'altro. Così, invece, bisogna soggiacere agli stupori mentali prodotti dal rilasciarsi dei nervi: così, bisogna aspettare il riflusso delle idee, come l'onda del mare. - La più parte degli scrittori hanno le parole e non i pensieri: io con i pensieri non ho la parola.


2371. «Se ci fosse un rosario di coglioni, Lei sarebbe un paternostro» - «A lei non mancano che le penne per essere un'oca». (Frasi di Cr. Negri, dirette al S.r *, ora segretario alla legazione di Portogallo).


2372. Scopo de' miei bozzetti. Io cerco la moralità della immoralità - voglio dire: dopo le tante stacciate che si fecero per partire il vizio dalla virtù, ne faccio io una ancora, forse l'ultima, sulla parte del dichiarato vizio affine di torvi le ultime stille della virtù. La prima schiacciata, diede il vino: io schiaccio quanto rimane e dò l'aquavite - Modo de' miei bozzetti. Chi insegna tecnicamente morale a nulla approda: massime oggidì in cui a ciascuno par di sapere abbastanza. Spargiamo dunque di «soave licor gli orli del vaso» e per riuscire al nostro intento di riforma sociale, presentiamo le idee in forma pittorica, in modo che la conclusione sia sottintesa, in modo quindi, che il lettore la trovi egli stesso, e però, tenendoci come a una trovata sua, ci creda e ne diventi fautore. Infatti, non s'impara volentieri e bene se non quanto noi apprendiamo a noi stessi - La mia maniera è dunque di porre prima l'esempio, poi la tesi. L'esempio deve artisticamente preparare l'animo del lettore ad aderire alla tesi, la quale è quasi sempre contraria alle sue opinioni, e detta crudamente gli avrebbe fatto gettar via il libro. E' vero, che anche quì, all'apparire della morale, il lettore dà un sobbalzo, ma essendo egli ancor sotto l'artistica influenza dell'esempio cui egli ha già tacitamente aderito, non può rifiutare del tutto la idea, per quanto nuova, senza contradire a' suoi anticipati sentimenti.


2373. 6 luglio 1869 - faccio l'esame di diritto penale a Pavia e piglio 28 punti - 7. luglio. Scrivo una gentilissima lettera di ringraziamento al Prof.Buccellati V. lett. 25 (Album dal 66 al 72) - 9. Il prof. Pellegrino incontra il prof. Buccellati, inferocito contro di me pel grave insulto (?). Pellegrino scrive tosto a Papà, e papà va da Buccellati, il quale gli mostra la mia lettera. Papà legge... Orrore! - 10. Alla mattina, dopo una lavata di capo da papà, vado da Buccellati. Ho il piacere di trovare in lui la maggior bestia del mondo. Buccellati interpreta la mia gentilezza come altrettanta villania.Alle mie obbiezioni, risponde che ha 36 anni, e che, quindi, una lettera può capirla. Egli se l'è pigliata pel voi (il voi classico, dantesco), egli mi dice che la frase «28 pallottoline» per dire 28 punti è frase dispregiativa - aggiunge ch'egli appartiene alla commissione pel Nuovo Codice (povero Codice!) e che le sue opere furono tradotte in tedesco (fortunato Italiano):concludendo che i moscerini egli (bue) non li sente neppure. - Inutili le mie osservazioni, inutile il leggergli la lettera mia col vero suo accento! - 31 dic. 1871. a Firenze. Vado a trovare Cristoforo Negri consultore presso il M.° degli Aff. Esteri. Egli mi rimprovera perchè non sono andato a trovarlo di presta mattina, o almeno non lo abbia fatto avvisato del mio passaggio per Firenze, nel qual caso mi avrebbe consegnate molte lettere per Roma. Va a indovinarlo! Poi mi fa sedere a tavolino, e mi detta una lettera pel S.r Peiroleri sulla spedizione polare. La carta non avendo righe, domando la falsariga - Negri va in furia e inveisce contro di essa. Dice che l'ha proscritta dal Ministero - Si lamenta poi perchè non scrivo in fretta e lo fa in malo modo. Mi sento le orecchie in fiamme, e mi prudono le mani di lasciargli andare uno schiaffo. Fortunatamente veggo sempre, nel vecchio mezzo imbecillito, lo storico insigne, il grand'uomo. - 1 genn. 1872. Mi presento al S.r Peiroleri, direttore generale dei Consolati. Mi domanda se ho buona volontà, dice che non bisogna farsi illusioni ecc. poi mi presenta al Cav. de Veillet capodivisione. - 2 g[en.] 1872. De V. mi presenta al mio ufficio. Sono le 121/2. Gli impiegati cominciano a comparire tartarughescamente, ma nessuno si decide a far qualche cosa. M'accorgo che nei ministeri l'ozio è eretto ad impiego. A me hanno affibbiata la peggiore delle occupazioni: quella di mettere a posto delle carte nelle cartelle. Mi tocca, come Dante, scender e salire per le scale, e non solo di marmo, ma a piuoli. E' ufficio da facchini.Ed io che ho studiato la filosofia del diritto, la storia diplomatica, la sinuosità delle leggi ecc.!! Devo poi notare sopra un registro i dispacci, mano mano che arrivano... Al diavolo il Ministero. Lascio l'ufficio in dubbio di ritornarci.


2374. (Roma 1872) Nel Museo Capitolino, ciò che maggiormente mi ha interessato fu la raccolta dei busti degli uomini celebri di Roma e di Grecia. Come è vero il ghigno e il cranio cocciuto di Catone! Come ritrae la innata lavativaggine il viso di Aristotile! E Cicerone, il professore pedante e sbajaffone? e l'intellettuale soave profilo del giovinetto Marco Antonino? Ci si impara ben altro, che leggendone le biografie. Basta il viso e le opere. - Guardando poi le antiche statue spesso male composte di membra diverse fantasiavo il giorno del giudizio, quando ciascun «ripiglierà sua forma e sua figura». Che confusione allora per i musei! Che spettacolo strano! - Alla biblioteca della Minerva, i frati non concedono, senza uno speciale permesso, la lettura della Storia d'Italia del retrogrado Botta! - Il Magno Tempio di Faustino nel foro Romano, nel cui mezzo si rannicchia una chiesuola cristiana, è la vera grafica imagine del rapporto tra le due religioni - Gli Svizzeri del Papa, dalle onanistiche faccie


2375. (1873) Ora mi lodano, in generale, i giovani, e gli uomini grandi (come Rovani e Gorini), che sono i sempre-giovani: chi mi combatte sono i vecchi piccini. Ma, tra poco, questi morranno: i giovani saranno allora uomini, e gli uomini grandi, avranno toccata la fama che meritano. E allora mi troverò anch'io, a mio posto.


2377. Il mio discorso è tutto a cancellature. - Mio stato d'innamoramento perpetuo, senza oggetto. A volte mi sembra di diventar tutta mentula: e la voluttà insodisfatta stanca, sfibra, più che la compiuta. - La insobria astinenza.


2378. Da fanciullo, quando potevo procurarmi qualche nuovo libro, facevo come i cani allorchè hanno da rosicchiare qualche osso - mi nascondevo, mi rannicchiavo nei canti a leggerlo. - Tutti i giorni usavo poi di fare come fanno i casee colle forme di formaggio, ritoccavo cioè colla nocca della memoria tutto quanto aveo studiato, per sapere in che stato si trovasse.


2379. Molta è la differenza tra i libri creati all'aria aperta, e quelli costruiti in uno studio. E come la si capisce! I primi sanno di fresco; gli altri sentono il chiuso, la muffa. - Bisogna sempre alternare lo studiare al produrre. Producendo senza studiare, cioè senza versarci in corpo materia prima, andiamo a rischio di esaurirci: studiando troppo, senza produrre rischiamo invece di crepare d'indigestione e soffocamento. - Fin quì, il Dossi nello scrivere un libro, non ha ancora smesso il pericolosissimo vizio di consigliarsi a chi ha già scritto in proposito. Eppure il Dossi si accorge di avere testa bastante a scriverne uno da solo. Gli è come colui che s'appoggia a un bastone, malfidente di gambe che pur sono salde. Getti dunque il bastone!Per esso le gambe buone potrebbero affievolirsi.


2380. Difficilissimo, anzi impossibile è fare un lavoro di lunga lena perfetto (parlo sempre di lavori d'arte e spec. di letteratura). Ciò che suscita le opere somme è l'entusiasmo. L'entusiasmo dura un'ora, due, un giorno, non di più - perchè l'entusiasmo è uno stato fuori del naturale. Ora, dimando io, come si fa a mantenersi in entusiasmo un anno o due di fila? Nè l'assenzio basta. Riuscirai sempre a un lavoro a tacconi, a macchie. Impossibile comprenderlo tutto in una sola occhiata: qualche sua parte strapiomberà: e per quante correzioni, per quanta lima usi poi, avremo sempre un lavoro aggiustato, non mai di un sol getto. Nei lunghi lavori bisogna adunque accontentarsi del quasi riuscito.


2381. Divise di A. Pisani Dossi - 1ª (senza corpo) in tristitia hilaris, in hilaritate tristis tolta in imprestito da G. Bruno - 2ª una palla di gomma rimbalzante col motto «repulsa adsurgo» - 3ª un razzo acceso, coll'anima «brevis, sed splendens»


2382. Dossi è nato per essere un corruttore delle lettere italiane, e in ciò gli Italiani gli dovrebbero riconoscenza, perchè così egli prepara loro un nuovo risorgimento. - I libri del D. sono, quanto al carattere, un misto di scetticismo e di sentimentalismo. - Due, i periodi dello stile del D., il I° di avviluppamento, il 2° di sviluppamento. - L'«Altrieri» si compone di 3 parti che sono come le tre persone della S. Trinità. - Sono tre tentativi. In uno, il D. sta terra terra (parte seconda), nell'altro sta a terra guardando il cielo (parte prima), nell'ultimo sta in cielo e guarda alla Terra. Dei tre generi, D. è riuscito passabilmente nei due primi. Egli peraltro vorrebbe dedicarsi al solo primo il quale è a pari distanza dalle due esagerazioni della odierna letteratura. Nel terzo genere, D. non è riuscito - un po' per le difficoltà di esso genere un po' per la lingua e l'indole italiana che male si presta, in un cielo sì azzurro, alle nebbiosità. - D. avea tentato in questa 3ª parte, non di far sentire le parole, ma i suoni; di avvicinarsi cioè, il più che gli fosse stato possibile, alla musica; come avea tentato nella parte seconda di fare più che non letteratura, pittura. - Col «Regno dei Cieli» D.se non ha fatto un bel libro, ha fatto una buona azione.


2383. A Roma si atterrarono antichi edifizi per formar nuovi musei. - Palazzo dei Cesari. Confronto tra le ruine ancora selvatiche e sì pittoriche; e le incivilite, con le etichette di latta verniciata ecc.


2384. Gli Umoristi dicono, in generale, cose fuori dalla comune sentenza, ma in modo da colpire la intelligenza con un lampo di persuasione, che spesso si perpetua in un duraturo chiarore. Gli Umoristi dicono cose savie vestite di pazzia, e pazzie vestite di saviezza. - A un discorso fatto di ragioni, chiunque può opporre -: ad uno di cuore, nessuno.


2386. (R.U. L. VIII) La matematica in Italia rappresentata da una dozzina di zucconi, celebrità che non si possono controllare e non si comprendono neppure fra loro. Bardelli, difatti, professore di mat. al politecnico, dice «Casorati ha dato fuori un libro che non ho ancora capito... ma che è magnifico!» - I matematici sono la gente che ha meno buon senso di tutti. - Il lor ragionare è a machina. Luigi Cremona, ad es., esaminatore, guardando i lavori degli studenti dice «questi componimenti o sono belli, e allora sono copiati; o brutti e allora non possono istessamente passare; dunque zero a tutti». - Vedi gli «Immobili e i Semoventi» di Giusti. «Il fanciullo deve andare - deve ridere e pensare - appoggiato al calcolo = d'ora innanzi, mi consolo! - questo bipede oriolo - anderà col pendolo!» - V. anche Béranger «Les Sciences» - Gardons Lisette et la Fontaine; - Muses, restez: restez Amours. - Id. Le vin de Chypre. - Gli scienziati che disfanno nel lambicco la Natura.


2387. Tale non avea d'ingegno se non quel tanto necessario a capire di non averne. Egli prega gli Iddii a lasciargli gustare del calice del genio. Gli Iddii l'esaudiscono. S'apre l'infelicissima vita di un genio. Ed egli depreca il funestissimo dono e implora di ridiventare uno dei tanti.


2388. Mezze bugie. Mi lamentavo del male di denti. «Eppure» altri disse «ella ha dei denti bellissimi». «Eh» faccio io «due son finti» - Finti, erano invece quattro. - O perchè non tacere, o almeno non mentire del tutto?


2389. (R.U. L. V. Il bel mondo) The fashion - i fescioni (mil.). - Nel bel mondo ci sono famiglie in malora che pajono e si credono vicendevolmente ricche. - Tal damerino, dovendo recarsi a fare una visita nella stessa casa dov'era stato il dì prima, si disperava per non avere un nuovo abito pronto.«Che farò?» si diceva - «ho da portare ancor quello di jeri?» E la faccia? - chiese un amico.


2390. Il dire «grandi lepri» agli asini, frase di lingua italiana, può esser nato da questo. Cioè da qualche soldato tedesco, sceso in Lombardia, che veduto un canarino da ghiande chiese che fosse, e udito ch'ei si chiamava «Asen» intese Hasen, cioè «lepri» - Poi la parola, fatta metafora, passò da Germania in Italia. - merluccio, quasi «mar luccio» - Allah, Dio. Conf. all, tutto - Cupido, desiderio, Dio d'amore - cerretano, perchè vende cerotti - ciarlatano, quasi ciarlone - carabinieri, da quel re che diceva alla sua guardia composta di mori, i miei cari arabi neri - ciambellano, da quell'altro principe sodomita che scegliendo il custode delle sue chiavi, diceva «ci-ha-un-bell'ano» - valletto, similmente, dalla frase va-a-letto - vermouth, dalla risposta data a chi chiedeva «was für Liquor ist es?» - Vermuthe! cioè «conghiettura».


2391. Ciao saluto di amicizia a Milano è saluto di rispetto all'oltrepò (ciao quasi schiavo). - In lingua italiana, le frutta, al traslato, significano generalmente busse - come marroni, gli sbagli ecc.


2392. calcolo, da calculus, perchè anticamente si facevano i conti coi sassolini - L'imagine poetica dei canes marini latranti, può esser venuta da un bisticcio sulla parola canae, agg. dato alle onde, perchè bianche. CF.nuces e nuptiae, coll'uso antichissimo di mangiar noci il dì delle nozze (V.Marziale) - CF. i nomi di colore che si danno agli stati di ubbriachezza, per es. «gris», in francese, «la bionda» in milanese ecc. - Avegh i brugn al cuu (mil.), il brugn, vale non prugne, ma pruni (spini) - mandorle spaccherelle, da spaccare, ma meglio saccherelle da saccharum «zucchero» - Ripheus, justissimus unus. CF. nello stesso senso, l'ingl. «one»


2393. (R.U. L. VIII. Le scuole) Componimenti esaminati dalla commissione centrale a Firenze (1868?). Tale studente di Como presenta alla Comm. un componimento latino fattogli sottomano dallo stesso preside del Liceo, il prof. *, valente latinista, e ne riporta punti 6 - Tal altro a Firenze, nel comp. italiano, non passa. Che fa? Va da Tommaseo e gli dà a giudicare il suo componimento. E Tommaseo gli scrive una dichiarazione di lode, ch'esso giovane presenta alla Comm[issio]ne. Notiamo che Tommaseo avea poco prima, qual membro di detta Comm., giudicato il componimento indegno di passaggio. - Una seduta della Società Pedagogica nel palazzo di Brera, dove si tratta de' mezzi di rendere obbligatoria l'istruzione primaria. Parla **, preside del Liceo *** che già si distinse quale poliziotto in un liceo napoletano, e dice che bisogna, in ogni paese, interessarne il pretore, intorno di cui il villano vede sempre i pennacchi e le bajonette dei carabinieri. Aggiunge l'avv.Righini, che, giacchè ai parenti (per la negligenza dei figli!) non si possono infliggere, nè multe, per la loro povertà, nè pene corporali, perchè giù di moda, potrebbersi i parenti condannare a lavori in prò del comune, vale a dire ai lavori forzati. - Altri osserva che il povero figlio del padre condannato piglierà poi da costui botte da orbo. Comincia Rossi Guglielmo professore di non si sa che cosa, a parlare, e dice «Considerate... considerate ecc.». - Istruzione primaria. Ad Andorno ciascun ragazzo della scoletta è tenuto di portare giornalmente nella stagione invernale un pezzo di legna alla maestra, la quale la immagazina e la vende al minuto, lasciando gli scolaretti bubbolare dal freddo. Ed è la stessa maestra che agli scolaretti detta: l'aqua è un fluido imponderabile - il mare è molto smisurato - ecc. - In every age and state of society, fathers and elder citizens have been suspicious and jealous of all freedom of thought and all intellectual cultivation (not strictly professional) in their sons and juniors, unless they can get it controlled and regulated by some civil or ecclesiastic authority in which they have confidence (Ed. Review). They disapproved of any teaching, unless they could be certain that all their own opinions would be taught (id.) - Il preside **** del Liceo *** a Milano faceva saltar classi, passar esami, ottener punti di lode, per spille d'oro, catene ecc. - Il prof. Gerli non volea lasciar passar un tal Vertua: «faccia pure come vuole» gli disse questi «per me ne ho già pieni i c... di studiare» - Vertua è ricco. I troppi rigori allontanano dallo studio più che non invitano.


2394. Tra i bisticci politici - citare - il W. Verdi, del 1859 scritto sulle mura delle città d'Italia che voleva dire W. Vittorio Emanuele Re d'Italia - notando in pari tempo come ciò giovasse anche alla fama dell'insigne maestro di musica - citare il 610 (sei uno zero) scritto sul palazzo di Corte a Milano, in omaggio a Massimiliano d'Austria. - il Pio No-no - il Quanta spesa per un mezz-sovran e ona bavaresa (a proposito di Beauharnais che sposava una principessa di Baviera) ecc. - Sulla Gazzetta dei muri - (Pompei ecc.) - Prina Prina - il giorno s'avvicina


2395. Curiosità gramaticali. Come «buon uomo», voglia dire, nell'uso, minchione - come, «galantuomo», si adoperi, rivolgendo la parola a gente di poco conto - ed abbia significato di semi-disprezzo. - Delle frasi di doppio senso, da evitarsi, come la classica «Incipiunt agitata tumescere» (Virgilio).


2396 a). Nella Letteratura comica, fanno specialmente messe le opere teologiche. Basterebbe citare il solo titolo di molti dei libri che trattano di Dio e Compagni, per sentirsi la fede annegata fra le risa. Non parliamo poi del contenuto. C'è p. es. un opuscolo «De trinitate» dove si pone sul serio la questione «Che cosa fanno le 3 persone della Santissima Trinità in Cielo?», e si conclude, dopo molti sottili ragionamenti «discorrono tra loro, lodandosi vicendevolmente e continuamente».


2396 b). (R.U. VII. Scuole) - I maestri vecchi, col sistema di una volta, sfogavano la loro bile sugli scolaretti - di cui se ne tenevano sempre inginocchiati dinanzi una mezza dozzina, che tempestavano di bacchettate, di pugni e di calci. - Il banco, e le orecchie dell'asino - il cesso - il «pignolo» - il far la croce in terra colla lingua ecc. ecc. - Tra i maestri di campagna non va dimenticato il Taglioretti, d'Arcisate - detto il «Penaggia» perchè, facendo lezione, usava di tenere fra le gambe una zangola (penaggia, in dialetto) e di sbattervi il latte. Questo maestro avea proposto ai Gramatici di levare 5 lettere dall'alfabeto come superflue, cioè l'h, la z (cui scusava coll's), l'm (cui scusava coll'n), l'u (bastando, secondo lui, il v) e l'j. - Fu lui, che alla venuta del nuovo Preposto a Brenno, affisse sulle case del paese il manifesto «O popolo di Brenno - sparate alla gran puttana»; - fu lui che alla morte di Cavour pose sulla porta maggiore della Chiesa, l'iscrizione «tripudio - di preci e lagrime - alla memoria di Cavour - conte Torinese - che per altezza di mente e agilità di ministero - Il popolo di Brenno - Oggi - suffragano».


2397. Manzoni imitò Cervantes, nel nascondersi il più che gli fosse possibile dietro le spalle del suo Anonimo Lombardo, cui attribuì e l'invenzione della storia de' due sposi, e ogni sua più bella pensata - come, dal canto suo, Cervantes avea ciò fatto, mettendo il suo famoso Chisciotte sul conto dell'imaginario Cid-Hamed-Benengeli - A proposito di Cervantes e del Don Quixote, magnifico tutto il tratto che parla del governo di Sancho: che è finissima satira ai governi. - Così, notabile, la descrizione di Clara Perlerina (Parte 2ª Cap. 47) - la partenza di Sancho dall'isola Barataria (P.II. C. 53) - il discorso di Sancho col ventero, che promette mari e monti, mentre non tiene nulla nella venta (P. II. C. 59) - Tutto il Cap. 60 della P.II - ecc. ecc. Di Umorismo, moltissimi esempi nel Chisciotte, p. es. «d'esta manera se lamentaba Sancho Panza y su jumento le escuchaba sin responderle palabra alguna» - p. es. V. Cap. 61. P. II (pag. 154) - Tra i difetti, quello di trovarci troppo spesso ripetuto l'espediente romantico delle donne vestite da uomo. Nel Chisciotte, ce ne saranno una dozzina.


2400. la cara, sp., CF. kàra, gr. - no sé leer migaja, spag.. CF. mica, it.(briciola), miette, franc., brisa, bol., mìnga, mil. - francolines de Milan (D. Quix. C. 49. P. II, pag. 307) - capella (de flores) corona, CF. Dante «e di poeta piglierò il ca[p]pello».


2401. V. 2402 Os Lusiadas - miserabile poema - una delle solite imitazioni da Virgilio - Annoja come il Tasso - senza neanche il conforto di qualche felice riposo, come, se non altro, presenta qua e là, il poeta italiano. Nella pappolata di Camoens regnano contemporaneamente gli Dei pagani e i Cristiani.Imaginate il pasticcio! così che, quando Venere (nell'ultimo Canto ot. 82) mostra a Gama il mappamondo, dice parlando dell'Empireo «aquì só verdadeiros gloriosos - divos estão; porque eu, Saturno e Jano - Jupiter, [Juno] fomos fabulosos - fingidos de mortal e cego engano» (e chi parla, è Venere!) - Nei Lusiadi c'è, oltre la solita favola, la solita ripetizione d'aggettivi stereotipati. - Un bell'esempio di proprietà, lo si trova nel III Canto, quando Vasco di Gama (a imitazione di Enea che sballa la sua storia a Didone) - conta al Re di Melinda la cronaca di Lusitania, e si vanta, con un Maomettano, delle botte picchiate dagli antichi portoghesi agli antichi maomettani - nel qual racconto, appare anche il fiume Gange che dice al Rey Manuel «a quantas gentes vês porás o freio». - Altro esempio di epica dignità, lo abbiamo, dove Bacco scende da Nettuno per incitarlo contro i Lusitani, ed è ricevuto dalle ninfe «que se estão maravilhando - de ver, que cometendo tal caminho - Entre no reino d'agua o rey do vinho» - Pazienza ancora che il poema termina modestamente! Camoens, parlando al re, dice «...fico, que em todo o mundo de vós cante, - de sorte que Alexandro em vós se veja, - sem à dita de Achilles ter inveja».


2402. (V. 2401) Il solo tratto mediocre nei Lusiadi, è, a parer mio, la minacciosa apparizione del Capo delle Tempeste, a Vasco di Gama. Crivellato il poema nel mio staccio, non mi restano di lodevoli, che i seguenti versi «que alegria não póde ser tamanha - que achar gente vizinha em terra estranha» - «Quem não quer commercio, busca guerra» - «Encostase no chão que està cahindo - a cidreira co'os pesos amarellos; - os formosos limões, alì cheirando - estão, virgineas tetas imitando» - «Huma (Nympha) de industria cahe, e jà releva - com mostras mais macias que indignadas, - que sobre elle empecendo tambien caia - quem a seguia pela arenosa praia» - «(gli onori) melhor he merece-los sem os ter - que possui los sem os merecer»


2403. Tale prete, nel cominciare la predica, diè un colpo col piede nel lume che il chierichetto, accovacciato dietro di lui, nell'oscurità del pulpito, si teneva presso per leggere il manoscritto da suggerire. E il chierichetto allora «l'è mort». «E' morto» cominciò con enfasi il predicatore, ma accortosi tosto dello sbaglio, ebbe tanta presenza di spirito da aggiungere «Morto è l'agnello immacolato... Or chi l'ha ucciso? chi osò porre le mani ecc... Ahi!sono quelli empi giudei...» e così via, improvvisò una predica sulla crocifissione -.


2404. Nessun uomo è fine: tutti son mezzo - ma a che? Sarebbero forse altrettante lettere che tutte insieme vanno formando una parola unica - Dio?


2405. Nell'Universo, tutto è centro... L'Universo è tutto infinito, perché non ha margine...; non è totalmente infinito, perchè ciascuna parte di quello è finita... Dio è tutto e totalmente infinito perchè tutto lui è in tutto il mondo... L'infinito è immobile. L'infinita quiete e l'infinito moto concorrono in una... - Se il mondo è finito, ed extra il mondo è nulla, ov'è il mondo?Sarà qualche cosa che non si trova - (in parte, Bruno).


2406. V. 2407 Giordano Bruno sgomenta. Chiesto dal Tribunale dell'Inquisizione di chi fosse figlio, rispose «del padre Sole e della Madre Terra» - Udita la propria sentenza di morte, disse «majori forsitan cum timore sententiam in me dicitis, quam ego accipiam» - Magnifica, se non per la forma, per la sostanza è la sua satira sulla umana asinità. «Oh santa asinità! santa ignoranza!... - La santa asinità di ciò non cura - ma con man giunte in ginocchion suol starsi - aspettando da Dio la sua ventura - Pregate, pregate Dio, se non siete ancora asini, che vi faccia diventar asini!... Forzatevi, forzatevi ad esser asini voi che siete ancora uomini! E voi, che siete già asini, studiate, procurate, adattatevi a procedere sempre di bene in meglio, afine che perveniate a quel termine, a quella dignità, la quale, non per scienza et opre, quantunque grandi, ma per fede si aquista: non per ignoranza o misfatti, quantunque enormi, ma per l'incredulità, come dicono secondo l'apostolo, si perde: se così vi disponete, se tali sarete e talmente vi governerete, vi troverete scritti nel libro della vita, impetrerete la grazia in questa militante e otterrete la gloria in quella trionfante ecclesia, nella quale vive e regna Dio per tutti i secoli dei secoli. Così sia» (Bruno). - Utile sarebbe un raffronto fra l'incredulità di Erasmo e quella di Bruno - e tra le loro due opere su la favola dell'Asino Cillenico (Cabala del cavallo Pegaseo?), e l'elogio della stultitia


2416. Giordano Bruno, dedicò la sua satira contro la fede e il papa (l'asino ideale) dal titolo Cabala del cavallo Pegaseo ad un vescovo - con queste parole «prendetelo, se volete, per uccello; perchè è alato e dei più gentili e gai che si possano tenere in gabbia» - Il motto di Bruno era, «in tristitia hilaris, in hilaritate tristis» che potrebbe essere il motto dell'Umorismo - Per la lingua da lui usata diceva «chi m'insegnò a parlare fu la balia».


2420. Quanto spreco d'intelligenza per capir cose che non meritano d'esser capite! quanto studiare per giungere a sapere quanto la nostra ignorante fantesca sa già prima di noi!... Don Chisciotte impazzì sui libri di cavalleria - ma quanti mai impazzirono su quelli di filosofia! Nati scienziati, si muore ignoranti.


2421. Pret e pui hin mai sagui. (R.U. L. VII. 16 - Parte ufficiale).


2422. Tale alloggiava al 5° piano per timore dell'umidità. Disse mio fratello «egli ha l'umidità delle tegole» - Mia zia possedeva un cannocchiale da teatro, dei primi fabricati; di quelli cioè che si allungavano e accorciavano senza ingranaggi di ruote. E mio fratello lo chiamava «il cannocchiale a pietra» (alludendo agli schioppi).


2423. Si vede un paesaggio dipinto. «Par vero» si dice - Si vede un paesaggio vero e si dice: pare dipinto. - Si mangia manzo; si esclama «pare fagiano» - si mangia fagiano «par manzo» - Altre frasi valgono l'opposto di quanto dovrebbero significare, p. es. l'articolo di fondo nelle gazzette, messo sempre in principio - Così ci sono metafore ritornate donde sono partite - es.«ella dà alla luce il suo primo volume» (intendendo il partorire) che è metafora nella sua prima parte già presa a prestito dal parto animale - e applicata ai libri - Altre poi, coll'uso hanno perduto ogni valore di metafora -, p. es. svignarsela, in cui nessuno avverte più alla idea di vigna, per es.il divorare la via etc. etc. - E vi sono anche diminutivi che indicano oggetti più grandi del loro positivo. - per es. bambino, diminutivo di bimbo - usato in Toscana a indicare persone già adulte -; e accrescitivi che significano idee di cose più piccole dei relativi positivi, come mattone e matto etc.Illustrissimo che vale meno di illustre - Non parliamo poi di certe frasi - per es. «crescere come Dio vuole» per dire crescer male etc. - di cui V.sparsim.


2424. (Note umoristiche di L. A. e B. V. 2240 - 2. I Numeri) Del Numero 13. - Se le superstizioni relative a questo numero siano anteriori o posteriori alle carte da tarocco, in cui il 13mo tarocco rappresenta la morte. - Il numero 13 è bandito dalle stanze negli stabilimenti idropatici, nei broughams di Pavia (non però di Milano etc.).


2425. Dal momento che l'innato amore alla menzogna negli uomini creò il romanzo... - Il romanzo, menzogna lecita e onesta... - Gli uomini amano i romanzi per amore della bugia. Le figure rettoriche sono tutte bugie -.


2426. La morte è l'alleata dei buoni ingegni. Essa apre le porte alla fama e le rinchiude all'invidia (Bacone). E' la indeprecabile spegnitrice delle false glorie, è la ravvivatrice delle vere, benchè sconosciute.


2427. (V. 2240) Impressioni nel leggere. Il pianto che erompe alla contemplazione della bellezza artistica. Mi fanno piangere le più comiche poesie dell'inarrivabile Porta, tanto son belle.


2428. «E stetti come l'uom che teme» (Dante). CF. Virgilio «Illum indignanti similem, similemque minanti». - La descrizione della Casa del Sonno è tolta di peso da Ariosto ad Ovidio - Ma fin dove si può ritenere che un autore imiti un altro? - Altra l'imitazione in scienza, altra in arte: nella prima l'idea è tutto; nell'altra la forma è quasi tutto.


2429. Il comico è riso, l'umorismo sorriso.


2430. Nei paesi dove le vocali cedono alle consonanti... (per indicar il Nord) - Errore che le lingue germaniche siano più ricche delle latine... Esse non sono nè più nè meno - quantunque il costume di combinar nuove parole coll'unione di due o tre altre vecchie, sia piuttosto un effetto della scarsità che non dell'abbondanza di una lingua.


2431. Segue il volgo ciò ch'egli ostenta di disprezzare. Il volgo, assiduo frequentatore di puttane, toglie ogni sua frase di scherno appunto dai bordelli, ch'egli ama e frequenta, per es. «Va a puttane» etc.


2432. Nel dialetto Romano è frequente la desinenza a nel plurale, derivata dal neutro plurale latino (le mela, le poma, le sua ecc.) - Tra le bizzarie gramaticali - citare le cervella che hanno senso meno nobile de i cervelli mentre le ossa l'hanno più nobile degl'i ossi.


2433. Giuseppe Ferrari, l'esageratore di Vico, dice che la lingua d'Italia è reazionaria. Sfido io! non la sa scrivere - Certo è che scrivendo in Italiano - lingua ricchissima a rispetto delle teutoni - si sente tuttavia la scarsità dei tempi e de' modi de' verbi e s'invoca la greca abbondanza.


2434. Nella Satira si trova è vero una delle fonti dell'Umorismo odierno, ma l'Umorismo non è tutto satira: esso trae anche le sue origini da quella parte di letteratura semi-conosciuta dagli antichi, benchè corrispondesse ad un affetto che naturalmente dovevano anch'essi sentire, il pàthos -.


2435. L'arte, ogniqualvolta ci si presenta con opere degne di lei, anche vecchia, pare nuova - la scienza per quanto freschissima, puzza sempre di vecchio.


2436. C'è chi scrive come se i lettori non conoscessero nulla intorno all'argomento, e tedia - c'è chi scrive come se conoscessero tutto, e spazienta. - L'attenzione del lettore si deve nè esaurire - nè troppo acuire senza soddisfare. Il lettore non ha nè da patire la fame nè l'indigestione -


2437. (V. 2240), Mie impressioni nelle letture - p.es. Orazio - odi -. Pare che Orazio abbia ad ogni periodo messe tutte le parole che avrebbero dovuto formarlo in un sacchetto; le abbia poi scosse ed estrattele a sorte le abbia, in quell'ordine che venivano su, scritte. Tanta l'involtura. - Shakspeare (V.Sparsim) e al Giulietta e Romeo - V atto. Scena 1ª. Questa scena è affatto fuor di luogo. Può darsi che Romeo, non pazzo - possa, dopo di aver udita la morte della sua adorata, descrivere minutamente al colto publico una bottega da speziale? - Tasso (V. Sparsim). O miseria delle miserie! A volte leggendo per la prima volta la Gerusalemme, ritorno al frontispizio affine di assicurarmi che il libro sia proprio di quel decantatissimo autore, cui si erigono statue e si pingono le fattezze con Dante e Petrarca. E' un poema più buffo, e più sciocco e più benissimamente-male scritto della stessa Secchia Rapita.


2438. (R.U. L. I. Gli artisti). Scena 1ª. Il pittore X bisc de gamb - e lo scultore K, losc de spall - dinanzi all'Apollo di Belvedere, trovandogli mille difetti - e quello della gamba più corta dell'altra ecc. - (R.U. L. XII. Leni pazzie) S. 2ª. Galli pittore presenta al Ministro delle Belle Arti in Francia il suo album di schizzi. Ogni schizzo è un indecifrabile scarabocchio.Domanda, stupito, il Ministro «ma che rappresentano?» - E Galli «la guerra dei bianchi e dei neri». - Questo Galli s'era dato anche, per la fame, ad inverniciare carrozze. Partì poi per l'Egitto dicendo agli amici, che andava nel deserto per fare la «sfinge».


2439. (R.U. L. V. Il bel mondo. 8. I vani) - Il S.r Carlo Cattaneo (non il grand'uomo) si fa chiamare prima Carlo Cattaneo Torriani, poi Napo Torriani - e scrive una lettera alle gazzette dicendo loro di rettificare l'N. C. in nobile cavaliere. - Altri ha la fatuità di credersi bello e d'innamorare tutte le donne, p. es. Filippo Filippi - Luigi Perelli - e un nostro servitore (1869) il quale si metteva alla finestra della cucina, guardava in una casa di faccia, poi, volgendosi alla cuoca, - vecchia cuoca - diceva «Ei lee, che la dis che l'è pussee bell el servitor di sur Cairati. Che le guarda on poo!... e peu che la guarda mi» - Nel «bel mondo» (stesso L. R.U.). Diogene ad Olimpia, vedendo alcuni giovinetti rodiani sfarzosamente vestiti disse «questa è superbia». Abattutosi poi in alcuni Lacedemoni con tonache grossolane e sudice, disse «anche questa è superbia» - (V. 2442)


2441. Il Prof.re Bardelli (del Politecnico di Milano) sul finire di una sua lezione, disse agli scolari «Signori, è quì il dott.r Ascoli che assistette alle mie lezioni, il quale si propone di dar loro conferenze in proposito. Con lui s'intenderanno pel prezzo» - E il dott. Ascoli, ascendendo subito in cattedra «Ecco, signori, io intendo di tener loro delle conferenze a L. 10 il mese...» ecc. - Così, Buccellati (dell'Università di Pavia) vendeva i propri libri - tutte pappolate - a' suoi scolari: e guai a chi non comprava! - Così il prof. Reale (della stessa Università) avea composto un libro di matematica diviso in due parti, una delle quali stampata, zeppa di errori e inutile agli studenti; l'altra litografata, con meno errori, e servibile. E però egli diceva «Signori miei - il libro stampato costa 8 lire, il litografato naturalmente 2 - ma io non posso venderli separati» - obbligando con ciò chi voleva passare gli esami sotto di lui a comperarsi i due libri uniti - colla tenue moneta di 10 lire. - Lo stesso Prof. Reale fece tre volte di seguito una facilissima operazione algebrica sulla lavagna - e la sbagliò tre volte - Item - sostituendo il Prof. Cantoni, di cui era assistente, cominciò una lezione di fisica, ma s'imbrogliò sifattamente che dovette arrestarsi tra il mormorio e lo scalpiccio degli studenti, esclamando interdetto «Infine, si persuadano, signori, che tutto è moto!» (Notiamo che il moto non c'entrava nel tema). Giù gli scolari a ridere. E il Reale, ancora più imbrogliato, tergendosi il sudore che gli grondava dalla fronte (era inverno!): Scuseranno, signori, - aggiunse - la mia poca capacità... perchè sono padre di numerosa famiglia...


2442. (V. 2439). Felice chi possiede un pajo di brutti quadri antichi, o qualche scompisciato e tarmato volume - o una mezza dozzina d'idoletti giapponesi - o dei frammenti di sasso ecc., che gli permettono di dire, «la mia pinacoteca!» «la mia biblioteca!» «il mio museo!»


2443. Sentinella (ad uno che vuol entrare nel quartiere con un involto sotto il braccio) Che avete lì sotto il braccio? - R. Un fagotto - S. che fagotto è?- R. Un istrumento - S. Che istrumento? - R. Un fagotto - e così via.


2444. (V. N[ote] L. A e B. 2240. I°) Le etimologie Menagiane, ferrariane ecc.assai più divertenti della etimologia comparata della nuova scuola. - Se leggendo, s'intendesse ogni parola nel suo giusto valore d'origine, non si capirebbe più niente - I monosillabi = atomi delle lingue - Delle frasi e dei nomi, che hanno pel troppo uso perduto il filo, p. es. domandare se il mondo è da vendere - Viola - Rosa - Giacinto ecc. - del modo di rinnovarle - p. es.scrivendo invece di cieca rabbia (in cui l'agg. non fa più effetto) rabbia senz'occhi (Shakspeare, eyeless) - (Id. 5) Dare poi esempi di cose dette pianamente e sui trampoli, per cui la descrizione del rame di una cucina, può a prima vista pigliarsi, per quella dei bronzi di un campo di battaglia ecc. - (Id. 3) Bellezze della parlata milanese; da provarsi principalmente con citazioni tolte dal Maggi (Lo splendor di Milano, il Savio Maggi - (Redi) per es. la vid del coll etc.


2445. «Oh che bel libro!» diceva tale, mostrandomi un volume sul suo scrittojo. - E perchè bello? chies'io - Era perchè il libro, quantunque vecchissimo teneva ancora un margine colla barba.


2446. Si propone in una conversazione di fare un sonetto a rime obbligate. Chi è domandato a dettare le rime, comincia «Milazzo». Ma una signorina da marito, si alza rossa dalla vergogna, dicendo «se vogliono dire cose indecenti...» - e indignata, fugge di stanza.


2447. (R.U. L. VII Parte ufficiale) - Sulla porta maestra del Senato a Roma è scolpita una pelle di lione, vera imagine del senatore. L'accattonaggio del voto, nelle elezioni del deputato.


2448. Una tra le precipue doti del Genio, è la precocità, l'altra la celerità:esempi: Cesare, Napoleone, Rossini.


2449. (V. Giorni festa - 2340. Carnevale). Nel Carnevale 1873 - si fabricò una gran luna, nella quale si entrava per la bocca, e nel cui interno si vedevano dipinte le goccie dei liquidi vedute dal microscopio: ora, nella goccia del vino, erano raffigurati Perelli, Rovani ed altri celebri bevitori - in quella dell'aqua i più insipidi de' milanesi - in quella dell'aceto i più rabbiosi gazzettieri, come Bizzoni, Treves, Cavalotti ecc. - in quella dell'orina, il marchese Villani. - Nel Carnevale 69, si vide uno, mascherato da cuoco, correre con un coltellaccio per le vie dietro un altro fuggente, travestito da tacchino. - Gli spiritosoni in carrozze acconciate a letto, coi pitali ecc.gli straccioni abbigliati da donna - Chi gira serio serio a spazzolare i soprabiti e le faccie impolverate dai coriandoli, della gente; chi si mette, incilindrato e col giornale in mano sotto le finestre donde diluvia il gesso.- (V. id. 2340. Pref.) Lasciate pure che Apollonio Tianeo dica, che i giorni di festa sono cagioni di malattia perchè i lavori cessano e ad altro non si tende se non a riempiere il ventre... - Nel Natale, cit. i regali domestici, il panettone del fornajo, i rosoli e il vino di Malaga e l'uva passa zibibbo del droghiere ecc.


2450. Progetto di un libro, dal titolo «l'Osteria» in cui dopo di avere - in una Prefazione - ineggiato a questo punto franco dai dispiaceri, a questa terra della perfetta eguaglianza, a questa casa di chi non ne ha - si raccontano alcune storie, per bocca di vari avventori, che vanno appunto all'osteria, per annegare nel vino i dolori - Nella Pref, cit. Arianna che abbandonata in Nasso (in asso) da Teseo, dà passata alla delusione amorosa coll'aiuto di Bacco (cioè del vino) ecc. Come il vino sia pacificatore - El vin ciôcch - coronar i bicchieri, biccer senza collarin - (V. in Vino) - I° racc. di uno alticcio di vino - che racconta l'operazione del taglio cesareo fatto a sua moglie, per uccidere lei ch'egli adorava - e salvare un bimbo che nessuno conosceva e niente sentiva. Il brutale Chirurgo lascia cadere il fascio de' suoi ferri, sul canterano coperto di marmo - Spavento nell'ammalata - il grembiale da macellajo ecc. (combattere la legge che vuole salvo il figlio a danno della madre) - 2° racc. di un genio sconosciuto ecc.


2451. (R.U. L. VI. I bimbi, 2348 - oppure nei G. di Festa, 2340). La Marionetta. Due piccoli amici, s'innamorano per via di una marionetta, appesa nella vetrina di un baloccajo - dai capelli di velluto rosso, dalle vesti d'oro ecc. Ma non hanno denari. Uno dice «corro a casa a chiederli a babbo. Tu intanto sta quì a far la guardia, che non ce la portino via. Non muoverti sai» - Credevano che tutta la città dovesse avere gli occhi sulla lor marionetta.Uno dei bimbi entra dunque dal negoziante a dargli belle parole; l'altro corre a casa, ottiene i denari dal babbo e col batticuore ritorna al negozio. La marionetta c'è ancora. La comprano e ritornano a casa gloriosi e trionfanti - Prima del 48, i nostri bimbi giocavano all'altarino - dopo, al Teatro - ma dal 59 in qua, fanno al soldato. - Il Teatrino: chi dipingeva i scenari; chi faceva le comedie - le voci grosse e le sottili. Nessun spettatore, fuorchè le donne d'accompagno - Un bimbo non buono a nulla lo mettono a far girare il mare, ed egli s'addormenta, col manico del mare in mano - La Rana (R.U. L. VI.I bimbi). Il figliolino del padrone e il figlio del portinajo attaccano lite - vanno in rotta - e non vogliono più vedersi: l'uno gioca a tutto giocare sulla terrazza per far rabbia all'altro, e così questi in cortile. Il padroncino giocava sulla terrazza con una rana viva, ma la rana cade in cortile, e lì resta, la pancia bianca in aria. Subita compassione nel bimbo del portinajo che le si accoccola presso. Il padroncino scende anche lui e tutti e due stanno lì a mirare la povera uccisa, colle testine appoggiate l'una all'altra - Intenerimento comune - Baci - Pace. - Dei giocatoli per i bimbi. Inutili, anzi dannosi i troppo di lusso. La fantasia di un bimbo innalza il minimo pezzo di legno, di sughero, che so io! al grado del più complicato e magnifico oggetto: ma s'arresta nojata ad uno in cui altri ha fantasiato per lui. Per le bimbe poi non c'è danno maggiore del donar loro delle bambole troppo riccamente vestite. In breve, esse vogliono avere ciò che la loro bambola ha - e se una bimba di 7 anni è abbigliata come una sposina di 25, domando io, quale borsa potrà accontentare questa sposina? Le nostre ave invece (e parlo delle più ricche) erano abbigliate di tela in estate e di cotone all'inverno fino alle nozze. Guai non lasciare un margine ai fisici desideri! - I soli morali sono infiniti. - Dei dispetti (L. VI. bimbi R.U.) chi attacca gusci di noce ai quattro zampini di un micio, poi lo caccia sul tetto - chi adaqua la casa colla tolla dell'olio, ecc. - chi fa l'organino col macinino del caffè, chi butta le castagne amare nelle padelle dei marronai; chi versa nell'aquario dei pesciolini dorati l'aqua calda...


2452. Dicono che i vecchi ci vedono assai più lontano dei giovani. Ciò è vero:solo otticamente però.


2453. (R.U. L. VII. Parte Uff. od anche nei Cacciatori L. XI) Quanto corrotta la dignità umana! Anche oggidì, si prega, si supplica per ottenere il beneplacito regio di commettere qualche viltà! (alludo a chi domanda posti di ciambellano, o vorrebbe dedicare una sua opera ad un qualunque sovrano etc.).


2454. Una signora s'innamora di un artista. Gl'invia una letterina appassionata dandogli una posta. L'artista che ha molti nemici, insospettisce di un brutto tiro, e manda al luogo fissato, due carabinieri. Dolce sorpresa - Altra romantica, vede un giovane entrare in un bosco, con una faccia abbujata e con una lettera in mano. E' senza dubbio, ella pensa, un innamorato tradito, - forse... egli medita un suicidio; e, ansiosa, tiene dietro di lui... e va...finchè, giunto nel cuor della selva, il giovane si slaccia i calzoni, si accoccola sui ginocchi, e si mette a farla. Altra dolce sorpresa.


2455. L'Umanità procede sempre per errori. L'Internazionalismo è l'errore il più moderno, quindi la contemporanea verità. In esso sono i semi dell'avvenire. I posteri ne raccoglieranno i benefici. L'idea della carità si va sempre più allargando - e sviluppando: dalla famiglia passa alla città, dalla città alla nazione, e da questa alla umanità. - Per ora, l'Internazionalismo è l'ombra, sproporzionata, del corpo che sta per apparire - un corpo forse armonicissimo. Le Grandi idee, come questa, nate informi, si correggono, si completano strada facendo - Sono i versi di Ennio che colla lima diventano virgiliani - sono i pezzi di carne che dalla lingua materna pigliano forma di orsi. - La sua face, che ora abbrucia, finirà con illuminare tranquillamente la Umanità. E tutti vi anderanno ad accendere il loro lumino. Ammetto anch'io che la più parte degli operai attuali dell'Internazionalismo appartengano alla colpa, ma che ha a fare l'idea collo strumento? E quì l'idea, l'artefice è Dio. Non pochi sono del resto gli scellerati anche nel campo dei conservatori del vecchio ordine, ma la legalità fa delle colpe loro altrettanti meriti. A chi ben guarda, le legali esecuzioni di Satory sono pari alle illegali della Comune - Pochi fruiscono ancora dei diritti politici. I non censiti tentano ora quel movimento che i borghesi già compirono trionfando, rispetto alla nobiltà. L'epoca internazionale è ineluttabile. Una idea forte e nuova segue il progresso della valanga.Virescit vulnere virtus. Il faut la bajonette pour les empêcher, donc on a tort de les empecher (Bastiat). tà archaìa parélthen. idù ghégone kainà tà pànta - Tout grand changement de l'esprit humain commence par l'hostilité (J.Ferrari) Questi non sono che i vittoriosi indugi di Fabio - E voi, borghesi, ve la pigliate coll'Internazionale? Pigliatevela colle stelle!


2456. Il presente (1800-1900) è tempo di mediocre libertà. Noi vi troviamo confusi tutti i sistemi vecchi di morale, di arte, di scienza ecc. in una sol volta. «Chaos rudis indigestaque moles». Nelle politiche, il sistema costituzionale è una prova di ciò. L'uomo che ha provato tutti i governi uno dopo dell'altro - ora se li gode tutti insieme - Tuttavia, mercè lo sviluppo dell'economia politica, questa matematica della Morale, che concilia i calcoli e l'interesse colle aspirazioni più sublimi del sentimento, noi vediamo il bene estendersi senza posa, e senza posa il male restringersi. - Coll'abbandonare sempre più gli interessi a loro stessi, la miseria va scomparendo e colla miseria il male - Così, il governo si fa sempre più limitato, e pare che accenni alla sola amministrazione della Giustizia. - Il presente, è l'epoca del commercio, dove l'utile prepara il terreno al bene universale. Col commercio si diventa, per interesse, onesti.


2457. L'uomo di genio tiene il lume, ma la via è già tracciata dalla Natura.Nessuno è inutile, ma nessuno è indispensabile. Se Volta non trovava la pila l'avrebbe trovata Gorini. Se Gorini non strappava il loro intimo segreto ai vulcani e alle montagne, il genio nascituro l'avrebbe strappato.


2458. Rileggendo il mio «Regno dei Cieli» quale fitta di errori! quale folla di dubbii! La memoria vi ha corrotta la mia imaginazione e il mio cuore. Fu un lavoro a tentoni. Eppure non me ne pento. Pàntes gàr èmarton - La strada della verità è a sghembo. Non c'è errore senza parte di verità, anzi l'errore si potrebbe definire una verità incompleta, come non c'è verità senza stigma di errore. Io spero tra breve di esser chiamato codino.


2459. Il Progresso tende a riemancipare l'individuo dalla società tutrice. E già si domanda che il Governo ridiscenda dalla Nazione alla Città, come tra poco si domanderà ch'esso ritorni, frazionandosi, alla sua sede naturale, la Famiglia e l'Individuo, donde avea preso le mosse. Si riviene in una parola al sistema dei tempi primitivi, muniti dell'esperienza della Società. - (Passato) Prima, l'Individuo - solo - fuori della Società - (presente) poi la Società confondente in sè stessa l'Individuo - (avvenire) - infine l'Individuo, tornato solo - nella Società; ossia prima - varietà senza molteplicità - poi molteplicità senza varietà - infine varietà nella molteplicità.


2460. Chi volesse trovare un sistema per base al milionesimo trattato di filosofia storica, potrebbe cercarlo nella triplice divisione della Fede, Speranza e Carità - dicendo Regno della Fede il passato in cui dominava l'Arte, sua principale espressione - Regno della Speranza il presente in cui impera la Scienza - Regno della Carità l'avvenire - temperata fusione della Scienza e dell'Arte. Cotesta triplice distinzione farebbe riscontro alla Cousiniana, dell'epoca dell'Infinito (il passato) del Finito (il presente) e del Rapporto tra il Finito e l'Infinito (l'Avvenire) - colle tre loro sedi - l'Asia - la Europa (e specialmente Parigi!) e l'America. Ma, come ho già detto, i sistemi filosofici non sono che vane ingegnosità, che giuochetti da majuscoli bimbi. Tutto ciò che si vuole, in filosofia si trova. I sistemi in filosofia non sono che conforti alla poltroneria. Per essi, i misteri si spiegano con misteri.


2461. Il sistema costituzionale, di moda oggidì, potrebbe considerarsi come l'ultimo tentativo di transazione fra il governo e il non governo. L'uomo che ha già provato tutte le forme di governo una dopo dell'altra, ora vuole provarsele tutte insieme: poi le lascerà tutte. - Per guarire alla Società non basta cangiare l'olio di ricino colla magnesia - essa deve abbandonare tutti i rimedi. E questo in buon'ora, chè l'intervento governativo ha sempre colpito d'inerzia le intelligenze. - E adesso l'Individuo ha tanto cervello da poter pensare da se stesso a' suoi casi senza più bisogno di tutore. Der Provinz stehe nur unter Gott und unter der Sonne (Schiller). Non, con ciò, che i governi siano - come altri vorrebbe - contro natura. Chi li fa? l'uomo - E chi fa l'uomo? Natura.


2462. C'è chi, osservando l'inquietudine del mondo presente, domanda se i tempi odierni son conclusione a quelli che furono, o sono preludio a quei che verranno; c'è chi li dice tempi di transazione. - Ma e quale tempo non è mai transazione tra il passato e il futuro?


2463. Cousin definisce la guerra «sanguinoso scambio d'idee» e la trova un male utile. Io non ho tanto coraggio e la trovo inutile. «Si audire humanum genus voluerit, tam supervacuum sciet sibi coquum quam militem», dice Seneca.Il milite sì, il cuoco no. Inoltre, l'autorità militare è una pessima compagna di libertà; e gli eserciti non furono mai tanto funesti agli altri quanto ai loro propri paesi. E c'è ancora, chi in rima osa celebrare i massacri di migliaja di uomini!


2464. La libertà consiste nel poter fare quanto si deve volere, e nel non essere astretti a far quanto non si deve. Perchè sentiamo i mali della libertà? Perchè non la possediamo intera - Dato il governo, tutte le forme si valgono. Quod interest quot domini sint? Servitus una est. Dato un governo il migliore è il meglio amministrato. Dato un governo, io griderò sempre con Napoleone I - «viva l'impero!» - e - col Senato di Roma - «viva la repubblica!»


2465. La clemenza, si dice, dovrebbe essere esclusa da una perfetta legislazione. Ed io non vorrei neppure la legislazione! Non poenae aut infamiae metu esse peccandum, sed justi honestique studio et officio - Più diminuiscono le pene e più diminuiscono i delitti. Come nelle malattie fisiche, giova più la cura preventiva della repressiva, così nelle morali.Cangiate le carceri in scuole! - Il lusso antico delle pene, quando la pena era un reddito del principe. V. Beccaria... saepe committi quae saepe vindicantur...


2466. Anche la beneficenza non giova che preventiva. Gli 8450 stabilimenti italiani di carità posteriore non sono che altrettanti semenzai di miseria


2467. Data una religione, la migliore, secondo me, è quella, il cui altro mondo meglio giova alla felicità in questo.


2468. L'individuo non può adoperare la forza che nel caso di legittima difesa.Al Governo è demandata dall'Individuo tale difesa. Se il governo oltrepassa questi limiti entra in una via senza fine, e annienta la sua propria missione.Al di là della giustizia non vi ha che il suo contrario. Un governo non debb'essere che giudice e gendarme. - Con lo Stato abbiamo l'ingiustizia sistematizzata. Finchè ci sarà un Governo, saranno rivoluzioni. - Dei governi trop-pères.


2469. Scopo dell'Internazionalismo è torre le gelosie nazionali, sentimenti non solo perversi ma assurdi - come del Nazionalismo fu scopo il distruggere gli odi Municipali. Nuocere agli altri - è nuocere a sè. - Patria mea hic mundus totus est - Omne solum patria forti. - L'Int[ernazionalis]mo è l'ultima espressione del pensiero umano - ultima, s'intende, in ragione di ciò che fu, non di quanto verrà.


2470. E' ora che l'individuo esca dall'esagerata tutela dello Stato. Il tempo è passato, quando «the people were not used - to be spoke of but by recorder» (Shakspeare). Ciascuno sia responsale di sè. Chacun pour soi, non chacun pour tous - chè, bene interpretato, il vero interesse individuale, produce il comune benessere. - Ora facciamo senza degli Dei; tra poco faremo senza dei governi.


2471. Il Presente è l'epoca del commercio. Più è commerciale un paese e più è civile. Drayton mentiva dicendo «the gripple merchant born to be the curse - of this brave isle» intendendo l'Inghilterra, ma Drayton era un poeta, cioè una persona eminentemente retrograda. Parlo s'intende dei poeti moderni, chè degli antichi era tutt'altro. Anticamente, poesia equivaleva a profezia. V.anche Giusti e Leopardi, che canzonano gli Umanitari etc.


2472. Il comunismo e il socialismo vanno posti fra gli errori del tempo presente. Il primo, a fortuna, è inattuabile. Esso esige una perfetta e continua eguaglianza. Or come ottenere quella dell'ingegno? - L'altro (troupeaux et berger) purtroppo è in pieno vigore. I Governi ne sono la massima prova - i quali tendono sostituire alla spinta dell'ìndividuale interesse, un interesse comune, cui nessuno partecipa - L'Internazionalismo è tutt'altra cosa dal Socialismo. Governo, socialismo e dispotismo, nel mio dizionario, sono sinonimi.


2473. Alcuni filosofi, pur di non far torto ai loro sistemi, fanno torto alla Ragione. Cousin, posto una volta che la civiltà segue la via del Sole (V.anche Dante, dove dice «e quando Costantin l'aquila volse - contro il corso del Sol che la seguia») - sagrifica bellamente ad una perpetua morte l'Asia, la Grecia e l'Italia (CF. «and the dead nations never rise again») tutto a favore della sua Francia, anzi del suo Parigi, anzi della sua cattedra.


2474. CF. l'«ab alio expectes alteri quod feceris» (di Plauto) col pànta ùn òsa an thélete ìna poiòsin ymìn oi ànthropoi, ùto kaì ymeìs poieìte autoìs.Ambe le massime inculcano la benevolenza, ma la prima colla minaccia di una pena, la seconda colla speranza di un premio.


2475. La loi aujourd'hui n'est que de la spoliation organisée (Bastiat) - Ogni privilegio è un furto. - Della inonesta moneta (carta moneta a corso forzoso), del ladroneccio legale delle dogane - della burocrazia e del militarismo che hanno raggiunto il loro più alto grado,... dei sistemi restrittivi che aumentano il lato penitenziario del lavoro, dei punti franchi oltraggio alle libertà commerciali rimessi oggi in vigore - delle guerre infine, più sanguinose che mai, e sempre sceleratissime, per quanto accompagnate dalle platoniche frasi di aspirazioni di popoli, di nazionalità, etc. etc. E poi facciamo il bocchino di sprezzo all'udire della carta di Law e dei sistemi di Colbert, od ostentiamo l'orrore leggendo degli autos-da-fé, «dove quelli eretici di cattolici abbruciavano i poveri cristiani» e della tortura, e della schiavitù etc. etc. O uomini, tutto contradizioni!


2476. Il Medio Evo era l'epoca della Universale Mendicità (Correnti). - Della mendicità promossa dagli istituti religiosi... della vita mendica e dell'ozio contemplativo dei monaci. - Nel voto di povertà, fatto dai monaci, era naturalmente sottinteso anche quello di povertà dell'intelletto; quindi, odio a ogni studio.


2478. L'Italia, dalla Geografia è destinata alla forma federale. - Circa l'Italia presente, si può dire che i suoi Ministri, tengono, non le redini ma le dande del Governo - Degli inutili Ministeri in Italia... dello svogliato Parlamento, e del Senato che vota le leggi a fornate... della Livrea che si allarga ogni dì più...


2480. E come potete punire chi uccise un uomo, quando voi, principi, siete rei dell'assassinio di intere nazioni? Ille crucem sceleris pretium tulit, vos diadema.


2481. Massimo segno della fine, è il principio. - La psicologia = il pensiero del pensiero.


2483. La ragione è a tutti comune, la volontà no. - Dal momento che il tuono ebbe creati gli Dei...


2484. Non vi ha guerra che non lasci l'addentellato ad altre. «Pacem cum hominibus bellum cum vitiis habere».


2486. Vi ha chi dice: la vita dell'uomo accorciò. Ammetto per la durata, nego per la intensità. Chi poteva, una volta, vedere in sì breve tempo tanta parte di terra (e quindi tanto sapere), come oggi?


2487. Napoleone I° e Moltke - Il primo è un artista, l'altro uno scienziato...CF. la lirica campale di Napoleone al genio artificiale di Moltke...


2488. Progetti di articoli letterari, o di capitoli che si potrebbero incorporare nelle Note di Lett. Alta e Bassa (V. 2240). - Dei rapporti tra la politica e l'arte - Se meglio giovi all'Arte uno stato libero od uno tiranno - Influenza di Paolo Gorini nell'Arte - Dell'Onestà Politica, e Artistica - Della Necessità Artistica - Cristoforo Negri - (Nella Necessità Artistica, si può com[inciare]. Vi ha chi dice, perchè il tale artista ha abbandonato la tale maniera... oppure - perchè voglia ritornarci etc. dimostrando come l'Arte guida l'Artista e non a viceversa).


2489. Falsamente è dato il nome di «umoristico» allo stile di alcune gazzette burlesche, quali il Pasquino, il Fanfulla ecc. - Non è che «comico» e di bassissima lega. Vi si adoprano rami strausati, che più non lasciano se non stracchissime impronte.


2490. Poca parte dei romanzi odierni, specialmente i francesi, appartengono all'umorismo. L'umorismo fonda in gran parte nella forma, la quale dà il sapore alle idee. Quelli invece sono scritti tutti a un sol modo - incoloro.Il loro interesse sta puramente nella favola mentre negli umoristici sta nella stoffa della favola...


2491. Berni è in pochissimi tratti, umorista. Walter Scott, non lo è mai.Byron, lo è alquanto, nel suo Don Juan, dove posa in non credere.


2492. L'Umorismo, essenzialmente odierno. La vecchia letteratura era quella delle passioni, quindi intreccii di favola etc., la nuova è della ragione, quindi minute osservazioni, equanimità ecc. - Carlo Porta è umorista grandissimo, come in generale lo sono i poeti popolari, perchè tutti i sentimenti cominciano appunto a muoversi nei bassi fondi sempre mobili, finchè riescono ad ascendere all'onore di legge - e vengono registrati nei codici -.Due le letterature, l'aulica o artificiale che sdegna la spontaneità, e si circonda di dizionari a frasi fatte, immutabili: l'altra la popolare o naturale che erompe dal cuore e ne presenta tutti i cangianti colori - applicando le parole alle idee e non a viceversa - Oggidì, tutto quanto è ufficiale vacilla e sta per cadere, travolto dall'onda rivoluzionaria della spontaneità. Cadon le leggi, cadono i dizionari - L'uomo rivendica la sua individualità - e però la letteratura dell'Humour trionfa su quella degli Affetti a catalogo - Chè l'Humour o umore - è il carattere individuale.


2493. Manzoni ostenta di aver fede - Rovani ostenta di non averne. - D. ne piglia, quando gli occorra di far dell'effetto, e quanto gli accomoda. Ma nessuno ne ha. - Gli stessi frequenti intoppi nel periodare di D. giovano ad arrestare il lettore, e a farlo pensare, e a fargli quindi scoprire bellezze che un'affrettata lettura gli celerebbe.


2494. Dei romanzi e delle storie (le quali fin quì furono anch'esse romanzi, in cui invece di persone o famiglie agivano nazioni) alcuni ci presentano eroi che in cilindro e marsina non sono che cadaveri dell'antichità - altri eroi che in abbigliamento fuori di moda, pensano modernamente. Ma lo sconcio è pari.


2495. L'Umorismo è la letteratura di chi pensa. Questa la causa, per cui la si sparse, prima che non in Italia, in quei paesi dove la riforma avea proclamato libera l'investigazione e lo sperimento. Or, chi crede, non pensa.


2496. Nell'umorismo, si possono amalgamare in un sol libro tutti i generi.L'Umorismo è la manifestazione letteraria dell'ecelettismo dell'epoca - In esso voi potreste trovare letterariamente il rapporto tra il finito e l'infinito, il connubio tra il sensualismo e l'idealismo, che Cousin predice allo spirito generale dei tempi che stan per venire. - La filosofia geografica di Cousin...


2497. «I Promessi sposi» sono la pietra di paragone d'ogni romanzo che leggo.- Certo, vi ha libri, che per un istante seducono, sia eccitando le nostre passioni, sia mettendo in opra artifici che pajono, a fiore d'occhio, arte - ma se riapri le eterne pagine manzoniane e ne leggi un periodo, la calma ritorna al tuo spirito, la serenità al tuo giudizio.


2498. (R.U. L. VIII. Scuole) Il professore * (famoso nella storia delle matematiche e delle bancarotte) ostentava di studiare 18 ore al giorno, come se i giorni per lui fossero di 36 ore. - Il prof. * non riceve Gorini, colla scusa di star facendo colazione! Il socio di *, prof. **, terribile esaminatore. Durante gli esami, andava a dare un'occhiata al cesso ogniqualvolta un esaminando ci era stato. Per lui bocciare un povero studentello era una voluttà. Ma avea per coesaminatore il prof. Pellegrino, assai clemente. Ora, Pellegrino, approfittando di una uscita del **, lascia passare su 10 candidati 9. Rientra **. Ode il misfatto. «Come?» domanda con irosa sorpresa. E Pellegrino, franco - «Scusi ma non ho proprio potuto lasciarlo passare il decimo... Se non crede, veda un po' Lei» - ** però, a dispetto della sua terribilità, era dolce assai di cuore, e faceva servire le sale della Direzione dell'Istituto Politecnico, da lui spaventate il giorno, per le sue tresche notturne amorose - Prof. Zuradelli (dell'Università di Pavia - poi deputato di Salò). Vendeva agli studenti il I° fascicolo di un suo trattato - che costava 15 lire, dicendo loro «è un'opera in corso». Per passare bisognava pagare questo pedaggio - Ma in 16 anni, a' miei tempi, non era ancora uscito il 2° fascicolo. Del resto Zuradelli in iscuola, si contentava di leggere il primo. Giunto alla fine, lo ricominciava. - Prof.Esparson di d[iritt]o internaz. (di Pavia). Teneva agli esami sul tavolo una noticina con su questioni intricatissime per interrogarne coloro ch'egli intendeva trucciare. Lo stesso Esparson corteggiava una signorina amante di un suo scolare. Esparson regalava, ogni dì, dolci, torte ecc. che lo scolare e la signorina godevano insieme, brindeggiando al professore - Prof. Cattaneo di fisica (Liceo Parini di Milano). Si dilettava a fare esperimenti sui liceisti - dando loro le più forti scosse, che la macchina elettrica del Liceo potesse sprigionare, inaffiandoli cogli apparecchi idraulici ecc. - Vismara (da Vergiate). Fu fatto professore di letteratura italiana, dopo aver scritto romanzi, senza ragione nè cuore, senza sintassi nè ortografia. - Prof. Vollo - creato preside del Liceo Parini. E scrisse la lettera che si trova stampata sul «Baretti» di Torino. Anno III. N.° 7. - Bonghi e Giuseppe Ferrari professori negligentissimi alle loro lezioni, benchè assai diligenti a papparsi l'annuo stipendio di 5000 lire - Prof. Nova (filosof. del d[iritt]o a Pavia). P. e. sale in cattedra e dice: signori! io non capisco perchè si metta il crinolino alle donne, che cela le lor belle gambe..., e così via, tutta la lezione su questo tema - Detto Prof. Nova, dimanda in un esame ad uno scolare «perchè la libertà è innata nell'uomo?» - Lo studente risponde «perchè - siccome Dio è libero - l'uomo sua emanazione debb'essere pur libero». - E Nova «lei è dunque un panteista della 3ª specie!» - E' a notarsi che Nova è inimicissimo di Rosmini, per avere Rosmini, a proposito di lui, detto «chi è quell'asino che raglia in riva al Ticino?» Ora Nova, in un esame, chiede al candidato «e in proposito che ne pensa Rosmini?» - Il cand[idato] fa un gesto di sprezzo - Nova: perchè quel gesto? - Cand.: Rosmini è una bestia. E Nova, senza più chieder altro dà all'esaminando 27 punti su 30 - Prof. Codazzi di matematica (Università di Pavia). E' abbonato a tutti i giornali di mode femminili - Con tutta la sua scienza non riesce a capire una semplicissima macchina da caffè. Fa l'astratto. Gli si domanda «che tempo fa in strada?» Risponde «non so; non me ne sono occupato»: - oppure «c'era gente in teatro?» «non so veramente, non mi ricordo più, non ho guardato nei palchi e neppure in platea»... «allora, ci saprà almeno dire com'era lo spettacolo?»... «Neanche; non me ne sono occupato» - Prof. *** (Preside del Liceo **** a Milano) vera belva asinina - villanissimo - Morto, lo hanno, su pei giornali, venduto per un Cherubino - pigliando forse le orecchie per ali


2499. (R.U. L. VIII. Le scuole) Agli esami. Dei componimenti di matematica venuti dal Napolitano alla Comm. Centrale degli Esaminatori, taluni erano lavoro di studentelli dai 30 ai 40 anni. In uno, dopo una filza di spropositi, l'Autore avea disegnato cinque imagini di persone, cioè un padre, una madre e tre figli con tanto di lingua fuori, e sulla lingua scritto «aggio fame, aggio fame» ecc. - Paragone tra la gramatica del Vescovo Ruterio del 950 intitolata Paradorsum (il verbo - imbeccato a suon di nerbo) e la Gramatica Greca del prof.re Inama - spaventatrice di quella poca [voglia] che tutti e massime i fanciulli hanno di studiare - All'esame di greco Ferrari copia da mio fratello Guido. Ferrari passa; Guido, no


2500. Era la prima farmacia della città: avea di che ucciderla tutta...


2501. (V. 2240) Chi legge per sè ad alta voce, pare non abbia palato... - Dicono il non andare a letto, perder la notte, mentre invece sarebbe un guadagnarla - Dicono che quanto distingue l'uomo dai bruti è la parola, mentre è la parola appunto per cui, il più delle volte, ci mostriamo bestie.


2502. (V. 2240) 3. Dialetti. Come nei dizionari di una parlata si legga la storia del popolo che ne usò e ne usa. Strettissimi rapporti fra la lingua e l'indole di una nazione. Es. tolti dal dialetto Milanese, Veneto e Napoletano.Come perciò la lingua cosidetta Italiana, fuor dal colore dei dialetti, non rapportandosi a nessuna popolazione, non valga, non serva a nulla. - 5.Bestemmie. Perchè maggiori bestemmie nei paesi di mare. Es. di bestemmie genovesi (frasi prov. e tutte le bestemmie lombarde) - 9. Critica. Effetti della critica sul publico e sugli autori. La Critica alla Baretti e alla Cletto Arrighi - La critica erudita e la sentimentale - App. Imp[ressioni di] Lett[ure]. Come i libri di molti degli odierni scrittori italiani, pajano traduzione dal francese o dall'Inglese, Test. Barili, Farina, De Amicis etc.(il sommo dei mediocri). Ma gli scrittori cattivi giovano sempre ai buoni.Imparando da essi quanto si deve sfuggire (cioè sfuggendo tutto quanto hanno seguito loro) s'impara quanto si debba seguire noi. E anch'io se non gioverò come buono, gioverò come cattivo.


2503. Il pensiero è Dio, perchè lo comprende. Dio pensa a noi, quando noi lo pensiamo


2504. (V. Libro delle bizzarie - Ricetta per fabbricare gli uomini grandi) Nei Ministeri p. es. si usa di rispondere alle lettere, ripetendo, quando non si tratti di sborsare quattrini, le lettere stesse. Così, p. es. se loro scrivete «io credo di essere un genio» essi rispondono «Decisamente voi siete un genio, etc.» - Lettere, che chi le riceve, si fa premura di far publicare su tutti i giornali.


2505. (V. 2240) 5. Gli antichi ebbero, anch'essi, molte raccolte, di motti felici, bisticci etc. p. es. il libro di Cesare, il capitolo di Macrobio, i bon mots di Cicerone raccolti dal liberto Tirone, le spiritosità di Aristippo, le risposte dei Lacedemoni etc. - Citare le Pasquinate (Pasquilles) le freddure (turlupinades e turlupins) la Fronda - e tra i fredduristi il Benserade, il Piovano Arlotto etc. Il bon mot deve potersi tradurre in tutte le lingue - l'equivoco (quolibet) di nessun valore non essendo la sua efficacia che temporanea - e la sua pretesa sottigliezza che casuale. - Il giuoco di pensieri e il gioco di parole - l'apoftegma degli antichi, grave e nojoso - Tra le risposte felici, notabile quella di una donna a un confessore che la domandava del nome «Padre, il mio nome, non è un peccato» etc. - Luigi XIV, Napoleone I e Mademoiselle Turenne cui si affibbiano tutti gli annedoti etc. Le Arlecchinate - Ottavio domanda ad Arlecchino quanti padri ebbe - A.risponde «uno». Ottavio finge irritarsi. A. risponde «io sono un povero diavolo e non ho modo di averne di più» - Spesso il bon mot dà a colui al quale rimprovera qualche cosa una specie d'imbarazzata sorpresa che gli toglie di potere rispondere. - «Diseur de bon mots mauvais caractère», diceva Pascal - errando.


2506. Il bon mot deve scoprire senza asprezza il lato ridicolo delle cose. Un libro umoristico è spesso un libro-bon mot - Il sarcasmo dei Greci, per esser perfetto doveva contenere una soja (raillerie) fina, delicata, e giocosa. - Fu la libertà di parola cagione nei Greci delle tante loro risposte spiritose - La brevità sentenziosa dei Lacedemoni - La Satira trovata dai Romani. Cit.Lucilio, Orazio, Giovenale e Persio - Nella satira antica francese cit.Regnier, Despré[a]ux, Voiture, Villon etc. V. anche les grotesques di Th.Gautier.


2507. Supplicavano molti Limogini un papa loro compatriota perchè loro accordasse la grazia di avere due mesi di più all'anno - e il papa la accordò, aggiungendo, che per grazia speciale, l'anno dei Limogini fosse di 24 mesi, anzichè di 12 com'era nelle altre contrade. - Alcune donne spagnole trovarono un dì sì buona la mattinale lor tazza di cioccolata, che una di loro disse desiderare che vi fosse a pigliarne un po' di peccato, affine di trovarla ancor più eccellente - D'altra donna l'unico studio era di ben accoppiare parole, colori, sapori - Così ella mangiava volentieri del latte e dell'insalata, perchè questi due cibi le mettevano in corpo il bianco e il verde, due colori che concordavano bene; così rifiutava ogni nera vivanda, perchè il nero le dava tristezza.


2509. Raff. tra l'esprit francese e l'Humour inglese. Il primo domina nelle frasi (libri di corta lena), l'altro nei libri (frasi di lunga lena) - L'umorismo nato dalla scienza. Rabelais (n. 1500) segna il risorgimento.Rabelais era dotto come eralo Richter - In Richter, più che il pensiero formato, troviamo l'intimo processo mentale. I suoi pensieri sono tutti immaturi. Fanno, più che sollievo, maraviglia. Il cosidetto Classicismo - fonda nel paganesimo - manifesta la carne e l'azione - Il cosidetto Romanticismo fonda nel Cristianesimo - manifesta lo spirito e il pensiero - Resta a vedere dove fonda l'Umorismo, salvo di dirlo la fusione tra il Class.e il Rom. - Heine e Börne nell'Umorismo -... L'anima addolorata di Rousseau...


2510. Magnifico è lo studio di Emerson su «Shakspeare» (V. sua trad. in Biblioteca Nuova di Daelli). Shakspeare ci volle un secolo per farlo sospettare - I secoli hanno formato Shakspeare, come formarono Omero e il Nuovo Testamento. Io credo quel che dicono i secoli e gli anni contro le ore - Sh. tolse tutto dagli altri meno il genio - la sua mente trasse l'oro dal fango: cambiò le sabbie dei deserti, in giardini d'Alcina. Nell'Enrico VI di Sh. di 6023 versi, 1771 furono scritti da qualche autore a lui anteriore, 2373 da lui su' fondamenti altrui - e solo 1879 sono completamente suoi.


2511. Ogni grande autore è grande critico, ma non a viceversa - I grandi e veri bardi furono insigni pel loro temperamento equanime e lieto. Omero tu lo vedi in una luce di Sole (Emerson).


2512. La statuaria faceva prima parte dell'Architettura, poi, a poco a poco se ne divise, prima coi bassorilievi, poi con le statue, finchè la statua balzò sola in mezzo alla piazza - e l'Architettura da padrona le diventò serva erigendole sotto il piedestallo. Così la letteratura-arte crebbe sulla letteratura-utilità, finchè, fatta adulta, se ne staccò.


2513. L'antica gazzetta era il Teatro - test. Aristofane.


2514. Una volta un governo si contentava di rovinare il suo solo presente:oggi, coi prestiti manda in malora anche il suo avvenire. - Della Rendita publica, freno alle rivoluzioni... Della Plutocrazia...


2516. Dei ricchi, che recandosi in villa sol quando tutti loro si recano, può dirsi «vanno in campagna per ritrovarsi in città».


2517. Tra tutte le bestie, la mia favorita - dopo la donna - è il cane.Concedo che il gatto possiede un nobilissimo sentimento di cui il cane difetta, «l'amore alla indipendenza», ma se si lodano le virtù si odiano i virtuosi, massime in questo caso in cui si tratta di una virtù che offende noi altri padroni. Taccio i moltissimi fatti nei quali apparì luminosa la intelligenza dei cani. Chi non ne vide o ne udì qualcheduno?... Fra tutti i cani del mondo, peraltro, ho una preferenza pel tuo, o xxx, poichè fu attraverso di esso ch'io colsi il primo tuo bacio.


2520. 1870 - Questi in Italia son tempi di somma ignoranza, in cui si disconosce Rossini, disconoscendo naturalmente anche Manzoni e Rovani. Prevedo tra un mezzo secolo la necessità che sorga, per questi 3 nostri grandi contemporanei, uno scopritore e un rivendicatore, come più volte abbisognarono a Dante. Oggidì il rivoluzionario Manzoni lo chiamano reazionario!


2521. Sulla smania dei subiti lucri, del molto guadagno con nessuna fatica, che ha invaso dopo il 66 l'Italia. La Bancomania, l'affarismo, il tripotage - il patatrac - Chi gira la sera per le vie affollate di qualche grande centro d'affari, come Roma o Milano, e raccoglie i frammenti delle conversazioni, ode: quanti ne ha?... mi ha dato 20 napoleoni -... ci ho guadagnato 30 scudi... La prima emissione... Ventimila lire... L'aggio, due lire al pezzo...- è un'operazione sicura... le azioni danno su... due milioni... ecc. E intanto le povere arti piangono solitarie e sprezzate! e intanto squalent arva! (P.O.) 2522. Italia 1870. Tempi di recrudescenza governativa. La tutela della P.S.affidata ai bricconi. Il mostruoso connubio fra Chiesa e Stato. I regolamenti, perpetua offesa alle leggi, etc. etc., l'usura.


2523. Lo stile di Guerrazzi rimbomba come rimbombano tutte le cose vuote. - Qualunque ignorante, letto un libro, dice «è scritto bene o male». E il perché non sa. Che sia scrivere bene e male.


2524. Gli autori latini (parmi) parlando dei loro compatrioti usano dire figli di Romolo o figli di Remo, a seconda che le azioni cui alludono sono gloriose o vergognose. Es. del primo caso, ce ne sono a mille - La Romulea turba etc.Del secondo, tra i molti, cito i seguenti «Parthum - Reddat signa Remi» (Properzio) - Illa Lesbia, quam Catullus unam - Plusquam se atque suos amavit omnes - nunc in quadriviis et angiportis - glubit magnanimos Remi nepotes (?) - Turba Remi - sequitur fortunam ut semper et odit - damnatos (Giovenale) - non sanguine cretus - Turmali trabeaque Remi (Stazio, Silvarum V. v. 17-18).


2525. La coscienza va educata. La coscienza, come la fanno i poeti, è uno spauracchio da passeri.


2526. Frammento dell'«Ave Maria» racconto distrutto (sc[ritto] nel 67). Dove, dipinta dal mestissimo lume, si lasciò andare ad uno di quelli smarrimenti improduttivi di cerebro che smidollano anch'essi e fanno la strada alla pazzia e alla tisi. Chè, meditando l'ingiuria dello spregiato amore, le ricomparve nella pupilla del sentimento la figura di Giulio e lo schietto suo volgere d'occhi, schietto sì immeritatamente; e pensò che ella avrebbe amato quel Giulio, tanto, che ei non avrebbe potuto perdonarsi di amarla, fosse pur stato l'amore di lui solo il riflesso del suo. Nè come ella nessuna: neppure colei che gliel'avea rapito. E quì Maria si pose a riandare le fattezze rivali, paragonandosele ansiosa. Ma raggricciò. Ricordava lo specchio. Imaginò di non esser più degna se non dell'ultimo talamo, sul che le venne un desiderio di morte acutissimo... E già si vedeva sul letto, candidamente vestita e inghirlandata di fiori, bianca come la cera, ma suggellate in sempiterno le labbra dal bacio materno; poi si vedeva entrando nella casa di Dio, ma su quattro spalle; e, seguendo con una cupa soddisfazione le particolarità del suo funere, leggeva sui limini sacri che «immacolata dal mondano rumore» ella «era salita all'armonia dei cieli»; scorreva leggera la palma sui bianchi velluti aspri di aurei segni e sulle trigemini file delle capocchie dorate; palmeggiava, contava i ponderosi fiocchi e le saltellanti ghianduzze; vedevasi infine, uscendo, avvizzire con la cera ferale le rose di un convoglio di nozze che sulla soglia attendeva... E quì, accesa, Maria risolvette morire. Balzò dalla sedia. Avea perduto anche l'amor di sè stessa, l'unico che le restasse... e protendendosi dalla finestra... - Ma la rattenne una strappata di veste - Si volse con un sussulto: era Pelo d'Argento - Pelo d'Argento che le diceva cogli arguti suoi occhi «c'è uno ancora che t'ama» - Quest'Ave Maria era la storia di una muta, che riaveva poi la parola per salvare l'amato (storia consimile a quella del figlio di quel re asiatico (Mitridate?) che ricupera la voce per dire al soldato che stava inscentemente per uccidergli il padre «non toccarlo; è il re»). Ave Maria fu scritta, essendo io ancor fresco dalle letture latine, e però riusciva un musaico di frasi rubacchiate, di cui nessuna attagliavasi al tema. Sempre scarpa grande a piè piccolo. - Altro frammento, è questo: «E venne un giorno, nel quale Maria, accorrendo a Giulio che entrava, parve più bella che mai. L'inverno facevasi primavera - «O viva rosa!» - esclamò il giovanotto, tendendole ambedue le mani - Maria udì il complimento con gli occhi, capì, sorrise. Ma impallidita ad un tratto, sciolse le sue dalle mani di lui e andò a staccare una rosa da un bicchiere di aqua.Poi gliela offrì - E Giulio, accettandola riconoscente, la odorò - Era carta - Maria, con un singulto indicossi; e ruppe in uno scoppio di pianto» -.


2527. Progetto di un libro, dal titolo «Goccie d'inchiostro» in cui il Dossi raccoglierebbe tutte le sue briciole letterarie, avanzategli dai grossi pasti delle opere. Molte di queste briciole si trovano già sparse e nelle sue lettere, e nell'Alberto Pisani ecc. e nella Palestra Letteraria ecc. come p.es. i bozzetti, intitolati Istinto - balocchi - La casetta di Gigio - Giudizi della giornata - La fede - Un cas de conscience - Charitas - La corba - Le caramelle - Una fanciulla che muore - Una visita al papa etc. etc. - Tra i bozzetti potrebbe figurare anche uno dal titolo «I giochi». «I Giochi» potrebbero stare anche nel L. VI. R.U. Eccone la traccia. - «Sei già un ometto. Smetti di giocare che è ora» - così certi bravuomini di babbi dicono ai loro figlioli quando hanno infilato la prima volta le brache. Ma che dicono proprio, non sanno. - Anzitutto, che intendono mai per giocare? Rispondono «giocare è un fare cosa non utile» - «E per utile? Chè, se utile è ciò che soddisfa a un bisogno, anche il giocare è un bisogno, il massimo anzi ai bambini; ma se diciamo bisogno soltanto il mangiare ed il bere, o quante inutili cose! O quante son giochi. - E in verità chi proprio gioca (che i nostri figli non ci odano!) siamo noi - noi i majuscoli bimbi - Che fanno là tutte quelle genti, vestite dentro e fuori a un sol modo, ubbidienti a un tamburo; il cui mestiere è l'omicidio etc.? avec tutte quelle cose lucenti etc. etc.? Giocano - E quegli altri che vanno a dormire su quelle belle poltrone celesti affine di completare il numero di que' etc. che credono dirigere gli avvenimenti che camminano per proprio conto, attorno a un balocco che costa 17 milioni all'anno, che fanno? giocano - E quegli altri ancora, abbigliati di carta d'oro che fanno il mestiere di adorare un Dio creato da loro a loro imagine e somiglianza, che fanno con tutte quelle genuflessioni etc.? giocano - e quelli nelle academie che discutono in lingua italiana, se la lingua italiana esista; oppure a pesar le parole etc. che fanno? giocano - E giochi noi grandi uomini (grandi s'intende per la cresciuta) ne abbiamo a bizzeffe - titoli, decorazioni, mistico vaniloquio, cerimoniali etc. etc.Lasciamo dunque che i nostri bambini si trastullino il più lungo tempo possibile coi loro pezzetti di legno etc. Que' giochi non costano che pochi soldi - i nostri costano oro, sangue, lagrime - Tra i giochi, le reliquie, i santi, le processioni, i sistemi filosofici (encicli e recicli), la framassoneria - Illi a puero magnitudine formaque corporum tantum differunt, quia serio ludunt. - I vecchi = due volte bimbi. - I nostri orribili giochi.


2528. Tutto è relativo. I dispiaceri dei bimbi equivalgono ai nostri. A loro la rottura della gamba di un cagnolino di legno, dà forse lo stesso dolore che darebbe a noi la morte di un figlio. - Così i mali imaginari, non sono nè più nè meno dolorosi dei veri.


2529. (R.U. L. VII. Parte officiale). Desc. di un ballo a Corte. Le carrozze che vi arrivano. Livree fuori e Livree dentro.


2530. (R.U. L. VIII. Scuole). La gente erudita. V. la gente dotta Sat.d'Angiolo d'Elci, e il de ciarlataneria eruditorum. - La gente che non sa mai abbastanza... - improba cupidigia di scienza... - di quel romanzo comico che è la storia della filosofia - i cimiteri dei libri = biblioteche - Sul modo di ragionare, citare quel prete che diceva «la concezione del feto di una donna senza intervento del maschio, è facilissima a spiegare. Verbigrazia, abbiamo la Madonna».


2531. (R U. L. IV. Alla bassa) L'Italia, paese agricolo, regala alla più meritevole classe del suo popolo, cioè ai contadini i bei epiteti di picch - Liri - Pisis - sàgher - stobbiroeu - painard - gonzo - martore - gatto frugato - tanghero, riservando il titolo di Svelton e dritton ai pancacciai delle anticamere dei grandi della città. V. anche sul villano, i versi «Rogatus negat - pulsatus, rogat - pugnis concisus, adorat». - etc.


2532. Bacone dice che, quattro sono i doveri d'ogni Uomo - cioè piantare un albero - fabricare una casa - scrivere un libro - e generare un altr'uomo - Perelli ne aggiunge un quinto «far debiti» osservando però di non pagarli, per non distruggere l'opera propria.


2533. (R.U. L. VIII. Scuole) Educazione in genere. Socrate osserva che il piantare le piante è uguale per tutte: l'allevarle, diverso. Se per le piante, quanto più per gli uomini! - Per arrivare a comparire col mondo un uomo d'ingegno, per arrivare al punto dove incomincia davvero la nostra vita, guarda quanto spreco di tempo! Cinque anni col bavaglino sotto il mento, 4 a leggere l'alfabeto, e i numeri, 11/2, per imparare a scrivere il proprio nome, 7 lunghissimi anni a declinare in greco e in latino, 4 per conoscere il gergo delle tesi di filosofia - (Sterne?) - Chi dice «in Italia l'insegnamento è libero», senza aggiungere altro, erra. La legge dice «l'insegnamento è libero nei soli centri universitari». Per il che la libertà d'insegnamento, da noi, è una pura ipocrisia. Fuori dalla cappa magna delle Università nessuno ha d[iritt]o d'imparare a suo modo. Nei soli centri universitari, che sono sempre in piccole città, si permettono i professori privati. Domando io, chi se ne ha da servire? chi mai ha da pagare per avere una istruzione che può avere parimenti, anzi meglio, a gratis? - Del modo di passare gli esami. Regola generale, ogni uomo vuol essere adulato. Un professore non udrà mai nessuno più volontieri di sè medesimo: quindi guai a chi, in un esame, fa pompa delle proprie teorie o di quelle che vengono da altre cattedre! Inoltre, giovano assai certe piccole attenzioni, fatte ai costumi, alle velleità, ai pregiudizi dell'esaminatore. Per es. all'esame di Barinetti dell'Università di Pavia, lo studente che desiderava avere bei punti, dovea recarsi, abbigliato di nero, coi guanti e l'aria severa; a quello invece di Lazzarini della stessa Università, profess. republicano, bisognava presentarsi con mantellaccio, cappellaccio, cera spavalda, colle mani sguantate e possibilmente sudicie.Così all'esame di Vidari di D[iritt]o Commerciale, serviva assai il tener fra le mani quel fascicolo dell'Archivio Giuridico in cui Vidari avea stampato un articolo - all'Esame di Nova, il candidato dovea mostrarsi entusiasta dell'olio di Merluzzo (di cui Nova si ungeva quotidianamente) - all'esame di Buccellati, entusiasta dell'ordine giuridico etc. etc. - Come oggi, ci sono professori troppo severi agli esami, una volta c'erano troppo clementi. P. es.domandava l'esaminatore «Di che colore è il tale metallo?» - e il candidato - concolore - «nero» - ma il P. «nero, no veramente. Dica più giusto che lo sa» - C. «grigio» - P. «no, grigio, non direi. Si raccolga. Son certo che Ella lo sa. Dica» - C. «bianco» - P. «Ah, bravissimo, bianco» - e così di seguito - finchè questo professore, il quale parlava mezzo latino, diceva «Satis». E il candidato, pigliando il satis per un altro minerale «metalloide, incoloro, inodoro etc. etc.» - Agli esami di laurea, tutti copiano da schede già scritte. Uno studente peraltro fu tanto sbadato da copiare una scheda non corrispondente al datogli tema. Accortosi di ciò - dopo che il suo lavoro era già stato suggellato - nell'intervallo di tempo tra l'esame scritto e l'orale, studiò a memoria la giusta, e siccome chi legge a forte il proprio lavoro è il solo candidato sostituì, leggendo, la scheda corrispondente - I culoni (sgobbon). Tale Frugoni, studente a Pavia, ebbe tanta asinaggine da studiare a memoria i 150 grossi fascicoli del d[iritt]o Civile, dicendo il testo, l'anno e il giorno d'ogni sentenza ecc. Frugoni diventerà un professore rompiscatole e stolido - che rovinerà una generazione di studenti. - La vanità dei professori, li conduce a lasciare sempre in dimenticanza nelle loro spiegazioni la parte pratica, per battere le vie ideali delle teorie, o della erudizione inutile. Noi studenti a Pavia conoscevamo perfettamente i comizi calati e simili storie, quando non sapevamo ancora la differenza tra proprietà e possesso - Il Prof. Volpi di d[iritt]o Com[merciale] era di una memoria feroce. Egli impiegava la prima settimana delle sue lezioni - due ore al giorno - alla bibliografia della materia, citando, senza ajuto di nota, uno per uno i relativi scrittori, coll'anno della lor nascita e morte, col nome e il numero delle lor opere, anzi col numero delle pagine, e delle edizioni, osservando che la prima edizione s'era fatta in 8°, la seconda in 16° etc.


2534. (R.U. L. VIII. Scuole) Amati legge all'Istituto una memoria critica sull'Insegnamento. Erano i tempi unnici degli esami. La lettura dovea durare più sedute. Dopo la prima, Brioschi, Cremona, Ascoli e simili spaventa-istruzione, pensano di far tacere l'Amati. Dicono a costui che la memoria è fuori di luogo e gli propongono di ritirarla, ma siccome Amati si impuntiglia, gliela ritirano ex ufficio. Evviva la libertà del Pensiero!evvivano le academie, i cosidetti campi della equanime discussione! - Il quarto d'ora academico nelle Università, che riduce a 3 quarti l'ora delle lezioni. - Dei collegi Ghislieri e Borromeo, dove, per raccomandazione, entrano quasi tutti giovani che non ne hanno bisogno. - Trascrivere un componimentuccio latino, di quelli che si fan nelle scuole (e fuori) tutto mosaico di frasi spostate - e spropositate.


2535. Qual'è il miglior Codice di Commercio? L'uso. - I Cod. di comm.andrebbero tutti abbruciati. La necessità del credito (che è l'onor commerciale) basta a trattenere i mercanti nell'onestà.


2536. In verità, non ci sono nè cause nè effetti. Ogni causa è effetto di sè stessa, perchè è effetto d'altra causa causata da un effetto di lei. Basta a comprendere questo imaginare una sfera, ciascun punto esterno della quale, può considerarsi come un centro della superficie. - E' una idea già esposta da Kapila, Enesidemo e Hume. Io l'ho avuta da Gorini.


2537. Nei sobborghi di Milano, sono casoni di operai, subaffittate. Il sublocatore va lui stesso ogni sabato a raccogliere i fitti, quì due lire, là cinquanta centesimi, là 60. Cento stanze, cento famiglie: ogni stanza contiene 5 o 6 persone. La più parte delle donne le ho viste a lavorare in guanti, 1 lira e mezza per 14 ore di lavoro. Quando il lattaro viene in corte, dà un grido, e tutte discendono. I bimbi sono bianchi rossi, ed allegri - molti, bellissimi.


2538. A Lodi, di là dell'Adda, alla testa del vecchio ponte scomparso, era una Torre esagona, mezzo ruinata. Il Municipio voleva abbatterla, per aprire una piazzetta. Si oppose la commissione archeologica. Ne avvenne una lite. Si appellò al governo. E il governo nominò una sua propria commissione perchè vedesse e riferisse. - La quale comm. per non essere influenzata da nessuno dei due partiti, arrivò un bel dì incognita a Lodi, e si recò di là dell'Adda per visitare da sola la torre in quistione. Girò dalla mattina alla sera - e arrivò... a non trovarla. Dal che risulta la importanza dell'archeologico monumento!


2539. (R.U. Zuppatori) (Del Zio, deputato, parlando a me, dopo una gran tirata sulli encicli e recicli etc. etc.)... e io ho letto in proposito centinaja di volumi... e io so gl'intimi interessi di Dante, del gran padre Allighieri, più che non li sapesse lui stesso, e io so che alla calata di Arrigo sorsero quarantatre rivoluzioni... Questo lei non lo può sapere perchè è troppo giovane... - Saranno state 44 - dico io - No, no - continua Del Zio, furono proprio 43, e quì una fila di nomi. E in tutto ciò mai una idea luminosa e fresca cioè sua; sempre un'olla putrida di sistemi cusiniani, vichiani, so io!sempre la scuola! sempre il chiuso, mai l'aria aperta!


2540. «Le piccolezze degli uomini grandi» sarebbe un curiosissimo tema. La preparazione dell'Epistolario. Cicerone e Walpole... Un letterato ricopiava dalla bella le sue lettere (già a loro volta copiate dalla prima minuta) in una brutta, che conservava nel suo cassettino. Nella bella poi facea artificiali cancellature per dar a intendere di averla scritta currenti calamo - Altro letterato componeva i versi da improvvisare etc.


2541. A proposito dell'istinto del sesso, si osserva, che tra i fanciulli, i maschietti amano più la mammina e le bimbe il papà - sempre, beninteso, a parità di circostanze nell'amore dei due parenti verso i figli. - Quand'io era bimbo e mi si diceva che, a prendere gli uccellini, bastava di mettere loro un grano di sale sulla coda, andavo sempre attorno colle tascuccie zeppe di sale - I bimbi hanno i loro propri misteri, più impenetrabili di quelli della Trinità: uno per es. almeno per me consisteva nelle due lancette dell'orologio. Non fu che tardissimo che appresi a contare le ore - un altro i rapporti di moto fra il sole e la terra ecc. - Hanno poi le loro peculiari superstizioni. La mia era che dei cibi animali, le gambe p. es. erano destinate ad alimentare ed ingrassare le gambe, le ali le braccia ecc.; quindi, volendo procurarmi i polpacci grossi, mangiavo sempre i tamborelli del pollo. E sì che non sapevo ancor nulla della filosofica pazzia dell'omiomeria.


2542. (R.U. L. VII. Parte officiale) Deputati ecc. I romani chiamano il palazzo di Monte Citorio che è il parlamento (Cytorio in jugo - loquebat semper, di Catullo?) il palazzo dei Pupazzi -: il resto d'Italia, lo chiama, Monte Ciborio - Per far riuscire alla deputazione candidati governativi a Lecce si spaventavano gli elettori, per es., facendo lor dire dai presidi dei Licei «se non votate pel tale, fate conto che vostro figlio ripete l'anno ecc.» - Ordine giudiziario. I malpagati pretori che per vivere debbono o prostituire la moglie e le figlie, o vendere la giustizia. I Cancellieri a 700 e 900 lire all'anno. Il Canc. Lo Presto, con moglie e figli, morto di fame - Indecorosità del cancelliere. E' un botteghino. La ciotola del rame. - Degli uscieri che strapazzano gli avvocati (V. L. XI. R.U. Portinai).


2543. Nel bozzetto sui preti, cit. la loro odierna timidezza, e il loro gusto nel sentirsi a trattare come l'altra gente, mentre una volta esigevano di esser trattati diversamente.


2544. I Vani. Perchè il tal giovanotto tiene la mano sguantata o sbottonata la giubba, mentre fa freddo? Perchè possiede un anello o una catena di pregio - Perchè il tal altro ha corte le maniche? Perchè si vedano i bottoni della camicia con su la corona. - La vanità fa impegnare l'orologio per comperarsi la catena. - Nel bel mondo si usano fare inviti nella speranza anzi nella certezza che altri non li accetti; inviti, i quali, chi non li accetta, nè deve accettarli, si offenderebbe se non gli venissero fatti.


2545. Il medico deve parere molto da più di quanto è: quindi il gergo. La pomposa frase virgiliana «lignos ferro inspicat acuto» (?) non significa in fondo che far zolfanelli... Il mondo s'è sempre lasciato condurre pel naso dai nomi. Tutti possono dire mal di capo: il medico dovrà dirlo emicrania. Una emicrania sembrerà sempre qualchecosa più grave di un «mezzo dolore di capo».


2546. (Car[atteri] R.U.) G. B. Savon - visse sempre facendo lo stoccatore. Per un caffè e latte portava a casa in ispalla i mecenati. Una notte ne portò 19.Improvvisava versi a rime obbligate ecc. Quando vedeva qualcuno sp. se giovane sedersi a un tavolino del Martini, gli si sedeva presso, dicendo «no avreste qualche... cosetta per il vecchio patriota Savon?» - Il suo patriotismo consisteva in ciò, che a Roma, durante l'assedio egli avea, secondo lui, spento la più parte delle bombe francesi, pisciandovi sopra. Un dì gli avventori del caffè, fecero una colletta in suo favore e gli comprarono un soprabito de' più lunghi: ma il dì dopo egli ricomparve col soprabito tagliato. Perchè? gli si chiese - Rispose: jeri el s'ha tuto infangà e mi che so un omo pulito gh'ho tagià via el sporco - Altro scroccone di pranzi ecc.era il conte Pompeo Belgiojoso, benchè molto ricco - Egli fu amico di Giulay, per amore del cuoco. A Merate, nella sua casa, avea fatto acconciare una sala della Torre a sala da pranzo; e però la torre, siccome non vi si mangiava mai, era chiamata dagli altri scrocconi «la torre del Conte Ugolino». Il conte Pompeo concedeva peraltro liberalmente la sua casa agli amici e ai parenti che vi volevano fare vacanza, ma non mancava di allogarvisi insieme, stoccando loro dei pranzi, tanto, diceva, per tener loro compagnia.


2547. C. è un misto di vanità, e di pazzia non senza però una stilla d'ingegno. E questo I° per la sua continua confessione di essere un asino, uno sciocco ecc. quantunque fatta più per scoscenza che coscienza. 2° per certe sue botte-risposte, tanto quanto saporite. P. es. diceva, mi piacerebbe di saper sonare il cembalo, per sedermi vicino a una bella signora che suonasse con me, e schiacciarle i piedi. - Al che la S.ra T., gusto triviale! - E C.:triviale per chi tiene calli - Così alla domanda «s'egli piacesse a sua madre» «Per forza - rispose - non ha altri che me: o mangiare sta minestra o saltar sta finestra» - Parlando poi di Ponson du Terrail, osservava ch'egli ci tiene sempre in un bosco, donde, una volta che ci si è, non si esce più - C. è anche assai fanfarone, e forse è vile. Non lascia occasione per far sapere ch'egli possiede bei mobili, bei vestiti ecc. ecc. Dirà p. es., Domani voglio uccidermi, ho già in pronto la pistola... una bella pistoletta di 70 lire, lavorata in avorio etc. etc. oppure, ho preso un cucchiajo d'argento della tal cosa, o una scodella di porcellana della talaltra. E' Conturbia, anzi fu, perché morì, giovanissimo, da valoroso, combattendo nel 1877 credo, cogli insorti greci contro i Turchi.


2548. B. ha un cuoco, dilettante pittore. Egli ha dipinto un quadro che rappresenta la sua vecchia padrona seduta in una poltrona con lui stesso che le porta il caffè: ha dipinto anche un S. Giovanni Battista, con scritto sotto «Luigi Sala detto il Coghetto fece. Sua terza maniera». B. dice, ch'egli dipinge male all'olio, ma cucina assai bene al burro.


2549. P. Non cattivo, nè buono - per indolenza. Incommovibile. Non bada che alla sua pelle. C'è una dimostrazione? resta in casa. - Se mi danno da mangiare - dice un povero affamato entrando nel caffè dove P. siedeva - lascio quì i calzoni. - Bella! esclama P. e io credeva che i calzoni si lasciassero giù soltanto per cacare! - Si parlava di sezioni cadaveriche «Dio! tasii - esclama P. - fee andà via la famm» - e volgendosi con flemma al cameriere - «Togn, damm, on altra michetta» - Crepasse suo figlio, è ben crepato, se gli dà modo d'incastrarci un calembourg. - P. non [dà] mai nulla a nessuna sottoscrizione, dicendo sempre che ha dato e che la sua offerta si trova sotto qualcuna di quelle modeste N. N. che non mancano in nessuna colletta.


2550. B. forzato dalla madre ad accettare un posto di notajo con obbligo di residenza a Lodi, scrisse sulla porta della scelta casa un «Notajo Bertrand» con una mano indicatrice, verso un cortile, dove si ripeteva e il nome e l'indicazione verso di un altro, finchè d'insegna in insegna gli avventori eran condotti fuori da un'altra porta in un'altra via... e Amen.


2551. Un falegname a Lodi avea speso tutto il suo ingegno e i suoi risparmi a fabbricare una carrozza su un nuovo sistema. Fabricatala, trovò che la carrozza non avrebbe potuto passare per nessuna porta. Tanto se ne accorò, che morì (racc[ontata]mi da Gorini).


2552. (G.F. 2340) La scarpa dei re magi. - Spiritosità tradizionali; nell'ultimo dell'anno, la gente si saluta con un arrivederci l'anno venturo - all'apparire di un piatto di lenti «eh io non venderei la primogenitura» ecc.


2553. (R.U. Bimbi) Mangia la minestra e ti farai grande. - Dei bimbi che dopo pranzo giravano a far il bacio agli ospiti, domandando loro, se avevano pranzato bene. E spesso accadeva, dopo un cattivissimo pranzo, di doverne fare gli elogi.


2554. (L. x. R.U.) Degni di studio i diversi quartieri di Milano e le diverse classi - ciascuna delle quali rado s'avventura nelle vie delle altre, e avventurandovisi vi si trova spaesata. Tra loro si riconoscono subito. Sono come le tribù di cani a Costantinopoli, che stanno ciascuna dentro i confini, che s'hanno posti fra loro.


2555. L'organetto - la placca di mendicità - anzi è la mendicità unita all'ipocrisia. Pregiudica all'altrui libertà come il grido di chi gira vendendo roba per le contrade. In una città bene ordinata si dovrebbe serbare alla gente studiosa almeno la mattina... E' lavoro forse il far girare il manico di un organetto? - Eppure, perchè i poveri hanno ad esser privati dalle consolazioni dell'armonia? e se gli organetti sussistono non è ciò per voto del popolo che li mantiene col necessario soldo?... Meglio dunque varrebbe, che non l'abolirli, accordarli. Un maestro di musica dovrebbe essere deputato a ciò, col diritto insieme di escludere tutte le sonate artisticamente immorali.


2556. (R.U. pel Bel mondo - Paragone tra la nuova e l'antica stampa). La famiglia Ciani, robustissima. Il barone stette 3 giorni e 3 notti a cavallo senza mangiare ecc. - Faceva nudo alla scherma. Traversava a nuoto il lago di Como, dov'era più largo ecc. In morte, entrò un prete da lui. Il barone chiede: sei qui prete? per confessarmi forse?... ebbene fai pure! (e agli astanti che volevano ritirarsi) state qui, non mi fate nè caldo nè freddo.Prete! io non tolsi mai dal mondo nessuno ma cercai di mettercene più che ho potuto. Questa è la mia confessione. Fila!


2557. I birichini di Milano - vanno scomparendo come le madamine. Loro influenza nei tumulti e nelle rivoluzioni. Loro canzoni politiche (per il 2240), le terribili contro gli Austriaci, sp. cit. il «semper sempr' insemma ai vacch - seller e carotol - fuga de scovin» - Ora, il birichino ha perduto il carattere politico: si accontenta, tutt'al più, di studiare il fischio dei cocchieri delle varie case signorili, per farsi aprire il portone dagli ingannati portieri, e poi darla a gambe - Birichini e Croati - Le birichinate fatte ai Croati - dinanzi ai quali allineati - sodi e duri - si mettevano dei ragazzotti e sbadigliavano sbadigliavano finchè tutta la fila dei soldati dovea pur sbadigliare. Altri poi, quando il battaglione pigliava le mosse, ci camminavano insieme di pari passo, e insistendo colla punta delle loro scarpe sui tacchi dell'antecedente Croato, cercavano di cavargli le calzature. - Il vero birichino era essenzialmente onesto e fidegh san. Oggi, è sostituito dal barabba, che puzza di correzionale - e di vigliaccheria.


2558. (V.2240) Degli Intercalari. Es. d'incanto e maraviglia - eccetera eccetera - o che so io - disi - tìppete, tàppete, tùppete - l'è andada e l'è vegnuda


2559. Temi. I° Una fanciulla, innamoratasi di un giovane, è sul morirne. I parenti di lei, vogliono sforzare il giovane a sposarla - Il giovane, innamorato d'altra, rifiuta - Ma la sua amante, saputa la cosa, unisce i generosi suoi sforzi a quelli dei parenti della fanciulla morente. La quale, per riconoscenza, diviene amicissima della generosa. Conclusione. Il giovane vive con tutte e due - e vive in perfettissima armonia. - 2° Tale s'innamora fieramente di una, che non gli corrisponde. Disperato, egli cerca dimenticarla, e dopo indicibili sforzi, ci riesce, mercè un'altra. Ma allora, quasi a vendicarsi, Amore scende in colei che negava, la quale, ricomponendo nella mente la figura del lontano giovane, a poco a poco se ne innamora perdutamente. Ma è tardi. - 3° E' la sera. Una bellissima faccia di ragazza sta appoggiata alla vetrina di una bottega, guardando verso la strada. Passa un giovane, pien di tristezza e d'amore. I loro occhi s'incontrano: le loro labbra si aguzzano le une verso l'altre - e i due giovani si baciano attraverso il cristallo. Donde un amore - 4° Due fidanzati vanno dal notajo per l'atto nuziale. Si trattava di un matrimonio fatto più tra i parenti che tra gli sposi. Il notajo è un bellissimo giovane. La fidanzata se ne innamora.Rifiuta di sottoscrivere l'atto etc. - 5° Racconto in cui ci siano due figli di madre nobile e di padre plebeo, che trattano d'alto in basso il padre.Umiltà del padre in loro riguardo etc.


2560. Temi. I° Tradizioni. Tale barone del 1200, morendo lascia una somma perchè la città fornisse alle migliaja di palombi che abitavano sulle sue torri una certa quantità di miglio. La città accetta il legato per riverenza al barone che ne era stato signore e benefattore. Passano i secoli. Il rispetto per i palombi diventa superstizioso. I palombi minacciano quasi di cacciare dalla città i cittadini. Arriva tempo in cui un discendente del barone versa nella più squallida miseria. Chiede alla città che si passi a lui la somma destinata a mantenere i piccioni. Consiglio municipale. Vari oratori pro e contro. Si sentenzia infine che il legato non può annullarsi; tuttavia si dà il permesso al supplicante di mangiarsi quanti piccioni gli piaccia.


2° Racconti pe' miei nipotini. Nella Pref. conf[utare] le nuove teorie sulle cose da contarsi ai bimbi, avendo principalmente riguardo ad una delle Pref.di Figuier, credo, alla Terre avant le déluge: dire che la fantasia è la fiamma che accende e tien calda poi la ragione: osservare che fra le bugie della scienza che seccano e le bugie del romanzo che non seccano, sono da preferirsi quest'ultime. Nei raccontini, mettere maghi, streghe ecc. a biseffe. Uno dei racconti può intitolarsi «l'ometto del trifoglio» - e vi si conterà di quell'omino che ballava su'n quattrino, batteva i ceci colle pertiche, andava a caccia delle pulci, grosse, per lui, come pernici: avea per uccellini, le mosche ecc. ecc. - Altra storiella s'intitolerà «il re delle marionette» descrizione dei fantoccini che si rovesciano fuor da un sacco etc.


2561. (R.U. L. x. Martiri Popolari) - Cicca Barlicca... la forca t'impicca - Ehi, sur Lozza, ch'el se strozza! - Sott'a quel cassinott - ghe stà ona veggia stria - che fà ballà i pigott - El ciall del Piatt - La Bombola - El Bazzer - La mamma di Gatt, etc. Pigliarne informazioni.


2562. (G.F. V. 2340) L'incontro al I° dì d'anno. Il prete. Il fornajo. Il soldato. Il rospo. Le pagliucole in croce etc. «Bon ann!» «Te l'auguri de dô con balia» - Festa della Madonna del Carmine. Tutte le botteghe del quartiere, in lusso. La fontana, del poponajo, tra le roccie, con un pezzo di sughero che balla sul zampillo... Dal salumiere i pesciolini dorati nei vasi di vetro - e il laghetto vero con entro oche di porcellana... - Dal pollajolo - i capponi col becco indorato, le ali dipinte di rosso, e il ventre di verde - In altre botteghe, la gabbia tonda che gira, per opra del merlo che salta continuamente di ballatojo in ballatojo mentre invece par fatta girare da due fantoccini - mori - che stanno attaccati ai due laterali manubri - vestiti a righe bianche e rosse frangiate d'oro; in altre, i fiori di pezza, e gli aranci di lana gialla con entro spilli ecc. ecc. - Spavento necessario alla pelle della galantina per accaponarsi.


2563. Il sistema costituzionale ad usum Italiae è tutto ipocrisie. I cittadini, si dice, fanno le leggi... ebbene! due terzi delle disposizioni legali sono date dai regi decreti. Ma non son leggi - si dice - sono decreti.Giuoco di bussolotti.


2564. La facilità di trovare metafore nuove, è grande prova, nei bimbi, d'ingegno. P. es. A mio cugino Fausto (cinquenne) era stata letta alla mattina una poesiuccia francese «La ligne meurtrière» dove si parlava di pesci ecc.coll'annessa morale; e siccome Fausto si trovava ad Andorno e ad Andorno egli si era sempre ammalato, disse «Andorno è la mia ligne meurtrière».


2565. Il gatto potrebbe chiamarsi lo scaldamani delle poverette.


2566. (R.U. L. v. Bel mondo) Le grandi colpe piccole. L'hanno col mio amico Perelli, gli tengono il broncio, lo sfuggono... e perchè? forse per qualche disonestà? No, neanche per sogno. Son pochi i galantuomini, pari suoi. Ma Perelli porta i capelli prolissi, e invece di paletot, mantello!


2567. Palizzi napoletano - dipinse un quadro che rappresenta il deserto. In mezzo due leoni. Il maschio è disteso sulla sabbia, dopo il fiero pasto, di cui gli si veggono intorno gli ossei avanzi - ha gli occhi semichiusi - e par che senta nel sangue formicolargli la libidine: la femmina, gli fà in giro le sue volte lussuriose e gli lecca le palpebre. Sotto al quadro sta scritto:idillio.


2568. La Teresa fioraja avea offerto un mazzolino a tale, che nel pagarla con un due lire, chiesele il resto. E la Teresa gli pose in mano uno scudo.


2569. Nelle prigioni di Mantova, alla più sozza canaglia il governo Austriaco mescolava coloro dei nostri fratelli rei di troppo amare la patria. Tutti erano astretti a dormire in comune su una lunghissima tavola, resupini, con un anello alla cintura nel quale gli aguzzini facevan passare una catena di ferro, assicurata ai due capi. Se uno si moveva il moto e lo squillo ferale si propagava per tutti i dormenti. Da uno stanzone all'altro si passava per una specie di gattajuola. Intorno a ogni stanzone girava una ringhiera dalla quale gli aguzzini, in caso di tumulto, facevano fuoco all'ingiù. - Lavoro in comune e silenzio. Il carcere durissimo consisteva poi in una stanzetta piccolissima, nella quale il condannato stava, solo, legato al muro con una catena. Quando si apriva la porta per dare aria a quel bugigattolo, il condannato poteva avvicinarsi alla soglia, fin dove la catena gli concedeva. La porticina dava in un cavedio altissimo. S'avea cura, mentre una porta era aperta di tenere chiuse le altre. - La prigionia [era] inoltre accompagnata da molte crudeltà:fra le altre, l'anniversario del delitto era festeggiato sulle spalle del reo condannato con un dato numero di colpi di bastone. E con tutto ciò gli aguzzini si facevano fare la barba da alcuni dei forzati, già di professione barbieri.


2570. Il mondo ama di esser canzonato. La scala delle canzonature passa per tutte le note. Ci furono anche le dotte - come quella delle leggi dei re di Roma falsificate - e dei canoni pure falsificati. Poco tempo fà, un astronomo imbrogliò mezza Europa colle descrizioni ch'egli faceva del mondo della Luna, da lui studiato al capo di Bona Speranza mercè l'ajuto di un potentissimo cannocchiale, etc.


2571. Temi. (G.I.) I° Un bimbo dà a un povero vecchio accattone un lucidissimo cinque quattrini statogli regalato dal babbo. Il vecchio, ingannato dal suo luciore, lo piglia per un marengo, e corre dietro al bimbo per restituirglielo, credendo di averlo avuto in sbaglio. Dispiacere profondo del bimbo, perchè la moneta è davvero un cinque quattrini - 2° Passo per una via.Un poveretto mi cava il cappello. Io credo ch'ei mi saluti a gratis e gli rendo gentilmente il saluto. Mortificazione del poveretto - 3° Molte buone azioni ci vengono in mente, quando appunto non c'è più tempo di farle. Un povero straccione cade sotto di un omnibus. Non si fa nulla di male. Vien rimbrottato dai passanti, cacciato a spintoni, schernito. Io passo oltre.Strada facendo, penso quanto bene avrei fatto, a lui ed a me, a pagargli un bicchiere di vino, bevendo seco. - 4° Due s'incontrano: credono raffigurarsi e fanno per portarsi la mano al cappello. Conosciuto l'errore, si pigliano, invece dell'ala del cappello, il naso.


2572. I° Manzoli off. di artiglieria tornava di notte a casa un po' alticcio - cantando a squarciagola. Un carabiniere lo ferma e gli dice «E' proibito cantare!» E Manzoli: l'ha bevuu lu? - Mì? - Sì, lu, ch'el disa; l'ha bevuu? - Perchè? - Perchè, se l'avess bevuu, el cantaria come mì - 2° Un cacciatore compra strada facendo una lepre: poi si vanta, ad un amico in cui dà, di averla appena uccisa egli stesso. E l'amico, odorandola «bravo! sei arrivato appena in tempo. Un dì ancora, l'avresti trovata marcita». - 3° Un sindaco dava un pranzo di gala. C'erano tanti pasticcetti quanti i commensali, fuorchè pel bimbo del sindaco. «E per me?» chiede il bimbo - Non ce n'è più - dice il sindaco - Ah fa nient - risponde il bimbo (siamo a Modena) - li ho tutt lechè.


2573. (R.U. Bel mondo. L. v. Vecchia e nuova stampa) (V. 2556). La Ciani-Camperio di 83 anni si alzava ogni mattina all'alba, faceva un bagno freddo - poi una passeggiata in Piazza Castello, con in bocca la pipa.


2574. Il barone * detto Cimabue, è celebre in Milano, come eralo già il Gargantini e la signora Balsamo Crivelli, pe' suoi spropositi. Gliene si affibbiano d'ogni sorta. P. es. - Giocando al bigliardo diceva «i coglioni stanno a casa loro, ed io non mi muovo» - In quella stalla faceva un caldo d'inferno. Figuratevi, gli uomini, il letame, le bestie, e di più, i gradi del termometro - Mi fai provare le pene di Dandolo (Tantalo) - Sei sicuro come in bocca al lupo (scur come in bocca al lôff) - Dio fa gli uomini e poi li accoppa (accoppia) - Si discuteva sul modo di aumentare le entrate della città, «subito fatto» egli disse «E come?» gli si chiese. «Oh bella! aprendo nuovi dazi» - Sua figlia, ammalata, si doleva del frastuono delle campane della vicina chiesa. «Non ti confondere» egli disse «farò distendere dinanzi alla casa la paglia» - Erano ammalatissimi i conjugi Soncino. Disse *: può darsi; ma stavolta restano vedovi tutti e due - etc. etc. Malattia igienica, per indigena - giupponcino tra carne e pelle. - consanguineità per strage sanguinosa. - Quanti casi di colera oggi? - Tre - Ah! meglio che niente! - candele isteriche, per steariche - condannato al quadrupede per quadruplo - proposcide per pisside - genere illirico per lirico. - Una buona ménagerie fa la fortuna di una casa. Udita l'uccisione dell'elefante al Jardin des Plantes a Parigi, durante l'assedio, disse: chissà quant'osso di balena ne avranno cavato! - Ha delle calze di seta tanto belle che pajono di filo - E' una bella casa; peccato che abbia la servitù degli orbi che vi guardano dentro - pupille per palpebre - eburnei capelli per ebanini - Come? un pesce mangia l'altro?dunque, anche i pesci sono antropofagi? -


2575. I° Salotto di campagna. Le pareti dipinte a paesaggi convenzionali...lago con cigno e tempietto... bosco con eremita... fiume con salci piangenti ecc. La volta, a cielo con sei effigiati uccellini. Intorno alle porte, ai vani delle finestre, e al camino, invece di stipiti, pitture di rovine e di roccie. Strana è la figura che fanno i quadri (quasi tutti, litografiaccie colorate) appesi a quelle pareti a paesaggio. Sedie poche, all'empire. Tavolo rotondo in mezzo a tre gambe, tre colonnine cioè coi capitelli di legno dorato: sopra, una tavola di verde-Varallo. Pende dalla volta un lampadario di latta verniciato di rosso e di oro con sotto una lastra di vetro. Lo si direbbe un gioco di bossolotti - 2° Sala-empire. A lesene di stucco giallo, su fondo verdognolo. Gli zoccoli pure di stucco verde-cupo. Dapertutto, dipinti, festoni, grifi, cetre, anfore. Sulle porte bassorilievi dipinti. Mobiglia bianca e oro con stoffa gialla. - 3° Stanza da fittabile. Pareti scrostate con macchie di umidità. Soffitto a travi affumicate da cui pendono, festoni di pomidoro - grappoli d'uva incartati - una cesta piena di penne e una gabbia con uccelli. Sulle pareti trofeo d'armi di caccia, quadri incorniciati di nero con entro fotografie e un orologio a cucolo. Pianoforte, sul quale, una confusione di roba; musica, cavatappi, due lampade a lucilina, una caffettiera e molti gomitoli di spago. Qua e là poltrone imbottite da sala, e sedie di lisca. - 4° Cucina d'osteria. Affumicatissima, a grosse travi, con un caminone - Sul caminone un baldacchino di stoffa e sotto una madonna coi lumi a olio accesi. Tutte le pareti, letteralmente coperte di rame lucidissimo, dal più grosso caldajo al minimo padellino. - 5° Casa Galbiati (Il Signor Galbiati è per metà scemo e per metà pazzo). Sul camino di marmo della sala, lapide che ricorda il distacco del barone dal figlio che partiva pel campo - su'na parete, biglietto d'invito ad una festa da ballo del Visconte di Modrone, incorniciato e sotto il vetro - In altra stanza altra lapide, con su scritto «Quì nel 1859 furono medicati tre feriti francesi». Dapertutto, sotto i portici del cortile, sulle scale, dipinti a imitazione di terracotte, i ritratti di Cialdini, di Garibaldi, del Boggio etc. etc.


2576. Il gen. cosacco Platoff, entrato in una casa patrizia milanese, trovò in un armadio un barattolo con entro dello spirito di vino e un pezzo di roba. Lo credette una pesca allo spirito, e però da goloso, se lo mangiò tutto con la sua bagna. Sopravenne in quella la vecchia balia di casa. «Madonna Santa!» si pose a gridare spaventata, correndo per tutta la casa - «hanno mangiato il Signor Contino!» 2577. Caratteri umani. I° De Maestri, prima fabricatore e venditore di caramelle di cedro, poi sonatore di flauto. E ha l'asma. Ama ammirabilmente i suoi genitori. Guadagna venti lire al mese e dice «una è per me (passandosi la mano sul naso) le altre... a casa». Suo padre fa il mestiere di sbucciare i semi di popone. De Maestri, vive nella sua miseria allegramente. Tiene spiritosità adatte alla di lui professione, p. es. «ho potuto dare sessanta battute d'aspetto al mio sarto» oppure «del tempo largo al mio fornajo».Mangia dal trattore una minestra sola. Da vent'anni avea in cura una quaglia malata. La quaglia sta ora per morirgli. Sua afflizione. Ne informa ogni giorno gli amici - 2° La signora R. settantenne, sanissima, perchè senza cuore, felicissima, perchè senza memoria. Legge sempre quella pagina. Sono dieci anni che le è morto un amico consigliere; sono dieci anni, che domanda «perchè non viene stasera il consigliere?»


2578. L'anima risiede nel sangue - aìma, quasi anima - sangue - porpurea anima (Virgilio).


2579. Il terzo racconto del volume dal titolo «l'Osteria» potrebbe consistere in ciò che narra un agente di elezioni politiche, un po' alticcio. Si dica che il suo deputato ha speso dalle 5 alle 6 mila lire. Le marche per mangiare a gratis nelle osterie del partito. Certi elettori, a Sanazzaro, ne aveano fin tre, avute dai tre candidati alla deputazione etc. Impudenza del narratore.


2581. Tutti dormono nelle lor professioni.


2582. Desc[rizioni]. I° Dopo l'inondazione. I fondi presso Po. La malta sino a metà dei gelsi - I gelsi insabbiati, con pezzi di legno, paglia, spighe ecc.tra i rami spogli di frasche. - I filari d'alberelle, curvati dalla corrente del fiume. - Impigliato in un gelso, un morticino. - 2° Casa. Torino ha case da contenere un mondo di gente. Non chiedete ai portinai chi ci stia: non lo san forse neanche i padroni. Di gente ce ne sta d'ogni specie. Il bottegaio a terreno e nei mezzanini: a primo piano il riccone: a secondo il professionista, a terzo l'impiegato, e su su, per due altri fino ad arrivare alle soffitte dove, qualvolta, c'è chi muore di fame. E tutti sono serviti da una scala sola. Brutto è poi di vedere certe lunghe terrazze che girano a ciascun piano intorno al cortile, in fondo alle quali sta il cesso. L'è un andare e venire continuo di pitali. Dal cortile si può vedere la Signora Contessa che apre la porticina del licet...


2583. Soldati, birri, carnefici - equivalgono ad altrettanti legali... reati.Coi soldati si umilia la dignità umana. Un uomo per essi diventa una macchina.Il giorno in cui i soldati scompariranno, comincerà la civiltà. Per ora, non siamo che sullo scorcio del Medio Evo. Rientrate una volta le nazionalità nei loro letti, anzi diventate tutte una sola nazione, dovranno cessare le dinastie e i soldati, etc. etc.


2584. Il giuramento è una solenne menzogna - venne inventato per meglio ingannarci fra noi. Dell'unica Verità, egli ne fa due mezze, l'una officiale, l'altra di tutti i giorni. - Per gli impiegati poi è una infamia. O mangia sta minestra o salta sta finestra. E' un giuramento in cui non c'è libertà di elezione. La vita di un impiegato, che passa per diversi governi, non è che un continuo giurare e spergiurare. Ci sono alcuni che si ricordano di avere giurato per la république, per Napoleone, casa d'Austria, regno d'Italia etc.


2585. fare arma visconta (dell'andar barcollando degli ubriachi per strada) - pesci dal becco gentile (degli agoni, trota etc. a paragone del luccio, dei pesci persici etc.) - pezzato come un bracco - solo come una pulce


2587. Ove non arriva la pelle di leone, si rappezzi con quella di volpe. (?) 2589. Le leggi non possono essere immobili, in una società, per sua natura, mobilissima. Perchè volere che i morti governino i vivi? perchè mummificare un popolo? Abbiamo dunque l'audacia... di vivere. Accogliamo con gioja, anzi cerchiamo le idee nuove... Chi torrà mai alle vecchie l'originale peccato di essere state nuove?


2590. (R.U. L. II. Dal calamajo di un medico) Consulto medico. Descrizione dei tre dottori, il giovane, il vecchio, e quello di mezza età. I tre dottori, rimasti soli, non dicono una parola dell'ammalato. Rientrati i parenti, danno la sentenza, che è «va benissimo quanto il medico curante fa» - intascano il rispettivo marengo - e sen vanno - Cura idropatica. Le delizie dell'ospedale.Si sceglie per villeggiatura... lo spedale.


2591. Sulla questione del merito e del demerito, come compensato il primo e punito il secondo - si può sviluppare quanto si trova accennato nel racconto «Per me si va tra la perduta gente» a pag. 88. - Ai dì nostri, la principessa Clotilde di Savoja cambiò solennemente la fodera alla S. Sindone che si conserva in una chiesa di Torino. La principessa stette in ginocchio, su un bel cuscino, a cucirla e a scucirla. Il marchese Gualterio avea l'alto onore d'infilarle l'ago. Altri cortigiani quello di accendere i lumini, e di tenere in mano le torcie. - E' una cerimonia che avviene ogni settant'anni.


2592. (R.U. L. v. Bel mondo. Stampa vecchia e nuova) La vecchia Visconti Alari robustissima avea una fragilissima nuora. Si domandava «c'è la contessa?» - «Quale?» - ridomandavano i portinaj, «perchè se Lei cerca la giovane, è in sala sdrajata su un canapè; ma se cerca la vecchia, è in giardino a correr dietro alle farfalle»


2593. Il dovere di procreare è imposto soltanto agli esseri comuni. Scopo dell'umanità è di ascendere a Dio per mezzo degli uomini che possono guidarla alla perfezione. Ora, costoro che sono i cosidetti grandi uomini, sono dispensati dal comune obbligo del generare, essendo essi lo scopo e il frutto di quello, attraverso i secoli.


2594. Vidi nella galleria Pitti, certo Inglese, camminar gravemente, fermandosi ad ogni statua dotata della foglia pudica, che sollevava, guatandoci sotto - sempre seriissimamente.


2595. «Si rovinò a forza di risparmio» si può dire di chi lascia cadersi la casa, per non volere sborsare un quattrino a ripararla; o butta via la biancheria sporca, per non sprecare i denari della lavandaja ecc. ecc.


2596. L'osteria del Lumetta a Milano sull'angolo tra i Fiori oscuri e Brera - era chiamata così dal suo padrone De Magri, il quale fu l'ultimo nella città a portare la lumm (mezza lumm col covin). E in verità il De Magri, avea ben scelto l'insegna - chè i curiosi fioccavano alla di lui osteria. - Tal bevitore, quando, a forza di mezzi si trovava bene bevuto, dicea «sono nella pienezza dei miei mezzi boccali» parodiando, i mezzi vocali dei cantanti - Tre, gli stadii dell'ubbriachezza, «cirla» (allegrioccia) - «virla» (barcollina) - «patarlaca» (imbriacatura completa)... - quando i bevitori cominciano a cercarsi le gambe... quando il soffitto cammina e si raddoppiano i lumi etc...


2597. Perchè, in generale, si sfugge la solitudine? Perchè pochi si trovano in buona compagnia seco.


2598. (R.U. L. v. Bel mondo) Tra i miserabili, porre il carattere del Bue d'oro e di *.


2599. (R.U. L. v. Gli amici) I cosidetti amici sono i primi a sapere e perciò a propalare le nostre vergogne; i primi a farci sapere che nostra moglie ci tradisce, o che il credito nostro è compromesso. Figuratevi se han da lasciarsi sfuggire simili belle occasioni! - Sono gli amici che ci vuotan la borsa e ci empion la moglie: che sollevan contro di noi la servitù nostra etc.


2601. (L. VI. Bimbi) Conf[ronto] fra le subite amicizie da tu dei bimbi, e degli studenti: le prime di cuore, l'altre artificiali. Le terribili ingenuità dei bimbi e i più terribili perchè.


2602. Dimandato a un bimbo, il quale stava col temperino del babbo spellando una mela «che fai!» mi rispose «tempero un pomo»


2603. Perchè non abbiamo in Italia un ministero per le Belle Arti come in Francia? Ogni paese deve aver cura principalmente de' suoi principali prodotti... e i nostri a parer mio sono - grano, vino, e opere d'arte


2604. (G.F.) - Giorno di un funerale, giorno di festa per le poverette della chiesa, e per quelle del cimitero. Descrizione di un gruppo di accattone, che ricorda le streghe del Macbeth. Lite tra loro. Il becchino si frappone.Parlano del padrone del morto... Una di esse possiede un fondo di 60.000 lire.Altra, guadagna, accattando, dalle 5 alle 7 lire per giorno. - Muojono di fame col paglione imbottito di marenghini. - Desc[rizione] dell'Osteria del Biscionscell (1750-1800) a Milano luogo di convegno di tutti gli accattoni. E lì si vedeva lo storpio riavere l'uso delle proprie gambe e ballare la monfrina con chi poco prima facea la morta di fame sulla via. Le stampelle diventavano arme da offesa; le mani rinascevano sui moncherini etc. etc.


2605. Due ragazzi attaccano lite. Uno dice all'altro «brutt macaco» e questi:mei macaco che lader! - e giù botte. Purtroppo, la bruttezza morale ci fa meno orrore della fisica - E spesso l'ilarità precede la compassione. Quand'io veggo il gobbo barbiere di Argegno, che pare un ragazzo settenne, mentre è già uomo, non posso rattenere un risolino... Non è che poi, a forza di raziocinio, che la pietà mi ritorna.


2606. Ad un pievano era stata furata un'oca. Fece una predica sul tema «Teremotus venit per Loca» - Delle spiritosità dei preti: stantie, come la classe loro, sudicie come i loro abiti. V. le rime di un Lombardo (credo, prete Grossi).


2607. Tale, vedendo le magnifiche vetrine del giojelliere Bellezza nuovamente aperte sul corso di Roma, esclamò con dolore «quanti peccati!» 2608. In ambitiosa paupertate vivimus omnes - (Tale diceva «io abito sopra il 3° piano», per non dire «al 4°»)


2609. Tale, narrando fatterelli scandalosi diceva sempre il cognome del protagonista, osservando che è proibito di dire il nome del peccatore, ma non il cognome


2610. Magnifici son gli argomenti di Seneca e compagnia sulla fortezza, temperanza, equanimità ecc. ecc. Tutto sta a ricordarsene all'atto pratico - Dopo una mia lunga orazione sulla vita del vero filosofo, dicendo io «e quando potrò giungere alla perfezione»... mamma interruppe «oh allora come sarai nojoso!» «Purtroppo» aggiunsi io «ci vuole un lunghissimo tempo!» «Respiro!» fece mia mamma. - Tale scienziato, studiando indefessamente il modo di ben ragionare visse e morì nel solitario suo studio


2611. (R.U. L. VII. Parte uff.) Negli impiegati. «Sono prigionieri. Abbia pure una gabbia, le sbarre d'oro - è sempre una gabbia». - nei giornalisti, citare Bonghi che inorgoglisce perchè la sua Perseveranza si adopra perfino nei cessi di Jokoama e Pekino.


2613. Le adulazioni coi ricchi e le provocazioni all'adulazione da parte dei ricchi. Chi è il più ricco della Camera? domanda lo stramilionario deputato Antona con un'aria d'ingenuità... «Eh eh un nostro amico!» comincia il coro degli adulatori, per bocca p. es. del dep. Morelli, e così via, finchè un altro dep., per es. il Del Zio, intuona «Pochi sono gli Antona... anzi, d'Antona ce n'è uno solo» ecc. (Per fortuna!)


2614. (L. II R.U.) A Napoli fui a trovare il Dott.re Cantani, che aveo conosciuto a Milano ma il Dott. re fece le viste di non ravvisarmi, e volgendo la visita mia in una visita sua me la fece pagare. - Due scene a riscontro:una del medico di campagna coi signori della città: l'altra del medico di città coi signori di campagna: quindi dialogo tra un medico di città e uno di campagna, descrivendo il fare tra il riverente e il sospettoso di quest'ultimo; e il fare fanfarone e sprezzante del primo.


2615. (R.U. L. XII. Indifferenti) Dei tiepidi, degli incolori - Legge di Solone contro coloro che, nelle fazioni popolari, non parteggiavano. - ... Che Dio vi dia dell'entusiasmo! - (R U. L. XII) Nelle lievi pazzie cit. il Tito Livio Cianchettini - Nei malcontenti (spostati ecc.) Tutti


2616. (R.U. L. X. Martiri popolari) Nelle cattiverie a gratis cit. i trovatelli, cui s'impongono i più bizzarri e ridicoli nomi - e i più obbrobiosi, come Colombo - Zanata (già nata), Esposito etc. etc.


2617. ...sobri, non per filosofia, ma per anemia... - (quell'uomo) smarrito una volta il buon senso, non lo trovò più... - ...e russò tanto che dal suo stesso russare finì per destarsi...


2618. C. nuovo arricchito dà venti centesimi a un povero diavolo che gli serve da giardiniere, oltre una ciotola di minestra, e per casa il casotto del cane bracco - a condizione però di cederlo ancora al cane, quando questo ritorna dalla campagna.


2620. S'incontra volenterosi il male in vista di un bene maggiore. La gloria fa parer bella la morte, per cui la si aquista.


2621. (G.F. V.340) Cit. nella Santa Croce, chi grida, vendendo libretti «vita morte e miracoli del Santo Chiodo». - Cit. nelle reliquie il latte della Madonna - il sudore di S. Michele quando combatteva il dragone - una Costa del Verbum caro - un dito dello Spirito Santo - alcuni raggi della Stella Cometa dei tre Re magi - un'ampolletta col suono delle campane del tempio di Salomone - Un aborto di M. V. (cioè un piccione nello spirito) etc.


2622. Saggio d'iscrizioni sulle muraglie dei santuari. A Oropa ho letto:«Alfine ti riveggo - o gran Santo e una grazia ti chieggo - Già da gran tempo a te volsi mie preci - Che fai? sordo forse tu sei? - alla mia pace alli desiri miei? - Non farmi il neci (forse il nesci) - Ma fa che un dì il mio penar cessa - E la grazia che da te desio mi sia concessa» - Altra «Cerruti Quinto è passato colla sua morosa per quì e l'ha molto chiavata» - Altra «Severino Pozzo è stato al Santo d'Oropa a contemplare il Rosario con compagnia, e conosce molto bene la lingua latina, ma resta un poco imbrogliato a leggerla».


2623. Es. di fastidi grassi. La S.ra I. arrivando tutta trafelata da mia mamma: «Ah povera me! non so più dove buttare la testa!» - Mia mamma: «Che c'è?» S. I. Ah! se non la perdo è un miracolo - M. Ma che c'è? Notizie brutte di Nicolino? - S. I. Ah no! - M. Di Emilia? - S. I. Sì. - M. è ammalata? - S.I.: no... E' andata a Parigi - M. Brava lei: si divertirà! Foss'io al suo posto! - S. I. Ma e sai che mi scrive? - M. Cosa? - S. I. Che ha paura d'ammalarsi


2624. In cerca di moglie - A. dice a B.: vado dalla mamma della mia forse-futura. Vieni meco: e fammi il favore di calcare la penna su quanto dico. - B. Sta certo. - A.: è questione, sai, di parere da più di quanto sono.- E i due amici vanno dalla detta Signora. A. (entrando) Sont vegnuu chi in legnett. - L'amico B.: Legnett?... una carrozza de quella sort a vott moll? - Madre della sposa: e l'ha ciappaa fredd? - A. No... s'era quattaa d'on paltorin de stoffa ligera... - L'amico B.: e te ghe diset ligera? on stoffon de Londra come quell, el gha minga el pari in tutt Milan. Domà a vedell, el soffèga... - A. gh'hoo però on poo de toss - L'amico B: comè toss? dì pur che te set marsc spedii... - Va e fidati dell'amicizia!


2625. (Dal Vero) L'oste Pallanza parla sempre in sussiego e in mezzo italiano.Un avventore: «oè Pallanza, val poco questo risotto!» Pallanza «anch'io l'altro giorno ho comperato un libro, che m'è poco piaciuto. Eppure, non l'ho rimandato al librajo...» - Avventore: Pallanza, una costoletta un franco! sei matto? - Pallanza: Se fosse per la vile plebaglia, passi! ma quando s'ha da trattare con nobili cavalieri come loro... capiscono bene! il decoro!...


2626. Love goes toward love, as school boys from their books (Shakspeare), frase a due tagli. CF. con quella che può essere il suo contrario «Amor che a nullo amato amar perdona» (Dante).


2628. Fare all'amore colle villanelle sui monti è come bere il vinetto nei crotti del lago di Como. Guai le villanelle senza monti, senza un duemila piedi sul livello del mare, guai quel vinetto in città!


2629. Paradigma di discussione. A (con calma): è bianco - B. (id.): è nero - A. (rinforzando) io dico che è bianco - B. (id.) e io dico che è nero - A.(forte) E' bianco - B. (più forte) è nero - A. e B. (a squarciagola) E' bianco/nero E la discussione è finita.


2631. Sull'ozio, riguardo alla sanità V. Plutarco, Opuscoli T. I° p. 381 della Collana Storici Greci Volgarizzati, Sonzogno 1825 - La Del Mayno, coltivatora di api, diceva che l'uccidere i fuchi era per lei il più grande divertimento «perchè le pareva di uccidere i frequentatori del caffè Martini». Sull'ozio in Italia (ma perchè solo in Italia?) V. art. del S.r Tamborini, R[ivist]a Europea 1876.


2632. O tu, che fai il mestier del romantico, pensa che quella aerea fanciulla, dianzi alla quale tu t'inginocchi come dianzi una dea, sta maturando anch'essa nel ventre il suo bravo stronzino.


2633. Tale un giorno, meditando i suoi casi, trovossi perfettamente felice.Sgomentato di vedersi preclusa la via a ogni speme, si uccise. - CF. l'Anello di Policrate di Schiller.


634. Quando, quei di Lugano partono di casa per far fortuna, le madri gridano dietro a loro «Porta a cà roba...». La barca si allontana dalla spiaggia e loro più non arriva se non l'ultima parola della raccomandazione «roba!»


2635. Un cavallo sta fermo attaccato ad una carretta. Passa un garzone di bottega con una scodella d'aqua. Il cavallo le volge una pietosa occhiata quasi dicendo: ho sete - E il garzone gliela mette e rimette sotto il muso, senza lasciargliela pure lambire, poi si allontana ghignando - il birbone!


2636. Cerbero invidiava alla faccia di Proserpina. Di quì, la frase del «cane che abbaja alla luna»


2637. Un generale usava dire a' suoi soldati «fermi come un fulmine!» - Un professore declamando l'ode di Manzoni Il 5 maggio - e insieme gestendo, avendo alla parola cadde alzata la mano, dovette abbassarla al risorse per poi restare al giaque colla mano rialzata.


2638. (In un affitto di casa) Padrone: facciamo un tanto all'anno - Inquilino:cioè! Ecco... il tanto non ve lo posso dare. Faremo un poco all'anno.


2639. Lo studio a chi non ne sa usare, è pericolosissimo. un coltello che taglia chi non l'adopra colla maggior cautela. - Ogni artista e spec. un letterato prima di porsi a un'opera originale, dovrebbe intromettere, fra i suoi studi, un anno di distudio.


2640. La sola Giunone avea il privilegio d'ispirar sonno a Giove.


2641. Questione, se davvero le opere d'Arte, come dicono gli Artisti, sono impagabili. Per me le ritengo capaci di una tariffa commerciale come qualunque altro prodotto. Nella Storia Umana la quale ha per campo, non gli anni ma i secoli, le messi dell'Arte sono regolarissime, come quelle delle granaglie e dell'uve...


2642. (Es. di predica secentista) ...«Come il marronajo distingue le grosse dalle piccole castagne, chiamando le prime marroni e le altre semplicemente castagne, così noi distingueremo i peccati mortali dai veniali, chiamando pinfete questi - e quelli ponfete... Dunque, Davidde vidde Bersabea...pinfete! - le piaque... pinfete! - la desiderò... pinfete! l'attirò a sè...pinfete! - Oh dovrò io, carissimi figli, arrivare al terribile ponfete?...» etc.


2643. Sulla porta del Pantheon, un povero prete tutto stracciato mi si avvicina chiedendomi la carità. «A Roma?» gli faccio io, stupito. Egli mi dice, che la povertà del Vangelo è vera... In quella, passa un carozzone tutto a cristalli e a dorature, tirato da quattro cavalli, con entro un cardinale. - Sul fondo dell'orinale di un prelato era dipinto un occhio coll'iscrizione «ti vedo, furbetta!» 2644. Il verso non giova che ai pensieri grami, celandoli nel suo suono. E però cela, e quindi è dannoso ai buoni. - Vittor Hugo, dove non è sublime, è ridicolo. - In lingua non trovi inutili doppi. Es. firlaforla e firlafô (pronuncia ù) significano egualmente in milanese una specie di trapano. Ma io direi: Il firlaforla girava velocemente: mentre dico «s'arrestò il firlafô».


2645. Una corte alta e stretta. A terreno l'unta cucina di una trattoria. I camerieri attraversano continuamente la corte colle vivande fumanti, e senza posa echeggiano le grida di «taglierini al burro» «bove alla russa» «màccheri al sugo» «stufato al marsala!» ecc. ecc. E intanto al 5° piano, sotto le tegole, sta a un finestrino la scarna e desiosa figura di un affamato.


2646. A Piedicavallo, val d'Andorno, sulla buca delle lettere un ragno ha tessuta la sua tela. Fortunato paese!


2648. Tutti i grand'uomini spec. nell'Arte furono pieni di sè... - Anima e sangue di Dante fu un grand'amore di sè medesimo, il quale cotanto lo empiè per tutto il corso della sua vita che altro non volle nè potè udire nè veder volontieri se non quello che poteva farlo risplendere come unico a' tempi suoi (Gozzi).


2652. Il codice da noi è in continua contradizione collo Statuto; come i regolamenti lo sono colle leggi. Lo statuto proclama la divisione dei tre poteri - ma col Pub. Ministero il potere esecutivo s'impone al giudiziario e lo paralizza. Il Pub. Min. è una spia posta ai fianchi del giudice. - Poi lo St[atuto] proclama l'immobilità dei giudici. Domando io a che serve l'imm. dal grado, quando il potere esecutivo può colpirli d'aspettative, trasferimenti da un capo all'altro d'Italia ecc.? - Per le contrad. tra le leggi e i regolamenti V. ad es. la legge Casati sull'istruzione e gli annessi regolamenti... - Del fiscalismo e della burocrazia in Italia.


2653. Il codice austriaco è filosofico mentre il nostro è sempl[icemente] casistico.


2655. Conf. tra il Soldato di una volta (il Napoleonico p. es.) e quel d'oggi.- Un sergente della grand'armata portava in tasca in una scatoletta d'argento le ceneri di una bandiera, bruciata piuttosto che renderla. - Pei soldati vecchi, V. Magg in Consei de Meneghin


2656. Tale, alto come un granatiere, con due gran spalle e una barba nera e lunga, entra in una bottega da carbonajo. Pareva un omone che dovesse avere un vocione come il campanone del Duomo... Ma dice con una vocina sottile sottile «tre lire di carbonella...»


2657. L'elisir di lunga vita è l'arte. La scienza non può vincere il tempo che per filiazione: l'arte lo vince per individui.


2658. Musica sorella di religione - Quanto sarebbe utile a tutti il procurare della buona musica al povero popolo... Progetto di grandi teatri popolari di musica a 10 cent. - Per ora la plebe deve accontentarsi del Tirazza e degli organetti... Eppure noi, sotto pretesto di conservare un ordine che nessuno turba, vogliamo torle anche quelli! - ...O povere due vecchie portinaje che stentando a comperare il quotidiano pane, pure sapevate risparmiare il soldo per l'organetto del martedì! Ogni musica è finita per voi. - V. sparsim, sulla necessità, non di abolire, ma di accordare gli organetti. - I Druidi e il saggio di Samo cominciavano dalla Musica le loro istituzioni.


2659. Airoli avea uno zio ricchissimo - vecchio - ma che mai non moriva.Finalmente un giorno ode la tanto aspettata notizia che lo zio è in agonia.Airoli piglia subito un legno a quattro cavalli, e a pancia terra, va in villa: sale dallo zio; e gli chiede: e donca, com'el stà? - Eh... stoo on poo mej... E Airoli interdetto: el cojonna?


2660. Mirmecide Milesio ebbe tanta pazienza da fabricare quadrighette le quali potevano esser coperte da una mosca: Callicrate, da inscrivere in un granello di sesamo, a lettere d'oro, un distico elegiaco - Chi non ricorda la pazienza fratesca che avvolgeva gomitoli di filo in palle di vetro dalla invisibile apertura, e scolpiva nei noccioli delle frutta i più intricati disegni? chi non conosce la pazienza chinese che in una palla d'avorio ne sa far contenere, tutte scolpite dal medesimo pezzo, cinque o sei altre?... Ma tutta questa pazienza è un nulla, a rispetto di quella di chi resiste a udire (o a leggere) sino alla fine... (e quì, l'opera, contro la quale è diretto l'articolo critico).


2661. Ci sono ricerche morali, nelle quali guai a entrarci!... Alcuni per altro mettono tosto un buon paravento sull'orlo della profondità senza fine:poi tranquillamente s'illudono, che al di là ci sia nulla. E' un mezzo, se non di progredire in sapere, certo, d'ingrassare.


2662. ...freddo come la castità di Diana... - sudori dell'anima = lagrime, od anche, il sangue delle ferite dell'anima - ...placar le fanciulle col canto...- esser mano e guanto... - bere una vendemmia


2663. Temi. I° Fortunate disgrazie e disgraziate fortune. Storia di tale cui arriva una disgrazia, poi tosto una fortuna causata da quella: poi ancora una disgrazia nata da essa fortuna etc. - 2° L'amore non si fabbrica. Tale alleva una ragazzina per farsene poi un modello di amorosa: la circonda d'ogni gentilezza ecc. Essa, cresciuta, s'innamora di un altro - del primo che capita.


2664. A Milano vedi becchini di una società di mutuo soccorso per gli onori funebri, in blouse nera filettata di bianco e berretto di tela cerata con su scritto «la facilitazione è l'anima del commercio».


2665. (App. ai R.U. Bestie). Racconti in cui non entrano per le parti principali che bestie e in cui l'uomo si veda dal solo loro punto di vista - Zichett e Tea (cagnolini). Il primo innamorato dell'altra. Cacciato dalla casa della sua amante, spira d'amore sui gradini di una chiesa, col chiaro di luna ecc. - Della moda che vuole tagliate le orecchie ai cani. Pochi sono i mezzi che hanno le bestie di farci capire i lor sentimenti: i principali tra questi sono le orecchie e la coda - e noi glieli tagliamo! - Mercè la coda - i cani parlano appunto come parlano gli uomini... cioè col... culo.


2666. Car. I° Duca *. Affine di non guardare in faccia alle ragazze che s'incontrano per la strada, il duca ha preso, dietro suggerimento del suo confessore, l'abitudine di non porre mai, nel camminare, il piede sulle giunture che stanno tra pietra e pietra nel marciapiede. Poichè queste giunture si trovano a irregolari distanze tra loro, indicibile l'attenzione d'occhi e di piede che esige detto modo di camminare...- Il duca poi, quando il confessore gli proibiva di toccare la moglie, dormiva in un sacco chiuso: e pure in un sacco coitava con lei mediante un pertugio, affine di non toccarla più del bisogno - Il duca infine proibiva ai suoi fittabili di assicurarsi contro ai danni della grandine e dell'incendio, dicendo questo un'offesa alla providenza di Dio. Correvano per Milano questi quattro versi, descriventi il duca a letto colla moglie:Non lo fo per gusto mio Ma per dare un servo a Dio Che lo serva in vita e in morte Mena il cul, cara consorte.


2667. Fra le contradd[izioni] nei polit. ordin[amenti] cit. quella della proibizione dei giochi d'azzardo fatta dalla medesima autorità che incoraggia il lotto.


2668. La servitù in lusso. Le donne di servizio col cappello di paglia, il manicotto di pelliccia e dentro manaccie senza guanti; la sottana di seta e il corpetto di lana. - Ho visto più di una volta, la stessa carrozza che avea condotto i padroni al teatro, empirsi di gente di servizio di tutte le risme e andare a mett giò in qualche osteria. E i padroni credono intanto, andando in carrozza, di schivare il contatto della porca plebe!


2669. Consigli di una madre massaja al figlio che va col papà ingegnere dai fittabili... «Ricordati, bimbo, quando mangi del burro, di dire... ah questo sì, che è buono; l'è quello che la mammina cerca sempre e non trova» oppure, al vedere un piatto di selvaggina «e dicono che quest'anno non c'è caccia.Almeno da noi non se ne vende un becco... Se quì fosse la mamma!...» - od anche: al comparire del formaggio di grana «ve' la passione di mamma!» - etc.


2670. Temi minuti. I° Sotto agli esami e a due occhi furbi. 2° Self-magnetismo (di uno che si mette allo specchio e magnetizza sè stesso) - 3° La punta del naso (Tormenti di uno, che postosi in mente di non potersela non vedere, se la vede dì e notte) - 4° La pitalata (Castello, abitato da uno spettro che aveva resistito a tutti gli scongiuri, benedizioni, messe, pistolettate. Uno ci va coraggiosamente a passare la notte. Appare lo spettro - e l'ospite, non avendo altra arma gli getta in viso il pitale - Lo spettro fugge nè più ritorna. Era l'ombra di una ragazza romantica. La vinse il ridicolo). - 5° Amore e prurito.Dialogo d'amore nel quale uno degl'interlocutori ha in dosso una pulce rabbiosa. - 6° Musica e amore. Tale non sapeva come esprimere il suo amore ad una fanciulla. La parola fallivagli sempre. Un dì siede al cembalo in casa della sua amante, e vi sfoga sonando il suo amoroso dolore. Ella gli si avvicina lievemente alle spalle, e lo bacia.


2671. Quanto imprudenti certi signori mariti! Io, mio cugino C. e sua moglie parlavamo un dì della bellezza feminile in Italia. Io citavo le Anconitane per belle - e C. le Calabresi: dicendo delle quali, ne descrisse le braccia e il seno. E la moglie: come? - saltò su a dire, ci hai veduto ciò? - Ciò ed altro - rispose C. vanitoso. - E sua moglie gli dev'esser fedele!


2672. Giudizio, sentenza, esecuzione capitale e funerale di una mosca - Il giuoco della gatta-leccarda, consistente in tanti bigliettini che i bimbi estraggono a sorte fra loro. Su di uno sta scritto «bastone» e chi la sorte ha incaricato di amministrare i doni che portano gli altri biglietti, su'n altro «olio» ed è una fregata - su gli altri ancora: «cioccolata ben manteccata» «rosumata» etc. etc. V. pel resto in Cherubini, Diz. mil. it. «gatta» - Smania dei bimbi di sapere se gli altri son ricchi - Un bimbo sejenne vede suo fratellino baciare una bimba. Corre tosto dalla mamma e le dice «Gin la faa basin a Rosina... vist mi!» - Una bimba mangia un dolce proibito (di menta).La mamma la chiama. Ella corre dalla bambinaja e fiatandole in bocca, le chiede: senti?


2673. Temi minuti. I° Due amici che non s'erano visti da un pezzo fan per baciarsi. Sono impediti dai loro pancioni - 2° Uno cade rinvolto nel suo mantello - 3° Un giudice, mentre sta udendo le parti, si riempie di tabacco il convesso della mano, e a poco a poco lo fiuta, tenendosi sotto le nari la mano - 4° Due amici a tavola, per una cosa da nulla bisticciansi asprissimamente - sragionano - s'immotriano. Alle frutta, un altro nulla li fa sorridere, e li riamica - 5° [lacuna].


2674. (R.U.) I° Un sudicione. C. andava a letto con gli stivali. Faceva il suo bisogno nella carta, poi gettava l'odoroso pacchetto in un cassetto del canterano. Alla sua morte fattogli l'inventario, gli si trovò un solo bottone.I suoi abiti stavano riuniti da pezzi di spago. - 2° L'inquieto. Le sue mani non ponno mai stare ferme. Siede su'na poltrona: ne strappa la imbottitura. Si avvicina a una tenda, a un cuscino: via i fiocchi. Disfa le corde attorcigliate: stacca i bottoni dagli altrui soprabiti, dalle tasche delle carrozze ecc., sciupa le carte, anche di valore; sfila i fazzoletti ecc. ecc.- 3° La compagnia B. il cui unico scopo è il mangiare. Ogni lor spasso va a finire in letame. Cit. il Convito di Platone ecc. - 4° Il S.r G. pare che non abbia appreso il disegno se non per mettere tutti, amici e nemici, in caricatura. Ciò esige un fondo di cattiveria


2675. (R.U. Scuole. L. VIII.) I maestri non dovrebbero mai maritarsi. Portano in casa, ribadita al sedere, la cattedra - I prof. Salis, Barinetti e Cattaneo dell'Università di Pavia, leggono tutti gli anni quelli stessi fascicoli che lessero nella loro prima lezione universitaria. Per loro, la scienza non cammina. - I finti esami ai nuovi venuti nel collegio Ghislieri. I barboni dell'ultimo esame, si atteggiano in professori: altri fanno la parte di bidelli, assistenti ecc. Confusione del nuovo venuto, dinanzi al tavolo dall'imponente tappeto. Le domande sdruciole degli esaminatori etc.


2677. Aquistando la libertà abbiamo perduto molti dei godimenti della libertà.Io mi ricordo di quando si passava il confine che stava tra la Lombardia austriaca e l'Oltrepò piemontese. Il momento del passaggio, era un momento di ansia e silenzio. Ma appena la sbarra del ponte da giallo e nera diventava bianco-rosso e verde i nostri cuori balzavano, e un grido ci erompeva dalle labbra. Ci pareva di essere usciti da una afa mortale. Ci pareva di respirare già la più cristallina, la più pura delle arie. Il postiglione metteva alla bocca la sua trombetta etc. etc. La boetta di tabacco della nonna. Quando si ritornava e in fondo dello stradone si vedeva la garitta austriaca, dicevamo «manca ancora un quarto... mancano dieci minuti» e cercavamo in quel quarto e in que' dieci minuti di dirne contro i tedeschi il più che si poteva. Il «passaggio del confine» sarà sempre una delle mie più care memorie!... Ahimè!oggidì sono spariti i confini. - E come ci si voleva poi bene tra noi Italiani quando i Tedeschi ci facevan la guardia. Tutti fratelli. Uno solo il nemico. - Era il bene del male.


2678. D'inverno, al Politeama, si dava spettacolo d'opera. Il visibile fiato dei cantanti, ricordava quelle listerelle di carta uscenti dalla bocca dei santi nei quadri antichi.


2679. Ghislanzoni letterato s'era messo a vendere i suoi libri per mezzo di un agente, in un apposito botteghino. Ma il botteghino non prosperava.Insospettito, Ghislanzoni va lui stesso in bottega. Ci rimane tutto il giorno.Nessuno entra. Finalmente sul far della sera, ci appare in fretta un ragazzo, chiedendo «on sesin de pasta!»


2680. Educazione vecchia e nuova. Il babbo, una volta, per isnodare la lingua a' suoi bimbi faceva dir loro «zampe di gallo e piè di papelgastro» - oppure «Sul campanin de Sant'Eustorg - ghe sta ona calcatrappola - con cento mila calcatrapolitt - Var pussee la calcatrappola che i centomila calcatrappolitt» (la calcatrappola, altro fra i misteri dei bimbi. V.) - od anche «Sotto la Panca, la capra la crepa...»


2681. Ad una piccina poveretta una signora regala un dolce. Non usa a delicatezze, la piccina lo mangia dubitosamente - donne di primo amore (de primm mett) - gambe che ricordano il cavallo (o l'orchite) - diteli cavallerizzi e non cavalieri - gentiluomini solo di razza - a pronunciare il suo nome pare di starnutare (di nome tedesco p. es. Schenk).


2682. Caratteri. I° Un conta-sogni - 2° Un dotto, il quale non conosce se non storia antica, geografia antica, lingue morte... domando io, che fa in questo mondo moderno? - 3° Famiglie in ruina che a vicenda pajono e si credono ricche - 4° Certi mariti, certi genitori, certi figli, in casa tossico, fuori zucchero - 5° Tale ha le sue stanze tutte piene di uccelli: non fa tutto il giorno che empire di miglio i lor cassettini e d'aqua i loro orcioletti, non fa che pulirli e pulirsi dalla sporcizia. E tien gente destinata a farli covare etc. Ed egli stesso s'insogna di covare


2683. Un gran bene deve aver fatto a Gesù la parrucca avuta coi dottori del Tempio, quando settenne si assise prosuntuosamente in mezzo di loro. E' d'allora ch'egli deve aver cominciato a studiare. E che studiasse davvero lo mostrano gli anni ch'egli passava fuori dal mondo, nel cosidetto deserto. - Gesù, è il primo operatore della cataratta oftalmica.


2684. Le tre persone della S. Trinità, naquero dalla transazione tra Monoteisti e Politeisti. «E' un Dio solo» dissero ai primi «ma viceversa» - si disse ai secondi - «gli Dei sono tre» (E tre vuol dir mille) - L'altro dogma della Immacolata Concezione (sine tabe) fu stabilito da Pio IX per finirla colla eterna disputa tra i Francescani e i Domenicani. Resta peraltro l'assurdo della non tolta festa della Purificazione. Non si purifica se non cosa macchiata


2685. (Nelle disillusioni) - cit. quel poeta, che sentendosi un gran calore alle mammelle, imaginò di avere il fuoco sacro. Ma il dottore lo guarda, e dice: è rogna.


2686. Abbondano in Lombardia gli annedoti sui soldati dell'Austria. In generale ci fanno le spese i Croati. Notissimo è quello dell'ordinanza, cui essendo morto il canarino dell'assente Uff., lo sostituì per risparmio di spesa, con un pulcino. Torna l'ufficiale: e il pulcino gli cresce a occhio in una bella gallina. - Altro anned. è quello del soldato ted. che entrato in una osteria, usava di farsi portare una pinta, ne beveva un bicchiere e diceva «troppo colorito» e se la faceva mutare. Mutata poi, ripeteva il giochetto, ora perchè troppo brusco, ora perchè troppo leggero, finchè, bevuto il suo solito, partiva... senza pagare.


2687. Certe lettere colla clausola di stracciarle appena lette, dovrebbero essere, per maggior sicurezza, stracciate prima che mandate.


2688. Puttino di non più di sei anni, seduto su d'una sedia alta ad un tavolo alto; mangia la zuppa in una scodellona, con un cucchiajo grande tanto che a pena gliene entra in bocca la punta. Suoi storcimenti. Cappello pouf in traverso: faccia furbetta: vestito celeste e grembiule. Scarpe e calze a cacajuola.


2689. (R.U. Scuole) Analisi. Ambrosia, umor melodioso - nèttare, pulire - croco, uncino - le sideree stelle... i taciti silenzi... i segreti arcani etc.


2690. Avevamo un servitore che a volte, a colazione, ci serviva in manica di camicia - in pantofole - ma coi guanti bianchi. (Si noti che i guanti, di filo, parevano calzette, tanto erano ampi) - Detto servitore, quando lo sgridavamo, si storceva le mani e si sbottonava. - Per rincollare sul muro un pezzo di tappezzeria staccatosi pose la colla dal lato di fuori. - Mi portava la legna grossa perchè mi scaldasse di più - Dettogli di fare due Pee (Posa Piano) su'na cassa di porcellane da spedire in campagna, vi dipinse sopra con dell'inchiostro il più che diligentemente potesse, due scarpe (Pee, piedi).


2691. Temi. I° Fausto. Storia di un bambino abbigliato e educato da donna. La madre s'era ostinata a non volere un ragazzo. Ma il bimbo cresce e con il bimbo il maschio. - 2° Una mamma ha due figli, uno bello, l'altro brutto.Quando vengono visite, la mamma manda sempre a chiamare il bello, per mostrarlo a campione. Dolore dell'altro etc. - 3° Un giovane s'incontra con una giovane sul pianerottolo di una scala. Fanno per oltrepassarsi: non ci riescono. Il giovane piglia la scorciatoja col domandarle un bacio. Ella dà indietro, indignata: e il giovane dice: Scusi, l'avea pigliata per una ragazza onesta. - 4° Tale trova un libro di «Saggi» sul tavolo di una donna cui faceva la corte, aperto. Lo guarda. Dai segni a lapis capisce con chi tratta... Dimmi che leggi e ti dirò che sei. - 5° Tale, avuta in dono una lepre che puzzava un tantino, s'affretta di regalarla ad altri. La lepre di dono in dono fa il giro della città, fino a tornare al possessore di prima, che... la butta nel cesso -.


2692. Nei fanulloni, cit. quel seminarista che sapeva recitare un canto di Vergilio non solo dal principio alla fine, ma dalla fine al principio. - Nei vani (R.U. Bel mondo) cit. coloro che si mettono le loro armi e le corone dappertutto, sui bottoni, sulla carta da lettera, sul ciondolo dell'orologio.E vi soffiano dentro il naso, e vi mangiano sopra, e vi pisciano dentro etc.


2693. Ammessa anche la guerra, qual modo di discussione fra i popoli, la si dovrebbe almeno regolare secondo le norme del Galateo. Il bottino è cosa affatto da barbari. Due che si vogliono picchiare dei pugni, si levano prima le giubbe: ma una volta ben bene picchiati, ciascuno ripiglia la sua - Il bottino è un gran furto.


2694. (R.U. Scuole) All'Univ[ersi]tà di Pavia, con un tal professore di matematica, l'impudenza degli scolari andava tant'oltre da far rispondere, per i mancanti, un cane col cappello in testa, cui si tirava la coda. Agli esami poi dello stesso, quei candidati che non sapevano nulla si ponevano al tavolo ammantellati, e di sotto al mantello uscivano le mani di quelli altri studenti che ne sapevano qualche cosa, a risolvere sulla lavagna del tavolo le operazioni aritmetiche poste ad esame


2695. Necessarie le mediocrità. Uno stato ha bisogno di mille ruote minori.per una maggiore. Ora, un genio od un uomo coltissimo non può adattarsi a diventare il dente di un secondario ingranaggio.


2696. Col sistema degli studi liberissimi si risparmierebbe tempo e denaro; perchè ciascuno, studiando a suo modo, piglierebbe le accorciatoje. Ciò non vuol dire che siano da abolirsi tutte le lezioni publiche. Certe materie come la medicina, la chimica ecc. richiedono esperimenti costosi, superiori alle forze della più parte delle borse... - In ogni caso per altro, niente diplomi.Un ciabattino non ne ha di bisogno; e però non ne ha neanche un legale. Dite pure: io sono avvocato; non vedrete clienti. Il credito e la rinomanza non li si aquistano che a poco a poco - e senza diplomi...


2697. (G.F.) S. Michele. Festa dei portinai e dei curiosi. I curiosi, sotto pretesto di cercare casa, vanno a mettere il naso nelle case altrui. A S.Michele, gran veglione di roba scocciata.


2698. (R.U. Scuole) Esami militari. E' una soffocante giornata di Luglio. Nel cesso sta piantato un sergente a impedire lo scambio delle idee. Il cesso puzza orrendamente. ore di fila!


2699. Le vergini hanno vergogna a mostrare quelle nudità che le puttane ostentano: hanno dunque vergogna di mostrare le prove della loro onestà - La donna dee adornare la veste e non la veste la donna - Molte signore si coprono le mani pulite con guanti sudici - Vedendo costoro detti onesti, si vorrebbe esser chiamati bricconi. Le più belle virtù diventano inamabili, in grazia di chi male le usò - Prima di maritarsi, si dovrebbe leggere la satira 6ª di Giovenale - Es. di raziocinio femminile - Che giovane di talento!... - Perchè?- Perchè è bello - e perchè è bello? - perchè di sì


2700. Il segreto del successo dei mediocri ritrattisti, che sono sempre i più apprezzati dai loro contemporanei, sta nel copiare in caricatura l'originale.La caricatura è assai più facile della verità.


2701. «A Vares tutt cala de pes». Entrate in un confettiere, vi daranno dolci stantii, paste rafferme: in un caffè, birra brusca; in un droghiere, zucchero e caffè avariati. L'orologiajo troverà una ruota di più nel vostro orologio:lo stagnajo per attaccare il manico della vostra padella vi bucherà il di lei fondo. Dapertutto sta scritto «Nouveautés de Paris» ma il cartello è già tarmato e tutto cacature di mosche...


2702. Necessitano leggi che limitino i generi di lavoro ai quali i parenti possano obbligare i lor bimbi - o almeno le ore. Intere popolazioni son ruinate dalle Industrie. La valle di Andorno ne è un esempio. Va bene combattere l'ozio; va male, la sanità. A questo proposito si può ripetere il milanese proverbio «El dottor Isacch, el taja camis per giustà sacch»


2703. (R.U. L. VIII. Bel mondo) I «parvenus» (novi homines). Stolti pregiudizi in proposito. Tutti, o un po' prima o un po' dopo, sono parvenus


2704. (R.U. Parte off.) Soldati. - I soldati sono mantenuti dal governo in uno stato di perpetua inimicizia coi cittadini. - (R.U. L. x. Martiri popolari).La mamma di gatt - suoi fiori di bulgaro nel cappello - selleri e carote nella borsa, un gattino in saccoccia, e lo scialle sul braccio


2705. Ghislanzoni letterato si maritò in poverissima condizione. Tuttavia invitò i suoi amici al banchetto nuziale. Faceva da tavolo il letto matrimoniale, intorno di cui erano disposte alcune sedie, mentre sul letto stavan due grandi ceste, una di noci, l'altra di pane. E Ghislanzoni, accogliendo gli amici, osservò loro «Pan e nos mangià de spos».


2706. Vi ha spropositi a proposito, spec. nei contadini. Cito fra gli altri il telegor, per dire il telegrafo, poichè nel legor (lepre) s'include la idea della velocità - e la spelucazion per speculazione, felicissimo errore.


2707. Alcibiade, il più grande degli adulatori - Pavia è la più progressista delle città. Odo gridarvi la sera «Si vende il giornale di domani!»


2708. Benefici semplici, canonicati, conventi, mani cosidette morte (e veramente morte) si aboliscono per l'ozio che producono. Napoleone, che era la stessa attività, non poteva soffrire i benefici semplici, e però pel primo li tolse colla legge 21 Aprile 1810. - La vita del Coro, dei Canonici. - Giuria.Niente di più facile per esserne esenti. P[ubblico] M[inistero] - Giudici e Parti possono scartare quelli che loro disgradano dei giurati senza darne ragione. Al peggio andare, basta pagare un cichett all'usciere. Tra i giurati, alcuni ignorantissimi, altri indegni. Si vide anche un conduttore di postriboli. Altro giurato, sulla sua scheda, in luogo del sì o del no, scrisse W. l'amore! etc.


2710. La publica opinione, a proposito di Tranquillo Cremona, vien sempre coll'ultima corsa. Difatti quand'essa ne vide «il Falconiere» si diede, nel biasimarlo, a lodare «il Marco Polo» un suo quadro anteriore, che essa avea già biasimato. Così all'apparire dei «due cugini» lodò «il Falconiere» e lodò «i due cugini» dinanzi al «silenzio amoroso»


2712. Noi siamo indirizzati verso la lingua universale, che sarà quella dei numeri. I numeri sono i soli segni che giungano ad esprimere certe idee astratte... E l'astratto guadagna ogni dì più la mano.


2713. Chi più conosce, ha più vita. Per vivere molto, bisogna allungare la vita nostra con quella degli altri. Il bimbo oggi nato è più vecchio, in età, è più ricco in sapere di tutti i passati. Del suo ingegno possederà soltanto un quattrino, ma questo quattrino aggiunto al milione d'ingegno degli antecessori suoi, darà un milione e un quattrino


2714. Fortunato ancora chi può perdere!


2715. (R.U. Alla bassa) Nei contadini cit. il «Rogatus tumet - pulsatus rogat - pugnis concisus adorat» - e il «Nihil virtutis amore faciunt et vix quidquam formidine poenae»


2717. Le secrétaire de la main, presso i Re di Francia era un loro intimo che scriveva le lettere loro imitando la loro scrittura. In altre parole era un publico falsario, stipendiato dal re - Di quì anche la frase «avoir la plume» - Da noi, nella diplomazia italiana (1870), abbiamo il Ressmann (?), segretario di legazione a Parigi che imita perfettamente la calligrafia del suo principale, il Nigra.


2718. (R.U. L. II. Dal calamajo di un medico) Nel bozzetto da aggiungersi «Villeggiatura allo spedale» descrivere i bagni di Montecatini, aque purganti, dove a ciascuno dei s[igno]ri avventori si dà la chiave di un cesso. Certo, non dovrebbe essere un luogo in cui le mamme conducano le loro bimbe in cerca di un po' d'amore e di molto marito.


2719. (R.U. L. XI.) I Portinai - Chi guida le nostre azioni? La ragione? il caso? Dio forse? - No, i portinai. E quì mostrare come per amore di costoro, il padrone spregiudicato si marita in chiesa, chiama morendo il prete etc.etc. sempre colla scusa: vedete non è per me... ma... i portinai potrebbero dire etc.


2720. Il pudore inventò il vestito per maggiormente godere la nudità.


2722. Roma - Alla Nanna, una fante, hanno imprigionato il fratello per una cagnara. Va per vedello. E' Domenica, e le dicono che li prigionieri non se vedono che al lunedì e al sabbato. Al povero fratello di Nanna hanno tolto quelli pochi bajocchi, e non danno quasi nulla a magnà. Da ventidue dì non s'è mutato camiscia. «E - dice Nanna - avessi avuto venti scudi da deposità, era fuori... - Dunque è un governo de ladri» - conclusione terribile ma logicissima. - «Che se possano tutti sprofonnà - grida Nanna - che chi è sotto vada sopra! Pei povaretti non c'è giustizia» - Nanna sarà una futura petroliera - (Nota bene, la cagnara de suo fratello era una cortellata) - S'illumina Roma a bengala. Ad ogni principe che arriva - penso - Roma diventa di tutti i colori.


2723. Italia 1870. - Un ex guardiano dei Francescani (un po' brillo) mi narra impudentemente l'espropriazione del loro convento. (V. Osteria. Questo bozzetto vi potrebbe figurare per 4ª storia). Comincia con lodi della vita monastica, vita da beatissimi porci. «Nihil habentes omnia possidentes». Il convento era a Palazzolo. L'espropriazione ne dovea essere fatta al sabato, ma il delegato pensa di anticiparla al martedì. Fortuna che una lettera anonima (del Sindaco del paese!!) avverte in tempo il Guardiano! In fretta e in furia i frati saccheggiano la libreria e la chiesa - sostituendo alle preziose opere antiche, vecchi libri incettati in paese; e ai bei paramenti, roba frusta trovata nelle soffitte. Alla mattina, alle 7, arriva un drappello di carabinieri che circonda il convento e batte alla porta. Si apre gentilissimamente. Entra il delegato e legge il decreto «cacciati i frati, far l'inventario!» - Il delegato, prima di tutto vuol pigliar possesso della chiesa. La chiesa è lì a due passi, ma il padre guardiano, tanto per divertirsi, fa fare ai carabinieri un lunghissimo giro. Il delegato invita i frati ad uscire, poi li lascia ritornare in convento. Egli vorrebbe fondarsi sull'antico inventario ma il padre guardiano, interpretando la legge, lo persuade che è necessario di compilarne uno nuovo. In questo nuovo, non appajon che stracci. Il meglio si trova già tutto nelle celle dei frati, dove, quanto vi sta è dichiarato per legge di proprietà privata. I frati ubbriacano poi delegato e carabinieri con vino bianco medicato. Fracassosa allegria. Si dividono tutti amicissimi - e, pochi dì dopo, il convento è ricomperato dai signori orecchioni, che vi rimettono i frati nello statu quo ante.


2724. La vera fama non può formarsi se non attraverso i secoli. I secoli formarono Shakspeare, Dante e Omero. Io sto con quello che dicono i secoli contro ciò che dicono gli anni e le ore (Emerson). Claritas est laus a bonis bono reddita. Ora, i buoni (s'intende buoni d'ingegno) nascono a lunghi intervalli. Le fame contemporanee, diciamo meglio riputazioni, salvo pochissimi casi, sono sempre fittizie. Non è difficile di ottenere l'applauso della moltitudine, ma essendo la moltitudine il peggio, l'applauso non dura.Solo quando, una serie secolare di buoni ci loda e conferma la lode, la nostra fama è sicura. Allora la moltitudine inneggia anch'essa al glorioso - senza pure conoscerlo - in ore magistrorum. - Parlo sempre s'intende delle artistiche fame - e a test. dò Ornero e Virgilio, Shakspeare e Dante. - Oggidì solo Manzoni comincia ad ottenere la dovutagli fama; chè la lode di Göthe venne lodata da Rovani, come questa da D. - E basta la lode di un buono a sostener la coscienza del nostro valore. Due eccelsi non ponno giudicare diverso fra loro sul merito d'altro eccelso...


2725. (R.U. L. v. Scuole) Anche il cesso potrebbe servire egregiamente di scuola. Molti studenti che a scuola non guardano un libro, leggono al cesso fin l'ultima riga dei brani di gazzetta o di lettera, che a caso ivi trovano.Se lì dunque i S.ri maestri spargessero, scritte, le loro lezioni, le si studierebbero senza fatica, perchè senz'accorgersi...


2726. Nella questione se è delitto (cioè atto degno di pena) uccidere altrui, si può dire: che un morto è come un non-nato. Torre di vita equivale logicamente al non voler procreare. Se dunque al non dare la vita, non havvi pena non vi dovrebbe pur essere al torla. - Questo, generalmente. La ragione perciò della punizione è da trovarsi altrove - cioè nel danno recato ai viventi dalla morte di A. o di B.


2727. - E tu, perchè non ti mariti colla fanciulla che ami? - Perchè il matrimonio non ha a che fare con l'amore... - Bravo. E' appunto perciò che io mi son maritato...


2728. Forza della imaginazione - Tale fu condannato a morte. Per essere egli di un carattere impressionabilissimo, i medici lo domandarono al re, come ad oggetto di una loro esperienza. Accordato, si fece credere al condannato, che, per grazia speciale, il re gli avea commutata la forca colla svenazione - lo si merse in un bagno d'aqua calda, lo si coperse insino al collo con una coltre, poi, i medici, fingendo di lancettargli le vene, gli diedero, per disotto la coltre, analoghi pizzicotti. Fu tanta la illusione del paziente che disse di sentirsi gocciar dalle vene il sangue... «Come va?» gli chiedevano di tanto in tanto i medici - «muoio... mi sento mancare!» rispondeva colui - e di fatti il suo polso indeboliva più e più, finchè, nella fisica credenza di essere stato svenato, dopo poche ore, con tutto il suo sangue nel corpo - morì - Forza della Volontà. S. Agostino nel De civitate Dei (L. XIV. c. 24) dice che uno sapeva comandare al suo deretano tante correggie quante voleva.


2729. Inapplicabile, secondo me, è la massima evangelica del «fate agli altri quanto vorreste che fosse fatto a voi» per ciò che riguarda i beneficii, poichè un beneficio che si riceve, io lo stimo una offesa alla quale noi dobbiamo dir grazie...


2730. Nessuno mai provò compassione schiacciando una formica: pochissimi senton ribrezzo vedendo uccidere un pollo; pochi, vedendo un bue. Eppure s'inorridisce all'uccisione di un uomo. Perché?... Non è forse l'anima una, non val la formica l'uomo? - Nobile arte la caccia, che è l'uccisione delle fiere; nobilissima la guerra, che è l'uccisione degli uomini. Or perchè ignobile la beccheria che è quella degli animali domestici?


2731. Alla seconda tavola in casa del duca M.x, sedevano servitori e operai.Ciascuno avea dinanzi il suo fiasco. A un tratto un garzone da muratore dà in uno scoppio di pianto. «Che hai?» - gli si chiede. - «Il fiasco...» Piangeva per non poterlo ber tutto, tant'era grande per lui.


2732. (R.U. L. v. bel mondo, mezzi vizi e mezze virtù) Snobismo (da snob parola inventata da Thackeray per indicare coloro che voglion parere da più di quello che sono). Es. un nostro domestico avea riunito un biglietto di 50 cent. stracciato, con la bagna dei capperi. - Mamma raccontando il fatto, diceva sempre: «biglietto da 5 lire» - Altri nelle conversazioni, tira, per es. il discorso sulle carrozze, per dire «oggi è venuto da me il conte tale.Avea una carrozza così e così...», dove l'argomento della carrozza, a chi ben vede, è secondario, e quello della visita del conte X principale.


2733. L'idea della perfetta eguaglianza ripugna all'umana natura. Se, come dicono i preti, c'è, dopo questa, un'altra piccola di vita, dove si viva in una eguaglianza perfetta... oh che noja! si fosse pur tutti dotati del genio più alto.


2734. Gli affari massimi nemici degli affetti... (Manzoni). Infelice colui che vede mutarsi gli stessi suoi amici in creditori!


2735. Per essere degni alle volte del nome di razionali, devono gli uomini prendere esempio dagli esseri irragionevoli - imitando la loro astensione dal cibo, quando ammalati etc. etc.


2736. Progetto di un librettino intitolato «Piccoli racconti a imitazione di quelli del canonico Schmidt» (e allo stesso uso, cioè il cesso) - Questi racconti potrebbero anche incorporarsi nel «Libro delle Bizzarie» - Es. I° Le simpatie. Tutti ammirano l'amicizia tra un vecchio e il pellicano dei giardini publici. Chi ne trova la causa nell'identico naso; chi nelle carezze ecc. Vera causa; questa, è perchè il vecchio ciba la bestia sua amica di pesce. Morale - Gli affetti entrano in cuor dalla bocca. - 2° La Castità. Tale resiste alle più procaci seduzioni. Vedete cosa vuol dire aver studiato morale, aver timore di Dio ecc. ecc. Morale - sospetta una peste - 3° La Fama. Tal'altro passeggia tronfio pel Corso. Molti si levano riverenti il cappello; altri gli si inchinano - altri ancora gli bacian la mano. E le gazzette parlano sempre del celebre, dell'insigne, dell'inclito X e informano quotidianamente il publico della sua salute. Oh chissà cosa ha fatto? Quì, certamente si tratta di qualchecosa, come la pila, l'America, la Divina Comedia, Austerlitz... - Morale. Ha fatto cento milioni - 4° Il Diritto. K. nuovo pesce, che viaggia per istruzione, studia il modo di vita sugli altri. Un dì, vede uno che riaquista facilmente il suo posto in vagone, per averci sol messo provvisoriamente il cappello... Influenza - egli pensa - del proprio diritto e dell'altrui cortesia! E, in una somigliante occasione tenta egli pure la prova, ottenendo, dal nuovo occupante... uno schiaffo... Morale. K. nuovo pesce, avea, nella osservazione, dimenticato il principale argomento della rivendicazione del d[iritt]o - dico il randello, che l'esemplare di lui avea in mano nel riaquistare il suo posto.


2737. Preparazione della salma di Mazzini (dal racconto di Gorini). Gorini è chiamato a Pisa da un telegramma di Bertani. Trova una folla di Mazziniani, mezzi matti, ciascuno dei quali dà ordini e disordini, gridando «si faccia questo, si faccia quest'altro, non si badi a spesa» e inviando poi, beninteso, i conti a pagare ai tre 3 o 4 ricchi di loro. Lemmi ci spese di più di 6000 lire - e nota che i patrioti operai gli fecero pagare 800 lire una cassa di piombo che ne valeva 200. - Si domandò a Gorini in che modo avrebbe imbalsamato Mazzini. Rispose avere due modi: uno spedito ma che conservava per pochissimo tempo il cadavere; l'altro lunghissimo, ma che lo serbava indefinitivamente. Si passò ai voti. Dei mazziniani, i Nathan volevano che si seppellisse Mazzini senz'altro. Ma prevalse Bertani. Gorini si pose dunque al lavoro. Il corpo giaceva in istato di avanzatissima putrefazione. Era verde - era una vescica zeppa di marcia. Bertani assisteva all'esperimento. Dopo tutta una notte di tentativi, Gorini avea già perduta ogni speranza di conservarlo.Arrischiò un altro mezzo - e il verde scomparve e la marcia si coagulò. Allora si pose in cassa Mazzini per portarlo a Genova. In viaggio la cassa si ruppe e ne uscì del liquido. A Genova Gorini riprese il lavoro. In due anni, ne spera un mediocre successo -.


2738. Gorini, amicissimo dei gatti e dei passeri. Alla mattina fà colazione da un lattajo insieme ad un gatto, e mangiano entrambi nella stessa scodella pane e latte. Ha poi per la città (Lodi) vari mici, cui porta ogni dì il panettoncino -. Pei passeri, praticò un'apertura disotto alla finestra della sua stanza da letto. I passeri entrano ed escono a loro piacere. Gorini, stando a letto, ci ha fatto su le sue più fine osservazioni che ha consegnato in un Ms. che troveremo, alla morte di lui. Dei passeri la sola mamma dava a mangiare ai propri figlioli. Se un passerino apriva la bocca ad una mamma non sua, questa gli pizzicava col becco la lingua. Molti pigliavano gusto ad attaccare i pieducci a delle bacchette flessibili, e a dondolarsi, con il capo all'ingiù etc. etc. - Passione del nostro Gorini furono anche i topi. A Pavia, studente, ne assuefò uno a venirgli sulla manica intanto ch'egli scriveva, ed a mangiargli la piuma della penna d'oca. - Oggi, nutrisce poi nel suo Laboratorio a S. Nicolò (via Paolo Gorini) quattro topi tapponi colle annesse famiglie, che gli girano fra le gambe, intanto ch'egli loro sfreguccia del pane e formaggio -.


2739. Nella biografia di Gorini, sarebbe degno di descrizione il suo laboratorio a S. Nicolò (Lodi) - Le quattro porte - Sistema d'ingresso - La porta che conduce alla «brugna» dell'Ospedale - La stanza piena di fiaschi, e di fiale - la stanza del carbone e del materiale vulcanico - La corte delle fornaci; la corte del crematojo - l'orto dall'eccellente frutta, ingrassata dai morti - etc. Lo studietto, colle preparazioni. Cadaveri interi e cadaverini - covate di cagnolini - Teste imbalsamate su busti di gesso: il cuore della fanciulla, della durezza dell'agata; il glande del giovinetto; la mano aristocraticissima; il tavolino, dalla tavola intarsiata a marmi animali e dai piedi di veri piedi. - Esemplari delle montagne e dei Vulcani; la minerbina. - Gli amori di Gorini tra i morti.


2740. Si può applicare al nome di Gorini, la baconiana frase «qui naturae imperat parendo» - Anche quando la scienza di lui sarà invecchiata, vivranno i suoi libri per la sempre giovane poesia.


2741. Nella biog. di Gorini, citarne il padre, egregio professore di matematica all'Università di Pavia, morto per essersi ribaltato alle porte della città. E la moglie di Gorini amantissima del marito gli fece erigere il più bel monumento del cimitero pavese - dove portava ogni giorno (e ciò per quattr'anni) canestri di frutta e mazzi di fiori. Dicono i becchini di non aver mangiato mai tante buone frutta come in quel tempo, e le loro amanti dicono di non avere mai ricevuti fiori più belli...


2742. Carlo Porta, trovandosi un giorno in cima del Duomo, fa le sue occorrenze. Si forbisce con una lettera, che il vento porta poi via. Ma la raccoglie un sacrista, che leggendovi il nome di Porta (di cui era entusiasta), va a portarla alla casa di questi. Nè la lettera era sudicia, per essere Porta, come il più de' letterati, stitico... Il sacrista trova il Poeta a tavola: gli espone il perchè della visita. Porta ne lo ringrazia di cuore, e per dimostrargli in qualche modo la sua riconoscenza, toglie da un piatto tre o quattro biscotti, li avvolge nella restituitagli lettera, e dona il tutto al sagrista.


2743. Mia solitudine a Roma (1872). Non vi conoscevo nessuno. Per aver qualche visita mi toccava ricorrere a un medico - mi toccava pagarla dieci lire alla volta - Unica mia compagnia era un orologio dal vibratissimo tic: a volte, me lo imaginavo un cuore vivente, che battesse per me


2744. L'umana vitalità ha bisogno di sfoghi morali e fisici. Questi li soddisfa un'amica, quelli un amico. E io soffoco in ogni maniera!(1870-1876...) 2745. (1872) Ho smania di leggere. Per leggere voglionsi libri. Per aver libri son necessari denari. Per avere denari è necessario un impiego. Ma un impiego occupa grande parte del giorno e guasta la rimanente. Per poter dunque aver libri mi tolgo il tempo di leggerli. - Io, all'ufficio cerco di andare il più tardi che posso, e per compensarmi del tardi, cerco di uscirne il più possibile presto.


2746. Eccitazione necessaria al comporre e dei mezzi di procurarsela - Mezzo diretto è l'entusiasmo del proprio tema - Indiretti, il contatto con una opera d'arte, somma - l'amore - la lode grande o il gran biasimo - il vino e i liquori. - E' per me pena acutissima, quando, sentendo che a qualche proposito, c'è una bellissima idea, non la posso ancora vedere. Ridirò io gli sforzi per arrivarla, per istrappare quel velo che me la divide? - Quando passando dalla Galleria Nuova (a Milano), la mi pare più brutta del solito, quel dì sono certo di scrivere una pagina artistica - Come più facilmente e più artisticamente si scrive, fuori da ogni preoccupazione di lucro o di gloria! Oggi, che mi hanno cacciato cento arlie nel capo, addio sincerità di pensieri, addio spontaneità d'espressioni! Fò, disfo, rifò... e peggioro


2747. Dicevami tal letterato, che lo stile di lui, piano, e sincero, ei lo dovea ad un oste, amicissimo suo. Quest'oste, di molto ingegno ma di poca dottrina si lamentava di non giungere mai a capire del tutto i suoi libri - dal difficile stile. E il letterato, per amore dell'oste, tornò nella piana.O ch'io trovi il mio oste! o meglio la mia ostina!


2748. Così profonda la mia ingenuità negli affari, che mamma soleva dire «quel poco che ho, già sapete, è per voi miei figlioli, metà per uno. Nel testamento io non disporrò che di una cosa sola..., a chi devo lasciare il mio Alberto».


2749. - E' un amore indegno di te - mi diceva Perelli a proposito di Ester - Sarà benissimo, rispondevo - Sarà fuoco di gelso, anzichè di legna di rovere; ma ciò non diminuisce il bruciore - La mia vita è tutta pazzie. «Ma muta» mi si suggerisce - «Se muto» - rispondo - «sembrerò pazzo». E così, per non lo parere, seguito ad esserlo. - Il mio discorso è tutto cancellature.


2750. La prima idea della «Colonia Felice» mi venne leggendo il glossario (Alphabet de l'auteur francais) aggiunto alle «Oeuvres de Rabelais» (ed. 1783, Jean François Bastien Londres et Paris 2° vol.) dove alla parola Poneropole (La Paneropoli delle lettere di Foscolo, sua umoristica lezione di Poneropoli) sta scritto «ville des mauvais garnements. Philippe, roi de Macédoine, bâtit - en la Thrace une ville ainsi nommée, en laquelle il transporta tous les méchants et scélérats qui se rencontrerent, liv. 4. chap.


66.» - Inoltre nel primo abbozzo avea messo la scena ai tempi di Marco Antonino (al. Marco Aurelio 121-180 d. C.). Mi distolse la difficoltà di non cadere in anacronismi, fra i quali, massimo, è il dir cose odierne per bocca di personaggi antichi...


2751. Molte le questioni oziose in letteratura. La poltroneria erudita sarebbe tema assai vasto - C. Tolomei occupa un tomo in 4° intitolato «il Cesano» sulla disputa se la lingua volgare debba chiamarsi toscana, fiorentina o lombarda. Gerolamo Muzio, sostenitore di quest'ultima appellazione, impugna a lungo «il Cesano». Varchi compare coll'«Ercolano» in favore del titolo di fiorentina. Celso Cittadini, Bulgarini e Bargagli, propongono invece il «sanese» - (V. anche sulla lingua fiorentina le parole del Passavanti - e la frottola del Sacchetti 443. I°) - Salviato Salviati (lo stesso che sotto il nome d'Infarinato fece, coll'Inferrigno, una sì vil guerra al Tasso dicendo che ogni suo verso era un errore di lingua) spese un grosso volume intorno alla lettera E considerata come copula - etc. etc.


2752. Bembo, scrivendo in latino cose del suo tempo adopera ridicolmente modi di dire antichi, chiamando ad es. «collegium augurum» il senato. Cesari invece, nella traduzione di Plauto, pone in bocca ai personaggi riboboli fiorentini.


2753. Per tre secoli la lingua italiana stette senza gramatiche, e se ben stesse ne abbiamo una prova solenne negli scrittori grandissimi di que' tempi.La prima gramatica fu publicata nel 500 - La gramatica è il gran campo dove lavorano i fanulloni - colla loro eterna quistione del si può e non si può.Varchi, non vuole che si usi analogia in gramatica, il che viene a dire che se uno dei cosidetti legislatori non ebbe occasione di adoprare per la mancanza dell'oggetto un dato vocabolo - noi, che abbiamo l'oggetto - non lo potremo mai in saecula saeculorum nominare... Evviva la tirannia gramaticale! si può dir buono, non buonissimo, ma bonissimo; si può dir la Ginevra, la Maria, la Tancia; non il Cesare o il Togno. Vuol Castelvetro che si dica ben bene, ma benissimo, no... E il regno delle lettere per una voce o una sillaba, è, a volte, tutto quanto in subbuglio. - E nessuno rammenta ciò che disse il gran padre Allighieri «opera naturale è ch'uom favella - ma così o così, natura lascia - poi fare a voi, secondo che v'abbella».


2754. (Nei fanulloni R.U. L. I) - Poltroneria erudita. Alcuni vanno a disotterrare libri che non valgono un fico, che nessuno potrebbe mandare giù - o copiano squarci di rogiti d'ignoranti notai dandoli per testi di lingua; o insignificanti notizie (con ad es. liste di Canonici ignoti), dandole per scoperte di storia; altri pongono i punti e le virgole ad antiche scritture, che meglio varrebbe lasciar finire dai topi, le postillano, aumentano il peso della loro stoltizia; o illustrano sassi e padelle con l'intaglio in rame, o fabbricano genealogie, o disputano gravemente se il Macedone chinava la testa a dritta o a sinistra, se Lucrezia era bionda o castagna, se Andromaca mangiava gli spinaci all'olio od al burro. Altri vi ha poi che contano le gambe dei pidocchi e le ova dei gamberi etc. etc. Muratori e Salvini non hanno che flemma e memoria. Magliabecchi si può davvero chiamare erudito fra i librai, e tra gli eruditi, librajo (in parte Baretti. Frusta Lett.). Dei complimenti e delle adulazioni dei mezzi scienziati fra loro. - Inutilità anzi danno delle Academie, fondate da Richelieu, per confiscare a prò del sovrano le intelligenze - Ora - almeno in Italia - sono diventate il refugium peccatorum di tutte le mediocrità. Chi rinuncia alla Gloria entra nell'Academia. - I Greci e i latini non ne ebbero mai; eppure le loro lettere furono fiorentissime.


2755. Pregiudizii di Baretti contro il verso sciolto. Ei lo chiamava una poltroneria. Parmi, poltroneria più assai, il rimato - Suoi inventori, l'Alamanni e il Trissino - E vi ha chi cerca con ridicole innovazioni di ottenere fama: come ad esempio Claudio Tolomei e L.B. Alberti ed oggi Carducci, che hanno tentato di ridurre il verso italiano alla misura latina.


2756. Errore è il chiamare il 400 italiano epoca barbara. E il Poliziano? e il Medici? e il Bembo? E' errore, che ci rammenta que' geografi antichi che sopprimevano i paesi alle estremità delle lor carte, scrivendovi invece, secche arene... mar agghiacciato etc., o que' legisti dell'evo medio, che mettevano in margine ai loro volumi «graecum est, non potest legi». (del Carducci?) 2758. Sii grand'uomo e sarai infelice.


2759. L'osso nella schiena, che hanno, dal più al meno, tutti gli Italiani, giova grandemente al loro primato nell'Arte, perchè, se negli altri paesi si sgobba e si fanno di viva forza opere artistiche, opere quindi mai somme, noi, non lavorando che tocchi dall'estro e nell'entusiasmo dell'ispirazione, quando cioè il lavoro ci si presenta facile, alziamo capolavori. E per contra, le stesse ragioni valgono circa la superiorità che si ravvisa nello svolgimento scientifico (non nelle trovate di Scienza) degli altri paesi.


2761. Osservavo ad un professore di letteratura quanto fosse deplorevole che per istudiare la buona lingua toscana, bisognasse bevere a fonti, sozze di sterco, quali il Boccaccio etc. Mi rispose il prof[esso]re: «Ma, riveritissimo padron mio, la dica ciò una fortuna. Le oscenità di cui va brutto il Boccaccio, sono la sua maggiore lusinga. Molti che non lo piglierebbero mai in mano, così lo tolgono a leggere, e così, a loro insaputa, apprendono il bello stile e il bel dire». - ...Toscasineggiare... - far il grasso legnajolo (il nesci)... gl'impacci del Rosso (fastidi grassi)... L'avanzo del grosso Cattani, del Cibacca, del Gazzetta, che bruciava il pan di Spagna per far cenere morbida, ...pascere di ragionamenti come i cavalli del Ciolle... etc.etc. - Della stoltezza di adoperare vecchie similitudini a proposito di argomenti nuovi. Ad es. «andare pel fil della sinopia» etc... - diarreìa erudita... - Pei giochi di parole classici V. Varchi Ercolano T. II. pag. 60 Coll. Class. It. Milano.


2762. Non un sorriso. Per quanto il tema sia cupo, la mente dell'autore deve dal disotto apparirci serena. Come un altissimo monte egli dee dominar le tempeste... - Che ce ne siano dei peggiori (di questo libro) niun dubbio: ma ciò non toglie ch'egli ci appaja ben brutto... - ...scienza leggiadra, a calembourgs... - Si può in una parola leggere, ma non rileggere...


2763. Vecchio, tu temi la morte, e sei già morto - Le parole degli antichi Romani sapevano d'aglio, tamen optume animati erant -.


2765. (R.U. Parte Ufficiale - Preti) El mestee de Pret Fagott - l'è quell de toeuss fastidi per nagott...


2766. Una donna accusò al Generale gran Giustiziere un soldato che le aveva rubato un po' di minestra. Prove non ce n'erano. Il giustiziere fece sparare il soldato (dalla Storia di Messire Jehan Froissart). - E intanto i governi rubavano le provincie.


2768. L'amore si può definire «il desiderio di farsi uno colla cosa amata» - La bellezza è quello che appaga; questo è il principio assoluto della bellezza relativa.


2769. Caratt. I° Un coraggiosissimo capitano di bastimento. In mare sfida ogni burrasca, beve branda, bestemmia. In terra si avvilisce: dice le orazioni, beve aqua [di] pomi etc. - 2° Tale, baracchista in gioventù, diventa invecchiando uomo grave. Dottrinario, parla a rilento, ad aforismi a citazioni latine. Tu gli dici «Oh che bel sole» e tosto egli ti fa una lezione sul raggio solare, dividendolo in fisico, in chimico etc. Tu gli fai «Oh che buon vino!» - ed egli ti parla del carbonato di potassa etc. - 3° L'elegante giovanottino B.x è tenuto corto a denari. Va attorno, tenendo sollevata la falda del soprabito, e però mostra il didietro senza più ricordarsi di avere su i calzoni di un quadrettino grigio chiaro un tassello di un grigio più oscuro, etc. - 4° Tale, affetto dal mal della pietra, tenevasi sempre in tasca in un scatolino i suoi calcoli, che mostrava a chiunque o per amore o per forza. - 5° Il duca di Galliera ha cento milioni. Suo figlio non ne tocca un centesimo. Vive a Parigi, sul reddito di 3 o quattro mila lirette, che gli procura il mestiere di professore - dicendo che ciascheduno dee vivere delle proprie fatiche. - 6° il pittore Z.x è il pittore dei bottegai e dei contadini. Fa ritratti da una o due lire, ed anche da 50 centesimi. E' inoltre poeta, e musico.


2770. Un bimbo dà un pezzetto di zucchero ad un cane; poi gli fà: dì grazie! - Da bimbo, io dicevo a mio fratellino Guido, quando aspiravo a qualche sua cosa: «fá te'» (prendi). E Guido porgendomi ingenuamente la cosa diceva «te'».Anima d'avvocato, io legalizzavo con questo i miei furti.


2771. Napoli. Al caffè. Un servitore mi porta un'aqua d'arancio. C'è dentro una mosca. Il servitore la toglie delicatamente col mignolo. - Al detto caffè, un unico cucchiarino serve per tutti. Il servitore se lo cava di tasca, rimugina l'aqua o il caffè, poi lo ripone - A Napoli, vi ha principi che hanno duecento persone al loro servizio: dando 6 soldi e 6 peperoni a ciascun uomo - 3 soldi e 3 peperoni a ciascuna donna...


2772. Il deputato Tenca si fa servire a tavola dalla sua madre portinaja.


2773. Iscrizione su'n orologio solare «Senza parlar da tutti sono inteso - senza fare rumor l'ore paleso»


2774. E' un ingegno che dà buone speranze quello che scrive libri in cui c'è più da torre che da aggiungere.


2775. Tale sta moltissimo tempo fuori dal mondo - di cui non ode parlare che per echi di echi. La sua bontà gli fà imaginare un mondo buonissimo. Ci rientra. Dio mio!... Descrivere cosa ci trova... Ed egli diventa malvagio - come tutti gli altri. L'uomo non può essere buono se non in mezzo a un deserto.


2776. (R.U. L. I. Gli artisti - o i fracassosi) C. T. puntatore di scultore. - Scolpisce nudo con un cilindro bianco in capo ed un giubboncino nero. - E' un misto di generosità e di ribalderia. Un suo amico ha freddo. Egli gonfia un sostrajo e gli procura un carro di legna. Suoi scopi «gonfiare e sojare».Quando incontra in istrada dei nani, li salta via: quando incontra dei gobbi, loro domanda i numeri del lotto. Un dì alzò la ribalta del carro dell'accalappiatore e lasciò fuggir tutti i cani: un altro, empì la bussola del chierichetto che accompagnava il prevosto a benedire le case, d'aqua. - T.capitò un giorno da un'osta sua conoscente, dicendo: ho fatto un'eredità di 30.000 lire. - Bravo lei! - sclama l'ostessa - me ne impresti un migliajo - Quante ne vuole! fa T. - E va a pigliare un amico, che gli fa la parte di esecutore testamentario. Mangiano, bevono, godono l'osta e le due sue figlie; poi fanno l'obbligazione in carta bollata, di doverle due mila lire... quando erediteranno. - Altra volta T. si trova da un amico, che possiede un bel carrozzino - e lo prega di lasciarglielo guidare un pochino, almeno in cortile. L'amico vedendo chiusa la porta gliel lascia. Ma in quella la porta si apre, per dare passaggio a un carro di legna. T. che è già salito in carrozza sferza il cavallo e fuori - Stette via tre dì - sempre a corsa - facendo arma visconta pei bettolai. Finalmente è raggiunto da un questurino.T. lo accoglie gentilmente in carrozza, poi con un colpo di frusta, salta con cavallo e carrozza e questurino e sè stesso, nel Naviglio - Ma T. infine s'ammala, e dietro raccomandazioni è ricevuto nello Spedale dei F[ate] Bene fratelli. Un medico si presenta al suo letto. «Come stai?» gli domanda - Bene e tu? fa T. - Quando s'è allo spedale, dice il medico, non ci vuol tanta superbia. - E quando s'è tanto villano - ribatte T. - non si fa il medico. - Il diverbio finì col pitale di T. lanciato nel mezzo della crociera... Tutti i malati balzan di letto, spaventati -.


2777. Descriz. I° casa - ricchissima, freddissima. L'anticamera è immensa, colle sedie dipinte sulle pareti: la sala è tutta a stucchi etc. Il figlio dei padroni, marina la casa più che può... - 2° Il lago di notte illuminato dalla luna - guizzano i pesci, e capriolano in su, con luminose stille -.


2778. la stagione bianca = l'inverno - la verde = la primavera - la rossa = l'estate - la gialla = l'autunno.


2779. L'uomo possiede tutte le virtù ed i vizi, che le signore Bestie possedono partitamente ogni razza.


2780. Un toscano chiedeva a un marronaro Romano un litro di brusciate. E il romano ghignando: volete forse dire che le volete calde ed arroste? Per me, ve le faccio anche bruciare, ma, badate, non vi piaceranno. - Tra me e la mia serva romana s'era combinata una lieve astuzia per deludere l'avarizia del mio padrone di casa. Combinato che si fu, la mia fante, disse: la non mi smarroni, sa! - ...rimuginar la minestra per vedde se c'erano entro armi... - Empia magion! - esclamava con poderosissima voce un romano venditore di pesce - l'aria di Roma è troppo occupata... - se non dico la verità, accidenti a mia nonna!... - se spergiuro, Dio te cavi un occhio - Cortella, tace - Siete una donna ben nebbiosa, voi!... - tenere il cappello all'abbandona... - Se vi occorre niente (per dire se vi occ[orre] qualche cosa), sonate... - Argentina (pescheria minuta) - Poveretta! sospira e fiotta - Volemo fare tutta una tuttata (un su per su) - i mi volea ammazzare: la lama non mi volle consentire - Lo stagnajo gridava: Iiìo stà-gnaa-raaro! - Minuzieria (fabbrica di piccoli oggetti) - Friggitoria - Galanteria (chincaglieria) - Spaccio di vino - Arte bianca (farine etc.) - Rotellette (gorgerette, bobêche) - er bugiardello (il lunaro) - fenestre fermate (chiuse) - sventoloni (schiaffi) - sciampagnare, sciampagnoni (gozzovigliare etc.) - Quando uno starnuta, l'altro risponde «e cinque!» 2781. Il ne interrogativo dei latini e dei Romaneschi. Es. «Qualene?» «Chene?» (Quidne?) - er monno sano (intero) CF. sane, certamente ecc. - L'accrescitivo one Romano CF. col diminutivo ino fiorentino. «Gran depositone» «Oe', Clementone!» «questi vascelloni» - (in Fior. piccinino dim. di piccino, dim.di piccolo!). Il dar del tu facilissimo a Roma - Conf. la des[inen]za Rom. aro - colla fior. ajo. Col romano, si ovvia al dubbio di scambiare il luogo dove sta la cosa con chi è deputato a trattar della cosa - Es. orologiaro = chi fa orologi - orologiajo = luogo dove sono orologi.


2782. (1872) A Roma, la domenica grassa, non possono entrare a far parte del corso di gala sul Pincio le carrozze a un cavallo solo. - Udii un Romano, che al nome di Rione Monti, voleva aggiungere «e Tognetti» -.


2783. CF. tra i proverbi antichi e gli odierni. Vannucci scrisse un libro in proposito. Es. Tunica proprior pallio est = la camicia è più vicina del farsetto - pàlin è il bis, gridato in teatro dagli antichi - Trinummus. CF.Col milanese due-e-cinquanta, uomo prezzolato a fare la spia. - bere come turchi... Nota filosofia del proverbio, perchè i Turchi, non dovendo per religione bere, sono naturalmente quelli che cioncano col più gran gusto e di più - I pescatori di rana portano un panierino di vimini con un breve pertugio al fianco. Questo paniere a Pavia si chiama la moral. Infatti è la morale delle lusinghe dell'amo... Conf. peraltro all'almoral spagn. nello stesso significato.


2784. «lymphati», alienati di mente, dalla lympha (aqua pura) colla quale Diana spruzzò gli arditi occhieggiatori delle sue chiappe - i cimiteri di stato = archivi regi - Il pigio della folla - rauci causidici - de pace triumphos (ladroneggi privati) - nullis pedibus sto - bestioni tutto stupore e ferocia - Militis in galea nidum fecere columbae - ingenio pugnax


2785. dar ripiego a un piatto, far repulisti, vess de bona dentadura, trass adree a mangià, trà in castel, parì on lavandin, semper in orden con la famm, fa praa neet, sonà la barloca, voltà là di bon boccon, fà on pito freid ecc. - in cimbalis, toeu l'indulgenza plenaria, visità i sett ges, taccà lit coi uss, desigillà botteli, chiapar ona cota, chiarire, scoldà i orecc, ecc. - «vuj fag minga fà conca» dicono i milanesi a tavola a chi trattiene troppo un piatto di portata dinanzi a sè.


2787. (V. 2240 Note U. di Lett. A. e B.) - Vi ha parole che a forza di dire troppo hanno finito col non significare più nulla, per es. Dio: vi ha altre che, a forza di esprimere nulla, riuscirono a significar qualche cosa; p. es.«ineffabile» - Chi schiaccia ad altri un callo o lo urta, usa dirgli «pardon».Questo pardon è affatto convenzionale - perchè chi dice «pardon» spesso non vorrebbe chiedere scusa. E' un pardon insomma che non vuole dire pardon - Quel medesimo volgo, che sclama «oh! è un grande originale!» per dire di uno di cui non franca la spesa parlare, dice poi, al proposito stesso «il tale o la tale cosa non ha niente di particolare...» - Spiegatemi ora voi questa contradizione! - Una ragione dell'uso di dire «salute» a chi starnuta, si potrebbe trovare in ciò. Starnutando, la testa si china come se salutasse: e chi ascolta ritorna scherzosamente il saluto. - Qualunque ignorante che ha letto una qualche scrittura, dice poi: è ben scritta o è mal scritta. Ma e che ne sa?... etc.


2788. (V. 2240) Etimologisti della Vecchia Scuola (il greco o il latino facevan le spese). - bidello da Pedullus, che nelle academie portava un bastone - bisticcio da bis quaesitum - briaco da bria (latino basso = tazza) - ombrello da òmbros (pioggia) - bucintoro CF. navis dugentorum hominum


2789. (Lingua Milanese. Et. es.) blitter CF. franc. bélître, e lat. bliteus - bas-lott CF. vas luteum - biadeghin CF. aviaticus, ex avo - biot CF. bìotos, vivente (che ha la sola vita) - cadrega CF. kàthedra - chignoeu CF. cuneulus - corrobbia CF. colluvies - ciocchee (Piem.) CF. Glocker - crenna CF. kremnòs, e crena, lat. - non vorè nèper ipee, nè per el cuu CF. nec prope nec procul - borin, ombelico CF. uberinum - V. El Varon milanes. Coll. Poeti Milan. Vol.I.


2792. (Libro delle Bizzarie) - Gran discorso del Culo. - Rivendica la sua nobiltà - Eva nata da lui - Si purifica da tutte le ingiurie, i bon mots etc.che gli si dicono - combatte il pregiudizio «che il cul non porti pena» - Sua importanza nella salute dell'uomo. Non c'è professore di medicina che abbia fatto i miracoli fatti da lui. El trionfador del medico, lo chiamano i veneziani - Moralmente, egli è poi quello che spinge l'uomo al lavoro delle braccia e del capo: per lui progrediscono le scienze etc. (V. 2795) (E Amore, la più nobile cosa del mondo, non ha per sede la più ignobile parte del corpo?) V. per le frasi etc. in Cherubini Diz. Mil. in cuu etc. V. lingue furbesche.


2793. Le «marionette» sono le successore dei Neuròspasta agálmata, mobilia ligna nervis alienis (Orazio), ligneolae hominum figurae (Apulejo), catenationes mobiles (Petronio) - La marionetta deriva il suo nome da Marion che è la Colombina del vecchio Teatro francese. - Magatell, voce milan. corr.all'imaguncula latina. A Como le marionette si chiamano: ciribitt - a Roma, anche pupazzi. E Palazzo dei pupazzi, è detto dai Romani il Parlamento. - La maschera del Famiola biellese tra i burattini corrisp. al famulus latino.


2794. Per notizie d'arch. milanese minuta V. sparsim il Cherubini etc. La prigione pei debitori in Milano era fino dal 1270 (curioso contrasto) in Via degli Orefici. Si chiamava la Malastalla o Mala mansion, corrisp. alle Stinche di Firenze e al Longwood di Londra. - La via dei Borsinee (borsinari) pure in Milano venne così chiamata dall'uso dei prigionieri (ivi di carcere), di calare giù dalle inferriate le borse, pregando i passanti a far loro la carità. V. in proposito la magnifica scena di Meneghino carcerato nel Falso filosofo di Maggi - Nelle prigioni l'ultimo che arriva deve pagare una buona entrata ai compagni o ricevere da essi tanti colpi di ciabatta sul sedere quanto ordina il più anziano dei prigionieri, detto il podestà.


2795. In lingua milanese «se ghe rescalda el cuu a on bagai» picchiandolo, in veneta «el ghe se rinfresca» - In Inghilterra le ladies e le misses non vogliono che si dubiti nemmanco che possano recarsi «qua via cibi solent» tanto è vero che quando si allonta[na]no un istante da una conversazione, vi ritornano con un fiore in mano, quasi venissero dal giardino. Donde la frase inglese «to go to pluck a flower» per dire, andare al licet - e il nome di «giardino» dato al licet stesso.


2796. Vin da pegni - A Venezia erano bettole dove si ricevevano effetti in pegno, sui quali ritraevansi due terzi in denaro e un terzo in vino pessimo detto appunto vin da pegni.


2798. Nella minuta di una cena data dal Serenissimo Duca di Mantova, addì 21 Novembre 1537, dopo l'enumerazione di un centinajo di sontuosi piatti, sta scritto «e stecchi secondo il bisogno» -.


2799. (R.U. L. XI Fision. Teatri Milanesi) La claque - claqueurs - in latino Laudicoeni, Bombi, Testae, Imbrices - in mil. risott - in Ven. Magnarisi.


2801. El mal di prestinee = sonno - vess giò del felipp = aver passato i 60 anni dopo i quali non si paga più testatico - aver sempre la ginocchiaja = studiar molto (la ginocchiaja è quel gonfio che si forma nella stoffa, del calzone sul ginocchio pel troppo sedere) - è andarino. Corrisponderebbe alla frase «ghe pias a girà» ma meglio sarebbe di usarne nel significato di «latino» (ladin) - rinfuso per troppo mangiare (Brunetto Latini) = impirottaa, mil. - stagno per sodo, usato da Leonardo da Vinci - barbino = il pezzo di pannolino in cui si va nettando il rasojo nel fare la barba - rubbolare, rumore che fa la marea quando si vuol sollevare tempesta - stagnini (Caro) = giochetti di stagno - un passerajo di donne - allentare un peto... - uovo lallero (Aret. Cinzia) tenero, che balla - poste, luoghi da cavalli nelle scuderie.


2802. Foscolo chiamò Milano «la sonnolenta Paneropoli» - piombone, uomo tardo e lento - pausone, pausarsi = che fa o fare con pause le proprie faccende - pasciona, comodità, pastura - Eppure che vi fanno? si scuotono forse? si affannano? si affaticano per poterne uscire prestamente? Pensate voi! vi dormono spesso (Segneri).


2803. Il cesso lo chiamano il comodo. Ed è il luogo quasi sempre il più incomodo della casa! - Noto che gli architetti nei loro progetti di casa, pajono sempre le persone più poetiche del mondo. Si dimenticano che l'uomo ha un culo... e non trovano posto pel cesso. Fatta la fabrica poi, lo allogano in fondo a qualche baltresca o sconciamente lo attaccano in sul di fuori (El sur dottor Isacch taja camis per giustà sacch). E sì che la sala da pranzo, senza il cesso, è incompleta...


2804. (R.U.) Nei martiri popolari - Desc[rive]re la sura Cecca di Berlinghitt.V. fascicolo «La Bibbia della balia» - e desc. il Bigia o Migia (Remigio) Capellee. - La bibbia della balia può figurare in parte anche nei R.U. L. VI I Bimbi, o L. VIII le scuole - come un es. della prima scuola, dell'anticamera della scuola.


2805. In pulicis morsu deum invocat - I cortigiani hanno solate le scarpe di buccia di cocomero - coloro, che per pisciare se lo toccano col guanto (gli ipocriti) - non bisogna, o scrittori, bagnare tanto la penna nel calamajo quanto nella testa


2806. (V. 2240 Note Um. di L. alta e bassa) Si parli anche dei rebus, delle sciarade, degli enigma, degli indovinelli etc... citarne esempi. - I° «Son cavalier, ma senza croce al petto - I mori spoglio e in Africa non vò (baco da seta)» - Aut. Malatesti. - 2° «Insidia il primo ai lucidi - abitator dei flutti - il mio secondo agli uomini - ed il mio tutto a tutti» (Amo-re. Aut.V. Alfieri). - 3° Napoléon (Napoleon dans le plus grand des astres (désastre)) - etc. etc.


2807. E, poichè i Fiorentini non sanno fare il panettone, e noi chiameremo cotesta nostra milanese gloria coi loro nomacci di pan balestrone, pan Pepato, Panforte etc.? ...e così, il loro lungarno dovrà servire a nominare le nostre gettate, interriate, fondamenta, terraggi, terrapieni, alzaje, lungo il Po nostro e il Ticino?


2809. V. sparsim. Contadini, Villani. V. anche Cherubini, Diz. mil.-it. in vilan - Pregiudizi dei cittadini su questa importantissima parte di popolo «a fa ben al vilan, se troeuva cagaa in man» «chi villan serve n'ha questo tributo» «Rustica progenies semper vilana fuit» etc. Nei contadini, parlar anche di molte delle loro costumanze. - Essi usano ad ogni fuoco fatuo od a stella cadente, dire «Va che Dio te loggia!» - Costumi brianzoli. «Bruciar gennajo» V. Cherubini Vol. IV pag. 207.


2810. (V. 2240 N.L.) I° Capitolo sulla letteratura disonesta. Quale sia veramente tale. Questione se le parole disoneste corrompano i buoni costumi.


2° Se il pensiero ha lingua. Quanto giovi a noi milanesi il dovere tradurre il nostro pensiero in una lingua che non è tutta nostra. La meditazione crea le grandi opere. Noi pensando alle parole troviamo i pensieri.


2811. Lorenzo de' Medici attribuiva il difetto di mangiarsi le unghie ai beoni.


2812. Tale (dicono il poeta Maffei Andrea) avea tolto una piccolissima moglie: e dicea: della moglie, quanto meno sen prende, tanto meglio.


2813. Intercalari - Es. E dai tira campann martela, a le quarte le vostre, intrighete ti, e destrigheme mi, e fa cussì fin che te vivi, che mai pu te destrighi - si noti che l'intercalare è uno solo.


2814. I principii nella scuola di disegno, si chiamano dai nostri pittori e scultori in erba - I. campanin. 2. Treball. 3. seggionell. 4. seggionell intajaa. 5. lovetta sempia. 6. lovetta doppia. 7. ... 8. gerlett. 9. foeuja storta... 11. vasett, etc. (Vedi Cherubini in ornaa). - L'è mei on asen viv che on dottor mort.


2815. Alla corte pontificia non c'è officio che non abbia qualche impiegato col titolo di segreto... Cameriere segreto, uscere segreto etc. etc. Non solo.C'è anche il cuoco. E fu dallo Scappi stampato un libro dal titolo «Cuoco segreto di Pio V».


2816. A proposito dei Milanesi e dei Fiorentini, si potrebbe rifare «la Storia dei Grassi e dei Magri» che fu uno dei libri più in voga tra i padri nostri.Basta dare un'occhiata ai dizionari delle rispettive lingue. Quì tutta macellaria, abbondanza, prodigalità: là tutto orto, carestia, sparagno... - Cit. il «Lupi Lombardi» (Tedeschi lurchi) e il Fiorentin mangia fagioli - lecca piatti e tovaglioli.


2817. Nelle spiritosità tradizionali «Ris e fasoeu, minestra de fioeu - Ris e basgiann, minestra de tosann»


2818. Seren d'inverna - nivol d'estaa - amor de donna, de pret, de fraa...guaja! - Oppure - usei in man de fioeui, donna in man de soldaa, bagai in man, de fraa... guaja!


2819. Avanzi balordi. - avanzare i piè fuori del letto, tegnì a man i guggiad per buttà via i remisei, disfar i muri per vendere i calcinacci, dar a mangiare le ciliege per vendere i noccioli, saltare dalla finestra per risparmiare le scale... etc.


2820. Nei R.F. (parte antica) descrivere la domenica nel 1700 - Le dame scendono dai carrozzoni col servente, e col servitore che porta la caldanilla ecc. - Le erbuccie (mezz calzett) vengono a piedi col Domenichino (Meneghin, servo preso a nolo per la Domenica) che porta il loro libro di messa... Gli amorosi alla porta porgono alle amanti l'aqua lustrale etc.


2821. Nei martiri popolari (R.U. L. x) citare Cuneo e Bergamo, cui si affibbiano tutti gli spropositi di Piemonte e di Lombardia. - Cuneo, mette ai suoi lampioni i vetri di latta per ripararli dalla grandine... - Bergamo, se viveva quell'«omm du capelì» (petit chapeau avec redingote grise) sarebbe diventata un porto di mare... etc. etc.


2822. Descr.I° Un magnano. Contrasto de' suoi panni e della sua faccia nerissima, colle casserole di lucentissimo rame, appena stagnato - 2° Un fittabile. Faccione che è una Brianza. A vederlo si pensa «la ghe va su onscia» - Un po' di pancia, le mani, una nell'altra, dietro la schiena - indizio di molti soldi.


2823. Monteverde (secondo Grandi) non è un artista ma un intagliatore in marmo. - Il genio di Franklin di Monteverde che è un angelo accavalcioni di un fumajolo potrebbe chiamarsi il genio degli Spazzacamini. Si disse anche «un genio allo spiedo», o «lo spiedo di un genio». Monteverde vi ha effigiato «il fulmine» la meno plastica cosa che si potesse, sotto la forma di una sanguetta. Limiti dell'Arte - Il goffo e farraginoso monumento a Cavour di Torino pagato al Duprè 700.000 lire. Cavour, vestito alla Romana! - Il busto di Manzoni dello Strazza, tutto naso. La faccia par destinata ad essere solo la radice del Naso. Lo si disse: Manzoni rimasto con tanto di naso nel trovarsi sì brutto - La Commissione pel Monumento a Beccaria, volle che Grandi effigiasse il grand'uomo in età vecchia, a dispetto della ragione, che suggeriva di farlo giovane, perocchè l'opera che gli diede la gloria fu scritta a 27 anni. - Pel «Beccaria» s'erano poi raccolte 30.000 lire di cui 15 furono pagate allo scultore, per l'opra e il marmo - e le altre 15 nelle spese della Commissione - Il «silenzio amoroso» di Cremona venne pagato 500 lire! - Del soggetto nella Plastica - e della forma del soggetto, che quivi sono in importanza pari. La forma è lo stile. Scopo d'ogni arte: far storia. Ora, l'artista sceglie eccellentemente il soggetto, quando sceglie quel punto del patrimonio della memoria, da cui, per la sua speciale arte, può sperare di ottenerne una trattazione superiore in virtù a quella, che nel medesimo soggetto, otterrebbero le altre due arti sorelle. - Come soggetto di plastica (benchè lasci assai a desiderare quanto a scalpello), il Socrate di Magni è completo: incompleto «l'Amore degli Angioli» del Bergonzoli - In ogni caso, Scoltura e Pittura appartengono, forse, più al mestiere che all'arte - o almeno ne sono l'anello di unione...


2824. La Critica della Critica - La critica del giorno, abbandonata dagli artisti e dai letterati ai giornalisti. Emulazione negli spropositi fra i critici. Il Sig. F.xx della Perseveranza (talis pagatio, talis cantatio) colle sue «mummie imputridite», la sua «apoteosi della divinità», le «eburnee chiome», le «stravaganze assurde», il «ragazzo d'ambo i sessi» etc. etc. - I ricatti - Botteghino di celebrità presso ogni gazzetta teatrale. La camorra letteraria napoletana, * etc. distributore di diplomi e di medaglie d'oro etc.Si firmava il Comm. * comm. del Nishan Iftikar de Tunis, cavaliere salvatore d'Italia etc. e traduttore della Comedia di Dante in dialetto napoletano.


2825. Magnifica epigrafe, è la seguente scritta sulla porta della cattedrale di Palermo (24 7bre 1876) quando le ossa di Bellini ritornarono da Parigi a Palermo - «Questa Basilica - In cui dormono dimenticate - Le ossa di tanti re - Diviene oggi famosa - per la tomba - di - Vincenzo Bellini» - Vicino al catafalco erano poi due altre egregie iscrizioni. Diceva la prima - «Strappò una nota eterna - All'Universo - L'amore - E vinse i Secoli» - l'altra «L'arte non ha patria - Egli è cittadino del mondo - Non potendo la madre - Contenere il suo nome - Costudisce gelosamente - Le ossa» - Certo Longo da Catania cap.no medico mi dice oggi (15 ag. 80) che queste epigrafi sono di Mario Rapisardi.


2826. Progetto di un libro dal titolo - Dell'Onestà politica - e della onestà artistica. - Scopo - tentativo di trovarne i criteri - Circa l'onestà politica. Prog. Vi ha chi usa di reputare birbanti i suoi avversari politici:vi ha chi dice che si può essere in casa amicissimi - e nemici alla Camera.Pro e contro - di queste due opinioni. - Moventi dell'uomo, I°) interesse proprio (suo o di famiglia) - 2°) interesse patriotico (della città o del paese) - 3°) interesse umanitario. Dove non giuoca uno di questi tre interessi l'uomo savio nulla fa. Dati i tre moventi in lotta fra loro, quale deve l'uomo seguire? I più seguono il primo: pochi il secondo (Q. Curzio etc.) pochissimi il terzo. Tuttavia - bene interpretati, tutti e tre si equivalgono. - Che sia l'onestà politica? Essere di unica e non mutabile fede, rispondono alcuni. Ma il mutar bandiera è invece, spesse volte, prova di senno, e di vero patriotismo. Mutano i saggi col mutar dei tempi. Chi non fu repubblicano nel 1792, chi non fu realista nel 1859? Una sola fede io ritengo giusta - l'amore di patria. Garibaldi per l'amore di patria, fu rep.; ora è realista (1875) Di chi sbaglia in buona e di chi in mala fede - Sui governi. Tutti si equivalgono. Il migliore, qualunque ne sia la forma, sarà sempre il meglio amministrato. For forms of government let fools contest What'ever is best administered is best (Pope) Con Napoleone I chi non avrebbe gridato W.l'impero? e chi non griderebbe, coll'antico senato di Rorna W. la Repubblica?... Per me il miglior governo, è il non governo (Taccio quella innocente parola che fa tanto paura «anarchia») - Dell'opportunità politica (vedi s.) - dell'errore di combattere gli uomini per combattere le idee. - La morale ideale e la pratica - Se ci possa essere una morale politica. Chi rovina una famiglia, chi uccide un uomo dovrà cadere in pene, mentre chi rovina centinaja di famiglie e uccide migliaja d'uomini, si vedrà non solo impunito ma premiato? (Ille crucem sceleris pretium tulit, hic diadema) - Fin dove l'onestà politica cammini colla morale - Conclusione: Unità della morale... Queste sono alla rinfusa le principali idee del libro. Vi si tratterà in special modo la questione del giuramento dei deputati e degli impiegati, dell'antiche e nuove teorie in diplomazia, scuola machiavellica (i mezzi giustificano il fine), scuola di Fox (?) (la migliore delle politiche è l'onestà etc.), politica sentimentale etc. Della minoranza partigiana e della maggioranza indifferente etc. (Il tema ha peraltro bisogno di esser molto covato) -. Quanto all'onestà artistica, il concetto è il seguente. Non falsificare il proprio tempo. L'artista è destinato a scrivere la storia degli uomini e delle nazioni e la narrazione egli la deve trovare sincera e spontanea nel proprio cuore, inspirato dalla contemporaneità. - Ora, falsifica, il letterato che narra la guerra dell'indipendenza italiana, coi modi di Giovanni Boccaccio, falsifica chi la pingesse nella maniera di Leonardo, etc. etc. V. sparsim nelle note, sulle incongruenze artistiche del giorno che fanno sorgere in Baviera un Walhalla, nello stile di Grecia, e sotto il cielo di Napoli fabbricano un chalet svizzero, od una casa olandese ecc. - Dov'è mai quel benedetto stile 1870? - Se l'eccletismo odierno dell'Arte sia filosofico o no, dato che l'epoca presente sia per eccellenza eccletica... - (Vi si tratterà partitamente delle 3 arti, dei sintomi del nuovo stile etc.)... - (Anche questo tema dell'onestà artistica va tenuto il suo tempo in fusione di studio e meditazione).


2827. Età dell'oro, dicevasi quella in cui oro non era.


2828. Il sorriso è alla bellezza, quello che il sale è alle vivande.


2838. Il direttorio comandò a Buonaparte facesse una subita correria contro la casa di Loreto, onde, rapite le ricchezze... - (Botta). CF. el resentin di Gies - nel poeta mil., mi pare, Zanoja. - l'estetico latrocinio di Bonaparte (Negri, Storia Antica).


2845. A mostrare il convenzionalismo dell'opinione sul vizio e la virtù - descrivere lo stato di guerra, in cui tutto ciò che in pace si reputava vizio, pare virtù. Il furto passa scusato col nome di bottino bellico, l'assassinio è glorificato dal nome di valor militare, i tradimenti, le insidie etc. si chiamano strategia etc.


2849. Noi scriviamo al presente in lingua italiana tradotta dalla francese.


2853. Importantissimi allo studio della Riv. francese '89, e specialmente a' suoi effetti in Italia e nella Rep. Cisalpina, sono gli opuscoli di Melchiorre Gioja - In proposito vale anche la pena di dare un'occhiata all'estratto manoscritto in zibaldone della Gazzetta di Milano dal 1778 al 1780 (Biblioteca Ambrosiana S.C.V. II. 7.) e al Gazzettino di Milano 1799 (stessa Biblioteca) - M. Gioja appartiene ai letterati-giornalisti o pamphletistes, feuilletonistes.


2862. A prop. di Souvarow, esiste un suo comico testamento, che comincia «trovandoci, giusta il volere del Cielo, secondo il corso delle umane vicende, attaccati da una dissenteria insanabile infelicemente guadagnata in compagnia del nostro amico Kortchakow etc. etc...» e poi dice: item lasciamo i nostri lunghi e ben pettinati mostacci per servire di coda ai finti patrioti del 1798, che essendosi scodinati sotto il governo provvisorio del Piemonte s'incodinarono all'approssimarsi della nostra armata ed hanno ora di nuovo perduta la coda all'entrare dei francesi nelle pianure d'Italia, etc. etc.


2863. Melchiorre Gioja conchiude le sue «osservazioni al Ministro della Guerra» (29 nevoso A. VII) così: «checchè però ne sia, sappiatemi grado, cittadino ministro, di non aver io, in questa risposta, usato del diritto comune, cioè di non avervi detto delle ingiurie benchè credo che abbiate torto» - In altro suo opuscolo poi finisce dicendo «Salute ed economia di parole»


2866. Nei R.F. (parte vecchia) per la descriz. dell'Inquisitore, pigliar conoscenza degli - «Elogi della Santissima Inquisizione de Padre fra Pietro Martire Anno VI. rep. Si vendono in Milano e in Barlassina» - e della «Lucerna Inquisitorum hereticae pravitatis P. Bernardi Comensis 1526».


2867. Progetto di un libro intitolato «Ritratti di famiglia» - divisi in due libri: Parte vecchia, e parte nuova. Suo scopo, illustrare, più che la vita, l'ambiente di vita nel quale furono alcuni dal cognome Pisani, che appartengono genericamente o specificamente alla mia famiglia. Sarà il pretesto di mettere insieme in forma pittorica tutte quelle cognizioni di archeologia domestica o curiosa che ho raggranellato fin quì nelle letture - Nella Parte vecchia si comprenderanno descrizioni di interiori di case dei sec. XII, XIII, XIV, XV, XVI, XVII fino alla Riv. Francese dell'89: vi si parlerà dei rami della Famiglia Pisani, che uscita da Pisa (Pisani e Pisis) si diffuse a Napoli, Venezia e Bologna (Bologna, Parigi - Alessandria - Pavia).Saranno i capitoli: una Prefazione, in cui si dica il Perchè dell'illustrare persone che non appartengono alla specif. famiglia dell'A. - sulla parentela universale, etc. Del resto, parenti davvero, io non posso considerare che quelli che ho veduto co' miei occhi, o cogli occhi de' miei genitori. Gli altri sono nebbia per me... Caddero nel patrimonio comune, di gloria e di vergogna - poi (beninteso che i presenti titoli sono provvisori): Lo studio di Giovanni da Pisa - Pietro, lo studente medievale a Bologna (parlarvi dello zio Emanuele Prof.re - tesi sottilissime - guerre di parole - Una lezione antica - gli esami -) - L'Alchimista (Ottavio Pisani - Demonologia - Palingenesi della Rosa etc.) - La Galera di Vettore (Vita marinaresca nel sec.XIV) - La sage et preude dame Christine de Pisan (Pisani di Bologna. Parlarvi di suo padre Tomaso, astrologo; dei libri di Cristina «Vie de Boucicaut» et «livres des dames»; in contrasto col Roman de la Rose di Jehan de Meung etc.) - Il capitano di giustizia (1400) (Contardo - es. di proced. penale dell'epoca) - Martino, il decurione di Alessandria (vita domestica nel 1500 - un matrimonio: descriz. del corredo etc.) - Il cardinale di Venezia e di Aquileja (Pisani di Venezia - descr. di un ingresso trionfale - (1550) ) - Il pulpito di Frate Sisto (1600 - predica barocca) - Un funerale nel 1770 (L'araldico - disquisizione in materia; la fiaba dei Pisoni romani etc.). - Equipaggiamento di un colonello austro-spagnuolo (vita militare, XVIII sec.av. Riv. Francese) - Nella Parte nuova, si parlerà di quella parte della famiglia Pisani di Pavia, della quale, per così dire, aleggia ancora lo spirito intorno a me. Sarà intitolata a mio padre «A chi mi diede la vita - e cui la ridò» - coll'epigrafe «Humani generis mores tibi nosse volenti - sufficit una domus» (Juvenalis). Il racconto anderà dalla Riv. Francese dell'89 alla morte di papà mio (1872). - Sarà forse diviso in parti - una pref., una conclusione e un'appendice - cioè: Prefazione. Montecalvo in fiore.E' babbo che mi racconta la festa di S. Luigia al Monte. Io seggo sui suoi ginocchi... Desc. del castello e della tavolata. Il parroco, gli amici, i figli ecc. - La mamma Milesi e la fam. Milesi - La Tissot, l'istitutrice, Biancardi - Il tempietto, degli amori di Elena con zio Emilio - il Prev. di M. C. D[on] Giovanni Ricci, giocava agli scacchi lungi dal tavoliere stando col dorso al camino - a memoria. - Il Pretore fa la corte alla Giovannina Magenta e le invia tartufi etc. - Donna Elena Milesi Viscontini portata su in lettiga. - Scherzi a M. C. - Il frate dalla testa di vescica - Il brigante a cavallo. L'Avv. Bixio che legge il sonetto «Calvo il monte non è etc...».Desc. in isp. di papà, coi capelli sciolti per le spalle etc... - Mia interruzione. - Ritratto I. Don Carlo - Desc. del ritrattone - Chi fosse, secondo sua moglie. Parenti del nonno. Sua vita avventurosa etc. etc. che risulta da' suoi 4 biglietti di visita etc... - Ritratto II. D.na Luigia.Descriz. di un matrimonio sotto l'impero... etc. - Ritratto III. I figli (compresovi anche Antonio Massa etc.) - Conclusione. Mio padre che sfascia.Montecalvo in rovina. Le camere da lungo inabitate. La legna per il fuoco, tarlata. - Appendice. Descriz. di carte curiose e oggetti vecchi di casa, libri etc. raccolti in una sola stanza (Vedi per tutto ciò, sparsim). Il libro potrebbe essere accompagnato da 4 aque forti, la prima in capo del libro, rappresentante Montecalvo (Pitt. Fasanotti) la 2ª al I° ritratto rapp. D.Carlo a cavallo (Grandi) - la 3ª al 2° rit. rapp. D.na Luigia (Bianchi Mosè) - la 4ª al 3° ritr. rapp. I figli (Cremona Tranquillo)


2868. App. ai R.F. (parte nuova) - Archeologia domestica. Descr. su un fondo di filosofia, quanto mi trovo di oggetti o carte vecchie nei miei cassettoni ed armadi. Com'io ami tutte queste minuzie. Mi par di sentirci attaccato qualche po' dell'anima de' miei poveri morti. - I.° Un contratto di matrimonio con su penneggiato in testa dal galante amanuense notarile un pajo di cuori passati da una medesima freccia. I cuori grondano goccioloni di sangue: hanno ciascuno la sua brava fiammella: la freccia pare una penna d'oca. Dietro i cuori, in prospettiva le case, e i fondi portati in dote con bestie bovine cornute grandi come le case - Nel contratto, indicazione di capi di vestiario, e di giojelli del tempo (1806) gioielli vecchi, a smalto - fibbie etc. bindelloni - Pizzi antichi - 2.° Un testamento 1778 -:enumerazione degli uffici funebri; tanto per la confraternita tale, tanto per la corporazione tal'altra; tanto in messe, in elemosine etc. etc., - e altro testamento 1790, di un republicano che vuol piantato sulla sua tomba l'albero della libertà etc. Test. anche di Biancardi - 3.° Conti. I libri mastri di casa, di possessioni che non sono più Nomi di fondi: la Maladiana, le Chiappe del Curato, la coda della Volpe, Corano, Balsamo, la Bastida de' Dossi, Villalunga, la Malaspina, la Ca dei Dossi, Morsenga, Pieve Albignola, Cervesina, Pancarana, Valle del Muto etc. etc.; le ceste di documenti che si vendettero sulla stadera. Nei conti, quelli di un funerale «tanto al falegname per aver fatto i ricci di legno alle virtù teologali etc., statue di cartapesta etc.» - in tutto, una spesa enorme. - Altro conto, dal quale appajono curiosi oggetti domestici. I fasci di conti dell'oste. - 4.° Libri - Libri dai fogli ingialliti coi nomi degli antichi proprietari, con dentro foglie e fiori secchi - Varietà delle legature. - Quasi tutti volumi scompagnati. S'è divisa la casa e si divisero alla rinfusa i tomi. Io ho i primi due di un'opera, un mio cugino ha il terzo, l'altro cugino il quarto. - Titoli dei libri del tempo. Es. Vingt quatre heures d'une femme sensible ou une grande leçon, par Madame la Princesse Constance de S.xx à Paris 1824 - Libro di Corte, ossia Lista delle persone che hanno il d[iritto] di accesso alla I.R. Corte Austr. Nel 1780 - tra le quali si notano Pisani maggiore Don Carlo - Pisani sargente maggiore Don Gelasio. Almanacco Reale per l'anno 1808. Milano Stamperia reale - Des droits et des devoirs du citoyen, par Monsieur l'abbé de Mably à Kell 1790 - Defendente Sacchi, La pianta dei sospiri (Chi può resistere oggi a leggerne una pagina sola?) - Storia del memorabile triennale governo francese e sedicente Cisalpino nella Lombardia.Lettere piacevoli ed istruttive. Milano 1799. - L'anno duemila quattrocento quaranta - sogno di cui non vi fu l'uguale - seguito dall'uomo di ferro - opera del cittadino Mercier. - In Genova 1798 a. 2° della Rep. Ligure. - Il Ritorno dalla Russia, romanzo di Davide Bertolotti (citarne altri della medesima cotta) (Nomi degli eroi di romanzo d'allora: Lucindo, Damete, Aristo, Clorindo ecc.). Segni in penna e a matita sui libri; postille della nonna:cioè un misto di sentimentalismo e di prosa, p. es. una frase alla Rousseau e poi 1799 Spese per far coare le polle; primo covo comprato ovi n. 50 L. 6 - secondo altri 60 L. 3.15 - Ricavato L. 8 (Cit. le migliori delle note della nonna, sparse nelle mie cartelle) - Gli album dei nostri vecchi - che notavano giorno per giorno il buono e il cattivo tempo, per poter poi, l'anno seguente, dire, «il giorno dello scorso anno faceva un tempo così o così...» il che giovava mirabilmente a tenerli alti nella stima cittadina. - Notare per altro come scriv[evano] invariabilrnente «Mai non fu anno che come questo etc.A memoria d'uomo non si vide mai etc. - 5.° Gazzette vecchie. La gazzetta privilegiata di Milano; es. di notizie d'allora paragonate a quelle d'adesso paragone pure della carta e dei tipi, prezzo d'abbon. etc.. Cercare la critica di Pezzi contro Manzoni ecc. ecc. Il Corriere delle Dame del Lattanzi - il suo mutar di bandiera a seconda che si avvicinavano a Milano gli Austriaci o i Francesi... - 6.° Lettere - Lettere amorose del 1800; tutte a spropositi di ortografia: poesie d'occasione; biglietti d'invito etc. etc...La prima lettera di babbo, che chiede in isposa mia mamma. - 7.° Ritratti a miniatura sulle tabacchiere etc. I ritratti di Napoleone I a bizeffe. In casa nostra ne ho contati 378. - 8.° Varia - orologi e tabacchiere di tutte le dimensioni, a segreti, a smalti ecc. orologio con su dipinto il tempo - e con poesia. Un panciotto del 600 con su una carica di cavalleria. I bastoni col peso, e i bastoni, la sagoma del cui manico dà


l'ombra di Napoleone I. Tra le scatole di tabacco, alcune piccolissime, altre immense. Dentro il ritratto dell'amante o come al solito di Nap. - Una spadina e qualche testa delle marionette del Teatrino di Montecalvo... - Ventagli. Descrizioni. Ventagli allegorici - quadri a margheritine - Non c'è più l'immenso lavativo di peltro, di cui è rimasta la scatola, che la nonna non mancava mai di attaccare ne' suoi viaggi dietro la propria berlina. Il lavativo andò a finire in una sorbettiera. Che affare una volta l'introdurre il lavativo etc. Par. col clesopompe - La bandiera con su scritto W. Francesco I (bianca con intorno una corona di quercia). - Capelli (i biondi della mia nonna bimba etc.) - Un dentino di latte, in uno scatolino, del mio papà, pur morto ed ora è già strappato - dente cariato - dalla terra il suo posseditore. Chissà che dolori chissà quale coraggio a lasciarselo cavare! - Attestati scolastici etc. etc.(Vedi nelle cartelle). - Lavori di pazienza di Biancardi - I bossolotti di Papà. - Cit. tra i mobili, anche i vecchi servitori, paragonandoli ai nuovi - «La carte du tendre» - biglietti di visita - la carta del belletto - il grattatojo - Il pitale con scritto in fondo intorno ad un occhio: ti vedo, furbetta. Lettere di amore in carta grossa, e chiuse coll'obbiadino. Vedi es.nelle carte. - Poesie per lauree e matrimoni - Minute di pranzi di gala. I lavori di frate certosino - di Biancardi.


2869. (Pei R.F. e pei G.F. arch. milan. si possono consultare): Sommaruga. Il Meneghino Critico, continuato dal 1773 al 1789 (Ambrosiana S. B. U. I. 65.) - Il Borgo degli Ortolani, Almanacco per l'anno 1794 (id. S. C. S. II. 10) - El verzee de Milan. Alm. per l'anno 1796 (id. S. C. S. VI. 7) - La settimana grassa con la prima dominega de quaresma. Alm. per l'anno 1797 (id. S. C. S.VI. 5) - La piazza di Mercant cont on poo de coin per conseguenza di duu mur, San Raffaell e Porta Renza. Alm. per l'anno 1799 (id. S. C. S. v. 6) - L'ombra del Balestreri in cerca della Veritaa. Alm. per l'anno 1800 (id. S. C. S. VI.


6) - El servitor de la bonn'anema del Pover Poetta Balestreri. Almanacco per l'anno 1804 - El caffè de la Reson. Alm. per l'anno 1805. - Meneghin Peccenna, Alm. per l'anno 1809 - Meneghin Peccenna, impresari de teater. Alm. per l'anno 1815. Poi, tutte le bosinad di cui se ne trovava una raccolta in 8 vol. nella libreria Bellati, e se ne trova ora una all'Ambrosiana nella «Miscellanea della Rivoluzione» - La gran torr de Babilonia, Almanacco per l'Anno 1795 - El diavol coi pee dedree ch'han faa in Milan in di trii ann i republican ossia Meneghin storegh, leped, critech e moral da l'intrada di Franzes in Milan el di 14 mag 1796 alla soa partenza del 20 april 1779 - Milan - Quader bernesch e natural de la guardia nazional Milano 1799 (Bosinada - Ambrosiana S. C. V.


11). - I romani in Grecia (intendesi i Francesi in Italia) opera di Giunio Bazzoni.


2870. (R.F.) I tavolini del Maggiolino. - La majolica goffa e pesante - una zuccheriera foggiata a cavolo (verza), delle bottiglie foggiate a ramolacci.Par. tra la tavola e il pranzo di una volta e quel d'oggi. Il trionfo di porcellana in mezzo alla tavola. - La zuppiera con su i gamberi cotti scolpiti ecc. Oggi niente nel mezzo, e poco in disparte. Così le quattro portate da tre piatti ciascuna furono sostituite dai due piatti scarsi. La dicono la nostra «semplicità dell'eleganza» mentr'è quella della carestia. - Tra i mobili vecchi il carozzone rosso e oro, il letto idem - i mori negri che sostengono a cariatide delle étagères barocche d'oro - La spinetta verde e oro con su un delfino in cima, etc. - Il lusso d'una volta e quel d'oggi. Una volta, molta argenteria, oggidì molto christophle: una volta i saloni, i capi d'arte, oggidì le stanzuccie, le chinoiserie - I nostri nonni avevano i pavimenti di mattone, e le volte dipinte da Appiani... - Dell'incomodo lusso Napoleonico. - Il falso greco-latino.


2871. (R.F.) Nonno Carlo (n. il 7. maggio 1780 m. il 28 genn. 1852) figlio del nobile Gelasio-Vincenzo, e della baronessa Rosalia di Hölly di Niedermensdorff. «Quel polpettone» come trovo scritto da D.n Giacinto Pisani, fratello di D.n Gelasio - Alla lor volta, il primo figlio del nobile Carlo e della nobildonna Matilde Oleario di Bellagente, l'altra del Colonello Federico di Hölly barone di Niedermensdorff, e della nobildonna Maria dei marchesi Beccaria etc. (V. pel ritratto fis. il quadro nostro in cui nonno è a cavallo, vestito da G. N. A.) - la miniatura di una tabacchiera, e la miniatura che possiede D.na Carolina Del Mayno, nipote del nonno - La sua storia può compendiarsi in questi suoi biglietti di visita: I.° (1798) Il cittadino Pisani (e intorno W. la libertà - W. l'eguaglianza - W. la fraternità) quand se portava in coo el barettin ross come i galantommen de galera - 2.° (1805) Charles Pisani colonel-commandant en chef de la Garde d'honneur de Pavie. E' un biglietto con in cima due Vittorie - e intorno e sotto trofei d'armi e bandiere, berretti di granatiere, tamburi, palle di cannone etc. etc.. -3.° (1816) Don Carlo Pisani Dossi Guardia Nobile di S. M.I. R. A. e cavaliere della S. Religione dei Santi Maurizio e Lazzaro - 4.° (1825) Le chev. Pisani. - Ingegno rozzo, arrogante, prodigo. Bevitore d'intere vendemmie... Fu tra i primi a ballare intorno all'albero della libertà a Pavia; tra i primi a caracollare incontro a Napoleone Imperatore, e poi a Francesco I. Fu savio municipale; fu carbonaro; condannato a morte in contumacia, fuggì in Isvizzera dove congiurò con Napoleone III, e col principe della Cisterna: graziato, tornò in Italia mezzo tedesco: nel 48 ridiventò italiano - poi si spense. - A Balsamo nel 48, vestiti quaranta villanelli da soldatini, con aste di latta a banderuole tricolori, si spassava a far lor fare l'esercizio - stando egli seduto sotto un gran padiglione a colonne d'oro e tende rosse, coi leoni pur d'oro. Sostenne all'estero molti emigrati.Napoleone non ancor 3° gli donò un anello d'oro con su scritto honneur, fidelité, patrie (vacue promesse) dicendogli, che quando avrebbe rivendicato il suo trono, avrebbe ricompensato lui o qualunque della sua famiglia che gli si fosse presentato con detto anello. Beauharnais gli avea donato il suo sigillo di acciaio - Diventò cittadino del Cantone di Berna - etc. - Era destrissimo negli affari. Dopo aver mezzo disfatto il patrimonio lasciatogli da suo padre, non solo seppe ricomporlo ma raddoppiarlo. Avea case e fondi per più di 2 milioni. Trovatosi un dì in casa della zia Traversi tra due porte, carpì un affare all'avvocato; e presa la posta, arrivò a rotta di collo a Parigi, e lo fece lui invece dell'avvocato... Anche Gaisruck gli avea moltissima amicizia - Vinse cause che parevano disperate, p. es. quella del canale abbandonato di Albignola, che finì con un pranzo dato sul Po ai senatori venuti ad informar della causa, un pranzo in cui si gettarono nel fiume tutte le stoviglie e i cristalli, e p. es. quella di rivendicazione del suo patrimonio, caduto in mano di sua moglie Donna Luigia Milesi. - Con la Milesi fu in lite perpetua. - Ebbe una sola moglie ma molte amorose - tra le altre, in Svizzera a Carouge Mlle. Gabrielle De Gallais de Saint Germain, e a Milano la Margherita Scazzosi alberg. della Gran Brettagna. Sua moglie scrisse questo ritratto di lui: Snaturato figlio - cattivo marito - pessimo padre - turbulento cittadino - oppure: Don Rodrigo. - Il nostro liberalone del 21, era in famiglia dispoticissimo. La ricevuta del modico sussidio mensile da lui accordato a' suoi figli dovea esser redatta così: Dichiaro io sottoscritto di aver ricevuto dall'Ill.mo Mio S.r padre Cav. D.n Carlo la somma di milanesi lire tante (dico L...) da lui accordatami per atto di sua spontanea generosità e di cui mi professo e mi professerò eternamente riconoscente. - Obb.mo Um.mo figlio Tal dei tali - E guai se uno dei figli, parlando di qualche oggetto di casa dicesse mio! - Un dì, Zio Gaetano, uscì a dire «mia moglie...» - «come tua?» - fece con ira Don Carlo, ma poi, ravvedendosi «Ah! questa te la lassi!» - E così, il nostro democraticone dell'albero della libertà, era aristocraticissimo. Bisogna vedere le sue suppliche alle Cesaree Maestà, per ottenere o un posto di educanda alle sue figlie nel Collegio Reale delle fanciulle, o una carica a Corte per lui, nelle quali ei si vanta e patrizio e di famiglia antica, figlio del nobile tale e della baronessa tal'altra, nipote del tal generale austriaco e del maresciallo tal'altro!... Mio babbo mi raccontava sempre di un pranzo in cui era intervenuto col fratello Gaetano e col padre Carlo in casa del Maresciallo Re, suo cugino. Dopo pranzo, si cominciò a parlare di Araldica, e Re cavò fuori una filza di documenti, diplomi, genealogie etc. ove mostrando l'albero gentilizio Pisani, quando si fu a «Luigia Milesi» moglie del Cav.re Carlo, disse con un sospiro «e quì zòppica!»: poi si diede a vantare la propria nobiltà. Nonno Carlo, lo lasciò sfogarsi, ma poi, uscendo coi figli disse loro «Ha bel vantare Re la sua casa, ma non è da tanto da allacciare le scarpe alla nostra». Vera lez.: ma la nostra incula la sua. - Tra gli anned. cit. il pranzo da lui dato a molti amici, dopo una discussione sul gatto e la lepre, in cui Nonno Carlo avea detto loro «E' questione di salsa. Scommetto che vi faccio mangiare e piacere anche un gatto» - Gli amici avevano risposto di no.Venne il pranzo, venne un piatto che pareva di lepre. Era eccellente.«Guardate» dicea ridendo D.n Carlo, mentre gli amici mangiavano e lodavano - «che è gatto!» - Impossibile! rispondevano costoro. - Nonno ammiccò a un servitore e il servitore portò e depose in mezzo alla tavola su di un gran piatto d'argento la testa insanguinata dell'infelice Soriano... Orrore! Non ci fu commensale che non rivedesse il mangiato. Ric. Filomela e Procne che danno cotto il figlio Iti a Tereo (Ovidio Fasti) - Altro annedoto. Mio babbo riceve una sera un gran rabuffo dal suo S.r padre sullo studiare, il serio contegno etc. etc. Per farselo passare va al veglione, e c'incontra... lo stesso suo S.r genitore, mezzo ubbriaco, mascherato da turco, cioè con indosso una vecchia veste da camera ed in capo un fez - e seguito da una folla di birichini cui offriva a dritta e sinistra tabacco. - Nonno Carlo era per altro a tratti assai spiritoso, e assai generoso. Entrando D.n Carlo in una cena tutta di Donne (tenuta a Stradella) disse «S' pò romp la regola?» (Reg[ola] in stradellino significa menstruo). Mio cugino Camillo si ricorda, che essendo il nonno venuto a fare visita alla sua mamma e piangendo egli (Camillo) in sua presenza, perchè non gli si voleva regalare uno schioppetto, nonno partì senza dire parola: ma il giorno dopo comparve a lui un servitore a recargli il tanto desiderato schioppetto. - E una sera a Stradella, sulla porta del Teatro, l'impresario si lamentava con lui dello scarso concorso. Che fa Don Carlo?...Si pone a gridare «denter chi voeur' che paghi mi» - In un momento il teatro fu pieno - Un'altra sera invece, a chi usciva dal teatro gridò «chi voeur zenà, paghi mi». - Gli tennero dietro una trentina di baldracche. Si ebbe un'orgia. - D.n Carlo diceva di aver maritate le sue due sorelle Maria e Teresa a un Portarut (pattumiera) perchè una s'era sposata a un nobile Della Porta di Milano, e l'altra a un nobile Rutta d'Oltrepò. - D.n Carlo, dopo 25 anni di esiglio in Inghilterra Svizzera e Francia, tornò in Italia col più puro accento... pavese. La prima cosa che disse: «steet bèn? coma vala?» - Morì pel troppo vino bevuto. L'ultima cosa che potè trangugiare fu il Bordeaux. Morente, disse a sua moglie che comparve a rappacificarsi al letto di lui: «voo a mett su el ris...» - Nel ritratto, i suoi eterni stivali, il suo scudiscio etc. - Regalò un busto modellato dallo scultore Abbondio Sangiorgio all'avv. Carlo Marocco, per cui riebbe la sua sostanza contro la moglie, coll'iscrizione «Karolo Marocco - Forti egregie cordato viro - Injuris ac Legum scientia - Domi Forisque Principi - Karolus Pisani Dossius - Patricius Ticinensis - Suarum Fortunarum Vindici - Anno M.D.CCC.XXXX.IIII.


2872. Nonna Luigia (n. il 14 maggio 1786 m. il [lacuna] 1867) figlia del Dottore G. Battista Milesi di Milano (pàlai pot'ésan àlkimoi Milésioi) e della nobildonna Elena Viscontini, sposatasi il [lacuna] 1806 a Don Carlo Pisani Dossi di Pavia. Era un misto d'incredulità e di superstizione. Studiava filosofia etc. e poi avea il coraggio di far convertire Cecilia Tissot protestante, aja de' suoi figli, al cattolicismo. «La funzione, ella dice in una sua nota, avvenne a Montecalvo fra il giubilo della popolazione». (Sorr.della Tissot, vestita di bianco, fra lo scampanio etc. regali etc.)... Tutti i libri appartenenti a lei riboccan di note, ma presso a un pensiero dei più sentimentali (stile Ildegonda, Pianto Sospiri etc.) sta per esempio «spese per far coare le polle»... Fra gli annedoti che essa mi raccontava della sua vita è quello della mano tagliata piena di anelli (Episodio della Rivoluzione dell'89) di cui ho usato nell'Alberto Pisani (Isolina), è quello della sua fuga dal collegio francese in una corba di vimini, attaccata a un asinello - come pure l'annedoto di un salame rubato da lei bambina e sua sorella Francesca (la Traversi) e da loro mangiato in un cesso a mezza scala, affettandolo sul carello - Mi raccontava poi anche di un certo studente di Milano (Ottavio Guy) che le faceva la corte, il quale, essendola un giorno venuta a visitare, le offerse, per ingraziarsela, «un salsiciotto» che si cavò dal soprabito. - Nonna Luigia posava a volte in sentimentale, a volte in pedante. Diceva che la sua c... non puzzava. Dicea che ella non avea mai fame,


ma soltanto voglia di mangiare. Dicea che ogni buon Italiano dovea ogni anno leggere almeno due volte la gramatica del Soave - Era ricca, e però non mancò mai d'adulatori. - A 60 anni, assistevano spesso al suo coucher tre persone, cioè la cameriera, la S.ra Scotti già aja dei figli o la Signora Tacchini vecchia amica, e Biancardi suo ragioniere. E mentr'ella si spogliava, Biancardi faceva «Che corpo, donna Luigia!» - sul che la Tacchini «Ma te se conservet puranca ben, la mia Luisa!» - e la cameriera «la ghe da punt a ona giovina!» etc. etc. - App. alla nonna, il Gaetano Biancardi amministr. di casa, segretario etc. Biancardi faceva anche da lettore. Nonna, mentr'egli leggeva chiudeva gli occhi. Biancardi smorzava a poco a poco la voce fino a tacere. E la nonna allora, riaprendoli ad un tratto: perchè ti fermi? va avanti! -


2874. a ufo da ex ufficio cioè per niente - intassata - essendo che tale espressione veniva messa sulle lettere d'ufficio fra le varie magistrature - a bis effe dal doppio f. (F. F., fiat fiat) che i magistrati delle republiche italiane scrivevano sotto le istanze, quando accordavano di gran cuore checchessia - letame, perchè fa lieti i campi - Madiesì, me adiuvat Deus - Majale, porco castrato, detto così, perchè sagrificato a Maja, madre di Mercurio


2875. Spropositi classici - O Cesare o Nicola dall'aut Caesar aut Nihil - Nè per i pee nè per el cuu - dal nec prope nec procul - Prete Giovanni, dal Prester Kan. - Porta delle Miserie (a Firenze) dall'iscrizione «oportet misereri» - Così, tra gli errori di lezione dantesca cit. il «Che succedette a Nino e fu sua sposa» corrigendo in «che sugger dette a Nino e fu sua sposa» - «Che al re Giovanni diede i ma' conforti» in «che al re giovane diede i ma' conforti» etc.


2876. Se alcune volte la necessità di rime fece trovare nuove e belle parole, o magnifiche frasi, spesso non fu cagione che di stroppiar le parole es. ogna per ogni - ognore per ognora - leea per leena - commanno per comando - crudero per crudele - minace per minaccioso - spene per speme etc. - i quali stroppiatamente, perchè antichi, furono accuratamente registrati e illustrati dai compilatori dei dizionari classici, come bellezze di lingua.


2877. La novella 2ª, la 17ª etc. del Novellino, come pure molte del Boccaccio tengono legami di assai stretta parentela con le novelle Arabe delle Mille e una notti etc. etc.


2878. Tennyson, benchè non originalissimo e quindi non sommo, è pregevole, dove dimenticando la letteraria scienza, parla col cuore. Il suo Enoch Arden, e la Dora fanno piangere. - Tennyson risente di Longfellow. - Noto fra le sue belle frasi... «and lived a life of silent melancholy» - «The lawless science of our law» (parla della legislazione inglese) - etc.


2884. Hominem pagina nostra sapit - (Martialis) - Intestazione ai R.U.


2889. Archimede - nudus opum, sed cui coelum terraeque paterent. (?) E ciò potrebbe dirsi di Gorini.


2904. Nessun grande miglioramento politico, nessuna grande riforma, vuoi legislativa, vuoi esecutiva non fu mai iniziata in una contrada da' suoi reggitori (Buckle). Tutela dell'ordine - ecco il limite dei poteri governativi. Noi oggi lavoriamo alle riforme, che saranno accettate di quì a secoli. Noi prepariamo i futuri ministri. Oggi si pensa il romanzo che sarà scritto domani.


2909. Qualunque governo, se anche non retrogrado, è necessariamente stazionario nel progresso contemporaneo. Gli statisti e i legislatori per la continuità delle loro occupazioni politiche, non avendo campo di esaminare ogni nuova scoperta sono per necessità sempre indietro del loro secolo.


2911. I nostri vecchi artisti facevano spontaneamente dell'arte, non ne falsificavano. Essi la traevano dal cuore, dove si accumulava a loro stessa insaputa. Noi invece la disarmadiamo dal magazzino del capo, dove ci sta accatastata. Per cui, nella scettica Europa, vediamo i credenti edifizi dell'India, e nel golfo di Napoli sorge la casa olandese, e in Germania il tempio greco. Lo studio ci ha rovinato il cuore.


2912. L'erudizione, spesso alimento all'ignoranza. Più si legge, meno si sa.


2913. Anticamente migliaja di Dei parevano pochi; oggidì uno è di troppo.


2914. Car. epoca presente. Alla venerazione verso il passato si sostituisce la speranza nell'avvenire. Antic[amente] si ricordava di una età dell'oro, oggi la si predice.


2915. In ogni scienza, il miglior libro è quello che s'ha a fare: in arte, sono i già fatti da un pezzo.


2921. Nelli studi generali, che formano atrio ai particolari, ci si dovrebbero insegnare soltanto le ultime verità, la scienza dei nostri padri non dei nonni, perchè quest'ultima appartiene all'archeologia, scienza a sè.


2927. Mamma incinta di me, preparò una folla di cuffiettine. Naqui. Non una riuscì sufficentemente larga al mio testone - Io naqui, fuggendo con mamma gli Austriaci pochi dì dopo la rotta di Novara; naqui di 7 mesi, giallo per l'itterizia. Il medico vedendo il mio testone mi sentenziò malato e presto morto di idrocefalo. - Essendo poi cresciutello (anni 5), e desiderando sempre di avere la roba altrui, anzi qualchevolta prendendomela, mamma mi diceva che la roba degli altri non poteva diventar mia se non me l'avessero regalata. Ed io al fratellino Guido «fa te'» - dicevo. E Guido te' - Sì ch'io, con tutta legalità ladro, pigliavomi allora la roba sua.


2928. Sant'Agostino, il santo dei bisticci, il secentista dei latini. I suoi libri sono una serie non interrotta di sforzate antitesi. - Es. l'insaziabile sazietà, copiosa egestà, inimica amicizia, morte vitale etc. Nelle Confessioni egli scimioteggia lo stile biblico. Noto, fra le metafore forzate, il «psalterium decem chordarum, decalogum tuum» - Ha però molti bei pensieri.


2933. S. Agostino chiama il coito «agere negotium procurandi fructus mortis».


2934. Sed ex amante alio accenditur alius (S. Ag.) CF. Dante Amor che a nullo amato amar perdona.


2936. (V. 2928) S. Agostino è tutto dubbi e spavento. E' lo scienziato che cerca di rigettarsi nell'ignoranza per riaquistare la pace.


2940. (V. 2929) Dio ha presenti i tre tempi - li legge tutti insieme. Dio è l'unione di essi tre tempi. Delle tre lettere che formano il suo nome il D segnerebbe il passato, l'i il presente - l'o il futuro.


2941. Chi dice «ho obliato» dice «ricordo» (cioè ricordo di aver obliato) - come chi nega afferma, cioè afferma di negare. - La Memoria rende il passato presente; la speranza rende presente il futuro.


2942. Tempi di transazione, è frase, per me, senza significato. Tutti i tempi sono di transazione, cioè di passaggio da uno antecedente ad un altro susseguente, o, sono, in altre parole, tutti gradini di un'unica scala. - Ogni cosa è principio e fine in una sol volta, ogni cosa è causa ed effetto a sè stessa.


2943. S. Agostino parla dei bimbi nelle Confessioni a pag. 4, 5, 6, 7-19, ediz. mia di Lipsia -Tratti d'um[orismo] pag. 17.


2950. La stolidità ha nome ingenuità - la curiosità, desiderio di scienza etc.- E lo dicono dotto! la cui geografia ha studiata in Strabone, la cui S[toria] Nat[urale] in Plinio, la cui St[oria] Pol[itica] in Cantù!


2951. Fra molecola e molecola passa la distanza che passa fra stella e stella.


2952. Ogni parola che noi diciamo, giudicata secondo etimologia - è uno sproposito.


2953. Dell'occulta famigliarità tra l'armonia musicale e la bontà.


2955. Tra i grand'uomini da rivendicarsi, si presenta in prima linea Gerolamo Cardano milanese - medico e filosofo illustre - e letterato (1509-1576) - Qui vixit annos LXXVI, dice il suo epitafio, sibi diu, aliis numquam satis; - che scrisse più che non lesse e insegnò più che non apprese. - Di lui medico fu scritto anche che giovò alla futura e alla sua età. «Felix qui semper venturo profuit aevo - Aetati at numquam defuit ipse suae». - Curiosissima, anche dal lato letterario, è la sua autobiografia - come pure assai interessanti i voluminosi suoi scritti. Utile sarebbe anche un raffr[onto] tra lui ed Erasmo.Notare tra le curiosità che Cardano, essendo dotto davvero, pure alleava sempre la sua dottrina alla ciarlataneria. - V. dove dice che un odore di molti cerei, gli pronosticava sempre la morte del malato etc.


2956. Nelle opere di Cardano, si trovano molte frasi efficaci. Es. Et desii pauper esse, nam nil mihi relictum est. - qua diligo solitudinem, numquam enim magis sum cum his quos vehementer diligo quam cum solus sum - Replentur bibliothecae libris, animae eruditione spoliantur. Transcribunt, non scribunt - Inventiones enim debentur tranquillitati et quieti ac stabili cogitationi necnon experientiae, quae omnia sunt solitudinis - Scire tuum nihil est, nisi te scire hoc sciat alter.


2963. Molti rinunciano alla virtù per mantenersi la riputazione della virtù - Tutti ne parlano bene: brutto segno: tra i tutti sono i molti bricconi.


2973. Alla vita di alcuni, solo alimento è l'altrui. Distruggi il tizzone, distruggerai Meleagro.


2976. Il piacere e il dolore risiedono nell'incostanza, ossia nel continuo cangiare delle cause di esso. - Hai un esempio del secondo nella cosidetta «quaresima di Galeazzo», quaranta giorni di quaranta diversi tormenti. - L'abitudine tutto uccide.


2985. Apulei metamorphoseon favola milesia - (epoca di Antonino Pio).Apulejo è un mezzo umorista - Nato in epoca di decadenza di lingua - come dicono i pedanti - inventa anche lui parole etc., ma l'apparente trascurataggine del suo sermone è frutto invece di lunghi studi. - Il suo stile somiglia a quello di Petronio. Come la gravità del sermone latino mal s'attagliasse alla elasticità umoristica. Per quanto Apulejo e Petronio cerchino di galanteggiare colla lor lingua - questa lor non accorda che una mezza confidenza. Fra gli episodi umoristici - cit. quello di Lucio che arriva ad Ipazia (in Tessalia) va al mercato e compera un cestello di pesci cui gli si domandò 100 aurei (?) e pagò 20 denari. Ma trova un amico che è l'edile di quel mercato, il quale sentito il prezzo del cestello, va sulle furie, lo trae in vicolo dimandandogli qual'era il pescatore e dicendo di voler dare un esempio. Sul che fa rovesciare il cestello in mezzo alla piazza e calpestare i pesci da un officiale di giustizia, aggiungendo che questo esempio basta. Così il povero Lucio rimane nummis simul privatus et coena (Lib. I) - Comicissimo nel 2° libro il racconto di Telefron che cura il morto - bello il terzo libro in cui Lucio è cangiato in asino - bellissima la favola di Psiche (IV e V libro) ma niente um[oristic]a. - «Erant in quadam civitate res et regina» etc. è il solito principio dei racconti pei bimbi. - Molte fiabe e contes des fées furono tolte da Apul[ejo] e spec. dal libro di Psiche - Dove poi Lucio riaquista forma umana, preferisco il racconto greco attribuito a Luciano specialmente nella filosofica chiusa. Quì Apulejo si perde invece in decrizioni di sagrifici etc. Si direbbe che Lucio comincia a diventar asino quando ne perde le forme. - Il libro XI val nulla. - Notisi, circa l'edizione Parisis apud Leonard 1688, ad usum Delphini, in cui sono tolte le obscaena (per essere però messe in fine del libro tutte insieme) che vi si sono lasciati di passi tali «ac per hoc rarissime Venerem meam recolentem sustineo» colla nota nell'Interpretatio «proptereaque (parlasi di un morto di morbo articolare) rarissime arantem meum fundum» (St. di Psiche Lib. V. pag. 149).


2986. Es. di Umor[ismo] in Apulejo - Nostine Milonem quemdam e primoribus?Arrisit. Et vere, inquit, istic primus perhibetur Milo, qui extra urbem et pomoerium colit.


2987. Legenda eius esse nunc ossa, mox carmina - potius letum abire quam lectum - potius implere Fata quam fanda - calembourgs di pessimo gusto che si trovano nella Florida di Apulejo (XVI).


2990. Antichi sistemi di educazione e di istruzione. I moduli del sillogismo quos memoriae juvandae causa fictitiis vocibus experiunt in scholis. - La prima formola del sillogismo ne avea 9. - Barbara, Celarent, Darii, Ferio, Baralipton - Celantes, Dubitis, Fapesmo, Frixomorum - La 2ª ne avea 4 - Cesare, Camestres, Festino, Baroco - La 3ª, 6. Felapton, Darapti, Disamis, Datisi, Bocardo, Ferison -




Parte quarta


3006. In Achille Tazio (Amori di Ctesifonte e Leucippi, Lògos B) - si parla di un vaso di vetro jalino (tra il verde e il giallo, yalos;) scolpito a grappoli, i quali, essendo il vaso vuoto, sembravano acerbi; e pieno il vaso di vino, parevano maturi.


3007. ber baci - sign. bere nel bicchiere dell'amata al posto dove l'amata bevette - E' frase da porre nel mio progettato dizionario per uso d'amore - o manuale d'amore, dove vorrei apprendere artisticamente agli amanti le tacite e gentili dichiarazioni etc.


3008. La stagione bianca (l'inverno) - la verde (la primavera) - la rossa (l'estate) - la gialla (l'autunno).


3009. L'unica maniera di vincere al lotto è di... non metterci.


3010. Vi ha molta somiglianza tra la critica anedottica di Th. Gautier (p. es.nei Grotesques) e quella del Camerini - a differenza della critica a grandi segni di Rovani e di Schiller.


3011. Boileau, il pedante pedagogo di Parnaso.


3014. Imp[ortanza] di Callot nell'Umorismo - Le aque forti scandalose di Rembrandt - L'umorismo è la fusione della tragedia colla comedia


3015. Le condizioni della cosidetta immortalità in letteratura sono - aver pregi comprensibili a tutti, e quindi un'apparenza di mediocrità, affine di ottenere la fama presente spesso portinaja alla futura, perchè provocatrice dell'attenzione dei venturi: avere però, per conservarsela, anche pregi intimi - comprensibili a pochi.


3025. Tale a 70 anni fabbricò in luogo appartatissimo una casetta a due sole stanze, una terrena, l'altra sup[eriore], colla iscrizione «Morituro satis».


3027. Le favole milesie (romanzi dell'antichità) sono tutte fuse in un sol stampo. In tutte due amanti - una fuga - un viaggio o per mare con pirati o per terra con ladroni - un forzato distacco - un amante di quì, l'altro di lì - ...e una riunione finale - quando le comedie e i romanzi erano zeppi di pirati...


3030. In Tazio si trovano ingegnosi pensieri in fatto di amore. La favola però, tutta insieme, è scucita. E' un pretesto alle descrizioni, che Tazio v'incastra, talvolta a viva forza.


3031. La «Vita nuova» di Dante fu evidentemente figliata dal libro «della consolazione» di Boezio. - Es. l'alternarsi della prosa col verso di cui l'uno dichiara l'altro, certi modi di dire come «sospitatis auctor» «l'autore della pietà» etc.... nam in omni adversitate fortunae, infelicissimum est genus infortuni etc. CFR. non c'è maggior dolore che ricordarsi etc. di Dante.


3033. La felicità, la beatitudine (che fanno il summum bonum) sta nel saper contentarsi dello stato in cui ci troviamo - e però le bestie debbono essere felicissime che non cercano mai di uscire dal loro. - Altri dice che la felicità stia nel desiderio e che chi l'uccide, sia la soddisfazione di esso desiderio.


3038. El Massariol, spirito domestico veneto che fa i dispetti, è simile al Puck diavoletto inglese (Vedi Sh[akespeare], Sogno di una notte di estate) - ed è l'italiano «dispettino».


3039. Meno si pensa e più si scrive. Uno che lesse moltissimo deve avere pochissimo pensato.


3040. Es. di versi per nozze - Ti sia ognor propizio il dolce Imene - col tuo sposo felice e senza pene.


3041.«Io sono io»- fu l'ultima frase pronunciata da Swift, pazzo, e sul letto di morte. - Ed è il vero motto all'impresa dell'originalità.


3046. Th. Gauthier nei Grotesques dice che i poeti di second'ordine sono più originali di quelli di primo - La sua asserzione parmi confutabilissima.


3047. Goethe e Schiller aveano ripugnanza per Richter. Difatti i primi erano i rappresentanti di letterature che si chiudevano, e Richter quello di una che si apriva. «Ich kam - scrive Richter a Otto - mit Scheu zu Göthe. Jeder malte ihn ganz kalt fur alle Menschen und Sachen auf der Erde. Die Kalb (l'ispiratrice di Schiller) sagte: er bewundert nichts mehr, nicht einmal sich; jedes Wort sei Eis» ecc. Vedi v. 34 op. di Jean Paul mia ediz. pag. 166.- Così sull'Um[orismo]. V. Richter T. 34 Pag. 118 nella sua lettera a Vogel, Maggio 1783.


3048. Et[imologie] Dio CF. Diòs; dì, giorno. - Dio, l'eterno oggi - ars, artis, quasi areté virtus - ptòma, caduta CF. milanese toma. - Giove e Danae, Danae quasi danajo, danati, danee


3049. dupl. Bacone di Verulamio dice che ciascuno deve a questo mondo far cose cioè «piantare un albero, fabricare una casa, generare un uomo e scrivere un libro» - al che il mio amico aggiunge una quinta «far debiti» avvertendo però di non pagarli, affine di non disfare l'opera propria.


3050. Dite sempre di sì a ciò che vogliono gli altri, affine di poter sempre fare a modo vostro.


3052. Descriz. di una donna avara (Maggi C. M. comedie in mil.) La numera alla serva a vuna a vuna - fina i grann di ughett e fina i capper - (e dà ai servi) el formai che ghe vanza di trappol. - Del pess che s'mangia la fà guarnà i resch - de fa stecch e fa oeuli de brusà - Coi penn, scendra e carisna che se fà - la tra insemma el salari della serva - Del cervellaa la fà rostì el buell - per regalà el tinell - e al servitor l'ingrassa el pignattin - cont el sev che se sgria di tollin. - La fa poeu bev un vin che malanaggia - ch'el colorissa el stopporon del fiasch - e la soa fortuna l'è che nol smaggia - La leva su innanz di - e per consciass el coo - l'è ona sponga o una scheja de savon - denanz on ciapp de spegg. - Il suo maggior dolore è quello di andar del corpo e per l'avarizia e la stitichezza - E col dì sorge a meditar penuria


3063. Epigrafe su una cassettina che conteneva dadi d'avorio «Haec est humanae semper mutatio sortis - Fit moriens ludus qui fuit ante pavor» - (Anth. lat.) Si può usare per epigrafe alla bizz[aria] int. la morte del diavolo. Vedi Libro delle bizz. del Dossi.


3068. Aretino amava non riamato una Pierina Riccia - da lui tolta alla miseria. Essa ammala, ed egli a forza di cure, la fa guarire. - Ma guarita, Pierina fugge con un altro amante. Ritorna dall'Aretino dopo tre anni - egli non solo la perdona, ma ricomincia ad amarla. Pierina si riammala e gli spira fra le braccia. - Un anno dopo egli la deplora ancora; e presso a morte, dice «l'ho amata, l'amo, e l'amerò finchè la sentenza del dì novissimo giudicherà la vanità nostra».


3069. Enrico III di Francia - paurosissimo, durante i temporali si facea dare clisteri di aqua benedetta per aquietar la coscienza


3071 - Chi ricoreggie un frutto della propria imaginazione spesso lo guasta.V. ad es. Tommaseo nelle sue poesie e spec. in quella «per giovane sposa che va al Brasile» dove muta gli «odi cortesi» in «odi freddi».


3075. Redi insegnò agli uomini di temere più le medicine che i mali.


3077. La menzogna non può esser contenuta se non in un vaso di verità - La stessa menzogna è un omaggio alla verità, perchè tanto è migliore quanto più è verosimile. - CF. Per tener su la volta della menzogna ci vuol pure qua e là qualche colonna di verità (Richter).


3079. Parny - stile-empire. Rappresenta la perfetta mediocrità. Buono è però nelle elegie. - Nella Guerre des Dieux rovinò il bellissimo tema, più che non gli abbia giovato.


3080. Enea trojano fu detto per eccellenza il Pio, e tradì Didone!


3083. L'ideale amante delle fanciulle è spesso tolto da qualche brutta litografia di «Spirito Folletto».


3086. Il rispetto pei becchi è schifo dissimulato - ...è schifo simulato di rispetto.


3087. Tutto si perdona, fuorchè il non aver cuore. Chi non l'ha, se lo inventi. - Dicea la Maria mia cugina. Cuore io? Te se sbaliet. Mì ghe n'hoo propri no, de sti robb. A mì me importa de nissun, foeura de mì. Se foo ona quai azion che par bonna, l'è perchè gh'avaroo i mè riveriti perchè... o i me fin.


3089. Quella vecchia, dopo 70 anni, leggeva ancora quel libro di preghiere e non lo sapeva ancora a memoria!... Del resto, che v'ha di più assurdo di una preghiera che si legge?


3091. Res auferre sacras et consecrare rapinas - Testantia furtum dona (Anth.lat.) - Descriz. del cortile dell'Ospedale Maggiore al tempo dell'esposizione dei ritratti dei benefattori. E' un ergastolo di faccie. L'avarizia e l'arsura, il delitto e il rimorso si alternano per quei ritratti - Scelus undique densum est. - Sono tanti appicati in effigie.


3094. Foscolo non umorista. - Il suo «Gazzettino del bel mondo» scritto senza pre-meditazione, tolto dal calamajo man mano; è anch'esso tutto impedantito da citazioni etc. - è il galanteggiare di un elefante. - La splendida bile di Foscolo, già preannunciata dal suo nome, fòs, luce e chòlos, bile.


3095. Il cavaliere servente a scelta della madre o della suocera, si trovano spesso compresi nei patti nuziali del 1780 etc.


3097. St. d. Um. I poeti comici primi insegnarono a ridere anche delle cose serie. La satira la dicono ignota ai Greci? ma e Aristofane? La satira non essenziale all'um. - Il poeta comico è il deputato del popolo. Si trova um.nel servo delle comedie antiche, benchè sia un um. che spesso cade nel comico - L'um. è il trait-d'union tra il comico del servo e il tragico del padrone nelle comedie. - L'umorismo è la borghesia - è la lett. democratica. - Dell'Um. in Ispagna «dejando los disparates - y los de vano humor» (L. de Vega). Perchè in Ispagna l'um. non potè prosperare etc. «El gracioso» della comedia spagn. - il buffone.


3099. Lo que no puede amor - no puede hacer el dinero (L. de Vega). Eppure conosco il caso di una fanciulla che non amava tale, e poi cominciò ad amare sapendolo ricco, e questo amore, per l'abitudine, passò presto dal cervello al cuore, e continuò anzi si fece più forte, quando l'amato per un subitaneo rovescio di fortuna impoverì. - No hay señal - de amor mayor que negarlo (L.de Vega).


3102. El mal que mas presto se sabe - mas presto llega a ser mal (L. de Vega).E ciò può dirsi delle notizie telegrafiche.


3105. Rana coaxat - tigrides raccant - clangunt aquilae - il gufo bubula - l'innito del cavallo etc.


3106. Mommsen (St. Rom. Cap. sull'Arte) nega agli italiani la passione del cuore, nega le aspirazioni a un ideale sopraumano e nega l'imaginazione che dà alle cose senza vita gli attributi dell'umanità - in una parola, nega loro il fuoco sacro della Poesia. Mommsen dice che gli Italiani in nessuna epoca della loro letteratura produssero una vera epopea, un dramma serio e completo, dice che la comedia Dantesca, i capi d'opera storici di Macchiavelli sono opere più di retorica che di ingenua passione etc. etc. Questo capitolo dell'Arte è una solenne stoltaggine. - Mommsen l'antiartistico voler parlare di arte!


3107. Chi accusa Manzoni di non aver congiurato anche politicamente in favore del proprio paese, si dia la pena (o dirò meglio il piacere) di leggere il suo «Discorso storico sui Longobardi» - dove prova che una lunga dominazione non può fare un sol popolo di uno oppressore e uno oppresso. - E' la condanna dell'Italia austriaca sognata dai politici dominatori. - Ricchissimo è poi il discorso di preziose osservazioni sul modo di scrivere la storia ed è pur ricco dal lato oss[ervazione] um[ana] - ...«Tale non è lo stile della persuasione che viene dopo una curiosità sincera, dopo un dubbio ponderatore, dopo un esame accurato. Questo fa trovare nelle cose un carattere particolare che s'imprime naturalmente nelle parole: la verità storica non va a collocarsi in quelle generalità tanto meno significanti quanto più ampie, che sono così spesso il mezzo di comunicazione tra il poco bisogno di spiegarsi e il poco bisogno d'intendere». (Manz. discorso stor.).


3112. Lope de Vega (1562-1635), fu autore fecondissimo. Scrisse 1500 comedie e 400 actes sacramentales. - Nelle sue com. molti tratti d'umore - In una sua com. (che credo sia Los milagros del desprecio) sulla fine, quando i se sposa, Leonor (la serva) dice: Tuya soy, Hernando mio - e Hern. (valletto di D.Pedro) Advierte que no hay braguero. - Altro finale di comedia, nel premio de bien hablar è questo. Dice Martino - A mis bodas, caballeros - convido para mañana - Si no es que antes me arrepiento.


3115. Las bizarrías de Belisa e Las flores de Don Juan sono due fra le comedie di Vega ch'io preferisco alle altre. Nella prima, notabile è la scena 3ª del I° atto, tra Don Juan de Cardona e Tello, dove si parla di donne e d'amore. - Que donde zelos no soplan - nunca amor alza la llama - (Lo que ha de ser com.di Vega).


3116. I gerghi sono importantissimi nella filologia comparata - e spec. fra i gerghi la lingua furfantina - come pure sono importanti nella psicologia - I gerghi ci offrono poi metafore pittoriche, aned. storici etc. etc. Es.: la dannosa (lingua) - la muta (coscienza) - la salsa (anima) - la larga a leah whore (Sh. Tempest) (meretrice) - creapopoli (pene) o mundus (qui ducit mundum) - mercante di fiato (spia) - collegio (prigione) - Barbetta (cappuccino) - Ala (braccio) - smontar il colore (uccidere) - far sudare il collo (strangolare) - guarito dalla prigione (uscito) - Apostoli (dita) - mattina brusca (la mattina dell'impiccatura) - boulet à guerre (popone) - bouffarde (pipa) - bavarde (bocca) - monili (manette) - Mademoiselle (sodomita) - fauché (ghigliottinato) - faire flotter (annegare) - crucifix à ressort (pistola) - allungare il muso (fuggire) - allungare la vita (esser appiccato) - il luminoso (giorno) - la fangosa (anguilla) - la serpentina (lingua) - i raspanti (polli) - chiodo (coltello) - fio de quaranta ongie (ven., bastardo, briccone) - la bruna (notte) - a mezza bruna (a mezza notte) - occhio al scalin (parla cautamente) - Langohr (asino) - leben (pane) - arton (pane, dal greco) - Steinhaufen (città) - i devoti (ginocchi) - Plattfuss (oca) - Schlangen (catena) - Pillen trägerin (donna gravida) - Nacht (nero) - pesare (dar la corda), - etc. etc. etc. V. gli incompletissimi Studi sulle lingue furbesche di Biondelli, colle mie note ms.


3117. Il denaro in gergo è chiamato - tollitt - manteca - pessitt - el quint element - ciovitt - formaggio - giallo - i miei - parenti - mitraglia (monete di rame) - balsamo - balsem de medegà i piagh etc. etc. V. ut sup.


3118. Nelle Note Umorist. di letteratura alta e bassa (V. 2240) aggiungere un capitolo sui titoli dei libri, in rapporto alla moda, e al contenuto dei libri stessi.


3119. Fortunato quello scrittor di romanzi, che, come Manzoni, ha lì sottomano sulla fine del suo libro, una buona peste che lo sbarazza de' suoi personaggi!La solita fine d'ogni romanzo e d'ogni vita è la morte, o quanto torna lo stesso, il matrimonio


3120. Di molte nostre abitudini ci pare impossibile far senza, e però non tentiamo neppur di lasciarle... Lasciamole - e ne faremo senza benissimo.


3121. E questa buja musica la chiami serenata? Dilla almeno senza stelle; dilla piuttosto nuvolata.


3124. installatio, in un publico impiego. CF. con stalla, mangiatoia etc. - diàbolos, calunniatore, accusatore. Dall'accusa si ha la luce, donde Luci-fer


3125. Prima di Cristo, non incontro nella letteratura della antichità un carattere che segni la domestica umile bontà. Non dico che bontà non si trovi - ma è tutta bontà superbissima.


3131. Il verso può spesso dire in tempi di tirannia, quanto alla prosa è inibito.


3132. R.U. La Marchesa Guerrieri Gonzaga è una vecchia dell'antico stampo. Si offende di chi le usa troppi riguardi, quasi volesse trattarla da nonna e gli dice «non son decrepita, ve'» - Chiama il dottore per fargli vedere le sue tolette che le vengono mensilmente da Parigi. Sta delle ore ad acconciarsi la cuffia allo specchio, e vuole che il cuoco le tenga intanto disteso dietro le spalle uno scialle bianco e nero per far spiccare meglio la cuffia... Poichè il cuoco è la sua confidente e la sua cameriera. E' lui che le scalda il letto, che la spoglia e la veste, che le dà i serviziali etc.


3133. Di un morto, messo in bara - dice a p[ress'] a p[oco] Richter, «s'imbozzolò, aspettando di diventare farfalla» (CF. l'angelica farfalla di Platone e di Dante).


3134. Della vita, metà è di desiderio, e metà d'insoddisfazione. La vita è una atroce burletta.


3135. Um[orismo]. Vedi sparsim in Apulejo - per es. dove il banditore, vendendo Lucio con altri asini, spiritoseggia (L. VIII). Cui il vecchio che vuol comprarne uno per imporre sul dorso di lui la Dea Syria, dice: At te, cadaver surdum et mutum, omnipotens et omniparens Dea Syria et Sanctus Sabatius et Bellona et mater Idaea cum suo Adone Venus domina caecum reddant; qui scurrilibus iam dudum contra me velitaris jocis. An me putas, inepte, jumento fero posse deam committere, ut turbatum repente divinum deijciat simulacrum, egoque miser cogar crinibus dissolutis discurrere et Deae meae humi jacenti aliquem medicum quaerere? - A Lucio asino s'impongono poi, insieme alla Dea, sacchi pieni di doni-comestibili fatti alla Dea «ut horreum simul et templum incederem». - Nota anche negli scritt. umor. in generale l'irreligiosità. - Sed Apollus, quamquam Graecus et Jonius, sic latina voce respondit.


3136. Nelle umane contradizioni, nota di molti spregiudicatissimi in fatto di religione etc. eppure pieni di meschini pregiudizi in fatto di superstizioni che farebbero arrossire una donniciuola - ...era pieno di pregiudizi e d'incredulità: rideva della divinità di Cristo; impallidiva al sale rovesciato. - Avrebbe ucciso senza rimorso un uomo; sveniva alla vista di un topo.


3137. Ippia sofista, a quanto pare ignorante dei vantaggi della divisione del lavoro, s'era posto in capo di fabricarsi tutti lui gli oggetti necessari alla sua vita - come vesti - mobili etc. etc.


3138. Cui videbor verisimilia dicere proferens vera? (Apulejo) - Così dice Lucio, che sta per dire bugie. Nota che è dei bugiardi la continua dichiarazione anzi il giuramento di dir verità - Vedere Es. nella vera istoria, di Luciano etc.


3139. L'Ospedale. Il medico ordina medicine su medicine al povero ammalato per arricchire l'alleato speziale. Il tempo manca a pigliarne tante. Le polveri seguon le pillole, i beveraggi le polveri. Fortuna che il cesso ajuta il malato. Eppure, con molta minor spesa si potrebbe giovare assai più agli infelici - cangiando in cucina la spezieria, e in buon brodo e buon vino le nauseanti bevande. Aggiungi la villania di modi nei medici per carità, che, in loro, è on obblegh meneman come l'uffizi etc. e poi vedi quanto i nostri ospedali o case di malattia siano lontane dall'esssere case di salute.


3140. I dottori in carta comune e i dottori in carta pecorina.


3145. Una ragazza in una festina da ballo, indossa per gioco le vesti di un giovane. Tornata a casa le si manifesta nelle parti cosidette vergognose, una malattia, che ella, per pudore, cela alla madre. Ma il male aumenta ed ella deve scoprirsi - Sgraziatamente, non è più tempo ai rimedi. La ragazza muore, vergine - di peste venerea. Chè il giovane di cui ella avea indossato le vesti, era affetto dal male che disonora l'amore.


3146. Un legger cambiamento nell'angolo faciale può fare di un Voltaire un Cretino.


3148. Solo a cento leghe d'Italia, un italiano può simpatizzare con un altro italiano.


3149. hacer de los ojos lengua - snuffing the air as a pig - afrodisiaco tumulto di sangue - l'estate del focolare (inverno) - la luna, il luogo d'appuntamento tra gli amanti lontani - teglie e padelle appiccate per un orecchio - il formaggio, il salame e simili sproni al bere - morire longitudinalmente (appiccato) invece che orizontalmente - can terrigno (terrier, terrarius) - le remipedi anitre - vale bene, ut valeam


3150. L'uomo è felice quando non pensa - felice quindi nel sonno - e felicissimo in morte. La donna pensando meno dell'uomo dovrebbe essere meno infelice.


3151. Non credo possibile un'amicizia od un amore fra persone di troppo differente statura. Amicizia spec. nasce spesso e si nutre dalla conversazione, la quale ama il passeggio (che la filosofia peripatetica raccomanda dicendo che [il] moto dei piedi, muove anche il cervello) nè v'ha buona e simpatica conversazione se non se tra chi può ben guardarsi negli occhi. Il che riesce quasi impossibile fra un nano e un gigante - come riescirebbe, d'altra parte, l'amicizia impossibile fra un nano di animo e un gigante.


3152. Si vedono mamme insegnare l'educazione ai figli a forza di schiaffi e piedate - affinchè, dicono loro, questo lor ricordi l'insegnamento.


3154. Io mi sento troppo debole per lottare contro l'avversa corrente del mondo e troppo forte per abbandonarmivisi. - Su questa terra, io non son più che un dente guasto: è necessario strapparmi - Amo i miti affetti; il calmo amore dell'amicizia e dei genitori. Tutto il resto è tormento. - Me in amore uccide tanto il desiderio, quanto ucciderebbe la soddisfazione.


3158. Gorgueran, spag. chi porta gorgera CF. il nostro mil. gorgoran, per sciocco - fà minna, spicco - minne, amor, ardor furor - bella vista, miene etc. - follicare, lat., soffiettare, sbuffar come un soffietto.


3159. Molti cominciano a fare l'amore per scherzo, e finiscono a innamorarsi davvero - E così è dell'amor per le Muse.


3160. Non si può studiare e scrivere bene nello stesso tempo, come non si può mangiare e andar di corpo contemporaneamente. Si mangia male e si caca peggio.


3161. Continuamente nascono i fatti a confusione delle teorie.


3162. Non c'è bagno per quanto a vita che basti a lavare la sudicia umanità.


3163. Aleardi e Leopardi sono due serbatoi di perpetua infelicità - Carducci crede di esser poeta e non è che un gramatico.


3164. gh'è toccaa fà el volontari. - Ingannata, non piango, pianto.


3165. La casa è la conchiglia dove si agglutina la perla dell'onestà.


3166. Nessuno mi ama? Ebbene, io mi vendico amando tutti.


3167. Nel congresso degli asini, il leone non è la bestia la meglio accetta.


3168. Era ammalatissimo. Si temeva della sua vita. - Ma e che temere? Non è nè un povero padre con mezza dozzina di figli da mantenere, nè il reggitore di un paese, nè il segreto benefattore di migliaja di miseri. - E' una persona inutile - e temete che muoja?


3169. Cascami dell'imaginaz. del Dossi - ...La principessa era vecchia; ella avea già rinunziato ai rosei peccati o a meglio dire i peccati aveano rinunziato a lei; e però non si poteva neppur sospettare che tutta sta gente, giovine per la più parte, e rompicolla, si riunisse ogni sera da lei all'unico scopo di starsi intorno ad uno spento camino... - Maledetta magia del nome di giocatore, massime se di perdente! Uno che abbia perduto in una sera al tavolo scellerato un migliajo di lire, è guardato con maggiore interesse di chi ne abbia spese in un dì una ventina utilmente. Con mille in tasca di meno ci si trova con mille di più nella stima dei nostri sori compagni. (Dai R.U.Desinenza in A. P. 3ª).


3170. Ipocrisie linguistiche. Debito d'onore (o di gioco) dove onore non c'è


3172. Nella nobiltà, le senescenti famiglie muojono spesso per isdegnare l'innesto colle nuove.


3173. Uxor, nomen dignitatis est, non voluptatis. - Teneva la moglie come certi bibliofili tengono i libri - senza toccarli.


3174. Tiene un culo sì bello, che non gli manca se non la parola.


3175. La mediocrità nelle fortune impedisce spesso di migliorarle. Io per es., fortunatamente ne ho tanto da potere non lavorare, ma sgraziatamente anche da non dovere. Io, per diventar ricco, avrei bisogno di esserne astretto dalla miseria. - O mediocrità, quanto poco sei aurea!


3176. Era una casa in cui si andava molto di corpo - a me basta pane e allegria - Non era di quelle che mangiano pane e toelette


3178. Erano in marsina e cravatta bianca - Si sarebbero presi per camerieri se avessero avuto un po' più del signore. - gli «estratt de tutta ciolla» (mil.).


3179. (V. 2348. R.U. L. X) La Matta Biraga.


3180. ...idee trovate nella filosofia, abbellite dalla poesia. - La gloria è spesso mangiata dalle tarme. - Le freccie avvelenate di Cupido. - Dall'oriente il Sole e la peste.


3181. In molti luoghi, l'infima plebe, usava adoperare il boja qual medico.Noi, dell'alta plebe, facciamo appunto il rovescio.


3184. Piace di mirare la luna, imaginando l'amante che vi guarda nel medesimo tempo, come piace a guardare lo specchio che riflette col nostro un amato sembiante.


3185. Epit[afio] di una fanciulla - bottone di rosa, tolto alla terra perchè fiorisca nel cielo.


3188. Il baciamano - uso nauseante italiano e spagnolo. La candida mano della dama baciata dalle tabaccose labbra del pedagogo di casa etc. etc.


3189. Ma e il tuo Carlo? - Ecchè! non posso forse amare anche lui? C'è il cuore, e c'è il ventre. A ciascuno il suo amante. Carlo poi è servitore: è abituato alle vesti ed ai cibi di seconda mano... (Dalla Des. in A. P. II).


3191. Differiscono le bestie dagli uomini anche nel modo di mangiare, cominciando quelle, tra molti cibi, dal cibo che loro più piace, mentre gli uomini si tengono questo appunto per l'ultimo. Or non sono le bestie, colla loro non ragione, assai più di noi ragionevoli?


3192. Gli Snobismi. - Oh quante, che in famiglia sono le più simpatiche, le più disinvolte donnine, ti diventano in società odiosissime colle loro arie imprestate, la loro moue, il loro gergo, i loro sentimenti imparati a memoria!


3195. Uno stato per sostenersi temporaneamente lavora spesso alla propria futura distruzione. Es. l'Inghilterra, ultimo asilo della feudalità, che per guarentirsi dalla Russia, vi suscita a sue spese quel movimento internazionalista, che dovrà poi inghiottirla.


3196. Nella vita di Gorini fare il raffronto con Redi - a proposito della Scienza scritta con Arte.


3197. I denari non gli escono di mano se non sbiaditi - Crede di tenermi sempre soddisfatto col darmi mai nulla


3198. Fòloe - Eble - Silvia - Odda - Norina - Balduccia - Aura - Amora - Irma - Imma - Beroe - Griselda - Leonetta - Tamiri - Càrite - Tilla - Nanna - Enrica - Follia - Zambra - Lidia - Luce - Tacita - Iblea - Giuliotta - Mea - Paggetta - Flavia - Fulvia - Bigetta - Adriana - Flàmen


3199 - (dupl.) Della vendemmia Manzoniana, schiacciata dall'uva di Foscolo, Alfieri, Monti, Parini etc. il primo vino è fatto (Manzoni) - e così anche il torchiatico (Rovani). Non resta più che a stillarne i graspi e farne la grappa (Dossi).


3200. V. di Richter sparsim. In Richter trovo i pensieri dei pensieri. Il suo è uno spirito, che come la gallina vede l'aquila in cielo e il verme nel suolo. - Tuttavia, benchè profondissimo per filosofia - è poco artista, cioè poco grafico, poco pittorico - tutto al contrario di Rovani, il quale, special[mente] nel Giulio Cesare, sagrifica a volte il filosofico al grafico.Ma Rovani è anima italiana - e Richter germanica. - Nelle prime cose di Jean Paul, spec. nel Grölandische Processe, vi ha un accumulamento tale di imagini e di idee, da dare, almeno ai nostri stomacucci, nausea. Certa e buona promessa è però sempre quel giovane autore in cui si trova più da tòrre che da aggiungere - Richter insegnò agli amanti come amare si debba, ed agli scrittori come pensare. Chi leggendo Jean Paul, non trovasi ingegno - non se ne troverà più mai.


3201. Le critiche di Rovani uccidevano, ma imbalsamavano anche - per sempre.


3203. «Difficile est satiram non scribere». Io scrivo satire, dicea Jean Paul per migliorare, non gli altri, ma me stesso - almeno nello stile. - Sulla satira di Pope e di Swift V. Richter, Vol. 9, pag. 129-130.


3210. Si può dire di Richter e di molti umoristici: in Menschen seiner Art haben Kummer, Satire und Philosophie neben einander Platz (id). Un umorista descrive piuttosto lui stesso che i suoi eroi. - Richter ne è un esempio benché dicesse parlando dei poeti del suo tempo «unsere Dichter malen nie ihre Helden, sondern nur sich».


3211. Nessuno, neppure Balzac, conobbe le donne meglio di Richter. - Die Weiber sich nach dem 30sten Jahr wie Reliquen, für älter ausgeben als sie sind. (J. P.) - Die Männer bereiten sich auf ihre Zukunft durch lauter Abhärtungen vor, und nur wir uns (Weiber) durch lauter Erweichungen - Genialische Weiber unglaubig sind wie genialische Männer glaubig (J. P.).


3231. Richter spesso dipinge sè stesso - er sah unsere Thorheiten mit einem vergebenden Auge, mit humoristischen Phantasien und mit dem ewigen Gedanken an die allgemeine Menschennarrheit (id.).


3232. Eine allgemeine Verstellung keine ist (id.) - Che dove tucc ingannen no ghè ingann (C. M. Maggi).


3234. Das Mann-Weib (J. P. Titan 19 Jobelperiode vol. 2 pag. 110). Conf.l'homme-femme di Dumas.


3246. Richter è frammentario,come lo sono spesso gli Umoristi. L'Espero p. es.non è che una raccolta di massim filosofiche e di capricci, incorniciata in un romanzo. Del resto, il troppo interesse della favola nuocerebbe alla stoffa umoristica del libro: esso farebbe sorvolare senza attenzione a tanti utili insegnamenti, a tante imagini ingegnose etc. - In certe descrizioni di notti stellate etc. (Es[pero] Vol. I° pag. 121) Richter abusa della intonazione Klopstochiana.


3247. Il tempo è il più scienziato e il più pratico di tutti i medici.


3250. Chi non s'addormenta volontieri? E però, chi non dovrebbe morir volontieri?


3251. Il mio silenzio è più eloquente del tuo parlare.


3252. Nel 1790 si usavano aquerellare ritratti sui guanti - Si usavano anche orologi da tasca per signore in foggia di cuori.


3253. Per rettamente giudicare della vita intellettuale o morale di un uomo è necessario che costui sia morto, o almeno abbia ciò detto come Rossini, allontanandosi completamente dal campo in cui lavorava; in quella maniera che non si può far la somma finchè non siano messe giù tutte le diverse partite.


3254. La perla, preziosa malattia.


3256. Nelle descrizioni di sagre, di balli sull'erba, di vita campagnola, i romanzieri parlano come in un sogno. Vorrei che venissero un po' in campagna, vorrei che avessero a che fare un po' coi villani! Altro che poesia! Ebrietà, sassate, turpiloquio, scompisciate e cacate... ecco le sagre, i balli sull'erba etc.!


3258. Non si può scrivere con fedeltà del presente, ma solo del passato o del futuro. - S'imaginano le grandi opere letterarie o in momenti di somma gioia o di sommo dolore: si scrivono nella calma.


3259. G.F. La sera di Ognissanti si mangiano le castagne allesso; poi si dice il rosario.


3260. In letteratura, gli antichi mostravano, per così dire, le ore dei sentimenti, mentre noi mostriamo i minuti e i secondi - il che - nell'infinità del grande e del piccolo - si equivale perfettamente.


3261. Le arti perfezionandosi si dividono e suddividono. Anticamente Musica e poesia erano una cosa sola - e così appressapoco Poesia e pittura. Ora però la poesia tende da grafica a diventar filosofica. Il pittore Omero deve cedere al pensatore Richter.


3262. Il carattere dell'Umorismo italiano è d'essere più sensuale, e direi più carnale del germanico e dell'inglese.


3263. Quanto sa, gl'impedisce di sapere quanto dovrebbe.


3264. E vuoi che lavori? fa già fin troppa fatica a far nulla. - quell'ozio che è peggior d'ogni fatica.


3265. ha bimbi? - No - salvo il marito.


3266. Per ben riuscire al Dossi manca l'ingegno di mostrarne meno.


3267. uscito vivo dalle mani della febbre e del medico.


3268. Le cose di questo mondo, anzi dell'universo sono così concatenate fra loro, che, chi ha buoni occhi, può a qualunque proposito trarre similitudini da qualunque di esse.


3269. Chiedete un favore, sempre al dopopranzo - non fatene se non prima di pranzo.


3270. Ferse, ted. Conf. berze, calcagno in Dante


3271. Disgraziatamente per l'Italia, l'artistica, la letteraria Italia, essa possiede una dinastia reale, che nè per tradizioni gentilizie, nè per ingegno de' suoi membri ama l'arte e la letteratura.


3272. Novelle pei generosi. V. sparsim. Una fanciulla s'innamora di un uomo maritato il quale non vuole tradire la moglie donde tormento di entrambi. Ma la moglie entra in mezzo, e per salvar la ragazza, persuade, anzi costringe il proprio marito a ricambiarle l'amore. La fanciulla, commossa a tanto sagrificio, non vuole esserne indegna, e si uccide - Altro tema. Una ragazza s'innamora di uno scrittore, morto da moltissimo tempo, e deperisce per lui.


3275. Il merito individuale consiste nel far ciascuno il meglio che può.


3276. Chi comincia le opere sue troppo grandiosamente, spesso deve finirle miserabilmente, come si vede in certe iscrizioni bottegaje, che incominciate con lettere capitali, terminano per mancanza di spazio in minuscole e abbreviazioni. - Beethoven p. es. esauriva tutta l'opera nella sinfonia.


3277. Il chierico è come l'ombra del prete - s'abbassa quando l'altro si abbassa, etc.


3278. R.U. Carattere del gonfiatore. Piglia il motivo dal Critic di Sheridan Act. I nell'articolista Puff.


3282. Vedi per Plinio, sparsim - Notevole contradizione è il giudizio di Plinio, che alle volte sottilissimo, prudentissimo, accoglieva altre volte senza esame le più grosse assurdità: l'ibis, inventore dei serviziali - l'ippopotamo che quando si sente in corpo pienezza di sangue preme una vena contro qualche oggetto acuto e si fa un salasso - cavalli pegasi etc. - Plinio nel libro x (49) pare peraltro che non creda più alle baje romane lanciate nel libro VIII. - Plinio va ricco di bellissimi passi anche letterariamente o almeno curiosi - V. Più sotto 3287, 3288, 3289, 3290, 3291, 3292, 3293, 3294.La frase teatrale di Plinio.


3284. L'origine dell'uso di tagliar la coda ai cani può trovarsi in ciò che dice Columella (V. Plinio) ...si XL die quam sit natus castretur morsu cauda summusque eius articulus auferatur, sequi nervum; exempto nec caudam crescere nec canes rabidos fieri (Pl. L. VIII. p. 93) Da questi pregiudizi derivò forse la frase - in cauda venenum.


3288. (Di colei che inventò le vesti bombicine, vesti coe) - Pamphile, Plateae filia, non fraudanda gloria excogitatae rationis ut denudet feminas vestis...nec puduit has vestes usurpare etiam viros levitatem propter aestivam - in tantum a lorica gerenda discessere mores ut oneri sit etiam vestis (Plinius) - Vedi frase lat. ventum textilem, woven air. Le vesti vennero inventate per tenere in credito il nudo.


3295. Plinio (L. XVI. C. I) descritta la miserabile vita di un popolo settentrionale, detto dei Cauci, termina dicendo «et hae gentes, si vincantur hodie a populo Romano, servire se dicunt! ita est profecto; multis fortuna parcit in poenam» - Ma e la libertà, Plinio mio? non la conti per nulla?


3305. la carnosa foglia de' tamarici - le mordaci ortiche - le pungenti foglie del pino - lampiride, lucciola.


3315. Regola capitale nell'arte - half is better than the whole - pléon émisy pantòs (Esiodo).


3317. (V. 3306. 3307) Nel Leviathan, Hobbes, dipinge l'umanità per vile, scellerata etc. - e schiude la setta degli egoisti e dei brutisti. Eppure la vita di Hobbes fu proba, netta di scandolo. Chi agiva in lui era l'inclinaz.del tempo ad ogni sorta di paradossi. - Le opere degli autori sono spesso in contrasto cogli autori stessi: non rade volte uomini melanconici aquistarono fama come comici scrittori (p. es. il Porta) e viceversa altre volte. - Nella comicità del Porta c'è però un fondo serissimo.


3318. Utili nelle note di letteratura alta e bassa - e per la St. dell'Um. - sono i seguenti cap. di Disraeli (Ediz. Baudry) - Sul ridicolo, pag. 99 (Miscellanee di lett., Vol. I°) - Miscellanisti pag. 353 (id. v[ol.] 2°) come Erasmo, Montaigne etc. - Dello stile pag. 364, Vol. 2° (id.) - Lettura, pag. 368 Vol. 2° (id.) - Imitazione e novità pag. 374 Vol. 2° (id.).


3336. Per la St. Um. pigliare cognizione delle seg. opere - Senecae Ludus in morte Claudi - Piero Valeriano, eulogium sulle barbe - Holstein eulogium del vento Nord - Heinsius L'asino - Menagio la trasmigrazione del pedante parasita in un papagallo, e la petizione dei dizionari. - Erasmo dedicò l'elogio della Stultitia (Moria) a Sir Thomas More, per amore del giuoco di parole - Sallengros, panegirico dell'ebbrezza - Synesius, elog. della Calvizie etc. V.


3338. 3338. (V. 3336) Nota pure la batracomiomachia di Omero, la farfalla di Spenser, la Zanzara di Virgilio etc. come i nostri capitoli sulle Poste, sull'orinale etc. - tutti es. di lett. grottesca.


3344. Utili alle Note lett. e alla St. Um. - i passi nel Disraeli (Curiosities of Literature) p. es. a p. 40 dove si parla dei romanzi della Scudéry 1700 etc. romanzi la cui lettura durava 6 mesi - Nomi in voga, Clelie, Ciri Partenissa - Celebre la carta del royaume du Tendre nella Clelia di M.lle Scudéry etc. - a pag. 50 dove si parla di letterarie imposture - a p. 46, storie rabbiniche, imp. per la St. Um.


3345. Utili al Libro delle Bizz. i passi di Disraeli (Curiosities of Literature) - a pag. 60 per la bizz. «Asta di roba fuor d'uso» tra la quale i giudizi di Dio - a pag. 17 distruzione dei libri per la bizz. «Giudizio Univ.delle idee» - etc.


3347. Il Pensiero è anch'esso un'azione - Scribere est agere. - Chi pensa dà la sua parte di sangue alla patria e all'umanità, nè più nè meno del soldato che cade trafitto sui campi di battaglia. Il pensiero è sangue.


3348. E' più facile trovare scrittori di poemi epici che non lettori. - Florem putares nare per liquidum aethera (parlasi di farfalla. CF. frase di Richter 3221) - A due belle donne si può dire «che non cedono alle Grazie se non nel numero» - (Di stile conciso) quam multa! quam paucis! - I due luoghi dello scrittore di genio, sono il suo studio (o meglio, la sua coscienza) ed il mondo -saltò sul cavallo e la terra de' Filistei corse a lui (met[afora] orient. che indica la velocità della corsa).


3354. Al fuoco della verità le obbiezioni non sono che mantici.


3356. Paolo Mamezio frequentemente spendeva un mese a scrivere una sola lettera. Conf. i fabb[ricati] epistolari di Cicerone e di Plinio - e di Giusti - e lo spontaneo di Foscolo.


3360. Il cervello dei nostri bimbi nasce già imbibito di Montesquieu, Locke, Montaigne, Beccaria etc. prima ancora che ne sappiano i nomi.


3371. Villon poeta secondario francese, e pur pieno di originalità. Vedi anche studio di Gautier. Scrisse il Grand et petit testament. On ne saurait dire si fut la poésie qui l'avait prédisposé à la débauche ou bien si la débauche éveilla en lui l'inspiration poétique. - Descrive maravigliosamente tutta l'oscena canaglia parigina: conosce di apparte[ne]rvi, e dice «ordure sommes et ordure nous suyt» - Condannato a morte si raccomanda a tutte le puttane etc. e scrive «sçaura mon col que mon cul poise» - Egli dormiva su un uscio posto su due cavalletti «dans un lieu de mauvais renom - où jamais femme n'a dit non - ...Publique scole - où l'écolier le meistre enseigne» - Dice ai giovani «craignez les trous car ils sont dangereux» - e alle giovani «estimez vos amants selon le revenu». - Vedi poi sparsim nelle sue bosinate. «On s'en va tout? or, écoutez - tout aux tavernes et aux filles» - «Elles rient lorsque bourse pleure» - «Il n'est bon bec qu'à Paris» etc.


3382. Quando leggo le infamie, le scelleraggini degli imperatori e dei re, non mi meraviglio tanto di esse - chè la umana natura è ordinariamente perversa - quanto dei popoli che le hanno potuto soffrire - Cesare, fu chiamato regina, prostituta bitinica, lupanare di Nicomede, la moglie di tutti i mariti e il marito di tutte le mogli - Augusto in tarda età fu viziatore di vergini come di matrone lo era stato in giovine - Di Tiberio il Caprineo cunnilingue si disse «hirci vetuli capreis naturam ligurire» - Eliogabalo non va contato che fra le femmine etc.


3383. Secondo Origene, non risusciteranno che i maschi. Altri Padri opinano invece che i soli eletti non avranno più sesso: i reprobi, al contrario, lo conserveranno con tutte le loro passioni.


3384. Come ora a Parigi, fu di moda a Roma tingersi i capelli in giallo o in rosso. E si tingevano collo zafferano o col sugo di barbabietola. - Usavano anche le romane spolverizzarsi d'oro i capelli e annerirsi il giro degli occhi coll'antimonio etc. - Sì volubile la moda poi nelle pettinature, che gli scultori, effigiando qualche Augusta, mettevano alle loro statue la parucca posticcia, affine di cangiarla loro col cangiar della moda. - V.Sat[ira] di Marziale: «Mentre sei in casa, i tuoi capelli sono assenti e stanno facendosi arricciare da un parrucchiere... nec facies tua tecum dormit». - ...Le sue guancie erano una bottega di speziale...


3386. Grattarsi la testa con un dito, significava, secondo Seneca, domanda o risposta in un invito di oscenità. Da noi, ciò si usa toccandosi il naso. - Il dito impiegato a questi nobili segni, è il cosidetto infame, detto dai Greci katapýgon, che è il dito che i villani impiegano per skimalìzein ossia per toccare se nel culo di una gallina c'è l'uovo.


3388. La puttana è composta cogli elementi del porco, della volpe, del cane, della scimia, della giumenta, del gatto e dell'asino (Simonide, in Dufour) - Per quanto onesta una donna, un po' puttana l'è sempre. - Le cortigiane ateniesi chiamavano un vecchio «babbino» e un giovane «fratellino» - fors'anche per irritar maggiormente le veneri loro colla idea dell'incesto


3389. La passione erotica si accende spesso da quegli stessi rimedi dati ad estinguerla, come [il] silenzio, l'isolamento, il digiuno. - C'erano in lei tutte le diaboliche tentazioni dei S. Padri nel deserto


3391. L'imagine di Priapo era così comune fra gli antichi, era tanto riprodotta nei loro utensili domestici etc. che non offendeva più nessun pudore non risvegl. alcuna idea oscena appunto come succede ora della esclam. di «cazzo!». - I baston e i naviselitt (milanesi dolci) traggono l'origine della lor forma da quelle ciambelle di fior di farina, in forma di falli o di conni, che gli antichi offrivano a Iside, a Venere, a Priapo - Il che si potrebbe dire delle moderne maschere di cartapesta, quasi tutte abbondantissime di naso - derivate dalle maschere falliche dei romani.


3392. Adone morto e Adone risuscitato - donde le due feste di dolore e di gioja che commovevano tutta la Grecia [...] 3394. Ricchissima fu sempre la priapografia in qualunque età. - Tutta la poesia potrebbe considerarsi come tale. - Cit. i libri di Elefantide, il romanzo comico e sotadico di Petronio (lo stile di lui in manica di camicia), l'Arte di Amare di Ovidio, che è il codice della prostituz.elegante etc. etc. fino alla libreria della Barry. I libri erot. di Arn. di Villanova «ut mulier habeat dulcedinem in coitu» - ed il trattatello «ad virgam erigendam» - Le 36 maniere dell'Aretino (chi dice venti) coi disegni di Giulio Romano - Il Batacchi, il Baffo, il Porta, il Brofferio etc. - I latini chiam[avano] questi libri «pagina nocturna».


3397. A' tempi passati, le meretrici aveano l'obbligo di portare sui vestiti certi distintivi che le distinguessero dalle non puttane. - Erano, ora, nastri gialli, or rossi etc. Curioso, sopratutti è il costume della meretrice Veneziana come si trova nel libro dei vestiti del Vecellio - Oggi invece non c'è più differenza tra gli abiti delle prostitute e gli abiti delle oneste - e ciò per la grande ragione che sparve anche la differenza morale [rasura]. - Bel tema di quadro, sarebbe: scena Venezia 1500 e una calle infame. Sulla porta del lupanare stanno varie puttane, nel lor variopinto e bizzarro costume, coi ventagli in mano etc. - sfrontatissime. Passa un giovinetto studente, vestito di nero, con un fiore in mano, dono forse della sua vergine amante. Contr[asto] fra la sfacciataggine delle donne che cercano di adescarselo, e il pudore impaurito del giovinetto.


3398. il mezzo-matrimonio, il matrimonio colla mano sinistra o in carta semplice - erotiche insonnie - vergini libate - impura Venus - asiatica lussuria - occhi venerei, bagnati di voluttà - injuria corporis - boutiques au péché - ami par amour - moglie d'amore - fille de joie - contava i giorni dagli amanti (Contavano gli anni, non dai consoli, ma dai mariti. Cic.) - l'intend'io - amore all'ora, alla carta etc. - divoratrice di amanti.


3399. Ciascun popolo diede al mal venereo il nome del popolo che gli era più odioso. Gli Italiani, tedeschi od inglesi lo chiamano Francese - I Francesi, napolitano - I Persiani, turco; e i turchi, persiano etc. - Abbracci di miele che lasciano in corpo l'assenzio - il souvenir - lues Syriaca - i non ti scordar di me delle puttane - ragàdia, fessure infami nell'ano


3400. V. per le streghe etc. la Demonologia di Giacomo I Stuardo - Pierias de strigimagarum demoniumque mirandis - le opere del demonologo Bodin etc. Furono tempi di demonomania. Il diavolo lo si descriveva in tutte le sue particolarità «capelli irti, viso pallido e turbato, occhi rotondi, apertissimi, infiammati, barbetta di capro, piè e mani come quelli di un uomo ma eguali ed acuti, cioè armatissimi d'unghie, mani alle volte ritorte in forma d'ix, coda lunga, voce senza tuono, contegno di una persona melancolica e nojata, odor di caprone». - Cit. quella fanciulla che scrisse una lettera piena di oscenità a Satana perchè venisse la notte a giacere con lei - Descriz. di tregende se ne trovano di curiose nei processi. Le streghe ossia le infeudate al diavolo, che lo strioportius conduceva sul luogo, intingevano penne di gallo nell'orina del diavolo e ne aspergevano l'assemblea. In gen[erale] la tregenda consisteva in una parodia delle funzioni religiose.San Bernardo e S. Tomaso d'Aquino credevano agli incubi e succubi coi demoni e le demoniesse. - Il dem[onio], servendosi anche della coda, chiavava in pari tempo la natura e l'ano della strega. -


3401. stria (mil.) nel lat. barbaro per strega - Per indicare il denaro in genere i Francesi dicono l'argent, e noi l'oro - sollazzo, da souler, soddisfare. CF. solass mil. salasso, e dif[atti] il coito per l'uomo è un salasso.


3406. La nostra bosinata sulle puttane, che si trova nella Miscellanea della Rivoluzione (Bibl. Ambr. Milano) pare ispirata da quella di Coquillart «C'est assavoir Margot la gent - Jaqueline de Carpentras» etc.


3407. Un anello a pietra constellata a sè attirava l'amore di Carlomagno - tanto che morta l'amante di lui che possedea l'anello, C. M. non volea staccarsi dall'amato cadavere. Ma l'arcivescovo di Colonia indovinando la potenza del detto anello lo toglie di dito alla morta. Cessa allora l'amore di C. M. per lei e ricomincia furiosamente per il prelato. L'arcivescovo, tenendosi una mano sul ghicc, corre a gettarlo in un lago. E allora C. M.s'innamora del lago, e vi fissa la sua residenza (V. Petrarca e Dufour).


3409. Tu troverai la virtù - dice Seneca - nel tempio, nel foro, sulle mura della città: il vizio lo troverai nascosto nelle tenebre, intorno ai bagni «ad loca aedilem metuentia» - Eppure la virtù tu puoi trovarla, alcune volte, anche quì.


3410. Secondo me, hanno rapporti tra loro strettissimi, Seneca, Erasmo, Montaigne, Rabelais etc. - François Rabelais si qualifica abstracteur de quinte essence.


3411. Diana contessa di Guiche (1580), quando si recava alla messa, in giorno di festa, soleva farsi accompagnare da un buffone nano, da un mastino, e da una scimmia (in Dufour). Il segreto di ciò stava nel contrasto di lei, bella, colla circostante bruttezza - che la rendeva più bella. - Ed è anche per questa ragione, se molte donne bellissime e libidinose, si accompagnano a brutti uomini.


3418. Lo scoglio in cui urtano i più distinti ingegni letterari dell'epoca nostra, è, strano a dirsi, formato dalle due classiche letterature, greca e latina, meravigliose. Nei lavori del giorno manca spesso quell'ispirazione odierna che li farebbe grandissimi - Giovani che promettono coi loro primi saggi cieli nuovi, invecchiando si lasciano sedurre da quelle due perpetue sirene, e ritornano a dormir nell'antico. Es. famosi ne sono gli ultimi lavori di Goethe e Rovani. Da questo punto di vista, Hobbes non ha forse torto di sconsigliare l'istruz. classica nelle scuole. Eppure io non l'oserei. Là si trovan bellezze, a nostro paragone, perfette. La lettura di Omero generò forse Virgilio, come Virgilio, Dante. Tutto sta nell'usarli con precauzione - nel cibarsene in quella quantità che riesca a medicina, e non a veleno. - Shakspeare e Richter sono, secondo me, i due soli nuovissimi autori. La loro influenza nella letteratura avvenire sarà pari a quella d'Omero nella passata.


3419. Una volta nelle opere d'arte, che aveano per oggetto epoche anteriori a chi le concepiva, non c'era mai studio di costumi etc. tutto si piegava al tempo corrente, alla ispirazione momentanea, il che serviva mirabilmente alla storia. Ora invece, dall'architettura alla letteratura, si fabbrica dello stile: si vogliono far rivivere i costumi vecchi perfettamente, il che non riesce mai: per cui, male giovandosi all'archeologia, si giova anche male alla storia. Dico cioè, che una volta si aveano storici contemporanei, oggi non si hanno che retrospettivi, quindi anacronici. E questa è artistica disonestà.


3420. L'uso di mettere in berlina le donne di malavita non riusciva che a metterle maggiormente in luce e così procurar loro maggiori avventori. - Il che succede appunto col teatro - che è il più esperto dei ruffiani per una femina.


3421 - il furore amoroso di Cesare - cani reverentia cunni - nati al ventre - occhi ad amandola - sa di mare (di uno che vende pesci, o di una descrizione del mare)


3422. Il protestantismo ridiede qualche dignità alla vita privata - Il mondo cangia faccia e non vizio - Ma quel suo, non critico, adulatore, nell'incensarlo con troppo entusiasmo, gli lasciò andare qualche turibolata in viso - Voler riformare il mondo a decreti, è impossibile. Si può bensì comandare che si raccolgano tutte le pere mature, ma che le acerbe maturino, no. E quì il genio ti mostra che sa capire il suo tempo


3423. La sfacciataggine menagiana o il candore dell'etimologia - Nella S.U.non dimenticare le bosinate mil. - Raff[rontare] anche l'Um[orismo] ital. del Settentrione col meridionale. - Porta - Belli - Giusti etc. - L'Um[orismo] lomb. e il veneto. - Les goguenards, i motteggiatori


3425. Nei R.F. o nei R.U. (medici) desc. il medico con intorno una folla di discepoli che tastano un dopo l'altro il povero malato che ha bisogno di riposo.


3429. cociones (lat.), coyons (fr.) vilissimi ruffiani - exquisitis poenis, le pene più squisite - l'amiculum, amicuccio, era un mantelletto doppio, senza maniche, appeso con due borchie alle spalle.


3430. Mi ti do tuttor per niente, disse una meretrice a un filosofo; e questi:costi troppo. - ta langue ne nuit à personne plus qu'à toi - la spessezza delle piante usurpava le funzioni della notte - Oppressi dal numero e dallo svantaggio delle posizioni, cedono alla morte, e non alla paura - coi denari aquistati in gioventù vendendo l'amore, comincia in vecchiaja a comprarlo


3431. R.U. Il Commercio - comedia in cui si tratta delle botteghe d'amore femminile d'ogni classe. Efippio poeta greco ne scrisse una, con un simile titolo. - Nel P.O. trattare anche «della vendita dei bimbi» come spazzacamini, saltimbanchi etc.


3434. L'ogre dei contes des Féés, ripete le sue origini dalle infamie del maresciallo Gilles de Retz (1440) stupratore e sgozzatore di bimbi e bambine.


3435. Bruscambille, personaggio abbastanza spiritoso dell'antica comedia francese.


3436. Uscendo da Parigi mi guardai attorno con quell'aria di sospetto di chi esce da un lupanare... - Vedi la magnifica satira III di Giovenale che descrive la Babilonia latina.


3438. Descriz. - Notte. L'estremità dell'Esquilino, presso la porta Mezia - circondato da forche e da croci donde pendono i suppliziati e dove il carnefice ha la sua casa isolata, quasi a sorvegliarli. Ivi è una statua mostruosa di Priapo, e ivi riparano i ladri e le sagae. (V. Orazio spec. Sat.VIII del libro I. Olim truncus eram ficulnus, inutile lignum, etc.)


3440. girandolare - culattar le panche - pigreggiare - ozioseggiare - musare - dirindone - lasagnone - panperduto - dormalfuoco - volgiarrosto - L'esercito è un semenzaio di poltronaggine. Quand'uno è buono a nulla lo si manda a soldato o a giornalista. Finito il suo ozioso servizio, torna a casa con quel tal osso nella schiena e appicca la sua malattia a tutto il paese.


3444. Ep[igrafe] alle novelle dei generosi nel P.O. «mi sia concesso - ...un cuore aprirvi - un cor che agogna sol d'esser ben noto» (Manzoni).


3446. ribaltar la polenta sul tagliere - fiori nati per dispetto - occhi piccoli e lucidissimi, come se ne veggono talora apparire nei buchi delle tane topine - s'cioppon de foeugh - la valigia del ventre.


3448. Del sen dovizie chi ostentò scoperte - scrupoli adotta per magrezza e il velo (D'Elci) - Empio finch'è robusto, infermo è pio; - saprò dal polso quando crede in Dio (id.). Rovani migliorò il I° verso, dicendo: Empio se sano, se malato è pio etc.


3466. la brevità felice nell'espressione - Le satire d'Elci, sminuzzate, danno briciole alle volte sublimi - Tutto insieme valgono poco. In esse l'ispirazione non è unica: è un mosaico di frasi - spesso furate. Non c'è che dire, le pietruzze son belle, anzi talora son gemme: ma sono non rado riunite fra loro a danno del generale disegno. Ed è destino di alcuni poeti, che non avranno mai come il D'Elci generale fama, di giovare alla produzione del pensiero meglio di altri che hanno fama fin troppa. -


3467. il troppo toscano accusa spesso il non toscano.


3482. Quando calcò reina - Gli scettri eoi la povertà latina (d'Elci). - CF.Giusti «la ricca povertà dell'Evangelo».


3496. Progetti lett. del Dossi. Se la vita non lo tradirà a mezza strada egli ha da scrivere ancora - (oggi è il 9 d'aprile 1877) - I° Il libro delle bizzarie (Biz.) dove si dramatizzeranno temi di filosofia e di econ. sociale


2° Il Premio dell'Onestà (P.O.) come cioè la virtù, al pari della lett[eratu]ra, sia premio a sè stessa. E nel P.O. saranno incastonate le novelle dei generosi (N.G.) - 3° Prime pagine di una Storia dell'Umorismo in Italia (S.U.) - 4° Note umoristiche di letteratura alta e bassa (V. 2240).(N.L.) - 5° Ritratti umani (V. 2348) divisi in 12 libri e un'appendice, di cui una piccola parte è già imprigionata sulla carta (R.U.) - 6° Giorni di festa (V. 2340) che conterranno quanto potrò raccogliere della domestica arch[eologia] del mio Milano (G.F.) - 7° Ritratti di famiglia (R.F.) divisi in due parti, nel quale parlerò de' miei vecchi, e sceneggerò insieme la vita intima degli italiani pel corso di parecchi secoli - 8° Garibaldi, dramma-poema (G.) e 9° Colombo, id. - tanto per mettere in regola i miei titoli anche colla celebrità aulica (C.) - 10° Goccie d'inchiostro (G I.) cioè tutte quelle scenette, que' piccoli romanzetti etc. che non esigono troppo inchiostro alla lor trattazione, nè possono fondersi in un unico tema. - 11° La Rovaniana (Rov.) e 12° La mente di Giuseppe Rovani - nella prima dei quali sarà trattato dell'uomo, e nella seconda dello scrittore; il che è un dovere ch'io sento verso di lui e verso l'Italia - 13° Dell'onestà politica e dell'onestà artistica (O.P. - O.A.) opuscoli due, necessari per esser ricevuto a paro a paro dagli scienziati, i quali vogliono almeno l'apparenza della noja - 14° I grandi sconosciuti (G.S.) - 15° Il libro delle prefazioni (L.P.), ciascuna delle quali abbia il valore di un libro - 16° L'Osteria (Ost.) raccolta di vari racconti - 17° Altri racconti, come Le tre bellezze, i Casi di coscienza - gli Amori imperfetti, il Vangelo delle Balie, e Le nuove preghiere le Ore di melancolia - In cerca di un amante (V. 3 bellezze) - L'ora suprema (V. 3581) - Manualetto d'amore (V. 3596) dove vorrei trasfondere tutto l'amore ch'io sento, non corrisposto, per i simili miei


18° Favole e raccontini alla Schmidt, in cui sarà sminuzzato in tanti esempi la cattiva opinione che tengo dell'animo umano - 19° Le note alle Lettere (N.L.), che in certo modo, completando le lettere stesse, narreranno la vita del Dossi - 20° infine i Cascami dell'imaginazione del Dossi, tutti cioè gli avanzi e ritagli dei precedenti lavori. - E ciò, quanto alle opere di creazione. Per quelle di compilazione, ne avrei due in progetto - la prima, dovrebbe essere un Manuale (esattissimo) per i nomi e le date nella storia delle tre arti - disposto ad esempio così: Manzoni, nato... morto... - Inni sacri, anno... - Promessi Sposi, anno... etc. donde i critici risparmierebbero fatica a sè, e a noi strafalcioni; l'altra una Guida classica di Roma, contenente oltre le piante antiche, medioevali e moderne della città - la semplice indicazione dei luoghi, accompagnate da tutti que' passi classici - contemporanei al monumento - che vi si riferiscono. - Sarà come un mettere le parole alla architettonica musica di Roma. 3 vol. - I°. La Ghiaja di Roma (parte antica) - 2° I buchi di Roma (medioevo ed ep[oca] pontif.) - 3° [lacuna] (parte odierna) - Appendice In Ciociaria.


3497. duplic. Se si tornassero ad usare le imprese, io me ne troverei quattro adatte - La prima, senza corpo, col motto «hilaris in tristitia, in hilaritate tristis» (che era quella di Giordano Bruno, e può esprimere la piega lett. del mio cervello) - la seconda, pur senza corpo, col motto «Literature, as virtue, is its own reward» massima che ogni scrittore, spec.se ital., dovrebbe sempre tenersi dinanzi - la terza, una racchetta artificiale ardente in campo azzurro, col motto brevis sed splendens - allusione alla più desiderevole vita - la quarta infine, un campo azzurro, tutto tempestato di occhi, col motto «vigila semper» - avvertimento d'oro, per un peccatore, sia in arte sia in morale, come il fragile Dossi.


3498. Ci sono certe buone azioni che, strada facendo, diventano cattive, come il fondare spedali, dotare fanciulle etc.


3499. La vanità, che fa impegnare il nascosto orologio per prendere a nolo l'ostentazione di una catena...


3500. una ciôcca de sô - cotelett col manegh (coll'osso) - tabarell de pescia o vestii de quatter altezz (la cassa mortuaria) - La frase imbriacatura di sole, si potrebbe usare anche a proposito di un lavoro letterario, in cui le troppo fitte bellezze tolgono la necessaria lena (il necessario ripiano), per poterle ammirare. Il sole è pur bello se goduto dall'ombra. - Tanto il tutto-bujo quanto la tutta luce precludono la facoltà visiva.


3501. [La nota, di poco più che una riga, è accuratamente abrasa dal ms.].


3502. I libri del D[ossi] si possono dividere in due classi - in una, la satirica descrizione della società umana e spec. ital. qual'era a' suoi tempi (Ritratti Umani), e questi libri appartengono alla storia - nell'altro la preparazione dell'avvenire, cioè, le poetiche fantasie desiose di epoche nuove e più oneste, e questi libri appartengono alla filosofia (Regno dei Cieli - Colonia Felice). - Pure i due generi si fondono in uno nel Premio dell'Onestà - Altra divisione dell'opera del Dossi, è quella dei libri del Dossi cattivo (R.U.) e del Dossi buono (C.F. - R. C., etc.). - Circa il D[ossi] buono, è suo scopo pigliar l'uomo odierno, ateo, indifferente al vizio e alla virtù e condurlo al bene con quell'unica mano ch'egli possa seguire - la mano dell'interesse.


3504. L'arte mediterranea (greco-latina-italiana-spagn. e francese) è più carnale delle altre: rappresenta la virilità. Più ideali, più schwärmerinnen sono l'arte Orientale (indiana, araba, etc.) e l'arte occidentale (germanica) che rappresentano l'infanzia e la vecchiezza. Difatti il bimbo e il vecchio sono assai più sognatori dell'uomo, il primo per ignoranza, il secondo per scienza - (il primo per non ben distinguere ancora gli oggetti del mondo in cui entra, l'altro per la disperazione di non vederli più netti).


3505. Ogni giorno è un piccolo anno. Ci trovi la primavera nella mattina - l'estate nel mezzodì - l'autunno al dopopranzo -e l'inverno di notte. E così ogni anno è un gran giorno.


3506. La vera critica è un vento che se spegne le candele, ingagliardisce i falò. E il mio ingegno è un falò.


3507. La scienza non vale che diventata coscienza.


3508. Le fate, fées (franc.), ebbero forse origine dalle Nýmphai, anch'esse mezze deità, tutrici, come le fate, delle fonti.


3509. Non so pensar che di notte. La luce torna il bujo al mio animo. Di giorno non mi sta desto che il sonno.


3517. La poesia a imagini e la poesia a sentenze. La prima è la più antica.Oggi prevale la seconda - ma già si cerca di maritarle - formando una poesia dalle imaginose sentenze, o sentenziose imagini. - L'arte magnanima di Michelangiolo. - Le cruschevoli melensaggini.


3519. Una volta si scrivevano libri, oggi frammenti di libri. Mangiata la pagnotta non restano che le briciole.


3520. cominciavano gli scarabei ad aliare per il giardino (frase indicante l'ora di sera e il tempo d'Estate).


3521. Secondo me, tra la pazzia ed il sogno è uno strettissimo nesso. Nello sviluppo di un sogno, un particolare insignificante della idea precedente genera l'altra idea e così via. Tal quale della pazzia. Nella sanità invece la sola idea massima serpeggia unicamente per tutto il discorso e fa da padrona.- V. la maravigliosa imitazione di pazzia, nello Shakspeare, Re Lear. - La pazzia si potrebbe chiamare il sogno di chi è sveglio - Tutte le donne discorrono un po' da pazze.


3522. Iscriz. su'n'arca di pietra a S. Ambrogio. «Hic jacet Paganus Petrasancta miles et capitaneus Florentinorum qui obiit anno Dom... et ad cujus funus et fuerunt quatuor cardinales. - Su'n'altra tomba lessi poi «alla tale dei tali morta a 70 anni di subito malore». - Eh via! subito malore dopo 70 anni di malattia?


3523. Degli uomini grandi (del pensiero) è come dei grandi edifici. Non se ne può comprendere la grandezza e l'armonia di proporzioni se non da lontano. E' necessario cioè che tra loro e noi si ponga qualche secolo di distanza.


3524. Grandi Giuseppe, l'autore della statua «Beccaria» la migliore di tutta Milano, chiama sagacissimamente il mannequin «manutengolo» (quasi manutengolo della pigrizia) - Parlando poi di certi pittori che fanno gli occhi alle pulci dice «se vun de sti pitor el sta in contrada di Fior Scur, el se spaventa tutt, quand el sent che vola ona mosca in Borg-noeuv» (Fiori Scuri e Borgonuovo sono due vie vicine). - E dice degli scultori che tirano le loro statue a lucido «ghè i donnett che passa per Brera, e ghe domanden la polver de marmo a 5 centesim el scartozell». Difatti, Grandi, scolpì una bellissima Santa Cecilia da porsi altissima in una nicchia dei capitelli del Duomo. La Commissione per il collaudo della statua, venuta nel suo studio, si pose a guardare se lo scultore avea lisciato le unghie alla Santa.


3525. Nel magnifico funerale di Manzoni, si disse che Manzoni era un Santo perchè dopo morto faceva miracoli, risuscitando nientemeno che i morti, cioè la guardia nazionale. - La guardia Naz[ionale] ai funebri di Manzoni sentiva di canfora e pepe: avea i cappotti bucati dalle tarme. Parea che il fucile portasse il milite e non il milite il fucile. - Il popolo chiedeva «chi è questo Manzoni?» - E i preti gli rispondevano che era stato quello che avea posta la tassa del macinato. Va e suda per la gloria!


3526. Elezione pol[itica] a *. I galoppin e i scarpon (partito dem. e partito arist.) - In generale i fittabili stanno colla sinistra (democ.) e l'hanno col governo. - Due i candidati. Il Duca di ** (scarponi) e *** (galoppini) - Esce un programma, sottoscritto da un mercante di buoi, in cui si dice che il duca non crede necessario d'intendersela cogli elettori: basta la stirpe, la nobiltà, il casato etc. etc. Ma tanto il Duca che lo *** comprano i voti. *** dà 3,50 ciascuno. Il duca, perfino 20 lire. - Quindi pranzi elettorali etc.etc.


3527. In certo qual modo il genio sarebbe il perfetto ordine. Le idee sono di tutti: chi le sa più logicamente ordinare, quello ha maggiore ingegno degli altri. Chi le ordina in modo sia per la parola, sia per la frase, da non potersi meglio - quello ha genio.


3528. P.O. - L'affarismo; le banche, avviate a fallimenti lucrosi - che non appena sorte, sono sì tosto sparite. - Un tappezziere dà a nolo il mobiglio compresi gli impiegati, per le banche «nate al fallir». La bancomania invase l'Italia dal 70 al 75 - arrichendo tanti birbanti, e mettendo sul lastrico tanti sciocchi. Le imprese in ficio (cotonificio, setificio etc.)


3529. I critici della giornata ci parlano sempre del realismo come di una moderna trovata. Errore. Se realismo è la copia fedele del vero (intendi il vero scelto) - ne abbiamo innumerevoli esempi fin dai tempi di Omero. E così anche ne abbiamo, se per realismo intendono il carnalismo o brutismo che sarebbe quell'atteggiamento lett. di occuparsi dei soli sentimenti viziosi della umanità, o dei soli eccitatori ad virgam erigendam. - Ma secondo me, Realisti e idealisti combattonsi ora, come già i Classici e i Romantici, senza sapere di che. - Chi più realista d'Omero? chi più romantico di Virgilio?


3530. Gli amori di Dafni e Cloe di Longo Sofista (V. Erot. Script.) è una favola milesia arcadicamente convenzionalissima sul fare di un paesaggio mit[ologi]co del Poussin. - La sua artificiale ingenuità rasenta a volte la stoltezza. Tiene però alcune pregevoli scene, come quella della cicala che si nasconde nel seno della dormente Cloe (V. Lògos A p. 257, v. I Erot. Script.Teubner). - Nell'altra favola milesia «amori di Abrocome e Antea», di Senofonte Efesio, Fiorina (Anthéa) che piglia il falso veleno, ricorda la Giulietta di Shakespeare.


3531. In fondo, s'impara a leggere per leggere il «Pungolo» e il «Secolo». Chi è alfabeta, falsifica - L'analfabeta assassina.


3533. Fu una grande impresa in mia vita quella di pormi tabula rasa a lunghissimi studi, e d'ingozzare voglia o non voglia tanta nausea di scienza; ma ancor più grande fu quella... di sbarazzarmene per ritornare alla smarrita spontaneità. - La scienza inquilina cacciò quasi fuori dal capo il suo naturale padrone, l'Io. E' ora che mi riconquisti.


3534. Il miglior modo di goder molta libertà è di concederne agli altri, molta.


3535. R.U. C'era un medico condotto che si fermava, nel suo quotidiano giro, dinanzi alle case, e chiamando p. es. verso la lobbia di un 5° piano, dimandava notizie del misero ammalato, e dal cortile prescriveva le medicine.Ce n'era poi un altro, che girando in timonella, toccava il polso ai villani suoi clienti colla frusta.


3536. Agli altri è d'impedimento all'esprimersi la scarsità delle idee, a me la foltezza.


3537. I doganieri - sarebbero un bel tema di bosinata mil. -: Motivo: mentre il contrabbandiere fa sì e sì - e quì si enumera a ogni strofa ciò che fa il contrabbandiere - la regia dogana, la pesca a tirlindana - oppure - e i doganer peschen coi lanzetter - o i guardi doganaa, peschen col linaa - o la regia doganna, la pesca colla canna - o lor del governa metten giò la spaderna - i regg dogann, ciaven i tosann, e simili ritornelli. - Dire nei dog[anieri] di quei due che addormentati in barca, se la lasciarono tagliare in mezzo dal piroscafo - degli altri che alla dogana di Chiasso fanno la visita con un sigaro frodato in bocca etc.


3538. Le libere aure della Svizzera, impregnate dall'odor di tabacco - Entravamo in Isvizzera (a Ligornetto). Mi venne voglia di pisciare. Dove la fo? Eh, disse Perelli, dove vuoi. La Svizzera è tutta a cantoni


3539. Ad una più facile interpretazione dei periodi, si richiederebbe anche una posa minore del punto e virgola e maggiore della semplice virgola - la quale potrebbe essere indicata con un pajo di virgole ,, - Vedi es. nella Col.Felice pag. [lacuna] - In ogni caso peraltro, per quanti punti e per quanti accenti si trovino e si usino, resterà sempre inindicabile il più importante di tutti - l'accento della passione.


3540. R.U. (V.2348) Chi sono i parasiti? Il naturalista vi parlerà dei pidocchi etc. il ricco dei mangiatori erranti etc. - Ci sono i parasiti della carità etc. e ci sono i parasiti della celebrità come la Duchessa di Albany per l'Alfieri, gli imitatori, i Cantù , i Rosini pei Manzoni etc. Etc. -R.U.La gente fina (tutta roba grossolana).


3541. A Ferney sulla fronte della chiesa sta scritto «Voltaire Deo erexit». E non è soja bella e buona?


3542. P.O. Inumano è l'accusare i nostri simili di ciò che si reputa delitto e di volerneli puniti. Chi mai, offeso delittuosamente da un fratello o da altro parente, ne invocherebbe dalle leggi la punizione? E non son forse gli uomini, a chi ben guarda, tutti fratelli?


3543. Si cita sempre l'Inghilterra, quale la terra della libertà, del progresso etc. Eppure le ultime ombre del M[edio] E[vo] ivi si stendono ancora. E' in Inghilterra che regna il feudalismo - è l'Inghilterra la patria del mare clausum. E' di lì dove si ajutava sottomano la schiavitù, e si vendeva l'oppio ai Chinesi, e si schiacciava l'indiana libertà, e si congiurava contro l'americana. - In Inghilterra il vero re è la ghinea - ivi s'impicca allegramente - e si bastona; la sua terra è pasta badese per le arti etc.


3544. Celso, Seneca, Campanella dicono che la flagellazione guarisce dall'ostruzione di visceri, dalla quarantena, isteria etc. e può applicarsi ad impinguare.


3546. Sono due sorta di caratteri: l'una per così dire a vapore; l'altra, a vela. I primi, qualunque tempo faccia, vanno dritti al lor segno - fosse il carico loro di sola sabbia: gli altri, se il vento non soffia nelle lor poppe, rimangono immoti, e si consumano - quantunque carichi delle più preziose merci - in un ozio infecondo


3547. La ragione perchè gli autori non-toscani siano oggidì più ricchi d'idee dei toscani, sta in ciò che noi ci troviamo obbligati a fare uno sforzo per trovar la parola al pensiero, e però la nostra mente, meditando più della loro, completa maggiormente l'idea, e spesso, partendo da un'idea mediocre, arriva ad una sublime. Questa ragione vale anche per la superiorità, in generale, del verso sulla prosa - esigendo il verso maggiore considerazione. - Anzi, la rima è spesso suggeritrice d'idee - nei sommi, s'intende - benchè stroppiatrice negli infimi.


3548. La desinenza in A (Libro III dei R.U.) è una bricconeria, fatta da un galantuomo.


3549. La tricipite arte fra noi - in Francia, e in Germania, è completa. Non così in Ispagna dove manca la Musica - non così in Inghilterra dove manca la Pittura.


3550. dupl. Debiti d'onore - si dicono quelli in cui non c'è niente d'onore - p. es. i debiti di gioco. Una persona che si rispetta tralascierà di soddisfare ai vecchi conti del calzolajo e del sarto, per pagare, entro 24 ore, una perdita su una infame carta da gioco. - Azioni (affari) delicate - in cui la delicatezza entra per vetro rotto. - Tempi di transazione si dicono certe epoche come la nostra. Ma io desidererei di sapere come si possa chiamare così una qualunque epoca. Tutte sono epoche di transazione cioè di passaggio da quanto fu a quel che sarà, tutte sono il fine di una e il principio di un'altra - come i gradini di una scala infinita - Tenebre del Medio Evo. Siamo noi che non ci vediamo, e però diciamo tenebroso l'oggetto.Le tenebre del Medio evo le ha inventate la poltronaggine. - Del resto gli è dalla notte che naque il dì - ed è dalla notte che si generano i figli. E quì il figlio si chiama - la civiltà del dì d'oggi. - Va e fidati delle parole!(V. 3567)


3551. Vi ha molti che cercano e credono di compensare la intima e vera onestà (ossia carità verso gli uomini) che lor manca, con quella esterna e fittizia che ha nome «pietà religiosa» (ossia carità verso Dio)


3552. Certi inchiostri rossi invecchiando diventano neri. Tal'è dell'animo di alcuni nostri politici.


3553. Coscienza artistica e coscienza morale. Chi ha molto sviluppata la prima, manca talora dell'altra. La prima assorbe spesso la seconda. Io, ad esempio, provo assai più rimorso di una frase mal scritta che di una azione mal fatta.


3554. A - Giuseppina - per nascita Branduardi, per amore Righetti - cessata a 44 anni il 13 di novembre 1876. - Diede in vita sorrisi, lagrime in morte - Usò troppo del cuore - e il cuore la uccise (morì infatti d'aneurisma al cuore) - (L'epigrafe fu rifiutata).


3555. Temi di due quadri a riscontro - In uno, il cortile dell'osteria della Noce a Milano. Rovani a una tavola, circondato da una eletta schiera di letterati e artisti. Beve e fà loro una lezione di estetica. Questo quadro darebbe occasione di conservare le sembianze di molti egregi, onor di Milano, quali il Cremona, il Grandi, il Ranzoni, il Magni, l'Uberti... (e anche il Dossi, in un canto). E il quadro potrebbe intitolarsi «una cattedra all'aria aperta» - Nell'altro i giardini pubblici vecchi i cosidetti boschetti.Manzoni passeggia, solo, un po' curvo colle mani dietro le reni e vedi a rispettosa distanza la sua ombra, cioè l'abate Cerioli. Dalla faccia pensosa del Grande, si scorge com'egli già viva nel mondo degli spiriti - come ei si senta nel mezzo di quelle gloriose memorie che Italia chiama - Giuseppe Giusti - Porta - Grossi - Torti etc. etc. - Il quadro potrebbe dirsi «l'ultimo degli Immortali».


3556. A concepire e maturare un uomo che vive, tutt'al più, cento anni, ci vogliono 9 mesi. - Ce ne vorrà dunque meno ad un libro che dee vivere parecchi secoli?


3557. Un critico, riesca o non riesca ad annientare un autore, è destinato all'oblio. Poichè, se non ci riesce, cade sotto le ruote del carro trionfale del genio, e buona notte! non se ne parla più (Es. il Pezzi) - e se al contrario riesce, - condizione essenziale alla di lui riuscita è di morire vincitore col vinto; altrimenti l'autore abbattuto, dovrebbe, per lui, ancor vivere. - Cioè a dire, egli avrebbelo morto, ma nel medesimo tempo, imbalsamato.


3558. Di certi che a forza di leggere gli altrui pensieri non hanno più agio di pensare i propri, può dirsi «che si mobigliano sì fattamente la casa da non potervisi muovere più».


3559. La musica di Rossini non è fatta pei gottosi. E' musica d'assalto - fatta a s'ceppa-cazzuu - «Dei motivi rossiniani al rimbombo militar» (Buratti) - Influenza del genio di Napoleone sul genio di Rossini.


3560. Amo il mio Gigi, perchè l'animo suo, da certi alti principi di onestà all'infuori - mi è totalmente... opposto. Le parti a coda di rondine di un lavoro da falegname si commettono fra loro più facilmente e più fortemente, appunto perchè si completano a vicenda. - Altrimenti tanto varrebbe ch'io mi mettessi dinanzi a uno specchio, che a me ritornasse il mio viso, o sotto una volta che mi riecheggiasse la voce. Con un amico invece io voglio essere in due - voglio discorrere, sentirmi a contradire... - Con Primo Levi ad es. - anima gentilissima - non mi sarebbe possibile una perfetta amicizia, perchè troppo mi è simile.


3561. Quante mine d'oro e di gemme giaciono sconosciute! quante anime elette muojono inavvertite!... And talent weeps and sinks unknown (Goldsmith).


3562. Jean Paul Richter, più che un appartamento, è un magazzino di pensieri; come del rimanente lo sono altri insigni autori quali il Montaigne, Seneca etc. Le loro opere sono l'effetto e insieme la causa di migliaja di opere.


3563. Un romanzo perchè sia perfetto - dev'essere, per così dire, un palazzo completo - ci dev'essere la sala, la cucina, la chiesa, la cantina, il solajo, il giardino... - E tali sono i due divini romanzi dei Cento Anni e dei Promessi Sposi.


3564. Nello scrivere un libro sono due stadi - il primo di porre, l'altro di torre. La giudiziosa amputazione delle idee, val spesso più del suo contrario.- Il non pensiero od il mezzo sono non rado i migliori - L'imaginazione fresca, e l'imaginazione riscaldata. Quella, all'apparire di un tema, ne vede tosto lo sviluppo, la forma, e lo foggia a ferro caldo. - Questa, abbozza lo sviluppo, poi, dopo un prudente intervallo, ne cerca la forma. La prima imag[inazione] può usarsi nei lavori di piccolissima mole, all'altra bisogna ubbidire in quelli di lunga in cui occorre di aver sott'occhi tutto il lavoro innanzi foggiarlo nelle varie sue parti. Dalla imag[inazione] fresca abbiamo però le impressioni forti; dalla riscaldata le fini.


3565. L'uomo è tenero del passato, inquantochè, più la memoria di lui va indietro e più gli avanza la vita. Questo amore dell'uomo, si manifesta nell'individuo colle autobiografie - nelle famiglie colle genealogie - nelle nazioni colla storia - e nella umanità colla geologia.


3566. Frasi felici del D[ossi] - Tenea un piccolissimo pie de. Tale gli chiese chi fossene il calzolajo. Rispose: mia madre - Domandato perchè non andasse al bagno di Diana, disse: mi preme troppo la nettezza - Mentre una sposa mostravagli i maritali giojelli, sospirò: ecco le gioje del matrimonio! - Dicendogli con protezione un editore «eh qualche giorno, faremo insieme un affare, signor Dossi» - rispose: io faccio libri, e non affari. - Mostrandogli tale una nuova farmacia, messa a bronzi di color verde cupo, e dicendogli «fa paura» rispose con un sospiro «non abbastanza» - E il D. non scriveva il proprio nome sui libri che comprava se non dopo di averli letti e meditati, dicendo che solo allora poteva chiamarli suoi - Parlando poi degli autori antichi e degli odierni, osservava che i primi erano bei morti e i secondi brutti vivi - Due soli, ch'io mi ricorda, sono i suoi calembourgs - il primo agricolo-letterario «Il miglior riso è quello di Lombardia» - l'altro, in risposta a chi gli contava di un ammutinamento di donne, «Ammutinamento?» fece «impossibile!» - V. sparsim.


3567. (v. 3550) Dormire in piuma, nel ricettario del linguaggio convenzionale sarebbe il più squisito dormire. Eppure non c'è letto più infame di uno di piuma. Meglio assai una pietra. - E così del giacersi o del vivere in rosa, in uso fra i Sibariti, che a quanto pare non pativano di male di capo.


3568. Il Premio dell'onestà (titolo provv. - o della Virtù) dovrebbe essere il complemento della Colonia Felice. In questa trattai dell'uomo necessitato dal proprio egoismo a fare il bene altrui pel proprio interesse. Nel P.O. vorrei rispondere all'obbiezione, che nell'umana società, prosperando il più delle volte il malvagio e andando il buono al fondo, il proprio interesse consiglierebbe invece ad esser malvagi. - E vi risponderei, dramatizzando la sentenza che la virtù è premio a sè stessa, e che quindi a dispetto d'ogni altro interesse, gli è di tutto il maggiore - col presentare un uomo incoreggibilmente buono in mezzo ad una Società di malvagi, un uomo cioè, che nato nelle migliori condizioni di famiglia, di censo, e d'intelligenza - a forza di fare il bene e ostinandosi in quello, nonostante una infinita sequela di delusioni, finisce a rovinarsi completamente - nelle sostanze, nella salute e perfin nella fama - eppure - mai non si pente - e all'ospedale, solo e tradito - muore con un sorriso di felicità. Evitare però lo scoglio che il mio eroe sembri, più che un buono, un minchione. Egli dev'essere scientemente buono - accorgersi e dolersi degli inganni, ma vendicarsene di proposito con nuove e maggiori bontà. Diff[icol]tà a vincere - Il mio eroe dee apparire generosissimo sempre e minchione mai. - In questo romanzo potrei sfogare tutto il mio cuore - un cor... «che agogna sol d'esser ben noto» nell'eroe, ascrivendo a lui ogni mia fantasia o pazzia di generosità - e potrei insieme sfogare nel mondo che lo circonda quanta perfidia mia, o d'altrui mi si cova in cervello. - Attraversando poi il mio eroe moltissime classi di gente - affine di trovarsene tinto da tutte - avrei agio di toccare col mio frustino satirico ogni parte della moderna società - e quindi di poter offrire all'Italia il suo terzo romanzo completo. - Ma oh quanti mi si vogliono ancora entusiasmi ed esperienze!


3569. Nel P.O. o quale sua aggiunta - le Novelle dei generosi - ossia esempi di non sospettata domestica magnanimità - E guerra alla morale ufficiale! - E metterò l'uomo in conflitto, non tra i vizi e le virtù - di cui la scelta è assai piana - ma fra le virtù e le virtù. - Vedi per le N.G. sparsim.


3572. Una volta i novellieri contavano le novelle, oggi contano sè stessi.


3573. Secondo me, la miglior lode su un epitafio sarebbe «nato cattivo e lungamente vissuto, pur morì buono».


3574. Si parlava una sera, in casa mia, della lucilina e dell'olio, e dicendo mia madre che la prima affatica troppo la vista e la spegne presto, a differenza dell'olio..., tanto è vero che i nostri vecchi conservavano tardi i loro occhi, appunto per grazia di lui - saltò su a dire Gorini «il miglior modo per conservarsi la vista è di non leggere. E i nostri vecchi non sapevano leggere».


3575. L'amore sessuale, potente eccitatore dei nervi, scuote anche la fantasia. Produce non solo gli uomini ma anche le idee; non solo i corpi ma anche le anime. - Il cazzo crea tutto. SATOR MUNDI (come nell'iscrizione del Museo segreto di Napoli).


3576. Le Finanze e la pub. beneficenza che domandano sempre nuovi sussidi, mi ricordano quella bussoletta di chiesa sulla quale un burlone avea scritto «fate elemosina pei ladri della parrocchia»


3577. Stronomia, scienza amena - che ci fai guardare in su - Finestre chiuse aritmeticamente (per ermetic.) dicea un mio servo.


3578. Mi trovo ora (1875) nello stato di fortuna il più propizio a dare letterariamente bei frutti, avendone tanto da poter studiare come il mio ingegno vuole, ma non abbastanza da far altra cosa che non sia studio.


3579. La vita di molti grandi, come Tasso, Camoens, Rovani può riassumersi in queste tre parole - genio, ospedale, gloria


3580. (R.U. v. 2348) I cretini - Non crediate ch'io vi parli di quella semplice specie celebre nelle valli di Sion e d'Aosta che sta sulla sedia forata, senza sua colpa etc. I miei cretini seggono invece in gran pompa negli stalli academici, nelle sedie presidenziali, sui troni. Per diventar tali non basta la natura; è necessaria una ferrea volontà - 18 ore al giorno per lo meno di studio. E sono coloro che rifiutano di pensare col proprio capo, che si uccidono il proprio cervello col cervello altrui etc.


3581. Adele Lutzen, giovinetta di 17 anni, in agonia per tisi, salutò babbo, mamma, fratellini, poi cadde in deliquio. Ma rinvenuta, ed essendole chiesto da mamma se ancora la conoscesse - «no - rispose - non vi voglio conoscere più, per non perdervi un'altra volta». Due ore dopo era morta. - Altro giovine che morì tisico, negli ultimi giorni, avea perduto il palato. Volendo però mostrarsi grato a un amico che mai non si partiva da lui, col lodargli i cibi ch'esso gli cucinava di sua propria mano, invece di dire mangiando «oh buono» diceva «oh bello!» - Utile e curioso sarebbe un libriccino che contenesse la descrizione degli ultimi istanti di molti. Poichè è allora che, spesso, la fiamma dell'ingegno, inanzi di spegnersi, dà l'ultimo sprazzo di luce - vividissimo


3582. Alcuni sono capaci all'ingrosso di atti generosissimi, che poi al minuto, li fanno iniquamente scontare, goccia per goccia, a quelli stessi che hanno beneficato. Es. me.


3583. Il ricatto scientifico e letterario è in gran fiore in Italia, massime nel Napoletano. Auto-presidenti effett. di società che non hanno nè locali, nè archivi, nè scopi, nominano da tutte le parti altri presidenti onorari con diplomi e medaglia d'oro, solleticando in tal modo la piccola vanità. - I merlotti cascano a nuvole nella rete - pagando tasse d'ingresso, indoratura di medaglia etc. V. ad es. il conte Cavagna e le sue due pagine di titoli academici cilappeschi sulla guida di Milano del 74. - C'è poi a Napoli un Commendatore *, che si sottoscrive «fondatore della società dei Salvatori in Italia e traduttore della Divina comedia in dialetto napoletano», il quale riuscì a imbrogliare il re stesso. Aggiungi, il circolo filologico Giambattista Vico e i suoi medagliati, aggiungi, i circoli per le bibl.circolanti che si fanno donare i libri per venderli etc. - Altra truffa insigne è il Dizionario biografico di Ginevra o di **. Il suo compilatore scrive al tale o tal'altro scienziato o letterato europeo chiedendogli notizie biografiche sul di lui conto. Allora il merlo (che ad es. può essere il prof.Cantoni di matematica) grattato nella vanità, scrive, e manda un fascicolo.Risponde il compilatore che stampar costa e che però egli deve L. 400. Il merlo per non perdere la propria fatica manda il chiesto denaro. Risponde ancora il compilatore, che sarebbe ben fatto abbonarsi. Così egli ha collaborazione non solo gratuita ma pagata a lui - e di più, un abbonamento. - Altre truffe - chi cerca la fotografia al tale o talaltro scienziato o lett[erato] per una Società e la firma - chi distribuisce commende e cavalierati di ordini cavallereschi, spacciandosi per un Paleologo od un Gonzaga - etc. etc. - Cit. poi l'usuale ricatto dei giornalisti, che ritengono abbonati chi non respinge il loro giornale; cit. la signorina Atenaide Zaira Pieromaldi, fondatrice e direttrice della Società cosmico umanitaria contro la guerra, il duello, il suicidio, la pena di morte e il matrimonio. - Cit. anche le dotte canzonature delle leggi regie, delle vite di un santo padre trecentista di Leopardi etc.


3584. Truffe non letterarie - Truffa 1a. Tale avea promesso d'indicare ai molti papà un certo suo mezzo perchè i loro figli potessero sottrarsi alla leva in piena legalità - a patto che gli dessero un tanto. Il tanto fu dato; e allora egli disse: mandateli a volontari. - Fu processato. Se la cavò. - Truffa 2a. I promettitori di terni sulla base infallibile della matematica. Il prof. 4. 75. 86. di Vienna non richiede se non i francobolli per la risposta.Ma attendetela, se avete pazienza! - Truffa 3a. Società per le scommesse dello Sport. Tasse di tre categorie. Fioccano i merli. A chi paga la tassa di 1a cat. lire 100 si risponde che questa è tutta coperta, e che non c'è che qualche biglietto per le tasse della 3a di L. 500... - Truffa 4a. I prestiti della città tale o tal'altra di Germania, pagabili a rate... - Ma e chi potrebbe enumerare le truffe? E' più facile dire - il mondo è un'unica truffa.


3585. Truffe non lett. - L'indicazione del domicilio di certe società imbroglione, conduce in anditi senza riuscita e senza porta, e una volta condusse in un cesso. Mi contava Gorini, che una volta, a Parigi, incaricato di cercare la sede di una società per il gaz, alla quale un municipio d'Italia avea già anticipato parte del prezzo per lavori a farsi, riuscì, dopo molte ricerche, a scoprire un bugigattolo con entro un vecchio. E Gorini gli chiese del direttore. Il vecchio rispose che il direttore era assente per grandi affari, e aggiunse «torni fra 8 giorni». Tornò Gorini, e più non trovò nè vecchio nè bugigattolo.


3586. Fiaba raccontatami da un alpigiano (Val Ganna). Pipetta domanda tre grazie al divin Maestro: la prima di un sacco in cui entri qualunque cosa a lui piaccia - la seconda di un violino, sonando il quale ballino tutti, la terza, di uno schioppo che colga tutto ciò ch'ei miri. Il divin Maestro accorda le tre grazie al Pipetta. Il Pipetta passa da un salumiere, ha fame, vede un salame e gli dice «va dentro» e il salame è nel sacco. Incontra poi un curato cacciatore che, abbattuta una lepre, fa per pigliarla. Egli suona il violino e il curato si mette a ballare stracciandosi i panni in mezzo alle siepi. E il Pipetta raccoglie la lepre. - Un amico che soprariva con un asino carico di pentolini di Biella lo prega di una sonata. Pipetta suona. Balla il padrone, balla l'asino e tutte le bielle vanno in frantumi. - Ma il Pipetta è condannato a morte. Chiede la grazia di fare prima una sonatina. Ballano i giudici, balla il boja, ballano gli spettatori ed egli fugge. - Muore infine, in età avanzata. Il Paradiso non lo vuole, e l'Inferno gli chiude le porte.Torna di sù, e chiede per solo favore a S. Pietro di deporre in Paradiso il suo sacco. Accordato. E allora dice: ch'io vada nel sacco - ed ecco il Pipetta in Paradiso.


3587. Conf. il Pervigilium Veneris, col Carme de rosis nascentibus (Anth.latin. fas. 2 pag. 98. Teubner) i quali mi pajono fattura di una stessa mano.- Oh come in entrambi spira la matinale primaverile freschezza!


3588. i mangiatori di riso (gli Indiani) - i mangiatori di datteri (gli Africani).


3593. Certo Scopini proponeva a Carlo Porta di far parte con lui di una società. Non ho nulla in contrario, disse Porta, ma giacchè hai fatto due, fa anche tre, e cerca d'introdurre nella società anche il cardinale Ruff. Così la ditta sarà completa «Porta-Ruff e Scovin» (pattumiera e scopa)


3594. La predica di Bordaloue (?) in presenza del cadavere di Luigi XIV e di tutta la corte - splendidissima. La Francia era allora al suo apogeo, per lettere, scienze, armi. Il silenzio è generale. Tutti fissano l'autore. Egli si raccoglie un istante e comincia «Dieu seul est grand!»...


3595. I Missionari Cattolici, a differenza dei protestanti, invece di tentare la conversione dei selvaggi coll'insegnar loro le umane universali regole del Vangelo, s'intende, col contrafforto della pagnotta, ancor prima di parlar loro di Dio, parlano dell'Immacolata e del Purgatorio. E credono poi di averne convertite migliaja quando possono arrivarli con una secchiata di aqua benedetta.


3596. Manualetto d'amore, sarebbe il titolo di un dizionarietto in cui vorrei mostrare artisticamente agli amanti molti mezzi gentili di esprimere il proprio affetto, avvalorandoli, dove si possa, di classici esempi. - Per es.il ber baci - cioè il bere nel bicchiere dell'amato al posto dov'egli pose le labbra.


3597. Legna tarlata arde più della verde - può dirsi dell'amore in tarda età.


3598. Dicitur, che un conte Sola, a' tempi del giallo e nero, chiese al Tribunale araldico e ottenne, pagando un centinajo di fiorini, la concessione di alzare la coda del cane che figurava nel suo stemma e che la teneva prima fra le gambe.


3599. Usare antiche similitudini per esprimere fatti o pensieri odierni è ridicolo. Il «tra Scilla e Cariddi» non ha più senso. Se ne potrebbe però godere ancora lo stampo, dicendo invece «tra un ladro e una guardia di questura». Tutto in un libro dee concorrere a far storia.


3600. (dal vero) Stab. di educaz. femm. della signora Virginia * a **. La S.ra Virginia è una donna isterica in sui 40 anni: cangia tutti i dì toeletta:chiama in sua stanza le scolare per farsi arricciare i capelli e aggiustar le polpette; attraversa le aule in veste di cachemire ondeggiante; assiste al pranzo delle convittrici in soprabito di velluto, trine e veletta. Ha un amante, Pio ***. Le ragazze lo sanno, e passando presso la direttrice sussurrano... pio... pio - Quando poi la direttrice è più cattiva del solito e amministra rabbiosa alle scolare pizzicotti e ceffate, le poverette invocano sotto voce il Pio «oh vieni pio pio... e falla contenta» - Il dormitorio delle grandi è a terreno presso la sala. Scendono dal letto, si avvicinano alla porta e spiando vedono e sentono cosa dicono e fanno il Pio e la S.ra Virginia. - In anticamera c'è sempre appeso qualche soprabito d'uomo - Appressandosi poi il suo giorno onomastico, se la direttrice desidera una toilette (e l'ha già scelta) una delle maestre suggerisce alle scolare di comprarle e donarle la detta toilette «un vestito per es. sì e sì», dice la maestra, e mostra loro un campione della veste che la S.ra Virginia s'è già comandato. E allora le ragazze sottoscrivono tutte. Guai chi sottoscrive poco!ramanzine, pensi etc... - Ma intanto che la S.ra Virginia spende e spande, sua madre - una madrazza sciammanata e taccagna, che attraversa zoppicando le scuole - vende alle scolare le penne, gli aghi etc. al minuto, facendoli loro pagare due o tre quattrini ciascuno. Come poi le aule son vuote, va a raccogliere sotto i panchi gli aghi, e i ditali perduti e li rivende alle loro proprietarie... Quando qualche zuffetto di scolara, castigata dalla direttrice, minaccia di lasciarla, è la mamma che s'intromette dicendo: via piccina... non dare ascolto alla mia Virginia... sai ch'è un po' pazza etc.etc.


3601. P.O. - Il colore del nostro giornale sarà quello dell'onestà - se l'onestà può avere un colore. - L'inonestà è sempre tale, sia essa vestita di rosso, d'azzurro o di nero.


3602. Musica è sorella di religione. Molti tra i primi (intendi primi in ragione di tempo) maestri di musica, furono ecclesiastici. E furono grandi perchè hanno avuto grandi scolari. - Così molti ecclesiastici furono anche eccellenti astronomi - Cit. la frase, per me stolta, di colui che domandato cosa avesse veduto di strano nel suo viaggio in Ispagna, rispose «un astronomo ateo».


3603. Nei giardini lungo il Naviglio milanese si coltivano fiori e flussioni.


3604. Domandandosi al nipotino di un ricco signore, che cosa intendesse di fare, quando sarebbe grande, e avendo egli risposto più volte di no alle domande vorresti fare il cocchiere? il calzolajo? etc. rispose infine «vorrei fare lo zio».


3605. (V. Prog. lett. del Dossi 3496. n. 17) Le tre bellezze sarebbe un racconto in cui tale, in cerca di moglie, s'innamora prima di una che ha la bellezza della forma - poi d'altra che l'ha dell'ingegno - poi di una terza che l'ha del cuore. Mostrare dramm.te come quest'ultima bellezza faccia parere fin brutte le altre due.


3606. Anche i pochi codini si credono progressisti illusi dal generale progresso. Chè di loro succede come di chi stando nel vagone di un immoto convoglio, e vedendosi a paro un altro convoglio che progredisce - crede pur lui di progredire col proprio.


3607. giovinastri - quasi giovini-astri - limo, fango, quasi l'imo, il fondo, che è la parte dove siede la feccia, il fango etc. - Chichina! escl. mil. di gioja - già el Domm l'è faa, già el dazi l'è pagaa, - si dice di chi è giallo di colorito - Etimol. sguardi supplichevoli vogliono dire sguardi a ginocchi -.


3608. Lo stile del giornalismo odierno è «forbice e colla»


3609. Ero di una sì incorreggibile ignoranza negli affari domestici che mia madre soleva dire «quel poco che ho, già sapete che è per voi, figli miei, metà per uno. Io non farò testamento che per una sol cosa - cioè per lasciare a qualcuno mio figlio Alberto».


3610. C'è un prof. di matem. a Pavia, certo Angelo Vecchio, che non fa altro da mattina a sera che indovinare sciarade, logògrifi e rebus, passando così con assai poca fatica, fra suoi amici da caffè, per un grande scienziato. - Altro prof. di matem., pur di Pavia, il Codazzi, è abbonato a tutti i giornali di moda. Beve ogni sera parecchi litri di vino, ma a un quintino per volta e gode di vederseli tutti innanzi vuotati. E a ciascuno che smorza, dice «un altro quintino». Raso poi, chiama il garzone dicendo: un mezzo qualunque per trasportarmi a casa.


3611. C'è chi si compra i suoi antenati alle aste amichevoli e giudiziarie.CF. canvass of family.


3612. Tale, prese un purgante sì eroico, che, sedutosi alla latrina con un cappellone in testa, cacò tutto sè stesso, meno il cappello, che restò sul buco del cesso, coprendolo


3613. Pel dramma-poema Colombo, pigliar cognizione del poema di Lorenzo Costa - dell'Oceano di Tassoni - di Humbold[t], che ne trattò più in riguardo alla scienza che alla fantasia - di Washington Irwing etc.


3614. Una volta l'ingegno valeva qualchecosa di più che non ora. Una bell'ode ci dava un governo. Ma oggi, in cui tutto è irregimentato, protocollato, bollato, l'uomo d'ingegno e lo stolto si trovano a pari condizione. Ci è necessario far coda per procedere d'un passo. Se lo stolto innanzi non va, non sperar di avanzare, o tu, uomo d'ingegno.


3615. La misura dell'ingegno degli altri, io la trovo nel vario grado che assume il mio, nei differenti contatti col loro


3616. La previdenza insegna all'uomo di seminar sempre e coltivare affetti nuovi, i quali possano compensarlo dei vecchi di cui purtroppo ne muor qualcuno ogni dì.


3617. Non c'è bestia più bestia del villano ignorante. Qua romanzieri che vi compiacete a descrivere arcadici paesaggi! Il villano non ha religione, ma superstizioni. E' vendicativo, dà il fuoco alle cascine del padrone, ne avvelena i cani, invidioso del pane che loro si dà. - Rogatus, negat - pulsatus pregat - pugnis concisus adorat - E voi, preti bricconi, parlate loro dal pulpito della immacolatezza di Maria e di simili sottilità teologiche!Loro insegnate invece a non rubare - o meglio - leggete loro gli articoli del codice!... E noi, stolti umanitari, dimandiamo il suffragio universale! - Sferza! ecco l'unica educazione per un villano; carabinieri! - ecco i soli possibili educatori.


3618. Ad un ragazzo (d'Induno) che il padre batteva quotidianamente fu suggerito da un prete di farsi scrivere sulle chiappe i nomi di S. Francesco e di S. Antonio, chè così le avrebbe scampate dalla battitura. Detto fatto, quando il padre gli cava i calzoni per sculacciarlo, vedendo i santi nomi «al miracolo» grida, s'inginocchia, e devotamente bacia al bimbo le natiche, divenute reliquie. E tutto il villaggio lo imita. Si noti che questo aneddoto mi fu raccontato dal curato del villaggio - bigottissimo!


3619. Scrivo troppo male per scrivere a te - dicevami la mia A. Ed io: t'amo troppo, per ricordarmi, leggendo le lettere tue, che c'è una sintassi e una ortografia.


3620. Gli amori delle monache finiscono spesso nel cesso (allusione agli infanticidi).


3621. Il Signor Giovanni de Castro imitò il Dossi, in un suo racconto dal titolo Felicità inedita (n. 16, 17 aprile 1874, giornale La Varietà di Milano) tolto dall'Amore perduto (R.U. Calamajo di un medico) - Ambrogio Bazzero imitò lo stesso col suo Riflesso Azzurro, preso dall'Altrieri - Benedetto Giussani id. col suo Titano, attinto, per le frasi etc. dall'Alberto Pisani.


3622. Nell'O.P. discutere sulla convenienza e sulla onestà della disciplina di partito - Id. sull'assassinio politico, fissandone i limiti - cioè quando gli si debba la galera e quando la Statua.


3623. Il genio è una torcia. Per illuminare altrui deve consumare sè stesso (V. Bizz. 3627. 6). Il genio è un incendio. Perchè duri, bisogna aggiungergli sempre materia nuova.


3624. I voli dei moderni poeti sono voli di pollo e non di aquila.


3625. Non ti fidar delle bionde! Ama le nere. Le bionde possono essere amate.Le nere amano.


3626. (Bizz. V. 3627. 30) Alla verità non si era mai creduto ma oggidì si comincia a non credere neppure alla bugia.


3627. (V. 3496. Bizz. I° e sparsim, bizz.) - Progetto di libro intitolato Il libro delle bizzarie del Dossi, dove in forma stramba e paradossale si dramatizzeranno pagine dell'odierna economia sociale, storia, filosofia etc.facendosene nello stesso tempo la satira. Ep[igrafe] non est ingenium sine mixtura dementiae - Il libro sarà diviso a press'a poco come segue. Bizz.lett. I° Prefazione. - 2° Il giudizio universale delle Idee - 3° Saggi di critica nuova - 4° Asta della libreria del D. - 5° La mia famiglia - 6° Theòn ménima - 7° La Satira della Satira - 8° Ricetta per fabricare gli uomini illustri - 9° La caccia alle idee - 10° Filosofia gramaticale (V. 679 e N.L.) - 11° Il filosofo e la sua serva - 12° I sogni classici del prof. Pallanza


13° Lettera alla posterità (V. quella di Petrarca) - 14° Prolusione di un corso di storia del secolo XIX nel secolo L. - 15° Lezione di Letteratura (C.D. e il suo tempo) - (bizz. fil. econ. stor.) - 16° Il regno delle macchine


17° L'abolizione della fame - 18° Il mercato universale - 19° W.l'eguaglianza! - 20° La utilità della inutilità - 21° L'Esiglio del Dolore


22° La morte della morte - 23° Le idee all'ingrosso e le idee al minuto - 24° Il bene del male (2677) (l'amicizia dei nemici 2948) - 25° La giustizia della giustizia (Cit. ing[iustizie] legali) - 26° Rivolta in paradiso (contro la perfetta felicità e la conseguente noja) - 27° La gloria (165) - 28° Panegirico del nulla - 29° La lode della Malattia - 30° La lode della menzogna - 31° Inno alla Paura - 32° La morte del Diavolo (a. E' morto. b. lode. c. chi è morto? Il diavolo) - 33° Transazione fra Dio e il diavolo in cui si riconoscono stretti parenti, anzi gemelli. Il Diavolo è il complemento di Dio. (in forma d'atto notarile - oggi il vizio si confonde colla virtù etc.) - 34° Asta giudiziale delle idee fuor d'uso - 35° L'inaugurazione del Palazzo della Civiltà (enum. tra le statue i benef. dell'Um.) - 35b (54) L'Anticristo (lucromania) - 35c (55) 15 giorni di dispotismo - (bizz. varie) - 36° Il Messia dei cani - 37° Filosofia dei cenci - 38° La poesia della merda (Oraz.fatta col culo) - 39° La uccisione del sonno (cominc. colla frase di Lady Macbeth. - disc. se il sonno è tempo perduto, se è morte o vita) - 40° Vettura, ferrovia e pallone (rel.te alle idee) - 41° Il Vampiro (zia Marianna) - 42° Catalogo di una galleria di quadri e di statue - 43° Collezione di cervelli (cerebro universale - pensiero e azione, cosa unica - tutto si vale) - 44° Homunculus - 45° L'Uomo-spirito - (bizz. sent.) - 46° Lettere alla mia ignota amante - 47° Ciò che vedo nel fuoco e nelle nubi e ciò che mi dice il rombo del campanone del Duomo - 48° Manualetto d'amore - 49° Il capitolo dei baci - 50° Le voluttà (coito, meditazione, svenimento, impiccagione etc.)


51° I miei progetti - 52° Il glande impietrito - 53° Il tombone di S. Marco


54° (V. 35b) L'anticristo - 55° (V. 35c) 15 giorni di dispotismo - 56° Viaggio di un microscopico intorno al pianeta Uomo - 57° Dall'album di un lunatico, nel suo viaggio in Terra - 58° Guerra alla guerra - 59° L'altro mondo - 60° Sezione del cerv. del D. - 61° Pensiero e azione (V. 45) - 62° La morte della sensibilità - 63° Dei vantaggi dell'ineducazione - dedica a Mgr.Della Casa e a M. Gioja. - 64° Dei vantaggi della pazzia - confutaz. da giuoco all'ultimo capit. di Mausdley (responsabilità nelle malattie mentali) - 65° Le possessioni di chi non ne ha - 66° La miglior forma di governo (il non-governo) - 67° Il libero arbitrio - 68° La Guerra delle Parole - 69° La lamentazione di un cadavere pietrificato (V. 4744) - 70° Kòpros - 71° Progetto per un perfetto principe costituzionale - 72° Vita economica artificiale - 73° Diagnosi medica e critica letteraria - 74° Storia di avvenimenti non accaduti; prolusione universitaria (n. 5029) - 75° Letteratura internazionale - 76° Gli ultimi inquilini della Terra - In particolare V. l'indice al titolo Bizz.


3628. A me, che cerco l'amore, consigliano il matrimonio. Rispondo: sono un cavallo da corsa io, e non da tiro.


3629. D.M. il cui unico atto di coraggio in vita sua fu lo scappare. - D.M.teme l'aria, teme l'aqua - Per lui una passeggiata su'na montagna è una impresa eroica; per lui è pericoloso traversare un lago lievemente increspato.Nella notte non vede che ladri etc.


3630. O geloso, vuoi bella la tua amante, e poi vuoi che non piaccia ad alcuno!


3631 a). R.U. I sudicioni. Silvia C. teneva i suoi vestiti di velluto in uno stanzone appesi a una corda, tutti infangati, finchè venisse il tempo di metterli in casse e mandarli in campagna dove, una volta all'anno, la fattora s'incaricava di pulirli. - Il Sig. C. dormiva con su gli stivali - Due insigni sudicioni furono l'* e il Savon - Era chiamato Savon e non l'adoprava mai. - Gli scienziati in generale lo sono, forse per lo stretto rapporto tra la scienza e il sapere.


3631 b). (Bizz. V. 3627) Viaggio di un lunatico 57. La tanto invocata pace universale regnava sulla terra. Non si parlava più nè di re nè di stranieri.Le nazioni non rappresentavano che grandi municipalità. Si stabiliscono colla geometria comunicazioni colla luna. Guerra colla luna etc. - opp. il lunatico fa una gita tra noi, e descrive le nostre abitudini, le nostre figure etc. con termini e circonlocuzioni sì strane da farle parere tutt'altro - Abolizione della fame 17. Decreto del Padre Eterno che abolisce la fame per cui tutti si lamentavano. Effetti. Non c'è più ricco: 100.000 lire un pajo di scarpe, spopolati gli uffici, le arti abbandonate. Finchè dura l'antica scorta di abiti e attrezzi nessuno si muove - indi tumulto. - Dopo vari anni si ristabilisce l'equilibrio. Quello in cui il cibo non produce altro che vita pare il più odioso lavoro etc. etc. (Esprim. meglio) - La morte della morte 22. L'uomo riesce a ridurre in un canto la morte necessaria e ad ucciderla (il genio l'avea già spesso addormentata). Pei primi anni, tutto va bene. Dopo un secolo, raddoppiano i suicidi - dopo due triplicano. La varietà ha limiti. Gli uomini cominciano ad accorgersi di tutto l'orrore che in sè ha l'idea dell'eternità; non c'è alcuno ci possa resistere - e fuggono tutti - Rivolta in Paradiso 26. Dopo centomila anni di forzata felicità - il Paradiso è un solo sbadiglio. La compagnia degli stolti ignoranti forma il Paradiso - monache e frati dalle ascelle puzzolenti - La gente d'ingegno - è tutta all'inferno. S'invidia ai dannati. S. Agostino comincia a trovare che il volto del Padre Eterno è un po' troppo quell'uno. Consiglio - Rivolta - Le porte sono abbattute, e scappano tutti. Il P[adre] Et[erno] resta solo a nojarsi - V. sotto. V. anche Parny, Guerre des Dieux.


3632. Bizz. (V. 3627 e 3631) - Il giudizio universale delle idee 2 - sogno - Ciascun riprenderà sua forma e sua figura. I pensieri volano di libro in libro, i membri di una statua si attaccano a quelli di un'altra etc... La testa di un Antonino fugge da un corpo di Ercole etc. Es. di plagi etc. Non rimangono che le lettere dell'alfabeto, e neanche tutte - Collezione di cervelli 43 coroll. al giudizio univ. Pur l'intelligenza è una sola: togliendo altrui, adopro del mio. E' il lavoro diviso. Ciascuno adempie alla parte assegnatagli dalla natura, la quale, unita al resto, sommerà in un'opera ch'egli non sa - o che appena intravede. - In altre parole la somma dei lavori darà l'opera completa - darà Dio. - Il cerebro universale, formato dagli individuali d'ogni tempo. L'ind. stoltezza, è ingrediente essenziale alla savia totalità - V. sparsim. in bizz., cervello, idee etc. e 3634.


3633. Etimologisti dello stampo vecchio: Egidio Menagio Et. della lingua italiana - Ferrari Ottavio, Origini della lingua italiana - Et. fogn (mil.) cosa fatta di nascosto, quasi fogna che è nascosta e insieme cosa sudicia


3634. Bizz. (V. 3627. 3631. 3632) Coll. cervelli 43 o meglio La mia famiglia 5. Pensiero e azione sono una cosa sola. Il pensiero è sangue. Chi scrive un libro, ne sagrifica alcune oncie all'umanità. Un autore sparge sangue per il proprio paese nè più nè meno di un soldato. V. rapp. tra le due generazioni, la spirituale e la fisica - Filosofia dei cenci 37- Passa un carro pieno di cenci che si avvia ad una cartiera. Dalla bottega elegante, al rigattiere e al cenciajolo, sono passati inzuppandosi di ogni sorta di vizi. Quante hanno corrotte castità quelli stracci, o quante virtù trionfate! - Ora, diventeranno carta. Ma può darsi che nella camicia di una vergine, un romanziere scriva la pagina più puttana del libro suo, mentre sulle filaccie, umide ancora di siriaca lue, o che fecero parte di un osceno fascinum, forse si stamperanno consigli di onestà e libri di devozione etc. Altri scrive una lettera d'amore su'n panno del cesso


3635. Bizz. (V. 3627 etc.) - Catalogo di una galleria di quadri e di statue 43. Chi troppo si avanza negli studi, trovasi spesso in coda a chi lo segue - come succede in un circo dove l'auriga che precede gli altri, spesso li raggiunge alle spalle. - Homunculus 44. La fabbrica di un uomo. Teorie Gorin[iane]. L'uovo etc. Ma Amore ne morebbe di malinconia - Povero mondo! - La mia famiglia 5. Le opere di un letterato etc. sono i veri suoi figli, e per la voluttà e la fatica del concepirli, e per l'affanno di vederli posti in onore. I libri poi, come i figli, nutrono spesso in vecchiaja i lor genitori.


3636. Bizz. (V. 3627) Lettere alla mia ignota amorosa 46. Rispondere in esse all'eco di chi desidera senza speranza un'amante. E' aprile, tutto ama, io solo trovomi senza possibilità di amori e senza memorie. Ma è necessario vedersi per amarsi? Se nessuna mi ama, dovrò per questo non amare nessuna? E mi divido spiritualmente in due. Serie di lettere. Chi sa se tra le mie leggitrici, non sia la mia desideratissima... - Asta della libreria del D. 4.M'accorgo che a forza di studio divento ignorante. La Scienza caccia fuori di casa il mio Io (Vedi in studio, scienza etc.). M'arresto a tempo. Risolvo di barattare i miei libri con qualche brentina di vino. Donde un'asta, in cui dico quattro parole seriofacete su ogni scrittore che vendo.


3637. Tra gli emissari mazziniani c'era un prete Foglia, il quale girava a vendere i biglietti del prestito di Mazzini e sempre sfuggiva alla Polizia.Una volta fu incaricato di andare a Parigi per ritirare certe carte importantissime e la Principessa Belgiojoso gli diede, qual segno d'intesa, un mezzo nastro di cui l'altra metà era posseduta da colui che gli dovea consegnare le carte. Prete Foglia mette il nastro qual segnafogli nel breviario, e parte per Parigi. Al confine la diligenza è arrestata. Si perquisiscono i viaggiatori e in ispecial modo si fanno i galitt al prete Foglia che viene trattenuto in officio. Ma nulla essendosi trovato, Foglia alza il ciuffo e comincia a strepitare, dicendo che gli avevano fatto perdere la coincidenza col treno di là delle Alpi, che nella diligenza, già partita, si trovava una sua sciarpa etc., tanto che il commissario di polizia, per aquetarlo, lo manda a pigliare da un mercante un'altra sciarpa (che naturalmente il Foglia si scelse magnifica) poi gli fece attaccare una carrozza a quattro cavalli, perchè potesse raggiungere la diligenza. E la carrozza partì a gran carriera, e alle stazioni di polizia doman[dan]dosi «chi va là» il prete cacciava fuori il capo dallo sportello dicendo: conte Foglia.


3638. Il pittore Gignous stava copiando un paesaggio. Molti contadinelli gli si erano affollati intorno fino a levargli il fiato. E Gignous «cosa vegnì a faa chì? savii forsi diping?» - Mi sì che soo, rispose un bimbo - Ben, diping - gli disse Gignous offrendogli il pennello. E il bimbo «ping» - Cosa la dis la nev al sol? La dis-lengua - Et. milanese di castitas - cazz-tì-taas - Qual'è l'autor pussee nemis all'umanitaa? Ball-zac -.


3639. Bizz. (V. 3627) 56. Viaggio di un microscopico intorno al pianeta Uomo.Il micros. parla di boschi (peli) di fonti e di fiumi (sudori, lagrime etc.) - parla di caccia a delle bestie immense feroci (pulci, pidocchi) di monti, di valli, di caverne, di terremoti, di tempeste etc. (protuberanze, cavità, tremiti, starnuti etc.) - L'uomo-spirito 45. Più l'intelletto si perfeziona, più l'uomo si stacca dalla materia finita. L'uomo fu originariamente pietra.Sentì, e fu pianta - Pensò, e divenne animale. L'uomo-corpo tende a diventare uomo-spirito - La fusione degli spiriti nell'amore universo (V.)


3640. Cantù Cesare è già sulla lista dei grandi che hanno